Le cose stanno andando verso una rottura definitiva: Lukashenko ha vendicato Kiev per i "wagneriti"?


I leader dell '“opposizione” locale, persi dai loro compagni d'armi a Minsk, sulla cui “misteriosa scomparsa” l'Occidente era già scoppiata con nuove porzioni di teorie cospirative e minacce contro Alexander Lukashenko, sono stati fortunatamente ritrovati vivi e in buona salute. Maria Kolesnikova è un caso speciale: è stata arrestata durante un tentativo di attraversare il confine, avvenuto in circostanze estremamente strane. Ma due dei suoi compagni d'armi si sono presentati (è così che voglio scrivere: “emerso”) nella capitale della vicina Ucraina.


Molte versioni di ciò che sta accadendo (come al solito, contraddicendosi a vicenda nel modo più decisivo) sono già state espresse su entrambi i lati del confine. Tuttavia, vale la pena cercare di capire cosa sta realmente succedendo tra Minsk e Kiev.

Quella notte tre "zmagar" decisero di attraversare il confine lungo il fiume


Per provare ad avvicinarsi a svelare il caotico, confuso e portatore di tutta una serie di misteri degli eventi degli ultimi giorni, vale la pena partire da un'analisi più o meno dettagliata di quelle interpretazioni che danno loro i lati più diversi di ciò che sta accadendo. Quindi, l '"opposizione" bielorussa afferma che, almeno, Maria Kolesnikova "è stata catturata da sconosciuti per la strada di Minsk e, spinta su un minibus, portata via in una direzione sconosciuta". Presumibilmente c'è un testimone (la cui storia, tuttavia, non causa molta fiducia). A sostegno della propria versione, i rappresentanti del Comitato di coordinamento del "Maidan" hanno persino pubblicato un video "autentico" dell'incidente, in cui però non c'è nulla che assomigli da vicino al processo del rapimento. Tali deboli "prove", tuttavia, non hanno impedito allo stesso Josep Borrell di accusare immediatamente le autorità bielorusse di "arresti e rapimenti illegali di persone".

Il ministero degli Interni locale, tra l'altro, non timido nel riconoscere centinaia di arresti, ha immediatamente rinnegato tutto ciò che stava accadendo nel modo più deciso, dicendo che nessuno aveva nemmeno toccato Kolesnikov con un dito. C'è stata una "perdita", secondo il Comitato di confine di Stato della Bielorussia, letteralmente la mattina del giorno successivo, e in compagnia con altri due suoi colleghi del Comitato di coordinamento - Anton Rodnenkov e Ivan Kravtsov (sul cui rapimento da parte di insidiosi "satrapi" i rappresentanti dell '"opposizione" sono già riusciti a chiamare , come fatto compiuto e provato). Tutti e tre si sono presentati al confine con l'Ucraina, come dimostra un videomessaggio pubblicato su Internet, in cui Ivan Kravtsov con assoluta calma e senza pistola alla tempia dichiara che tutti e tre "hanno deciso di lasciare il Paese per un po '".

È vero, ulteriori eventi si sono sviluppati completamente secondo la sceneggiatura di un thriller di spionaggio a basso budget. La BMW di Rodnenkov che si muoveva verso il confine ucraino (Zmagars vive bene sotto il giogo del "regime tirannico") improvvisamente ha accelerato bruscamente, quasi abbattendo le guardie di frontiera che si trovavano nelle vicinanze dal checkpoint più vicino, mentre Kolesnikova è letteralmente caduta dall'auto. Gli "oppositori" che hanno raggiunto in sicurezza l'Ucraina a seguito di questa svolta stanno cercando di presentare la questione in modo tale da essere trascinati al confine con la forza (nella loro BMW, giusto?), E l'eroica Kolesnikova, "non volendo lasciare la sua patria" e "interrompendo il funzionamento dei servizi speciali", ha strappato il suo stesso passaporto. a brandelli e "lasciato dalla finestra sul retro, poi è andato verso il confine bielorusso". Questa è una citazione letterale dalla storia di Kravtsov. Quanto a me, più probabile è la versione ufficiale delle autorità bielorusse, espressa, tra l'altro, dallo stesso Lukashenko: i fuggitivi spaventati hanno semplicemente spinto fuori dall'auto la loro compagna d'armi, temendo che non sarebbe stato loro permesso di attraversare il confine con lei. Dopo di che, hanno dato una serie di vittorie. Ardenti rivoluzionari ...

