"Non ci sarà nessuno e niente per volare": la situazione nel settore dell'aviazione sta peggiorando


L'umanità “inchiodata al suolo” dalla pandemia di coronavirus sta disperatamente, come un uccello con un'ala spezzata, che cerca di “decollare” di nuovo - per riconquistare il cielo, la capacità di percorrere facilmente e comodamente grandi distanze in poche ore. Ahimè, finora è andata male ...


Inoltre, molti segnali indicano che in questa situazione il tempo sta lavorando contro l'apparentemente uno dei fondamenti incrollabili della moderna civiltà dell'industria aeronautica, minacciando di abbatterlo completamente. Il volo è posticipato e il cielo si allontana da noi ...

Non ci sarà nessuno a volare ...


L'International Air Transport Association (IATA) ha lanciato un appello ai governi di tutti i paesi del mondo, in cui li invita a contribuire a ripristinare i servizi di aviazione internazionale il prima possibile. Si tratta, prima di tutto, dell'apertura delle frontiere, che in molti stati restano ancora "bloccate" in relazione ai timori di nuovi focolai di contagio (che però spesso non si risparmia). L'associazione sottolinea che l'attuale pratica dei divieti incondizionati sui voli è, infatti, una via verso il nulla e la via d'uscita va ricercata non nella realizzazione di moderne "cortine di ferro", ma nella ricerca, sviluppo e istituzione di " protocolli sicuri "che consentiranno di riprendere i voli. L'industria ha già subito un duro colpo - secondo IATA, nel luglio di quest'anno (rispetto allo stesso mese dell'anno 2019), il traffico aereo è diminuito di quasi l'80%, ed è stato il traffico internazionale a diminuire ancora di più - da tutti 92%.

Nei mesi estivi, che erano tradizionalmente i più caldi per le compagnie aeree a causa del fatto che rappresentavano un periodo di massicce vacanze e migrazioni di molti milioni di dollari di turisti, quattro potenziali passeggeri su cinque non salirono mai a bordo delle linee aeree. Le conseguenze sono abbastanza prevedibili: l'aviazione civile è già stata "coperta" da un'ondata di fallimenti e si verificano, come si suol dire, in tutti i paesi e continenti. In Europa, la seconda compagnia aerea in Italia, Air Italy, è in rovina ed è soggetta a liquidazione. Non avendo ricevuto l'assistenza finanziaria richiesta per un importo di 100 milioni di sterline dal governo britannico, la compagnia aerea low cost inglese FlyBe "ha ordinato di vivere a lungo". Alle pandemie non sono sopravvissute la Swedish Braathens Regional Airlines (BRA), la Austrian Level Europe e la turca AtlasGlobal e SunExpress Deutschland (una società mista con la Germania specializzata esclusivamente nel trasporto di turisti tedeschi).

La situazione non è molto diversa per i migliori all'estero: le principali compagnie aeree di Ecuador, Colombia, Cile, nonché Avianca Holdings, la più grande holding di aviazione in America Latina, sono state ufficialmente dichiarate fallite. Processi simili sono in corso negli Stati Uniti. Aprile è diventato "nero" per le compagnie locali: il 1 ° di questo mese, Trans States Airlines, operando voli con il marchio United Express, ha sospeso le operazioni, il 5 aprile, i vettori regionali Carrier Compass Airlines e RavnAir (il più grande in Alaska) si sono fermati voli. Miami Air International, una compagnia aerea charter della Florida, ha chiuso a maggio. In India, la più grande compagnia aerea low cost Air Deccan è stata terminata, in Australia, dopo lunghi tentativi di trovare un acquirente, Virgin Australia, la seconda compagnia aerea più grande e più grande del continente, ha iniziato a dichiarare fallimento. E questo non è un elenco completo delle compagnie aeree i cui aerei molto probabilmente non prenderanno mai il volo.

