È risultato impossibile trasferire l'acqua di Kuban in Crimea per salvare la penisola dalla siccità


I piani per il trasferimento delle risorse idriche dal Kuban alla penisola di Crimea si rivelano irrealizzabili a causa dell'alto costo del trasporto. Lo ha annunciato l'ex ministro dell'ecologia della Russia e il capo dell'Istituto di gestione delle acque dell'Accademia delle scienze russa, l'accademico Viktor Danilov-Danilyan, in onda sul canale televisivo "Crimea 24".


Guarda cosa sta succedendo ora nel territorio di Krasnodar e nel Kuban. Gelendzhik e Anapa non hanno la loro acqua: questa è una situazione catastrofica. Questi territori sono ormai anche anni superficiali, così come in Crimea. Nel bacino del Kuban, un simile "mancato raccolto" dell'acqua può durare fino a cinque anni e semplicemente non c'è nessun posto dove trovare acqua per la Crimea

- ha osservato l'esperto.

L'accademico ha anche parlato dei piani per trasferire l'acqua dal Don alla penisola di Crimea - per questo era prevista la posa di un gasdotto lungo il fondo del Mar d'Azov. Secondo i calcoli, il costo di un tale progetto sarebbe troppo alto.

Abbiamo analizzato quanto costerebbe costruire un simile oleodotto. Si è scoperto che tutta la plastica prodotta in Russia non sarebbe stata sufficiente per attuare questi piani.

- Ha spiegato Viktor Danilov-Danilyan.

Secondo l'ex ministro, l'unica possibile fonte di risorse idriche per la Crimea è il Dnepr, ma ora l'accesso ad esso è chiuso, e lo rimarrà per molto tempo. Pertanto, l'acqua deve essere presa nella stessa Crimea e un approccio più razionale alle fonti di approvvigionamento idrico locali.
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 11 September 2020 20: 07
    -3
    È risultato impossibile trasferire l'acqua di Kuban in Crimea per salvare la penisola dalla siccità

