Fine dell'embargo iraniano: la Russia si prepara a cambiare gli equilibri di potere in Medio Oriente


Il 18 ottobre di quest'anno scade l'embargo sulle armi contro l'Iran, stabilito dalla risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 20 luglio 2015, per un periodo di cinque anni.


Va notato che diversi paesi si preparano per questa data in modi diversi: Teheran sta pianificando di modernizzare il proprio esercito, Mosca e Pechino stanno stimando quanti e quali tipi di militari attrezzatura Questo paese del Medio Oriente, che è in uno stato di conflitto perenne con gli Stati Uniti, Israele e una buona metà dei suoi vicini, è in grado di acquistare, mentre Washington sta gridando al mondo intero che non permetterà mai che armi russe e cinesi entrino in Iran. Quali piani sono destinati a diventare realtà?

Come gli americani hanno superato in astuzia se stessi


A rigor di termini, dal punto di vista del diritto internazionale, non possono esserci discrepanze in questa materia. In effetti, l'embargo, cioè il divieto assoluto di fornitura di qualsiasi arma a Teheran, è stato revocato dalla stessa risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sopra citata, adottata dopo la conclusione del Piano d'azione globale congiunto (JCPOA), che ha segnato l'abbandono delle ambizioni nucleari di Teheran. Da quel momento si è detto che la fornitura di un certo numero di armi a questo Paese è possibile solo con il permesso del Consiglio di Sicurezza, che deve approvare o rifiutare l'accordo in ogni caso specifico. Come si può intuire, nelle condizioni del predominio quasi incondizionato degli Stati Uniti all'ONU, questa formalità apparentemente non troppo seria si è trasformata di fatto in una barriera del tutto insormontabile.

Allo stesso tempo, si trattava di armi così importanti per la difesa dello stato come aerei militari (aerei ed elicotteri), veicoli corazzati, artiglieria a cannone di calibro da 75 mm, navi da guerra di superficie e sottomarini con un dislocamento di mezzo migliaio di tonnellate e oltre. Anche i missili con una gittata superiore a 25 chilometri cadevano sotto le restrizioni, ma solo quelli che non appartenevano ai sistemi di difesa aerea. L'ultima clausola ha permesso alla Russia di completare finalmente l'adempimento del contratto per la fornitura di sistemi di difesa aerea S-300 all'Iran, nonché dei complessi Pantsir-S1 e Tor. Se non facessero parte del sistema di difesa aerea locale, molto probabilmente gli Stati Uniti tenterebbero inevitabilmente di "cercare di proteggere il cielo iraniano" durante il recente aggravarsi delle relazioni tra i paesi. Non sorprende che nelle attuali condizioni Teheran abbia più che concretamente delineato le proprie intenzioni di iniziare massicci acquisti di armi russe. E anche di più ...

Nel luglio di quest'anno, l'ambasciatore iraniano a Mosca Qassem Jalali ha affermato che il suo Paese considera la Russia il suo "partner prioritario" e, soprattutto, nell'area della cooperazione tecnico-militare. Secondo il diplomatico, si stanno già preparando consultazioni a un livello abbastanza serio, durante le quali si discuterà dell'intera gamma di possibili rifornimenti, che, come ha sottolineato Jalali, "contribuiranno in modo significativo a rafforzare la capacità di difesa dell'Iran". Allo stesso tempo, i rappresentanti di alto rango di Washington stanno cercando di chiarire in ogni occasione che nulla di simile accadrà in nessuna circostanza. Inizialmente, per questo, gli Stati Uniti hanno cercato di utilizzare le capacità del Consiglio di sicurezza dell'ONU, cercando di far passare ad esso una risoluzione adeguata sull'estensione delle restrizioni. Questo, in particolare, è stato più volte affermato dalla tribuna dell'organizzazione dal rappresentante speciale degli Stati Uniti per l'Iran Brian Hook.

Tuttavia, in questo caso, c'è un incidente che è il risultato delle azioni degli americani stessi, in un certo senso, si sono ingannati. Permettetemi di ricordarvi che l'attuale amministrazione statunitense (in particolare, Donald Trump) ha annunciato il proprio ritiro dal piano d'azione globale congiunto, che l'Iran presumibilmente "non è stato implementato" nel 2018. Secondo la lettera di diritto internazionale, da quel momento, Washington non si preoccupa di tutto ciò che riguarda il JDPP e non può richiedere l'adozione di alcuna decisione nel suo quadro. Questo punto, a proposito, è stato annunciato dal rappresentante russo all'ONU Vasily Nebenzya nel maggio di quest'anno, in risposta a un'altra iniziativa dei diplomatici americani. Successivamente, lo stesso punto di vista è stato espresso dalla missione permanente della RPC presso questa organizzazione mondiale. Tuttavia, quando gli americani si sono preoccupati dell'opinione di qualcuno diverso dalla propria?