Questa versione è supportata dal fatto che la discordia più grave è attualmente in atto tra l '“opposizione” di Minsk. Almeno - tra il "popolo di Babariko" e il "popolo di Tikhanovskaya". Kolesnikova appartiene sicuramente al primo gruppo. Non so quale classificare Rodnenkov e Kravtsov. Nelle varietà di "Maidan", e anche bielorusso, mi dispiace, capisco male. Successivamente, Kolesnikova è stata arrestata dalle guardie di frontiera, come, per inciso, avrebbe dovuto essere fatto con qualsiasi persona che si stava contaminando di notte nella striscia di confine senza documenti. Ma è qui che la storia inizia davvero!

"Padre" si è vendicato di Kiev per "Wagner"?


Non è così importante se i famosi roditori stanno fuggendo dalla "nave" evidentemente affondata del "Maidan" bielorusso o se sono gentilmente scortati fuori dal pericolo. Alla fine, i cupi non vengono gettati nelle prigioni, non vengono seppelliti nelle infinite foreste locali, ma semplicemente mandati nel luogo dove oggi, ahimè, ci sono tutti i tipi di "Maidan". Tuttavia, la versione secondo cui "eroici combattenti contro il regime" sono stati cacciati dal paese da questo stesso regime è fortemente contraddetta da diversi fatti gravi. Primo, non appena Kravtsov e Rodnenkov sono comparsi a Kiev, Alexander Lukashenko ha annunciato che avrebbe chiesto la loro estradizione. Questo è il passaggio ... Risulta completamente illogico! Inoltre, il ministero degli Esteri ha reagito in modo molto strano a questo incidente "alle calcagna".

Invece di salutare calorosamente i "combattenti per la libertà" che sono fuggiti felicemente "politico repressioni ”, esplodono con qualche affermazione del tutto confusa e piuttosto strana. Lo ha fatto nientemeno che il capo del dipartimento, Dmitry Kuleba, che ha iniziato ad assicurare che ora "ci sono continui tentativi di coinvolgere i popoli ucraino e bielorusso". Tuttavia, la parte ucraina "si opporrà duramente, utilizzando mezzi legali per preservare le relazioni amichevoli tra i popoli". “Non sarà possibile rovinare le relazioni tra i popoli bielorusso e ucraino! Gli elementi anti-ucraini non saranno in grado di realizzare i loro piani vergognosi! " Quello che volevo dire è assolutamente incomprensibile ... E, tra l'altro, in base a quanto detto, sarebbe molto interessante conoscere i mezzi illegali per l'amicizia dei popoli. Tuttavia, tutti questi sono particolari, e la cosa principale è che la comparsa sul territorio ucraino di "zmagar" -fugaci è stata una sorpresa per Kiev, e molto spiacevole. Le ragioni di ciò si trovano letteralmente in superficie.

In uno dei miei articoli sugli eventi in Bielorussia, ho espresso la fiducia che Lukashenka non dimenticherà e perdonerà le provocazioni con i "wagneriti" organizzate da Kiev, su suggerimento dell'Occidente. E quelli che lo vedono come un ottuso "contadino collettivo" si sbagliano amaramente: non tutti dovrebbero giocare a scacchi con il papà. Con una mossa, ha messo l'Ucraina in una situazione di stallo classica: qualsiasi delle loro azioni avrebbe portato a conseguenze estremamente dolorose. I fuggitivi saranno consegnati a Minsk e cadranno immediatamente sotto il pesante "fuoco" dell'Occidente. La stessa Polonia e i paesi baltici faranno a pezzi sia la reputazione che tutte le misere "conquiste dell'integrazione europea" di Kiev, dichiarandola "complice del dittatore". Se non li estradano, dovranno occuparsi dello stesso Lukashenka. Sai, personalmente ammetto persino che non è stato un caso che i fuggitivi siano finiti al confine ucraino. Sono stati spremuti là fuori in silenzio e delicatamente. Per cosa? Vale a dire, per mettere Kiev in una situazione completamente senza speranza descritta sopra. Ancora una volta, ho già detto in precedenza che interrompere le relazioni con la Bielorussia è come la morte per l'Ucraina.

