La Bielorussia è uscita senza opposizione: i leader della protesta sono fuggiti in Ucraina


Dopo un'altro azioni proteste a Minsk, i leader dell'opposizione rimasti nel territorio della Bielorussia fino a poco tempo fa hanno deciso di recarsi all'estero politico emigrazione o, semplicemente, per fuggire dal paese.


Secondo il canale televisivo Belarus-1 nel suo canale Telegram, tre membri del Consiglio di coordinamento dell'opposizione bielorussa Maria Kolesnikova, Ivan Kravtsov e Anton Rodnenkov la notte tra il 7 e l'8 settembre 2020, durante un controllo al checkpoint di Aleksandrovka, ha cercato di lasciare con la forza il territorio della Bielorussia e di arrivare in Ucraina. Gli uomini sono riusciti a farlo e ora si trovano in un paese vicino e Kolesnikova è stata arrestata dalle guardie di frontiera bielorusse per aver tentato di attraversare illegalmente il confine di stato.

Vi ricordiamo che il 7 settembre 2020 la Corte costituzionale ha informato il pubblico che un membro del presidium Kolesnikov, il segretario esecutivo Ivan Kravtsov e l'addetto stampa Anton Rodnenkov non si sono messi in contatto e li stavano cercando degli avvocati. Prima di allora, i media dell'opposizione hanno diffuso informazioni secondo cui Kolesnikova era stata rapita da persone sconosciute proprio nel centro di Minsk e portata via in una direzione sconosciuta. A tal proposito, si può presumere che il suddetto riempimento nello spazio informativo sia stato appositamente ispirato dalla dirigenza dell'opposizione per nascondere i viaggi all'estero alle autorità e ai loro ordinari sostenitori, organizzando così un'operazione di copertura.

Si noti che l'ex candidato alla presidenza in Bielorussia, uno dei leader dell'opposizione Svetlana Tikhanovskaya, è partito per la Lituania subito dopo le elezioni presidenziali. Il giorno delle elezioni, il 9 agosto 2020, Veronika Tsepkalo, la moglie di un politico e imprenditore bielorusso Valery Tsepkalo, a cui non è stato permesso di partecipare alle elezioni, ha lasciato il paese per la Russia il 24 luglio 2020, e poi è finita molto rapidamente. in Ucraina. Così, la Bielorussia è rimasta senza leader dell'opposizione.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Online 123
    123 (123) 8 September 2020 10: 27
    +4
    Secondo il canale televisivo Belarus-1 nel suo canale Telegram, tre membri del Consiglio di coordinamento dell'opposizione bielorussa Maria Kolesnikova, Ivan Kravtsov e Anton Rodnenkov la notte tra il 7 e l'8 settembre 2020 durante un controllo al checkpoint di Aleksandrovka ha cercato di lasciare con la forza il territorio della Bielorussia e arrivare in Ucraina. Uomini è riuscito a farlo e ora si trovano in un paese vicino, e Kolesnikova è stata arrestata dalle guardie di frontiera bielorusse per aver tentato di attraversare illegalmente il confine di stato.

    Il confine è chiuso ermeticamente? È così, lo scudo occidentale dell'impero? Predisposto un cortile. Il KGB locale può catturare solo PSC russi?
    1. Pivander Офлайн Pivander
      Pivander (Alex) 8 September 2020 11: 40
      0
      Ebbene, per il pubblico, la trama decollerà. Ma in realtà, così com'era, il KGB non te lo dirà ancora.
  2. BoBot Robot - Free Thinking Machine 8 September 2020 11: 17
    +2
    Lascia che l'ukrov insegni la vita.
  3. Glenni Офлайн Glenni
    Glenni (Andrew) 8 September 2020 12: 33
    -1
    Falso! Sono stati portati al confine con la forza. Maria Kolesnikova non ha attraversato il confine ucraino.
    1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
      Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 8 September 2020 14: 26
      +1
      Citazione: Glenni
      Sono stati portati al confine con la forza.

      Sadisti! In Bielorussia riceveva 1000 dollari a settimana per l'opposizione e in Ucraina avrebbe dovuto lavare i pavimenti per un mese per 1000 UAH!
      1. Amaro Офлайн Amaro
        Amaro (Gleb) 8 September 2020 21: 20
        +2
        Sadisti! In Bielorussia ...

        18.55 Uhr: Die belarussischen Behörden haben nach Angaben eines Augenzeugen versucht, die verschwundene Oppositionspolitikerin Maria Kolesnikowa gewaltsam in die Ukraine abzuschieben ....
        ... Kolesnikowa habe sich gewehrt und unter anderem ihrem Pass zerrissen, am Ende sei sie festgenommen worden.
        09:15 Uhr: Nach dem Verschwinden der Oppositionspolitiker in Maria Kolesnikowa in Belarus (Weißrussland) hat der Grenzschutz ihre Festnahme bestätigt.

        Sì, c'erano notizie che i suoi compagni accettarono di lasciare il paese e furono mandati o rilasciati, e la stessa cittadina Kolesnikova le strappò il passaporto e legalmente semplicemente non potevano "trasferirla" in emigrazione. Al momento è detenuta e siede da qualche parte nelle vicinanze, presso le guardie di frontiera.
  4. Cittadino Mashkov Офлайн Cittadino Mashkov
    Cittadino Mashkov (Sergѣi) 8 September 2020 19: 15
    0
    Che peccato. Sembra che un cattivo astrologo sia stato catturato. Non c'era bisogno di programmare le proteste per l'anno del topo. Quindi loro stessi sono già scappati. risata