Chi e perché ha messo la Bielorussia sull '"ago del debito"


Nel 2015, il presidente Lukashenko ha promesso che la Bielorussia avrebbe saldato tutti i suoi debiti esteri nei prossimi cinque anni e non avrebbe mai più chiesto assistenza finanziaria. L'anno successivo, le sanzioni occidentali furono revocate all '"ultimo dittatore d'Europa" e solo cinque anni dopo la Bielorussia si trovò perdutamente indebitata e sull'orlo del collasso finanziario. Come è successo?


Formalmente, le cose non vanno così male a Minsk: il rapporto tra debito statale e PIL del paese è del 34,9%. Per fare un confronto, in Russia è del 14,9%, nella vicina Nezalezhnaya - 79,2%. È vero, ci sono anche valutazioni molto meno ottimistiche di quelle del ministero delle Finanze bielorusso. Ad esempio, l'FMI e la Banca mondiale ritengono che la cifra reale per il rapporto tra debito e PIL in Bielorussia sia del 40%. La cifra in sé è seria, ma molti paesi stanno bene con un debito pubblico molto più elevato. Tuttavia, nel caso della Bielorussia, le cose vanno molto peggio, poiché la questione si basa sulla capacità di fornire il proprio servizio. Un attento esame dà l'impressione che Minsk sia stata deliberatamente "agganciata" a un debito.

Da una parte, Il presidente Lukashenko ha davvero cercato di realizzare il famigerato multi-vettore politica didiversificando le fonti per ottenere prestiti. Nel 2016, dopo aver revocato la maggior parte delle sanzioni all'élite al potere bielorusso, l'Occidente ha aperto a Minsk l'accesso al suo mercato del debito. Negli anni successivi, ha condotto tre emissioni di Eurobond del valore di $ 800, 600 e 600 milioni ciascuna. Sempre nel 2019, la Bielorussia ha collocato obbligazioni alla Borsa di Mosca per 10 miliardi di rubli, quindi ha deciso di chiedere a Mosca un prestito di $ 600 milioni, ma in cambio il Cremlino le ha ricordato la necessità di affrettarsi con l'integrazione all'interno dello Stato dell'Unione, da cui Minsk ha orgogliosamente evitato i soldi. non ricevuto.

Poi Pechino è venuta in soccorso, fornendo un prestito di 500 milioni di dollari. Nell'aprile 2020, il Ministero delle finanze bielorusso ha nuovamente collocato obbligazioni alla Borsa di Mosca per un importo di 10 miliardi di rubli e ha anche preso in prestito $ 1,25 miliardi sui mercati europei. Si noti che i principali acquirenti di questi titoli erano investitori americani. Dopo l'inizio della pandemia, Minsk ha chiesto un prestito al FMI, ma è stato inaspettatamente rifiutato a causa del disaccordo con i metodi del presidente Lukashenko per combattere il coronavirus. Di conseguenza, invece del pagamento promesso di tutti i debiti esterni, la Bielorussia li ha solo riscossi. Di per sé, questo non sarebbe così critico se il paese potesse garantire il pagamento per loro, ma, ahimè, non è così.

D'altrondeLa Bielorussia dipende in modo critico dall'esportazione di una gamma molto ristretta di merci. La base dei suoi guadagni in valuta estera è la vendita all'estero di fertilizzanti di potassio, nonché petrolio e prodotti petroliferi, per i quali Minsk è legata in modo affidabile a Mosca. Ciò ha portato più di una volta a guerre commerciali tra i due paesi alleati. Nel corso di quest'ultimo, le forniture di "oro nero" dalla Russia sono diminuite drasticamente, a seguito della quale sono diminuiti anche gli utili in valuta estera. Finito il bielorusso l'economia coronavirus pandemico. Le proteste di massa nella repubblica dopo le recenti elezioni presidenziali sono in gran parte una conseguenza diretta del peggioramento della situazione socio-economica. Il ministero delle Finanze della Bielorussia prevede che il deficit di bilancio potrebbe variare da 2,1 miliardi di rubli a 5 miliardi, il che è molto grave per un piccolo paese. Nel complesso, ciò significa che Minsk non è in grado di onorare i propri debiti esterni.