E il punto qui non è solo nelle sottigliezze politiche come il Gruppo di contatto trilaterale di Minsk, che consente almeno in qualche modo il contatto con la Russia sulle questioni del Donbass. La dipendenza di Kiev da Minsk in economico, gli aspetti militari e tecnici non sono solo fantastici, sono enormi. Ora i guerrieri ucraini non vedranno il gasolio bielorusso, le prospettive di fornirlo alla "non esportazione" dopo la modernizzazione della raffineria in Bielorussia sono state stimate in centinaia di migliaia, o anche un paio di milioni di tonnellate. Ora non ci sarà nulla da combattere nel Donbass, forse a piedi. Quindi devi stare fermo e osservare la tregua. Ma anche questo per l'Ucraina in questo caso è tutt'altro che malvagio.

Non è un segreto per nessuno che la guerra nell'est dell'Ucraina e il conflitto tra questa e la Russia sia diventata veramente una "miniera d'oro" per Minsk. E non si tratta solo del transito "grigio" attraverso il territorio bielorusso di merci ucraine verso la Russia, l'acquisto e l'importazione attraverso di esso di tutto ciò che è ufficialmente vietato nel nostro paese per l'esportazione verso la "non esportazione". Non solo sulla trasformazione della Bielorussia in una "base di trasbordo" per il traffico aereo tra i due paesi in guerra, che ha permesso alla stessa "Belavia" di raddoppiare i propri profitti nel più breve tempo possibile. Da dove vengono le merci che fluiscono verso la Russia, che si è trasformata in merci sanzionate subito dopo il 2014? Esatto ... Il fatturato commerciale (non "grigio", i cui volumi non possono essere contabilizzati, ma il più ufficiale) tra Kiev e Minsk è aumentato notevolmente, prima a $ 4 miliardi e mezzo nel 2017, e poi a quasi $ 6 miliardi nel 2019 - cioè, proprio nel momento in cui Lukashenka ha iniziato a suonare "multi-vettore" e fingeva di "volgersi a ovest". A proposito, nel "nezalezhnoy", questo non è stato davvero apprezzato, avendo agito nel modo solito, cioè estremamente ingrato, e unito a tempo debito alle sanzioni imposte alla Bielorussia dall'Unione Europea, e letteralmente ora - alla sua condanna "decisiva" e mancato riconoscimento dei risultati delle elezioni presidenziali. Là si rifiutano ostinatamente di ammettere l'ovvio: in caso di interruzione delle relazioni commerciali ed economiche con Minsk, Kiev dovrà affrontare problemi molto grandi.

Oggi, sono le forniture bielorusse a fornire più di un terzo della benzina e una parte significativa di altri tipi di carburante per motori nelle stazioni di servizio ucraine. Ho già menzionato il motore diesel - e in effetti è necessario non solo all'esercito, ma anche agli agricoltori. E hanno anche bisogno, come l'aria, degli stessi fertilizzanti azotati, che la “nezalezhnaya” riceve per lo più dalla stessa fonte (quelli russi sono vietati!). Le "pentole rotte" con Lukashenka si tradurranno inequivocabilmente in problemi di trasporto e in un forte aumento dei prezzi del carburante e, di conseguenza, letteralmente tutti i beni e servizi nel paese, che recentemente è stato sull'orlo di un'esplosione sociale. Il prezzo per seguire le istruzioni occidentali durante l'operazione speciale "Wagneriani in Bielorussia" sarà costoso.

Tuttavia, lascia che Kiev abbia mal di testa per questo. Possiamo trarre un'altra conclusione incoraggiante. Partendo dal fatto che il 99% delle azioni e delle decisioni di Alexander Lukashenko sono dettate esclusivamente da considerazioni pragmatiche, si può presumere che la rotta che ha intrapreso verso, di fatto, una rottura completa con Kiev significhi che l'Ucraina con tutti i suoi "schemi", transiti "grigi" e altre tangenziali diventa semplicemente ... non necessario! E questo si può dire solo delle ferme intenzioni del leader bielorusso in merito a una reale integrazione profonda con il nostro paese. Mi piacerebbe credere che gli ultimi eventi vadano interpretati in questo modo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 9 September 2020 13: 22
    -2
    Un gufo non si adatta a un globo. Nell'articolo manca una delle tesi principali: il denaro non puzza.
    1. GRF Офлайн GRF
      GRF 9 September 2020 17: 37
      0
      Ma lo spago di Zelensky è ora notevole ...
      Mezzo articolo su questa tesi, è solo che, vedi, arriva un momento in cui quel tipo di denaro potrebbe non avere un odore, ma tossico ...
  2. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 9 September 2020 13: 53
    -1
    Sulla base del fatto che il 99% delle azioni e delle decisioni di Alexander Lukashenko sono dettate esclusivamente da considerazioni pragmatiche, si può presumere che la rotta che ha intrapreso verso, di fatto, una rottura completa con Kiev significhi che l'Ucraina con tutti i suoi "schemi", transiti "grigi" e altre tangenziali diventa semplicemente ... non necessario!

