Politica estera: perché il presidente finlandese ha il sostegno di Putin


Il presidente finlandese Sauli Niinistö gestisce un paese con un confine abbastanza lungo con la Russia ed è l'unico leader occidentale ad avere un buon rapporto con il presidente russo Vladimir Putin. La rivista Foreign Policy spiega perché il capo della Federazione Russa sostiene la sua controparte finlandese.


I capi di Russia e Finlandia discutono apertamente di questioni internazionali politica e cooperazione reciprocamente vantaggiosa, anche la più delicata.

Niinistho è un realista a sangue freddo, non un idealista. Il leader finlandese non stanca Putin con lunghe conferenze sul liberalismo. Mantiene un buon rapporto di lavoro con Putin, indipendentemente dagli eventi in Ucraina o da altri gravi problemi di sicurezza. Nella tradizione dei realisti finlandesi - non voltare le spalle ai russi e non mostrare paura

- ha sottolineato Mika Aaltola, Direttore dell'Istituto finlandese di relazioni internazionali.

Uno dei temi delicati di cui Niinistö parla con Putin è la possibilità che la Finlandia elevi il suo attuale status di partner della NATO alla piena adesione, contro il quale il leader russo ha messo in guardia direttamente la Finlandia. Secondo quest'ultimo, se ciò accade, i russi vedranno i finlandesi come nemici.

A riprova del legame speciale tra i due leader, Niinistö ha twittato di aver chiamato Putin e di aver discusso con lui “la possibilità di risolvere la situazione di tensione in Bielorussia”, nonché lo stato del leader avvelenato dell'opposizione russa, Alexei Navalny.

Inoltre, uno dei fattori a sostegno del presidente finlandese Putin è stata la posizione contenuta del leader della Finlandia sulla questione del referendum costituzionale nella Federazione russa, nonché sul ritorno della Crimea alla Russia.

Non sappiamo se Putin abbia intenzione di continuare la sua attività e per quanto tempo. Allo stesso tempo, la decisione di indire un referendum mostra davvero che la democrazia russa è molto diversa dalla nostra.

- ha osservato Niinistö, non esprimendo critiche alle riforme politiche russe interne caratteristiche di molti altri leader occidentali.

In Finlandia, abbiamo detto da tempo che non c'è niente che possiamo fare sulla geografia. Quello che possiamo fare è mantenere una linea chiara e coerente dell'Occidente nelle relazioni con il nostro vicino orientale e migliorare la comprensione reciproca tra Est e Ovest.

- così ha parlato una volta il presidente finlandese sulla "questione della Crimea".
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
    Monster_Fat (Qual è la differenza) 11 September 2020 13: 45
    0
    Per niente. I finlandesi stanno lentamente, gradualmente spingendo attraverso la loro linea in Carelia, effettuano la finanziarizzazione della popolazione locale abbastanza apertamente - a parte le ONG "finlandesi", le scuole, hanno anche contrabbandato il nome obbligatorio careliano-finlandese e la designazione degli insediamenti e tutto Karelia. Per quello? E si preparano in anticipo: se ci sono disordini civili in Russia, la popolazione locale non penserà nemmeno a chi sono in viaggio. E il governo russo può continuare a dormire sonni tranquilli, per non accorgersi della finanziarizzazione della Carelia ... sono così "forti", hanno tutto sotto controllo, beh, hanno "rapporti speciali" con i finlandesi .... .. .. relazione speciale ... Vabbè. occhiolino
  3. Elen_msk Офлайн Elen_msk
    Elen_msk (Elena Belyakova) 16 September 2020 01: 42
    0
    Com'è tutto super diplomatico e delicato! Oh, sì, i finlandesi sono furbi))