Punto di svolta: riusciranno gli anglosassoni a rimettere insieme Russia e Germania?


Nella valanga di eventi degli ultimi giorni, diversi momenti molto inquietanti attirano su di sé un'attenzione particolare. Prima di tutto, stiamo parlando dell'annullamento della visita precedentemente programmata del capo del ministero degli Esteri russo Sergei Lavrov in Germania. Nonostante le spiegazioni quotidiane fornite dai nostri diplomatici nel pieno rispetto dell'etichetta appropriata, tutti comprendono perfettamente il vero motivo di tale decisione. E 'stato infatti compiuto il primo passo verso la rottura dei rapporti tra i due Paesi, e questo non può che destare preoccupazione.


Il secondo punto, a prima vista, non direttamente correlato al primo - nell '"avvelenamento di Navalny", la "traccia britannica" comincia a essere vista sempre più chiaramente. È molto probabile che Londra ei suoi alleati d'oltremare siano dietro ai tentativi di coinvolgere saldamente Berlino e Mosca. Cosa può portare il cieco seguito da parte tedesca a un copione di qualcun altro scritto chiaramente non nel suo interesse? Proviamo a capirlo. E allo stesso tempo, ricordiamoci che sono proprio tali collisioni che hanno già portato due volte l'umanità alle guerre mondiali ...

Berlino: la terza volta per lo stesso "rastrello"?


In verità, alcuni politici a livello statale analizzare la storia del proprio popolo e trarne conclusioni è semplicemente sorprendente. Per una migliore comprensione della situazione attuale, dobbiamo fare un'escursione (anche se la più breve e concisa) negli "affari dei giorni passati", poiché gli errori fatali di un secolo fa rischiano di ripetersi oggi - davanti ai nostri occhi. Il paradosso storico è che gli ex acerrimi nemici di due guerre mondiali, Germania e Russia, infatti, non hanno mai avuto contraddizioni di tale livello da dover essere risolte sul campo di battaglia. In effetti, non c'erano affatto questioni controverse tra loro: territoriali, economico o altri.

All'inizio del XX secolo, la capitale tedesca si sentiva benissimo nelle distese russe, aiutando l'industrializzazione del nostro paese. Eventuali controversie furono risolte al tavolo dei negoziati, culminando nel Trattato di Bjork del 1905, in base al quale Germania e Russia divennero alleati militari e politici. Ahimè, la sua vita era destinata a poco tempo. Nel 1914, Londra e Parigi hanno letteralmente trascinato il nostro paese in un massacro completamente inutile. Erano ben consapevoli che questa sarebbe stata la fine dei due più potenti imperi del mondo, sia russo che tedesco. E così è successo. Inoltre, gli inglesi hanno superato se stessi nonostante la vittoria, aprendo la strada con le proprie ossa per il primo passo degli Stati Uniti verso il dominio del mondo. Alla fine della prima guerra mondiale, dovevano ai banchieri americani 4.7 miliardi di dollari e tutta l'Europa oltre 11 miliardi di dollari.

Tuttavia, il piano per la completa distruzione dei due paesi che hanno ostacolato il dominio anglosassone sul pianeta non è stato realizzato: la Germania, anche umiliata e derubata, ha resistito e la Russia è stata ripresa sotto forma di una potenza ancora più potente: l'Unione Sovietica. Ciò ha costretto gli anglosassoni a ricominciare tutto da capo: il fatto che senza i loro colossali investimenti finanziari e il sostegno economico, né il Terzo Reich né Hitler esisterebbero, è un luogo comune e non mi soffermerò su questo problema in dettaglio. Mi limiterò ad affermare il fatto ovvio che la seconda guerra mondiale è stata preparata e "orchestrata" anche da Londra e Washington. Tutto si concluse con la completa sconfitta della Germania, la perdita dell'URSS di oltre 20 milioni di persone e un terzo dell'economia. Ma il sistema di Bretton Woods regnava nel mondo, segnando il dominio totale del capitale finanziario americano sul pianeta. Tuttavia, ancora una volta non è stato possibile cancellare gli stati "sbagliati" dalla faccia della Terra o almeno dalla sua mappa politica. E poi scoppiò la "Guerra Fredda", iniziata, di nuovo, dagli inglesi e dai loro alleati d'oltremare, che da "fratellini" si trasformarono in padroni e veri padroni degli inglesi.

