Conflitto nel Mediterraneo orientale: Erdogan ha ancora diverse carte vincenti


Il Mediterraneo orientale è diventato recentemente una regione militarepolitico conflitti, uno dei quali era la disputa tra Grecia e Turchia per il controllo economico zone. Ma gli Stati Uniti, in quanto leader della NATO, non sono stati in grado di risolvere i problemi esistenti - molti dei quali Washington preferisce ignorare o ignorare. Da novembre di quest'anno, gli Stati Uniti organizzeranno le elezioni presidenziali, perdendo di vista il Mediterraneo orientale. In questa situazione, la Turchia sta colmando il vuoto di potere nella regione. Scrive di questa edizione del Middle East Eye.


Ankara è determinata ad espandere la sua sfera di influenza nel Mediterraneo orientale e nel Nord Africa. Per fare questo, Erdogan può utilizzare tre carte vincenti: l'importante posizione strategica del suo paese nel sud dell'Alleanza, le basi militari americane e la capacità di far passare folle di rifugiati dal Medio Oriente attraverso la Turchia all'Europa.

La Turchia è l'estremo confine sud-orientale della NATO. Con l'ipotetico ritiro di Ankara da questo blocco militare, l'Europa meridionale non è più protetta dalle potenziali minacce provenienti dall'Africa e dal Medio Oriente. D'altra parte, la Turchia può sviluppare il suo potenziale militare e usarlo per raggiungere i suoi obiettivi geopolitici, con il pretesto di prendersi cura dei suoi partner nel blocco del Nord Atlantico.

Sul territorio della Turchia (nella provincia meridionale di Adana) c'è una grande base aerea "Incirlik", utilizzata attivamente dalla NATO. Il presidente turco aveva precedentemente annunciato la possibilità di chiudere questa struttura, così come la stazione radar Kurecik. Ricattando, Ankara sta cercando di mettere in guardia Washington contro l'imposizione di sanzioni alla Turchia per l'acquisizione dei sistemi di difesa aerea S-400 russi. La privazione di queste basi da parte della NATO complicherà la posizione del blocco nella regione, indebolendo le sue forze nel confronto con Russia, Iran e un certo numero di stati arabi.

Infine, la Turchia potrebbe riaprire la strada per i migranti mediorientali verso l'Europa. Ciò può essere particolarmente doloroso per la Francia, il cui leader è stato recentemente più che critico nei confronti della Turchia - questo si esprime nel sostegno di Parigi alle truppe dell'LNA e nell'assistenza della Grecia nello scontro economico-militare tra Atene e Ankara, che si è intensificato nelle ultime settimane e mesi.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 September 2020 14: 26
    +1
    I turchi possono interessare l'UE prendendosi cura dei profughi libici, come ha fatto Gheddafi. Ma prima devono sconfiggere Haftar e l'Egitto. I turchi non lasceranno la NATO, ma non sbufferanno troppo per loro. E con i greci, faranno i conti con il tempo.
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 20 September 2020 15: 10
      +1
      prendersi cura dei rifugiati dalla Libia

      È esattamente come lo fanno a preoccupare gli europei. Questa sarà un'altra piattaforma dalla quale i turchi potranno fare pressione sull'UE con flussi di profughi e risorse latte da essa senza preoccuparsi troppo della protezione delle frontiere.

      I turchi non lasceranno la NATO, ma non sbufferanno troppo per loro.

      Lasciateli sbuffare per se stessi all'interno della NATO e pagare i loro debiti, e non dovrebbero preoccuparsi per il resto. Ci sono abbastanza volontari ..

      E con i greci, faranno i conti con il tempo.

      Non credo che i greci siano smemorati come i gobbi di Eltsin di oggi e di ieri, quindi sono improbabili.