L'ultimo ostacolo: la NATO ha bisogno della Bielorussia per allungare il fronte con la Russia


Il numero dei membri dell'Alleanza del Nord Atlantico è raddoppiato dal 1950. Tuttavia, per quanto paradossale possa sembrare, il potenziale di combattimento del blocco, al contrario, è diminuito. Se parliamo di Europa, allora il suo potere principale è sugli eserciti dei nuovi membri della NATO e sulla Polonia, che in questo caso funge da nucleo centrale e può dispiegare 120mila soldati e 90mila partigiani.


In generale, questo potrebbe essere sufficiente per una nuova strategia dell'alleanza. Ma c'è un problema di fronte alla Bielorussia "scomoda", che l'Occidente deve risolvere ora.

In effetti, la tecnica che il blocco militare vuole utilizzare nel confronto con il nostro paese è un "remake" della blitzkrieg tedesca. Tuttavia, in questo caso, la NATO prevede di utilizzare battaglioni invece di un carro armato.

Quindi, secondo il piano degli strateghi occidentali, le forze aeree e ben armate dell'alleanza distruggeranno il nemico in inferiorità numerica sulla linea del fronte di massima lunghezza e si muoveranno a una velocità fino a 50 km al giorno. Tuttavia, il problema principale è proprio in prima linea.

Oggi la NATO confina con la Russia solo in Estonia e Lettonia. Nel primo caso, la lunghezza del confine è di 324 km, di cui la sezione terrestre è di soli 89 km, e nel secondo - 270 km, dove metà è terra. Questo è troppo poco per un blitzkrieg riuscito.

Sarebbe un'altra questione se la Bielorussia aderisse alla NATO. In primo luogo, la linea del fronte crescerebbe immediatamente di 1239 km (di cui 900 a terra). In secondo luogo, l'esercito bielorusso di 65 uomini potrebbe essere un'ottima aggiunta alle forze già disponibili in Polonia e negli stati baltici.

Di conseguenza, oggi l'alleanza ha bisogno di "separare" la Bielorussia dal mondo russo in qualsiasi modo. Allo stesso tempo, la NATO cerca non tanto di iniziare una guerra, quanto di creare per sé le condizioni più favorevoli per condurla. Dopotutto, le truppe, concentrate a distanza di una settimana di marcia da Mosca, eserciteranno una pressione significativa sul nostro paese, sia militarmente che economicamente e politicamente.

  • Foto utilizzate: forze austriache al Combined Resolve II
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 September 2020 14: 05
    +1
    Che meraviglioso ragionamento! Quando le truppe NATO entreranno nei prossimi 20-30 km oltre il confine con la Russia, sicuramente risponderà prima con attacchi missilistici convenzionali sulle capitali dei paesi da cui è partito l'intervento, e poi, in caso di espansione del conflitto, con attacchi nucleari, in conformità con la sua dottrina di difesa! Se i "padrini" degli Stati aderiscono a questo, riceveranno anche il loro hypersound con "Posseidon". E le loro portaerei saranno obiettivi eccellenti per le nuove armi russe. Per ora, la NATO può solo fare schifo in Russia, distribuendo marmellata e biscotti ai suoi mercenari.
  2. Oleg Ramover Online Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 16 September 2020 23: 07
    0
    Che pura sciocchezza, non offuscata. Da dove viene questo.