Come le navi della NATO cercano i nostri sottomarini nel Mare di Barents


La Russia dichiara il suo dominio nell'Artico e la Flotta del Nord ne fa la guardia. Tuttavia, la NATO non è d'accordo con questa formulazione della questione. Gli Stati Uniti ei loro alleati hanno inviato un gruppo di navi nel Mare di Barents, che ha iniziato a dimostrazione le esercitazioni per cercare i nostri sottomarini nel Mare del Nord.


Sì, oggi, con la relativa debolezza della flotta di superficie russa, è quella sottomarina la componente più importante della nostra triade nucleare e una forza d'attacco in grado di distruggere efficacemente obiettivi marini e terrestri nemici. Nella costante ricerca dei sottomarini russi, l'esercito americano, purtroppo, è stato in grado di fare grandi progressi.

Contro i sottomarini sovietici delle prime generazioni, gli Stati Uniti, insieme ai loro alleati, hanno creato il cosiddetto SOSUS (SOund SUrveillance System, sistema di sorveglianza del suono). Si tratta di una rete di idrofoni dispiegata sul fondo dell'Oceano Mondiale, in grado, in combinazione con la ricognizione satellitare, di rilevare potenziali sottomarini nemici. Questo sistema ha escluso il territorio degli Stati Uniti in aree chiave dalla possibilità di penetrazione segreta del sottomarino alla distanza di un attacco missilistico. La flotta sottomarina dell'URSS era "isolata" dall'Oceano Atlantico.

Ma qualsiasi azione dà luogo all'opposizione. Gli ingegneri sovietici furono in grado di creare sottomarini molto più silenziosi. Di fatto, questo ha "azzerato" il potenziale difensivo di SOSUS: alcuni idrofoni sono fuori servizio a causa di una diminuzione della loro efficacia, gli altri continuano a funzionare in modalità automatica. Ahimè, questo non ha posto fine alla pesca subacquea, ma solo spostato a un livello più alto tecnologico livello.

Gli scienziati americani sono stati in grado di creare un metodo di ricerca mediante "illuminazione" idroacustica attiva. Le antenne flessibili trainate estese (FPBA) emettono onde acustiche nella colonna d'acqua, che vengono riflesse da oggetti sottomarini, consentendo di trovare il sottomarino. In questo modo, puoi "illuminare" distanze molto grandi negli oceani. Le moderne antenne sonar possono essere lanciate in acqua da navi, sottomarini, elicotteri e boe di aerei.

Un gruppo di navi NATO sta attualmente operando nel Mare di Barents. La fregata britannica Sutherland e la fregata Thor Heyerdahl della Marina norvegese sono navi da difesa antisommergibile. Il cacciatorpediniere della Marina statunitense Ross fornisce copertura per la difesa aerea. Dall'alto, i sottomarini russi della Flotta del Nord russa stanno cercando quattro elicotteri antisommergibile e un aereo da pattuglia Challenger danese. Il sottomarino americano a bassa rumorosità Seawolf si nasconde da qualche parte nelle vicinanze. La presenza della petroliera britannica "Tidesprin" indica che le navi della NATO sono lì da molto tempo.

Tutto questo è un segnale molto serio per il Cremlino. Purtroppo, in termini di tecnologia di ricerca per sottomarini, gli Stati Uniti sono ancora davanti a noi. Come, tuttavia, e in termini di numero di flotte di superficie e sottomarini. Con queste esercitazioni, il Pentagono mostra al Ministero della Difesa della Federazione Russa di essere ben consapevole dello stato di cose attuale. Avendo trovato il nostro sottomarino del Mare del Nord nel Mare di Barents, gli americani lo indicheranno con aria di sfida contro il Seawolf e ne parleranno con orgoglio. Apparentemente, questo è lo scopo principale degli esercizi.

Sgradevole? Sì, ma questo non significa che devi incrociare le mani e allontanarti silenziosamente. È necessario sviluppare più attivamente la propria marina, investire fondi sufficienti nelle moderne tecnologie per cercare sottomarini nemici e aumentare la "silenziosità" della propria. La corsa agli armamenti non finirà mai. E queste esercitazioni della NATO possono essere utilizzate per praticare le manovre in arrivo per separare i nostri sottomarini dal tracciamento e dalla rilevazione di potenziali sottomarini nucleari nemici.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. marciz Офлайн marciz
    marciz (Stas) 13 September 2020 10: 41
    -4
    Quando 4 centrali nucleari verranno fatte saltare in aria, galleggeranno da sole (saranno convinte). Un colpo di rappresaglia trasformerà la Terra in un asteroide senza vita. E per la centrale nucleare diranno semplicemente "Sono esplosi" e sembra che non ci sarà nessuno da incolpare, quindi non sperare fortemente in uno sciopero di ritorsione e altre sciocchezze nella necessità di sottomarini della Flotta del Nord, se un politica estera indistinta.
  2. Nick Офлайн Nick
    Nick (Nicholas) 13 September 2020 11: 35
    +5
    Chissà dove l'autore ha preso i dati sul lag dei nostri sistemi di ricerca dei sottomarini da quelli americani? Le caratteristiche di prestazione dei nostri sistemi sono informazioni classificate. E l'ascesa del nostro vettore missilistico sottomarino Omsk il 28 agosto durante l'esercitazione Ocean Shield 2020 seppellisce la speranza degli americani e dei loro scagnozzi che il territorio degli Stati Uniti sia inaccessibile per le armi delle nostre forze sottomarine.
    1. Il commento è stato cancellato
  3. Sergey A_2 Офлайн Sergey A_2
    Sergey A_2 (Yuzhanin siberiano) 13 September 2020 13: 03
    +1
    Non stanno guardando lì. Cosa dovrebbero fare sulle loro rive?
  4. Boris Radevich_2 Офлайн Boris Radevich_2
    Boris Radevich_2 (Boris Radevich) 24 September 2020 11: 57
    0
    Gloria alla Marina russa e al suo presidente da secoli!