Cambia l '"allineamento" geopolitico in un colpo solo


Il segretario di Stato americano Mike Pompeo, ricordo, nell'aprile di quest'anno ha trasmesso ai giornalisti riuniti in una conferenza stampa nel suo dipartimento che gli Stati Uniti "non consentiranno la revoca dell'embargo sull'Iran". Allora il capo della diplomazia americana riponeva ancora la speranza nel fatto di poter "piegare" il Consiglio di Sicurezza dell'Onu, ma già in quel momento accennava alla possibilità di utilizzare "altre opzioni" da parte americana. Ora che il piano originale di Washington è sostanzialmente fallito (i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza Cina e Russia non lo permetteranno mai di realizzarsi, specialmente nelle realtà attuali), gli americani sembrano pronti ad alzare bruscamente la posta in gioco. Tuttavia Pompeo ha recentemente annunciato che "senza attendere un'azione" da parte dei suoi alleati dell'Onu, gli Stati Uniti "hanno deciso di assumersi la piena responsabilità". Finora, non è del tutto chiaro di cosa stiamo parlando esattamente. Le forze armate statunitensi intendono affondare navi dirette in Iran se sospettano che trasportino armi? Abbattere gli aerei che possono trasportare carichi militari in questo paese? O intendono in qualche altro modo spingere la situazione verso l'inizio della Terza Guerra Mondiale ?!

Tuttavia, è più probabile che Washington intenda, contrariamente alla logica e alla legge, tentare di utilizzare il cosiddetto "meccanismo speciale per la risoluzione delle controversie nell'ambito della FDPA" previsto nella stessa Risoluzione 2231. Senza entrare nei dettagli, possiamo affermare che la sua attivazione significherà un "rollback" della situazione ai tempi delle più severe e complete sanzioni anti-iraniane e divieti a qualsiasi cooperazione con questo Paese. "Logica" puramente americana: ci ritiriamo dall'accordo, ma ci appelleremo quando sarà opportuno! Non è senza motivo che il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha reagito a tali inclinazioni citando un proverbio americano, il cui analogo più vicino nel nostro discorso sono le ben note parole sul mangiare pesce e cercare di sedersi comodamente. Bene, in generale, hai l'idea ...

Significativamente, il signor Pompeo non nasconde nemmeno il fatto che l'obiettivo principale della vigorosa attività sviluppata dal suo dipartimento è il desiderio di "impedire all'Iran di acquistare veicoli corazzati cinesi e sistemi di difesa aerea russi". Cioè, non le armi in generale, ma i prodotti del complesso militare-industriale di paesi abbastanza specifici. Allo stesso tempo, il capo del Dipartimento di Stato ha un debole controllo della situazione (cosa improbabile) o, scusatemi, sta semplicemente scherzando. In caso di inizio delle consegne delle nostre armi a Teheran, non si tratterà solo di nuove divisioni S-300 o anche della comparsa di trionfi molto più avanzati da questo paese. Secondo numerosi esperti, in primo luogo per l'Iran oggi c'è la creazione di una forza aerea moderna e pronta al combattimento. Ciò che il paese possiede ora può essere chiamato aviazione militare solo con un tratto molto ampio. F-4 "Phantom", F-5, F-14, così come il MiG-29 sovietico e il Su-24, la cui età è stata calcolata per molti decenni, possono essere caratterizzati da una citazione da un aneddoto popolare su un ufficiale di mandato pieno di risorse: solo molto basso! Quindi, il "sogno numero 1" per l'esercito iraniano sono i caccia polivalenti russi Su-30SM e Su-35. Ed è proprio l'apparizione di questi formidabili veicoli da combattimento nelle loro mani che categoricamente non vogliono sia a Washington che a Tel Aviv.

