I media bulgari lanciano l'allarme: sempre più giovani si fidano della Russia


I lettori bulgari, commentando materiali critici su Mosca, parlano spesso favorevolmente della Russia e chiamano i fratelli russi, scrive con indignazione l'edizione Internet Fakti dalla Bulgaria, che ha un orientamento francamente anti-russo.


In Bulgaria da tempo si discute se valga la pena insegnare alla nuova generazione, cresciuta dopo il 1989, la storia moderna del Paese. Gli oligarchi bulgari post-comunisti custodiscono ricordi dell'era sovietica e custodiscono con cura le informazioni su ciò che i loro predecessori fecero dopo essere saliti al potere. Pertanto, i giovani della Bulgaria, con rare eccezioni, non sanno praticamente nulla del comunismo, del ruolo di Mosca e dell'impero sovietico nella distruzione dello stato bulgaro.

Dopo la fine delle proteste del 2013 per l'alta bolletta elettrica in Bulgaria e all'insegna dello slogan “dare fuoco ai monopoli”, i “saggi eurasiatici” dalla Russia hanno lanciato una vera e propria guerra ibrida contro l'orientamento filo-occidentale dei bulgari. Oltre agli anziani stalinisti, un gran numero di giovani iniziò a venire alle riunioni di russofili, fidandosi della Russia.

Non sanno nulla della povertà dell'entroterra russo, della violenza di stato in Russia, della cultura dei russi e non capiscono nemmeno la lingua russa. Ma allo stesso tempo, tutti sono convinti che tutti i problemi della Bulgaria siano legati all'Unione Europea e alla NATO. Questo è ciò che gli insegnano i propagandisti russi e i servitori locali di Mosca.

Oggi la Bulgaria è inghiottita da proteste e rivolte antigovernative. Vanno avanti da diversi mesi. Gli attivisti vogliono un "tribunale del popolo", avanzano "nuove idee", parlano di "potere del popolo" e chiedono l'abolizione dei partiti che avrebbero ostacolato il normale sviluppo dello stato. Forse la Bulgaria sperimenterà di nuovo la dolorosa mancanza di libertà associata all'Eurasiatismo.

È difficile dire come si svilupperanno gli eventi. Se la soluzione dei problemi della società non viene condotta in modo democratico, ma attraverso le grida per strada, vincerà il popolo tormentato di Mosca. Vivono in mezzo a noi e non rinunceranno mai alle loro opinioni. Ora hanno una possibilità - una buona possibilità.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. GRF Офлайн GRF
    GRF 12 September 2020 21: 14
    +4
    In Bulgaria ora c'è un'enorme scelta: Mosca tormentata, Bruxelles, Ankara o Washington ... e questa è Varsavia che sta ancora indugiando, vedi, perché i servitori di Washington sono attivi anche loro ...
  2. Nick Офлайн Nick
    Nick (Nicholas) 12 September 2020 22: 08
    +3
    L'articolo è costituito da alcuni cliché e cliché propagandistici. La Bulgaria, infatti, essendo nel Comecon, si è sviluppata e prosperata, ed essendo entrata nell'Unione Europea, ha perso sia l'industria che il settore agricolo.
    Ma l'attuale élite bulgara può vivere della povertà della gente.
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 12 September 2020 23: 50
      -2
      Per quanto riguarda la perdita del settore agricolo, Israele è pieno di varie conserve di verdure prodotte in Bulgaria. Penso non solo in Israele.
      1. Nick Офлайн Nick
        Nick (Nicholas) 13 September 2020 11: 15
        +1
        Citazione: Natan Bruk
        Per quanto riguarda la perdita del settore agricolo, Israele è pieno di varie conserve di verdure prodotte in Bulgaria. Penso non solo in Israele.

        Il vice primo ministro del governo bulgaro Krasimir Karakachanov ha dichiarato nel maggio 2020 che la Bulgaria importa fino all'80% di prodotti vegetali, poiché i suoi impianti di produzione e lavorazione di ortaggi sono stati distrutti a causa dell'integrazione europea. Krasimir Karakachanov ha paragonato la situazione attuale con la situazione nel periodo dell'instaurazione del socialismo, quando la Bulgaria riforniva di frutta e verdura l'intera Europa orientale.

        https://news-tut-by.turbopages.org/news.tut.by/s/world/699944.html
        1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 13 September 2020 12: 59
          -2
          Allora non mi è chiaro: da dove prendiamo così tanti prodotti bulgari? Personalmente ho visto e comprato molto.
          1. Nick Офлайн Nick
            Nick (Nicholas) 13 September 2020 22: 54
            +1
            Citazione: Natan Bruk
            Allora non mi è chiaro: da dove prendiamo così tanti prodotti bulgari? Personalmente ho visto e comprato molto.