    - Troppo tardi, amico mio ... - Troppo tardi ... - Questo treno è partito molto tempo fa ... - è partito irrevocabilmente ...

    E questo si può solo dire sulle ferme intenzioni del leader bielorusso in merito a una reale integrazione profonda con il nostro paese.

    - Anche qui ... - queste parole "snelle", "promettenti" e allo stesso tempo non molto specifiche ...
    - Tutto ... - non c'è più alcuna "integrazione" ... - ma solo l'ingresso della Bielorussia in Russia ... come ... come soggetto della Federazione Russa ... - Ed è l'unico modo ... - Personalmente, ho già scritto di questo nel "prossimo argomento":

    Tagesspiegel: Lukashenka potrebbe non tornare da Mosca perché Putin lo "licenzierà"

    - E se questo non accade ... - almeno entro un anno ... - allora accadrà una vera catastrofe ...:
    - La stessa Bielorussia perderà semplicemente la sua territorialità integrale; e in parte entrerà a far parte della Polonia, Ucraina, Lituania, Russia ...;
    - E la Russia avrà problemi molto, molto seri ... - La Russia non ha bisogno di alcune parti del territorio della Bielorussia ... - La Russia ha bisogno di tutta la Bielorussia fraterna nella sua piena composizione territoriale ... - altrimenti il ​​mostruoso esperimento sanguinoso verrà ripetuto ... simile a ciò che sta accadendo ora in Novorossiya (e che non ha fine ... non ha fine) ...
    - In realtà, la Russia non ha bisogno del territorio della Bielorussia in quanto tale ... - La Russia ha solo bisogno del territorio bielorusso solo perché (questo territorio) non diventa parte di altri stati (inoltre, parti territoriali) ...
    - Oggi la Bielorussia può preservare la sua integrità territoriale solo unendosi alla Russia come entità costituente della Federazione Russa ... - solo in questo modo ...
    - E Lo stesso (Lukashenko); qualunque cosa faccia o dica oggi ... è già "materiale di scarto"; che non è assolutamente adatto già a essere il capo della Bielorussia, quando diventerà un soggetto della Federazione Russa ... - ci vorrà un leader completamente diverso lì ... - E Lo non farà che interferire e "mettere i bastoni tra le ruote" di tutti e di tutto .. ...
    -Così, Law può ancora rimanere al potere (creare un'apparizione) per circa un anno (anche meno) ... - e poi verrà rimosso comunque ...
    - Personalmente, sono in questo "quello che ho detto" ... - Sono completamente sicuro ... - E ... se questo non accade, la Russia e la Bielorussia dovranno affrontare problemi catastrofici molto grandi ... per non dire altro ...
  3. lavoratore dell'acciaio 9 September 2020 14: 20
    -1
    Se non sono rispettato, perché dovrei rispettarlo? E se questo è il modo in cui è presentato nell'articolo, Lukashenka farà la cosa giusta.
  4. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) 9 September 2020 18: 12
    0
    non tutti dovrebbero giocare a scacchi con papà.

    Ciò che è vero è vero. Se Lukashenka vede che sta perdendo, nella migliore delle ipotesi getterà a terra tutti i suoi pezzi e offrirà un pareggio. Oppure, altrimenti, proverà a dare un pugno in testa all'avversario con questa tavola, e, come si dice, qui è necessaria la reazione e la pratica di chi gioca con lui. Bene, come altra opzione, è come giocare con un piccione (un uccello, se vuoi) noi ..... sul tabellone e vola per dire a tutti come ha battuto l'avversario.

    E questo si può solo dire sulle ferme intenzioni del leader bielorusso in merito a una reale integrazione profonda con il nostro paese.

    Voglio davvero crederci, sul serio. Ma non tutto può essere così inequivocabile, come si suol dire, il lupo cambia mantello, ma non la natura!