Un altro punto importante sono i sistemi missilistici mobili per proteggere la costa K-300P Bastion-P. Questi complessi, dotati di 300 chilometri di forza d'urto e capaci di fare a pezzi navi piuttosto serie con l'Onyx, metteranno finalmente fine ai tentativi americani di "flettere i muscoli" dei propri gruppi d'attacco delle portaerei al largo delle coste iraniane. E questi sono solo un paio di punti principali. Ma stiamo certamente parlando di una gamma molto più ampia di forniture: l'Iran avrebbe abbastanza soldi e la Russia ne avrebbe abbastanza.

Tuttavia, la questione finanziaria in questa situazione, forse, non è quella principale. L'apparizione in Iran di almeno i suddetti tipi di armi cambierà istantaneamente quasi l'intero "allineamento" militare nella regione del Medio Oriente. Prima di tutto, gli avvoltoi estremamente insolenti delle IDF dovranno piegare le ali, permettendosi di lanciare missili e attacchi bomba dove e quando vogliono, anche sul territorio che è nella sfera dei nostri esclusivi interessi della Siria. Gli sceicchi degli Emirati Arabi Uniti, del Qatar e di altri stati locali, fedeli satelliti degli Stati Uniti, dovranno comportarsi in modo un po 'più modesto. Come, a proposito, la Turchia, che ha pensato troppo a se stessa di recente ... Ed è improbabile che gli stessi Stati Uniti continuino a cercare di parlare con Teheran esclusivamente da una posizione di forza - rendendosi conto in questo preciso momento, Washington è così contraria a revocare il resto dell'embargo. Tuttavia, questo non è tutto. Qasem Jalali, che ho già menzionato, parlando delle prospettive di cooperazione tra Iran e Russia, ha detto della possibilità di creare una nuova entità interstatale, qualcosa come un "club geopolitico", che potrebbe includere paesi che sono categoricamente in disaccordo con le rivendicazioni degli Stati Uniti al dominio del mondo e la forza di questo è subire molestie a causa delle restrizioni e delle sanzioni imposte da Washington. Teheran vede la Russia e la Cina come le loro compagne di questa unificazione. Sicuramente è possibile “scrivere” al volo la Bielorussia, così come il Venezuela con Siria e Corea del Nord.

"Bella compagnia - niente da dire!" - Qualcuno può commentare con scetticismo questa prospettiva. Cosa puoi dire qui? Occorre partire da qualche parte la costruzione dello stesso mondo multipolare, la cui necessità si ripete da tanto tempo al Cremlino ?! Possiamo continuare ad aspettare le proposte migliori, sopportando contemporaneamente sempre più provocazioni con "oppositori avvelenati" e simili. Possiamo provare a continuare a "negoziare in modo amichevole" con l'Occidente, che la Russia non vede e non ha mai visto se non come una propria colonia. Oppure - per iniziare con coloro che sono pronti oggi a sfidare l'egemonia americana non a parole ma con i fatti. La scelta è nostra.
24 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 17 September 2020 10: 20
    -7
    Ci sono tantissime domande. La Russia ha bisogno di rafforzare l'Iran? Se così, fino a che punto. Qual è l'equilibrio tra rischi e benefici nel rafforzare l'Iran.
    Tutto è estremamente ambiguo. Aiutare l'Iran solo perché è nemico degli stati è ridicolo. La cooperazione con l'Iran irriterà la Turchia e irriterà notevolmente il mondo arabo e Israele. L'occidente collettivo vuole commerciare con l'Iran, ma finché ci sono gli ayatollah, le minacce sono maggiori dei benefici.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 17 September 2020 12: 09
      +8
      Ci sono tantissime domande. La Russia ha bisogno di rafforzare l'Iran? Se così, fino a che punto. Qual è l'equilibrio tra rischi e benefici nel rafforzare l'Iran.

      La domanda è giusta buono e questo è un argomento di profonda discussione.

      Tutto è estremamente ambiguo. Aiutare l'Iran solo perché è nemico degli stati è ridicolo.

      Esatto, è proprio per questo che è ridicolo. Ma .... è almeno vantaggioso e ti permette di cambiare gli equilibri di potere nella regione.

      La cooperazione con l'Iran irriterà la Turchia e irriterà notevolmente il mondo arabo e Israele.

      La cooperazione tra il mondo arabo e "Ichkeria" ha irritato la Russia e la cooperazione di Israele con Georgia e Ucraina. E allora? Questo ha fermato qualcuno? Quindi mangiare è servito, buon appetito. A proposito, in questo momento Israele sta aiutando la Georgia a stabilire la difesa aerea. Qualcuno sta calcolando la reazione della Russia allo stesso tempo?