Ora - ancora una volta, una svolta nella storia, e ancora una volta Mosca ostacola Washington e Londra. La normalizzazione delle sue relazioni con Berlino non è in alcun modo inclusa nei piani dell '"élite" anglosassone - e viene utilizzato il vecchio scenario collaudato: battere frontalmente Germania e Russia. Ovviamente non stiamo parlando di guerra: non ci sono suicidi o pazzi in entrambi i paesi. Tuttavia, l '"avvelenamento di Navalny", che la parte tedesca sta promuovendo oggi, ha già portato a un rapido raffreddamento delle relazioni interstatali e potrebbe avere conseguenze molto più gravi e di vasta portata.

Suicidio geopolitico con interesse polacco


Ciò che la Berlino ufficiale sta facendo ora sembra un colpo di falce per i suoi stessi ... interessi nazionali. Allo stesso tempo, l'attrezzo agricolo viene affilato con un suono squillante ei tedeschi li picchiano a pieno ritmo. Anche gli esperti più pessimisti inizialmente hanno convenuto che i portatori del "genio teutonico del crepuscolo" avrebbero avuto abbastanza buon senso da non collegare un'evidente provocazione anti-russa con la costruzione del Nord Stream 2, che avrebbe portato indubbi benefici alla Germania (e non solo a lei sola) e sarebbe costato molte aziende europee. già in soldi molto solidi. Hanno sottovalutato lo zelo con cui i politici di Berlino si sono precipitati "per difendere la democrazia". Allo stesso tempo, dimenticando completamente il fatto che oggi in Russia lavorano più di 4300 aziende tedesche, inclusi giganti come Siemens, Volkswagen, Bayer e altri, che sono i "pilastri" dell'economia tedesca. La somma dei loro investimenti diretti nell'economia del nostro Paese solo lo scorso anno ha superato i 2.3 miliardi di euro. E adesso - tutto buttato via?

Le parole di Sergei Lavrov che questa volta l'Occidente (e soprattutto la Germania) "è andato oltre ogni ragionevole limite" nel suo desiderio di "catturare" il nostro Paese in qualcosa e la sua definizione delle azioni di Berlino riguardo alle richieste ufficiali di Mosca per l '"avvelenamento" poiché inappropriato è un segnale molto inquietante. Dopotutto, queste sono dichiarazioni del capo del ministero degli esteri del paese, non dell'assistente minore del bidello anziano. Qual è il prossimo? Interrompere le relazioni diplomatiche o abbassare notevolmente il loro livello? Un congelamento delle relazioni commerciali ed economiche, già estremamente penalizzate da sanzioni anti-russe assolutamente estranee agli interessi della Germania? A proposito, secondo il capo della Camera di commercio russo-tedesca (VTP) Matthias Schepp, un sondaggio sugli uomini d'affari tedeschi condotto dalla sua organizzazione ha mostrato che il 93% di loro considera anche le restrizioni esistenti una completa idiozia e non aspetta la loro abolizione. Non possono davvero aspettare? E chi sarà migliore da questo?