Di conseguenza, ci troviamo di fronte a una tipica piramide del debito, quando è necessario contrarre costantemente nuovi prestiti per estinguere quelli vecchi. La "guerra del petrolio" di sei settimane tra Russia e Arabia Saudita e COVID-19 sono state in grado di minare questa struttura inaffidabile. Il paese si sta dirigendo con fiducia verso il default, che è stato solo avvicinato dagli irresponsabili appelli dell'opposizione bielorussa a organizzare uno sciopero generale. Il prestito di 1,5 miliardi di dollari promesso dal presidente Putin potrebbe ritardare un crollo finanziario di cui senza dubbio approfitteranno gli investitori stranieri. Ciò solleva ancora una volta la questione di quanto sia veramente sovrana la Bielorussia e della necessità di una sua stretta integrazione economica con la Russia.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 16 September 2020 12: 18
    +2
    l'hai fatto giusto? Lukashenko stava semplicemente cercando di mantenere l'aspetto di una politica economica di successo. Mentre si parlava di "Paese per la vita", che bravo ragazzo è, l'economia funziona, si costruiscono alloggi, lavorano i sindacati e così via. Ha stupidamente riscosso debiti. Se non sbaglio, quest'anno dovrebbero pagare 3,9 miliardi di PIL bielorusso circa 60 miliardi.
    Il motivo è semplice. L'economia della Bielorussia, nonostante l'apparente prosperità, non è praticabile. La capacità del mercato interno non è grande e può esistere solo con un orientamento all'export. Là dovrà competere con i "mostri" transnazionali e perderà perché semplicemente non ci saranno abbastanza soldi per aggiornare le tecnologie e sviluppare la produzione, e stupidamente non lasceranno entrare nessuno nel loro mercato. Inoltre, il noto "mercato si è risolto" non funziona da molto tempo. Possiamo guardare il cinese Tik-Tok acquistare in questo momento.
    Fatta eccezione per l'industria della difesa e l'esportazione di fertilizzanti in India e Cina, ci sono fondamentalmente due potenziali mercati di vendita, l'UE e la Russia.
    In Ue nessuno ha bisogno di loro, c'è praticamente una "crisi di sovrapproduzione", tutto è sotto quota. Sono piuttosto interessati alla Bielorussia come mercato di vendita dei loro prodotti.
    Per quanto riguarda la Russia, la sostituzione delle importazioni sta guadagnando slancio e ci sono meno posti per le importazioni. Molte imprese bielorusse sono concorrenti diretti di quelle russe. E data la natura multi-vettore, nessuno vuole dipendere dalle importazioni dalla Bielorussia, soprattutto nelle aree critiche (lo stesso telaio di MZKT),
    L'esperienza ucraina non è stata vana.
    Quale uscita?
    Cari bielorussi, smettetela di correre, rompete la "partizione" e vivete in un paese. Non vedo altre opzioni applicabili per il paese.
  2. Olegek Офлайн Olegek
    Olegek (Oleg) 17 September 2020 09: 34
    0
    Ciò solleva ancora una volta la questione di quanto sia veramente sovrana la Bielorussia e della necessità di una sua stretta integrazione economica con la Russia.

    Abbiamo bisogno dei suoi debiti ??
    Perché?
    Meglio lasciarli fluttuare liberamente - lasciarli godere della non stantia.
  3. Olegek Офлайн Olegek
    Olegek (Oleg) 17 September 2020 09: 38
    0
    Poi Pechino è venuta in soccorso, fornendo un prestito di 500 milioni di dollari. Nell'aprile 2020

    Perché il gigante economico Cina non dovrebbe prendere e risolvere tutti i problemi finanziari di Minsk?
    Qual è il problema, non capisco?
  4. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 17 September 2020 16: 48
    0
    Due domande:
    Primo: Cina, Russia?
    Secondo: chi era contrario?
    Devi pagare; ma da soli o insieme alla Russia.
  5. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 17 September 2020 16: 52
    0
    Già stanco di chi deve a chi e quanto in qualsiasi cosa tranne che i "semi della democrazia" hanno assicurato la moneta.