      L'occidente collettivo vuole commerciare con l'Iran, ma finché ci sono gli ayatollah, le minacce sono maggiori dei benefici.

      E la Russia vuole commerciare con gli Stati Uniti, ma il problema è il regime anti-russo e considera le minacce al di sopra dei benefici. Pensi che il regime dovrebbe essere cambiato?
      Tutti sanno da tempo che ciò che l'Occidente collettivo vuole è strappare e saccheggiare l'Iran come suoi vicini. Iraq, Siria, Libia stanno godendo di un "regime di libero scambio" con l'Occidente collettivo in questo momento.
      In questo caso, l'interesse della Russia è fare in modo che i desideri non coincidano con le possibilità.
    2. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
      Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 17 September 2020 12: 57
      +7
      Citazione: AlexZN
      La Russia ha bisogno di rafforzare l'Iran?

      Sì, è necessario. Fino al livello della Turchia. In modo che possano controllare l'intero Golfo Persico e lo spazio aereo sopra di esso.
      L'Iran non è certo nostro amico. Ma nemmeno un nemico. E la neutralità armata dell'Iran indebolirà la minaccia alla Russia da sud.
    3. sgrabik Офлайн sgrabik
      sgrabik (Sergey) 17 September 2020 16: 43
      +6
      Dobbiamo finalmente abbandonare la stupida abitudine di fare qualcosa con un occhio costante agli Stati Uniti. I tempi del dominio totale e incondizionato dell'America nel mondo stanno volgendo al termine e non ci si dovrebbe ostinatamente aggrapparsi alla vecchia distribuzione dei ruoli, in cui alla Russia veniva assegnato il ruolo modesto e ridicolo di un paese arretrato - una stazione di servizio !!!
    4. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 17 September 2020 21: 31
      +6
      La Russia ha bisogno di rafforzare l'Iran?

      La Russia non ha bisogno di indebolire l'Iran a favore dell'Occidente.

      Aiutare l'Iran solo perché è nemico degli stati è ridicolo.

      Perché sarebbe? Voglio dire, dov'è l'assurdità? Il nemico del mio nemico è mio amico.

      La cooperazione con l'Iran irriterà la Turchia e irriterà notevolmente il mondo arabo e Israele.

      Non importa 33 volte! Alla fine degli anni '80, ero molto irritato dal fatto che gli arabi avessero abbassato il prezzo del petrolio e lo abbiamo sentito per noi stessi. Da Israele, dopo che l'Unione Sovietica ha aiutato a realizzarsi - solo problemi.

      L'occidente collettivo vuole commerciare con l'Iran, ma finché ci sono gli ayatollah, le minacce sono maggiori dei benefici.

      Ecco la bandiera nelle loro mani e un tamburo al collo! E gli ayatollah non ci danno fastidio. E se l'Iran combatterà con le nostre armi, avremo l'opportunità di influenzare le forze islamiche controllate dall'Iran in modo che non entrino nella Federazione Russa e nella zona di interesse della Federazione Russa.
      Bene, più il carico sul complesso militare-industriale, la crescita del PIL, ecc.
      Quindi niente domande.
      1. Boris Arbel (Latukha) Офлайн Boris Arbel (Latukha)
        Boris Arbel (Latukha) 17 September 2020 22: 44
        0
        Dall'Israele, dopo che l'Unione Sovietica ha aiutato a realizzarsi, solo problemi, capisci cosa scrivi? Si potrebbe pensare che l'URSS abbia creato Israele e alcuni Vani lo pensano. Hanno votato alle Nazioni Unite solo per accettare Israele come stato, 33 voti erano favorevoli (di cui 3 dall'URSS), 13 erano contrari. Grazie per il vostro aiuto. E poi avete iniziato ad aiutare tutti i nostri nemici (che vogliono distruggere Israele) e così via fino ad oggi. Ma in generale, voi grandi amici amate aiutare vari pantofole (perdenti in yiddish) e otto qualcosa di buono funzionerà. Nel frattempo, le cose sono ancora lì.
        1. Boriz Офлайн Boriz
          Boriz (borizia) 18 September 2020 01: 40
          +8
          ... 33 voti erano a favore (di cui 3 dall'URSS), 13 erano contrari. Grazie per l'aiuto.

