Le armi nucleari americane si avvicinano ai confini della Russia


La scorsa settimana si è svolto un evento molto significativo. Tre bombardieri strategici dell'aeronautica americana in grado di trasportare armi nucleari sono entrati nello spazio aereo di Nezalezhnaya e, a dimostrazione, con i transponder accesi, lo hanno sorvolato, accompagnati da un caccia dell'aviazione ucraina, quasi al confine con la Crimea. Questo gesto del Pentagono potrebbe avere conseguenze di vasta portata.


Va tenuto presente che ciò è avvenuto sullo sfondo del ritiro degli Stati Uniti dal Trattato INF e di una totale riluttanza a estendere START III. Washington intende investire fondi colossali nella modernizzazione del suo arsenale nucleare. Allo stesso tempo, è da tempo trapelata alla stampa l'informazione che il Pentagono sta valutando la possibilità di trasferire armi nucleari nell'Europa orientale, più vicino ai confini della Russia. Finora, le voci rimangono voci, ma non c'è fumo senza fuoco.

In Europa, l'arsenale nucleare americano è stato schierato per la prima volta a metà degli anni Cinquanta del secolo scorso per contenere l'URSS e i paesi del Patto di Varsavia. Le armi nucleari tattiche furono trasferite nel territorio dei membri della NATO, dove presumibilmente poteva essere diretto l'attacco sovietico: Germania, Belgio, Paesi Bassi, Turchia, Grecia e Italia. A seguito dello scoppio di una corsa agli armamenti nel Vecchio Mondo, il numero totale di cariche nucleari all'inizio degli anni Settanta ammontava a più di settemila.

La distensione internazionale è arrivata dopo la firma del Trattato INF. Nel 2000 c'erano già 480 bombe nucleari americane in Europa e Turchia, che potevano essere utilizzate dall'aeronautica americana e dai suoi alleati. Nel 2001 è iniziato il ritiro dell'arsenale tattico dalla Grecia e dalla Gran Bretagna, che è stato seriamente ridotto in Germania. Si ritiene che oggi siano rimaste circa 150-200 bombe B-61 con una capacità totale di 18 megatoni in Germania, Italia, Belgio, Paesi Bassi e Turchia.

Ma ora gli Stati Uniti stanno costantemente sconvolgendo il fragile equilibrio della sicurezza internazionale.

In primo luogo, si sono ritirati unilateralmente dal trattato INF fondamentale.

In secondo luogo, in modo accelerato misero in servizio testate nucleari tattiche di bassa potenza sui loro "Tridenti", che abbassarono radicalmente la soglia del suo possibile utilizzo.

In terzo luogo, gli americani hanno sviluppato e testato le bombe nucleari B61-12 con caratteristiche migliorate, che intendono schierare in una base in Germania.

Infine, i continui accenni di Washington che questo arsenale in Europa potrebbe essere spostato a est sono infestati. Lo schema è il seguente: gli Stati Uniti, insieme ai loro alleati, stanno conducendo esercitazioni provocatorie al confine russo, costringendo il ministero della Difesa russo a reagire. Ogni mossa di ritorsione viene interpretata dalla stampa occidentale come "aggressione russa". Seguono dichiarazioni lamentose secondo cui l'attuale contingente NATO nei Paesi baltici non è sufficiente per fermare i russi.

Il dispiegamento di armi nucleari tattiche nei paesi dell'Europa orientale sarà il risultato naturale di una simile campagna di propaganda. A giudicare dal recente "volo" del B-52, potrebbe comparire anche in Ucraina nel medio termine.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 17 September 2020 12: 28
    0
    Pittura a olio: in un uragano, un ucraino ubriaco dorme su moscoviti giurati, seduto su una bomba nucleare e battendo una marcia nazionale senza pretese con una bottiglia mezza vuota sul corpo ...