Certamente non la Germania. Il nostro Paese, in qualche modo, si è "abituato" a sanzioni infinite e ha persino imparato a trarne qualche vantaggio, anche se con perdite, ma sopravviverà. Allo stesso tempo, il possibile conflitto russo-tedesco nella sua espressione estrema ha beneficiari così evidenti che si può solo immaginare come riescano a non notarli a Berlino. E non si tratta solo di Washington e Londra. Negli ultimi anni, la politica della Polonia è stata mirata non solo a rafforzare il proprio status in Europa, ma anche a cercare di "spostare" la Germania dalle sue attuali posizioni dove e quanto prima possibile. Il rapporto tra Varsavia e Berlino è, ovviamente, un'altra "saga". I tedeschi non dovrebbero affatto dimenticare che in seguito ai risultati della seconda guerra mondiale, i polacchi hanno pretese piuttosto grandi nei loro confronti, sia materiali che territoriali. Non vale la pena parlare di morale. Tuttavia, Varsavia non nutre un ardente risentimento per "oppressione", "oppressione" o "occupazione" tranne che per il Madagascar ...

La Polonia sta instancabilmente mettendo insieme sempre più "alleanze", "blocchi" e "gruppi" sotto il patrocinio degli Stati Uniti e, per la maggior parte, dagli stessi paesi, satelliti americani. Sì, a prima vista, tutto questo clamore è diretto contro la Russia, ma solo un cieco può trascurare la componente anti-tedesca in essa. Prendiamo lo stesso numero di Nord Stream 2, il cui nemico più coerente e inconciliabile in Europa è proprio Varsavia. Tutti i discorsi sulla "sicurezza energetica" e sulla "componente politica" di questo progetto, ovviamente, sono un orpello verbale. In realtà, tutto si riduce al desiderio della Polonia di diventare la "porta" per il GNL americano nel Vecchio Mondo, impedendo alla Germania di diventare il principale hub per il "carburante blu" russo. E così - in tutto il resto.

La costruzione del Nord Stream 2, così come di tutti gli altri aspetti della cooperazione economica russo-tedesca, è categoricamente non redditizia per gli Stati Uniti, così come per la Gran Bretagna, dopo il "divorzio" finale con l'Unione Europea, che si è trovata interamente e completamente nel "canale" geopolitico di Washington e, a inoltre, avendo le sue "colonne sonore" con Berlino. Questi sono fatti ovvi, e alla loro luce non sembrano più invenzioni di cospirazione in tutto e per tutto, l'affermazione che Natalya Pevchikh, che ha svolto un ruolo enorme nella "denuncia dell'avvelenamento" comunicazione con l'MI-6 britannico. In ogni caso, la sua residenza a Londra, oltre a contatti e collegamenti specifici in ambienti ben definiti, sono realtà e non possono essere messi in discussione.

Perché Berlino ignora ostinatamente tutto questo e continua a ripetere sulla "responsabilità delle autorità russe per l'avvelenamento", chiede allo Stato sovrano alcune "spiegazioni" incomprensibili sui suoi affari puramente interni, e fa anche altre dichiarazioni che accettano l'ulteriore, il più Carattere russofobo? Ad essere sincero, trovo difficile anche solo provare a dare una risposta a questa domanda. Resta solo da unirmi al parere di Sergei Lavrov, che ha ricordato alla situazione attuale che "il sentimento di autoinfallibilità e arroganza, già osservato in Europa, ha portato a conseguenze molto tristi".