Tuttavia, di cosa parlare se nelle condizioni della più feroce lotta per la sopravvivenza oggi ci sono leader del settore di fama mondiale come, ad esempio, la franco-olandese Air France-KLM o la tedesca Lufthansa, per la quale, molto probabilmente , solo gli aiuti di Stato possono diventare salvezza? La cosa più spiacevole è che, cercando di non cadere in un "giro di vite" finanziario, i vettori aerei prima o poi si trovano di fronte alla necessità di tagliare il proprio personale. Impiegati, personale amministrativo e dipendenti di tutti i tipi di servizi di supporto sono i primi in coda ad "uscire". Poi viene il turno del personale tecnico. E poi - e il "fondo d'oro" di qualsiasi compagnia aerea, i piloti. Molti vettori in tutto il mondo hanno dovuto inviare piloti in ferie non pagate o tagliare i loro stipendi durante il periodo di fermo forzato già in aprile-maggio. Questi professionisti torneranno al timone degli aerei di linea e quando accadrà?

... e non su niente?


Tuttavia, con la riduzione del personale di terra, tutto è tutt'altro che semplice. Un aereo moderno non è un carro che può essere adeguatamente oliato con catrame e messo in un capannone "fino a tempi migliori". Se l'aereo non è stato inviato per la conservazione nel rispetto di tutte le numerose e ingegnose procedure, se non è stato fornito con la dovuta cura durante l'atterraggio forzato, aspettatevi guai. Nella migliore delle ipotesi, una tavola del genere semplicemente non decollerà. Nel peggiore dei casi, salirà nell'aria e, forse, cadrà anche sul percorso. Ma alla fine, è molto probabile, si trasformerà in una "fossa comune" sia per l'equipaggio che per i passeggeri. Già oggi molte compagnie aeree, principalmente europee, lanciano l'allarme: quando cercano di rimettere in funzione le proprie navi, si trovano ad affrontare problemi piuttosto seri. E questo non è un panico dei riassicuratori, ma dati precisi, sintetizzati, ad esempio, dagli specialisti dell'Agenzia europea per la sicurezza del trasporto aereo (EASA), a conferma che una lunga permanenza chiaramente non ha giovato alle auto alate.

In questo caso, non stiamo parlando di vernice scrostata da qualche parte o di decorazioni interne polverose. Durante i primissimi decolli delle navi che sono rimaste ferme per molto tempo, il diavolo è ciò che hanno iniziato a fare le loro attrezzature di bordo. Allo stesso tempo, i guasti venivano segnalati da sistemi classificati in modo univoco come vitali, in particolare sensori di altezza e velocità. Finora ciò non ha portato a un solo disastro: i piloti sono riusciti a reagire in modo tempestivo al non corretto funzionamento degli strumenti e hanno interrotto la procedura di decollo, oppure, se la tavola era già in volo, l'hanno restituita al punto di partenza. Tuttavia, la tendenza è piuttosto spaventosa: prima o poi tali problemi potrebbero finire tragicamente.

Sulla base dei risultati dei controlli effettuati per chiarire tutti questi incidenti, si è scoperto che il punto qui non è nell'elettronica, ma proprio nelle conseguenze dei tempi di fermo. L '"anello debole" non era l'elettronica ", ma un dettaglio così familiare per ogni meccanico di aerei come ... i tubi. Non fumare, ovviamente, ma le cosiddette pipe di Pitot e Prandtl, utilizzate come ricevitori della pressione dell'aria e che servono solo come la parte più importante degli strumenti per misurare l'altitudine e la velocità. In linea di principio, non ci sono parti particolarmente "delicate" che possono rompersi lì. Ma ci sono buchi che vanno oltre la pelle dell'aereo. Sono stati questi buchi che si sono rivelati completamente ostruiti da nidi di insetti e altri detriti che sono arrivati ​​lì in un modo sconosciuto. Di particolare interesse per gli specialisti dell'EASA è il fatto che attrezzatura per qualche motivo non si è preoccupato di condurre un controllo approfondito e la pulizia di sistemi così importanti. E questo può già indicare o una grave diminuzione delle qualifiche del personale al servizio dell'aeromobile, o l'atteggiamento completamente indifferente nei confronti dei propri affari che si è formato in lui ultimamente.

