"Si prepara un grande accordo": perché Lavrov è volato in Siria per la prima volta in 8 anni


L'ultima volta che il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha fatto visita a Damasco è stato 8 anni fa. Il nuovo viaggio diplomatico può essere paragonato all'arrivo del presidente francese Emmanuel Macron in Libano, dopo l'esplosione nel porto di Beirut all'inizio di agosto 2020, scrive l'edizione online libanese Al Modon.


La visita di Lavrov suggerisce che Mosca ha un piano d'azione sulla questione siriana e il ministro è arrivato per informarlo del presidente siriano Bashar al-Assad. Forse è in preparazione per la firma un ampio accordo con la partecipazione delle forze di opposizione. È improbabile che Damasco riesca a sottrarsi alla "road map" russa e le autorità siriane dovranno fare tutto ciò che è scritto lì, altrimenti la Siria rischia di perdere l'appoggio di Mosca. Lavrov, infatti, è volato a mettere in ginocchio Assad, portandogli alcune richieste da Mosca. Allo stesso modo, Macron dettava i termini politici Libano dopo una tragica esplosione.

La Russia sta entrando nell'era del colonialismo, vuole concludere un accordo globale sulla Siria e non vuole concentrarsi esclusivamente sulla sfera militare. Le parole di Lavrov alla conferenza stampa finale ricordano solo gli echi di un'epoca apparentemente passata. Allo stesso tempo, il vice primo ministro del governo russo Yuri Borisov ha riferito della firma di un intero mucchio di accordi, principalmente relativi a l'economia... Senza dubbio, tutti questi accordi andranno a vantaggio esclusivo di Mosca.

Va notato che la leadership siriana non è stata molto entusiasta di questa visita. I media statali ne hanno parlato poco, ei russi non sono stati accolti all'aeroporto dai più dignitari. La maggior parte delle informazioni è diventata nota grazie all'opposizione siriana, molto soddisfatta dei negoziati con i russi a Ginevra.

Inoltre, la Siria non è nell'elenco dei paesi prioritari per Washington. Gli elettori americani non sono affatto interessati a questo paese. Pertanto, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta cercando di concludere un accordo con Mosca sulla Siria. Allo stesso tempo, Teheran non nasconde il fatto che vogliono che Trump perda alle elezioni. L'Iran vuole che Joe Biden salga al potere negli Stati Uniti e poi tra Washington e Teheran inizierà "l'era Obama 2: 0", conclude il giornale.
  • Foto utilizzate: http://www.kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. corsaro Офлайн corsaro
    corsaro 10 September 2020 10: 01
    +6
    il viaggio diplomatico può essere paragonato alla visita del presidente francese Emmanuel Macron in Libano, dopo l'esplosione nel porto di Beirut all'inizio di agosto 2020