            Per i dotati intellettualmente vi informo:
            la popolazione di Israele, per usare un eufemismo, è leggermente inferiore a quella dei paesi dell'Europa orientale, quindi in cinquanta. Di conseguenza, una diminuzione di dieci volte delle esportazioni è un disastro per l'agroindustria bulgara.
            1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
              Natan Bruk (Natan Bruk) 14 September 2020 10: 43
              -1
              Per gli stessi intellettuali - pensano che la Bulgaria fornisca i suoi prodotti solo a Israele?
          2. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
            Pete Mitchell (Pete Mitchell) 14 September 2020 08: 16
            +1
            Citazione: Natan Bruk
            Allora non mi è chiaro: da dove prendiamo così tanti prodotti bulgari?

            Immaginate quanto è stato prodotto prima, prima dell'integrazione europea...
            1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
              Natan Bruk (Natan Bruk) 14 September 2020 10: 45
              0
              Bene, non lo so: se prendiamo Israele, prima dell'integrazione europea non c'erano praticamente prodotti bulgari qui, ma oggi è pieno.
              1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
                Pete Mitchell (Pete Mitchell) 15 September 2020 12: 58
                +1
                Non capisco perché sei sorpreso? L'integrazione europea ha limitato la vendita di prodotti nell'UE a quote, beh, non buttatela via: hanno trovato un altro mercato, anche se un po' più lontano. Non pensi che tutto questo canto dell'Europa dell'Est sia stato trascinato in Europa, hai vissuto lì come nella vecchia Europa?
                1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
                  Natan Bruk (Natan Bruk) 16 September 2020 00: 37
                  -1
                  Bene, abbiamo trovato mercati e Israele, credo, non è l'unico.
            2. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
              Natan Bruk (Natan Bruk) 16 September 2020 00: 36
              -1
              È chiaro che meno, ma ne abbiamo ancora molto.
      2. Olga Kucherenko Офлайн Olga Kucherenko
        Olga Kucherenko (Olga Kucherenko) 14 September 2020 05: 13
        +1
        C'erano fabbriche di conserve a Kardzhali, venivano prodotte molte cose gustose. Tutto è stato chiuso per molto tempo. C'era una fabbrica dove venivano prodotte le famose sigarette, anche lei distrutta. E questo è l'estremo sud della Bulgaria. Il mercato vende pomodori presumibilmente bulgari, in realtà sono principalmente turchi, buccia spessa e poca polpa ..... E solo pochi possono acquistare pomodori veri e fatti in casa .. Pesche, albicocche, ciliegie - tutti dalla Turchia. in ospedale, ha parlato molto con i residenti locali ... Tutti ricordavano il passato con assoluto desiderio ... Il padre di mio genero era il capo di una cava dove si estraeva dell'ottimo talco. per guadagnare soldi. E le loro pensioni sono generalmente ridicolo. BGN 300 per molti ...
        1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 14 September 2020 10: 46
          -1
          Quindi, stai dicendo che tutti i prodotti bulgari intelligenti in Israele non sono in realtà bulgari?
  3. A.Lex Офлайн A.Lex
    A.Lex (Informazioni segrete) 13 September 2020 08: 58
    0
    Articolo strano... Se questo testo è tratto da qualche fonte occidentale, perché non viene indicato? E se questo testo è opera di qualche autore del "Reporter", allora ... io e la maggior parte dei visitatori non troveremo buone parole nel suo indirizzo - solo oscene. Perché è così che intende la "libertà di parola"? quelli. esiste la "libertà di parola" per i singoli "cittadini" che si stringono la mano nei paesi nemici della Russia? Ebbene, questo articolo è stato scritto dal nemico. Perché solo il nemico farà di tutto per creare un'opinione negativa sulla Russia e danneggiarla in ogni modo possibile. Queste persone sono solitamente chiamate Vlasoviti, traditori, "Ivan che non ricordano la parentela". Per loro, peggio per la Patria, meglio è. Bastardi, in generale!
  4. Elena Ushkova Офлайн Elena Ushkova
    Elena Ushkova (Elena Ushkova) 14 September 2020 22: 34
    +1
    Un articolo nello stile di Goebbels. In, come ci sono tutti il ​​lavaggio del cervello.