A favore della seconda opzione, tra l'altro, è evidenziato anche dal momento che, secondo gli esperti di sicurezza aerea, niente del genere sarebbe accaduto se i tecnici non si fossero limitati al semplice rivestimento di componenti di aeromobili forati, ma almeno di tanto in tanto li esaminava come previsto. Finora, secondo l'EASA, "la situazione non ha raggiunto un punto critico", tuttavia, come tutti sanno, i grandi problemi iniziano sempre con quelli piccoli. Quindi, più a lungo gli aerei di linea saranno "inattivi", più è probabile che quando il traffico aereo verrà ripreso, non saranno adatti per un funzionamento sicuro. Questo, ovviamente, offre alcune possibilità alle società di costruzione di aeromobili, ma ... In primo luogo, loro stesse devono ancora riuscire in qualche modo a sopravvivere alla crisi (con la completa assenza di ordini finora), e in secondo luogo, dove saranno i fondi per l'acquisto nuove navi? Circolo vizioso…

Nel frattempo, il pieno ritorno del viaggio aereo è letteralmente necessario per tutto il mondo. Secondo le stime del direttore generale della IATA di cui parlavo prima, Alexander de Junac, i redditi da turismo e viaggi in tempi prosperi, "pre-coronavirus" davano almeno il 10% del economia... E la stessa industria aeronautica non è solo aeroplani, piloti e tecnici di bordo. Questo, ad esempio, è anche il carburante che viene consumato dall'intera flotta aerea del pianeta. Gli specialisti dell'agenzia di analisi IHS Markit, dopo la loro ricerca, sono giunti a una conclusione inequivocabile: il ripristino della domanda globale di petrolio è impossibile senza la ripresa dei viaggi aerei su una scala almeno paragonabile a quelle che esistevano prima dell'inizio della pandemia. Secondo i loro calcoli, oggi il consumo di carburante per aviazione non raggiunge nemmeno la metà del volume bruciato nei motori degli aerei alati esattamente un anno fa. In generale, il ritiro della maggior parte dei paesi dal rigido regime di quarantena ha contribuito a un forte aumento della domanda di "oro nero" - IHS Markit ritiene che già alla fine di luglio fosse pari all'89% del livello dello scorso anno.

Tuttavia, l'agenzia prevede un nuovo calo almeno durante il primo trimestre del 2021. Inoltre, oggi in molti paesi (Francia, Spagna, Italia, Gran Bretagna, Israele) si registra un aumento dei nuovi casi di infezione da COVID-19. La situazione epidemiologica negli Stati Uniti continua ad essere altrettanto disastrosa. Non molto tempo fa, la Commissione europea ha formulato raccomandazioni per i governi nazionali, in cui l'idea di limitare i viaggi tra i paesi dell'UE è approvata e sostenuta. Sopravvissuta al primo shock di una collisione con una nuova malattia mortale e pienamente consapevole di tutti gli "incantesimi" del totale isolamento, l'umanità non tornerà di certo a quelle severe restrizioni di quarantena che erano state applicate nel periodo iniziale della pandemia. Tuttavia, il cielo per lui potrebbe essere "chiuso" per un periodo completamente indefinito.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 14 September 2020 09: 57
    0
    Se la maggior parte dei voli è nel settore dei viaggi, allora è tempo per questo settore dei viaggi di sviluppare viaggi virtuali con un casco in testa e altri dispositivi, camminando, in piedi o seduti sdraiati. Ex. un simile viaggio virtuale alle Cascate del Niagara sarà dieci volte più economico, e con una certa abilità del programma e non molto inferiore a un viaggio naturale. E poi il bottino scorrerà in una direzione diversa e meno persone correranno in giro per il mondo, portando l'infezione!
  2. Ky Ky Офлайн Ky Ky
    Ky Ky 14 September 2020 09: 59
    -1
    Beh, devi essere più flessibile, ma guarda le cose in modo più ampio)
    Non c'è bisogno di una scala di massa: vai al mercato del charter per le società legali. Questo è quando l'intero aereo è prenotato - non ci sono tasse aeroportuali - puoi pagare lo stipendio a spese del cliente. Bene, solo per vedere i soldi non è la stessa cosa. )
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 14 September 2020 11: 29
    -2
    Si. Ancora una volta Alexander ha il panico e il kirdyk.
    Resta solo da dispiacersi per i poveri oligarchi, presumibilmente che non avranno nulla per volare ...

    In effetti, un gruppo di compagnie aeree russe è fallito prima della crisi.
    E ora non è un problema volare da qualche parte a Kazan, Crimea, ecc. Così come sulla collina.

    Volare - Non voglio, ci sarebbe bottino in un portafoglio grasso ...