È stato scritto abbastanza sopra sulle conseguenze di allora, ma è difficile prevedere come finirà l'attuale crisi, il cui obiettivo principale erano le relazioni russo-tedesche. Mosca ha ripetutamente dichiarato la sua disponibilità al dialogo, ma solo in un formato costruttivo e realistico, e non sotto forma di "pentimento" imposto per "crimini" inesistenti. Non ci interessa il confronto, ma non ci inginoccheremo davanti a nessuno. Ora tutto dipende dal fatto che Berlino sia pronta a dare uno sguardo sobrio alla situazione e seguire la voce della ragione e dei propri interessi, o se preferirà nuovamente diventare uno strumento nel gioco di qualcun altro, usato "nell'oscurità".
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 16 September 2020 11: 44
    +1
    Gli stessi discendenti dei "superuomini" hanno bisogno di 1000 anni per pentirsi delle sofferenze inflitte a molte nazioni, in particolare alla nostra.
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 16 September 2020 12: 02
    +3
    Per circa 500 anni abbiamo affrontato non solo la Germania, ma anche tutta l'Europa: i polacchi nel 1612, gli svedesi nel 1709, i francesi nel 1812, i tedeschi nel 1914, i finlandesi nel 1938, poi di nuovo i tedeschi nel 1941 anno, e non abbiamo riposo e pace da questo gregge feroce di cani Washington, ma non riesco proprio a capire PERCHÉ si agitano e si muovono così violentemente nella nostra direzione, accusandoci dei loro stessi peccati e banchi, e ci attaccano un borace, su un paese che ha così tanto arsenale nucleare che sarà sufficiente a trasformare il mondo intero in polvere più di una volta, ma non si lamentano del compagno Eun, sebbene la Corea del Nord con le sue sole dieci testate nucleari sia come un chiodo arrugginito nel culo di Washington. ... Apparentemente il compagno Eun ha qualcosa che i nostri "garanti", iron Fabergé, non hanno, e noi saremo condannati all'eterna ingrazia e umiliazione da parte dei nostri "amici" e "partner" - l'URSS si è arresa, l'Ucraina si è arresa, ora è arrivata è il turno della Bielorussia, e poi il nostro, quindi ancora una volta dobbiamo affermare che "Non c'è nessun profeta nel suo paese ...."
    1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) 16 September 2020 13: 07
      +1
      ma abbiamo qualcuno che, quando lo spingono in un angolo, colpisce sempre per primo, a quanto pare non è ancora nell'angolo e tutto va bene con lui e sostituisce la sua testa calva con un altro sputo dei partner darAgic
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 September 2020 13: 44
    +2
    La Germania è un paese occupato con basi americane. Questo dice tutto! Quello che le viene ordinato negli Stati Uniti, lo faranno. I Teutoni sono morti molto tempo fa a Stalingrado, Rzhev e sul Bulge di Kursk. Anche Berlino era già difesa dai francesi nel 1945 dall'URSS! Solo i piccoli cittadini e negozianti che ascoltano Big Boss dall'altra parte dell'oceano sono rimasti al potere in Germania.
  4. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 16 September 2020 14: 45
    +1
    Poiché i tedeschi hanno deciso di guidare gli Stati Uniti a danno di se stessi, significa che il progetto dell'UE può essere abbandonato
  5. BoBot Robot - Free Thinking Machine 16 September 2020 18: 34
    -1
    al diavolo loro, una parola: salsiccia tedesca al pepe! Come si suol dire - SE NECESSARIO - RIPETIAMO!
  6. Hayer31 Офлайн Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 17 September 2020 12: 40
    0
    Bene, se Navalny è britannico, e chi è Nemtsov?
  7. Hans Ludwig Офлайн Hans Ludwig
    Hans Ludwig 18 September 2020 21: 08
    0
    Come si possono capire così male le circostanze reali e scrivere articoli? Davvero, né la legge sul cancelliere, né le regole di occupazione - a proposito, un tempo stabilite anche dall'amministrazione militare sovietica in Germania - dicono qualcosa a poche persone? Tradito dalla gobba per un paio di monete d'argento della DDR? È tutto dimenticato?
    In generale, come si possono identificare il potere e le persone in Occidente? Come si può chiamare "Berlino" questo club di attori nominati dagli occupanti? Come si può fingere che, sia che i governanti - o gli attori che fingono di governare il paese - esprimano almeno da qualche parte la volontà del popolo o almeno la maggioranza di essa?
    La parola "festa" deriva dalla parola "parte", in latino "parte" - ad es. qualsiasi parte per definizione (!) esprime solo la volontà di una certa parte del popolo ...
  8. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 22 September 2020 18: 52
    +1
    È troppo tardi per bere Borjomi ..... La Germania non può avere una sua politica, è consentita solo la demagogia. La guerra fredda è già iniziata e il suo posto è chiaro.