    - Sì, puoi... perché è impossibile... ???
    - Costerà un po' ... - ma ... è del tutto possibile ... - Solo qui nel Kuban stesso non c'è "acqua in più" ... - per non dire altro ...
    - Quindi già oggi, l'acqua dovrebbe essere fornita allo stesso Kuban ... - per le esigenze del Kuban stesso ... - Quindi .............
    1. lahudra Офлайн lahudra
      lahudra (Nikolay Kondrashkin) 11 September 2020 22: 32
      0
      È problematico mantenere la steppa Crimea senza acqua di Dnepr. La gente sarà costretta ad andarsene da lì.
  3. GRF Офлайн GRF
    GRF 12 September 2020 04: 21
    -1
    Lanciare inavvertitamente un paio di tonnellate di coloranti alimentari rossi nel Dnepr (puoi usare pesce fresco congelato) e alle grida di "che cos'è questo?" per rispondere: il sangue della Crimea, che soffre di sete, che potrebbe trasformarsi in un disastro ecologico per l'Ucraina ...
    Non siamo così, quindi, non essere così con noi! E lì, vedi, l'acqua del Dnepr in Crimea apparirà più velocemente ...
    1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
      Monster_Fat (Qual è la differenza) 12 September 2020 09: 06
      +3
      Sì, è così che non c'è acqua per la Crimea. E il gasdotto non può essere posato lungo il fondo del mare, è costoso. Spetta a turchi, tedeschi e cinesi far funzionare gli oleodotti di cui non hanno bisogno praticamente a proprie spese, la Russia è "non costosa", e tutto è "costoso" per i suoi cittadini vicino al Cremlino. Anche gli impianti di desalinizzazione nucleari sono costosi; anche la costruzione di impianti di stoccaggio dell'acqua sotterranea per evitare l'evaporazione, come avviene in Cina, è anche costosa. L'unica cosa per cui i "manager efficaci del Cremlino sono abbastanza intelligenti è perforare pozzi e pompare riserve idriche sotterranee, sì, presto si esauriranno e saranno sostituite da acqua salata, salando contemporaneamente i piccoli fiumi e torrenti della Crimea e distruggendo il vegetazione intorno a loro, ma chi se ne frega - la cosa principale è che "economico" e per un breve periodo aiuterà con l'acqua, e lì almeno l'erba non crescerà.
  4. Ivancarafuto Офлайн Ivancarafuto
    Ivancarafuto (Ivano) 12 September 2020 12: 20
    +2
    Ci sono sempre più uscite. Innanzitutto occorre partire dal mettere ordine nell'uso delle risorse idriche, fino all'adozione di un atto legislativo separato. Raccolta acque, impianti di desalinizzazione. Sì, e sono d'accordo con l'opinione espressa qui che costruire gasdotti e oleodotti di grande diametro (anche non redditizio) per migliaia di chilometri è facile, ma qui è costoso ..... E finora, solo chiacchiere, speranza "per manna dal cielo."
  5. Eroi di Shipka Офлайн Eroi di Shipka
    Eroi di Shipka (Sergey) 12 September 2020 12: 44
    0
    Hmm, beh, almeno qualcuno ha detto, seppur amaro, ma la VERITÀ! Ma, dopotutto, 5-6 anni fa, alla Crimea furono promessi cumuli di impianti di desalinizzazione! Sarebbe un enorme aiuto per risolvere i problemi dell'acqua! Mi chiedo perché questo progetto è morto?
  6. Andrey Olegovich Офлайн Andrey Olegovich
    Andrey Olegovich (Andrej Olegovich) 12 September 2020 12: 44
    +3
    Dnieper ha origine nel territorio della Russia. È necessario volgere il suo corso al Don. Tutti i problemi saranno risolti.
  7. Petr Vladimirovich (Peter) 12 September 2020 14: 11
    +1
    In Israele il problema è stato risolto.
    1. d4oden Офлайн d4oden
      d4oden (Denis) 15 September 2020 15: 35
      0
      Petru Vladimirovch: Catturare le montagne di Galan? Scusate non ricordo esattamente il nome..
      Come ricordo di aver scritto, insieme alla popolazione dei "villaggi" locali.
      "Escono i dissidenti! ..." dalle alture di Galan ..
      E, soprattutto, l'Occidente SPECIALMENTE democratico e gli Stati Uniti tacciono e non ci sono affermazioni "sul sequestro e l'occupazione del territorio dello stato siriano" NON UNA PAROLA ... Perché! Ecco A CHI E' NECESSARIA L'OCCUPAZIONE
    2. Victor Sergeev_3 Офлайн Victor Sergeev_3
      Victor Sergeev_3 (Victor Sergeev) 18 September 2020 16: 12
      0
      Hanno bombardato la diga?
  8. Anatoly Korotkov Офлайн Anatoly Korotkov
    Anatoly Korotkov (Anatoly Korotkov) 12 September 2020 14: 12
    +1
    Dovremo costruire un nuovo canale dal Don al Kuban. Niente è impossibile. Lascia che il mondo intero si pieghi e costruisca. Allo stesso tempo, regoleremo la spedizione in Ucraina.
  9. Anatoly Korotkov Офлайн Anatoly Korotkov
    Anatoly Korotkov (Anatoly Korotkov) 12 September 2020 14: 15
    0
    Infatti, al momento 12.09.20/XNUMX/XNUMX. Sono in Crimea, non ci sono problemi con l'acqua dolce.
  10. arancia Офлайн arancia
    arancia (ororpore) 12 September 2020 19: 29
    -1
    È più economico privatizzare l'Ucraina orientale che tirare i tubi.
    1. marciz Офлайн marciz
      marciz (Stas) 12 September 2020 21: 58
      +1
      No, no, abbiamo già capito che la Siria vi è cara, quindi privatizzate la Siria e dimenticate il sud-est, idioti!!!!!
  11. Ilya Ignatov Офлайн Ilya Ignatov
    Ilya Ignatov (Ilya Ignatov) 16 September 2020 04: 29
    -1
    Prosegui sul ponte di Crimea. E in generale, qual è il "costoso" in relazione all'acqua .... La Crimea è per noi verdure da un magazzino di verdure chiamato Russia-roads e non sopporteremo il prezzo