    Sì, è solo ovvio che il capo del ministero degli Esteri russo è arrivato nella RAS non con l'obiettivo di provocazione, come Macron.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 10 September 2020 10: 47
    +1
    E, credere ad alcuni libanesi da Internet - non rispettare i propri.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 10 September 2020 11: 11
      -5
      Quindi, perché il Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa non informa i suoi cittadini sulle azioni e le politiche perseguite (come avviene in altri paesi, a partire dagli Stati Uniti ...), non denunciano come al solito ei cittadini sono trattenuti per "bestiame" silenzioso ... Come ha detto l'accademico S. Glazyev, abbiamo nella Federazione Russa il "feudalesimo criminale" ...
      1. BMP-2 Офлайн BMP-2
        BMP-2 (Vladimir V.) 10 September 2020 14: 51
        +2
        Vladimir, e vedo, tu vuoi solo Dio - Cesare :?)
      2. Volga073 Офлайн Volga073
        Volga073 (MIKLE) 11 September 2020 10: 37
        +1
        La diplomazia, zio, è come una partita a scacchi, non un regalo a dama.
        1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
          Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 11 September 2020 13: 01
          -3
          Volga073. Quando tutti i pezzi sulla scacchiera sono stati "mangiati" dall'avversario, sembra una partita a scacchi. La Federazione Russa non ha più alleati, tutti i suoi ex alleati sono diventati nemici e persino l'Armenia sta lasciando la Federazione Russa: ecco come appare il ministero degli Esteri russo ... Mishenka, prenditi cura della tua saggezza ...
      3. Rashid116 Офлайн Rashid116
        Rashid116 (Rashid) 11 September 2020 21: 28
        -1
        Domanda strana. Guarda questi sopportati in giro. Questo non mi sorprende più. Mi sto solo divertendo con questi rancori. Scriverò qualcosa in tono tagliente e osserverò))).
  3. galina nazarenko Офлайн galina nazarenko
    galina nazarenko (Nazarenko Galina) 10 September 2020 12: 28
    -1
    Lo scopo della visita del ministro degli Esteri Lavrov è quello di assistere alla creazione di un unico Stato in Siria e allo sviluppo della sua Costituzione.
    In precedenza, alla fine di agosto, Mosca ha fornito una piattaforma negoziale ai rappresentanti dei curdi e ai rappresentanti del partito Volontà del popolo, esprimendo il punto di vista del presidente siriano Assad, per sviluppare una posizione comune sulla questione dell'unificazione. Allo stesso tempo, la parte russa non ha partecipato ai negoziati.
    La maggior parte del territorio siriano è controllato dall'esercito popolare siriano, il 25% sono curdi, il 10% del territorio a nord è occupato dalla Turchia.
    Il compito è unire i territori controllati dall'Esercito popolare siriano e dai curdi in un unico stato, in modo da creare un impressionante 90% contro il 10%. Il destino del 10% è una questione di futuro.
    Inoltre, il mondo sta creando nuove zone globali di influenza economica e politica. La tempistica dipende dai risultati delle elezioni americane. Se Trump vincerà le elezioni, il processo si svilupperà attivamente in autunno (ottobre-novembre).
    La Siria, secondo la logica dei recenti eventi, dovrebbe entrare nella zona russa. E in questo processo, la Siria dovrebbe essere rappresentata come uno stato indipendente con una Costituzione. Pertanto, il problema del futuro di Siria e Russia è un problema comune dei due stati.
    1. BMP-2 Офлайн BMP-2
      BMP-2 (Vladimir V.) 10 September 2020 14: 49
      0
      Vuoi dire che ora non c'è un solo stato in Siria:?) E quali altri stati ci sono allora sul suo territorio?)) Piuttosto, lo scopo della visita di Lavrov è creare uno stato di unione tra Federazione Russa e Siria :)) Quindi, guarda, tra 30 anni inizieranno revisione degli accordi raggiunti oggi :))
    2. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
      Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 10 September 2020 19: 49
      0
      I dati su quale parte è controllata dal regime di Assad sono molto contraddittori. Un singolo stato siriano guidato da Assad è un'utopia. I curdi insistono sulla creazione di uno stato indipendente. Ammetto che formalmente possono entrare in Siria, come la Krajina serba in Bosnia. La pubblicazione non indica gli obiettivi specifici della visita. Non è chiaro come verranno corretti gli interessi di attori interessati come Israele, Iran, Turchia, curdi. Ad esempio, Israele non permetterà in nessun caso il rafforzamento dell'Iran in Siria. E per tutti i vicini arabi della Siria, non c'è bestia peggiore di un gatto (Iran). Lavrov non deciderà nulla su una Siria unita. Non la stessa disposizione delle carte nel territorio chiamato Siria per i vecchi tempi. Ma la spartizione della Siria non è esclusa. A curdi e turchi non dispiacerà. Israele - con la riserva di garantire la sicurezza dei suoi confini settentrionali. L'Iran dovrà fare spazio.
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 10 September 2020 15: 27
    -5
    "Si prepara un grande accordo": perché Lavrov è volato in Siria per la prima volta in 8 anni

    - Sì, è solo divertente ... e triste allo stesso tempo ...
    - Dopo tutto, la Russia non ha a che fare con uno stato europeo ... - si sedette; deciso di concordare ...; e con gli arabi, frammentati in zone di influenza e che guidano una guerra a lungo termine, il paese ...
    - Un paese arabo, dove si riconoscono solo la forza e le decisioni volitive ... - questo è per gli arabi ... - e la logica, la giustizia e la creazione ...
    - E la Russia sta ancora cercando di persuadere qualcuno, sedersi a tavola, fare un'offerta ...
    - Qui, personalmente, ho già scritto più di una volta sulla necessità di creare una potente area di fortificazione militare russa in Siria ... - Invece, la Russia ha una base molto debole in Siria, che gli stessi arabi (che riconoscono solo la forza) possono facilmente sparare da un'arma primitiva, a corto raggio e schifosa ...
    - Oggi la Russia sta adottando misure per rafforzare la sua presenza militare; ma questo viene fatto estremamente lentamente ...
    - Beh ... e ... di cosa possiamo parlare qui ... - il risultato ... - solo discorsi così vuoti ...
  5. Elena Ushkova Офлайн Elena Ushkova
    Elena Ushkova (Elena Ushkova) 10 September 2020 19: 13
    +1
    Tutte queste sciocchezze sono chiaramente scritte dai media libanesi filo-americani.
  6. KNF Офлайн KNF
    KNF (KNF) 11 September 2020 09: 55
    0
    Lo scopo della visita è impedire la creazione di uno stato curdo nell'ex territorio della Siria e preservarne l'integrità. I curdi aspettano che Biden vinca alle elezioni americane.
  7. Amare verità Офлайн Amare verità
    Amare verità (Malygin romano) 12 September 2020 01: 29
    +1
    Bene, bene, non c'è bisogno di indossare una giacca Sshan in Russia! ) La Russia non mette in ginocchio nessuno e non conduce la politica coloniale. Aiutare e salvare, nonostante i continui casi di reciproca ingratitudine, è, sì, la nostra nazionalità.