          Si prega di contattare. Va bene che l'URSS sia un membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con diritto di veto? Potrebbe non aver votato.
          Ma anche prima del riconoscimento di Israele da parte delle Nazioni Unite:

          Parlando a una riunione della sessione speciale dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 14 maggio 1947, il rappresentante dell'URSS A.A. Gromyko ha detto che “l'inglese
          il regime del mandato ha trasformato il paese in uno stato di polizia paramilitare che vive in costante tensione ”e, tenendo conto di tutti i disastri che hanno colpito il popolo ebraico durante la seconda guerra mondiale, è necessario trovare una prima soluzione alla questione del destino degli ebrei sopravvissuti. Parlando del futuro della Palestina, A. A. Gromyko ha osservato che "i legittimi interessi del popolo ebraico, così come quello arabo della Palestina, possono essere protetti solo a condizione della creazione di uno stato arabo-ebraico democratico indipendente su due fronti".
          Tuttavia, come ha sottolineato il rappresentante sovietico, la decisione finale sul futuro della Palestina dovrebbe essere presa solo dopo aver considerato le conclusioni della commissione speciale delle Nazioni Unite. Se lei conferma che i rapporti tra ebrei e arabi in Palestina sono così danneggiati che la creazione di uno stato a due punte è impossibile, allora "allora sarebbe necessario considerare la seconda opzione, ...
          divisione della Palestina in due stati indipendenti indipendenti: ebreo e arabo.

          Senza questo, lo stato di Israele non avrebbe avuto luogo.

          ... il capo del dipartimento di politica estera dello stato ebraico M. Charette si è rivolto all'URSS con una richiesta di riconoscimento: "Colgo l'occasione per
          esprimere sentimenti di profonda gratitudine e comprensione del popolo ebraico per la ferma posizione assunta dalla delegazione dell'URSS all'ONU a sostegno della formazione di uno stato ebraico sovrano indipendente; per la sua costante promozione
          questa idea, nonostante tutte le difficoltà….

          Golda Meir:

          Non importa quanto radicalmente l'atteggiamento sovietico nei nostri confronti sia cambiato nei prossimi venticinque anni, non posso dimenticare il quadro che mi si presentò allora. Chissà se avremmo resistito se non fosse stato per le armi e le munizioni che potevamo acquistare dalla Cecoslovacchia e trasportare attraverso la Jugoslavia e altri paesi balcanici in quei giorni bui dello scoppio della guerra, fino a quando la situazione non cambiò nel giugno 1948?

          Non è così facile appendere le tagliatelle alle orecchie di Vanja come pensano alcuni Moish.
          1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
            Natan Bruk (Natan Bruk) 18 September 2020 04: 45
            0
            Quale altro veto Non vi è alcun veto nell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, con la decisione di cui è stato riconosciuto Israele.
        2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
          Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 20 September 2020 15: 35
          +4
          Non dimenticare la tua storia, gli ebrei si sono riuniti nell'URSS - petroliere, artiglieri, con rifornimenti di armi ceche e di altro tipo, hanno difeso Israele nel 1948. Inoltre, dagli anni '1950, quando Israele fuggì sotto l'ala degli Stati Uniti, le relazioni si deteriorarono radicalmente, e quindi iniziò la persecuzione degli ebrei in URSS, ma la morte di I.Stalin fermò tutto ... Il figlioccio di Israele era sicuramente I. ...
  2. Breard Офлайн Breard
    Breard (sergo) 17 September 2020 10: 24
    -6
    Purtroppo .. solo la "volontà" non è sufficiente. Gli israeliani si lamentano per un piagnucolio, e Vovan rifiuterà gli ovvi proventi e la possibilità di fornire attrezzature, e quindi componenti, armi, munizioni ..... addestramento del personale!
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 18 September 2020 04: 50
      -4
      Gli israeliani non si sono mai lamentati, ma hanno preso a calci in faccia i nemici che cercavano di distruggerli. I clienti sovietici che avevano fatto ricorso all'ONU per lamentarsi dei crudeli israeliani che avevano dato loro tutte le tazze islamiche si lamentavano in faccia. E la Russia può fornire quanto vuole, tanto più. ci saranno perdite reputazionali delle armi russe, che saranno distrutte se necessario.
      1. Alex Eustace Офлайн Alex Eustace
        Alex Eustace 18 September 2020 18: 37
        +1
        Sono sicuro che Stalin sarebbe molto turbato se scoprisse in quale bastardo americano ingrato, vile e dispettoso si è trasformato Israele nel suo deposito, e gli ebrei salvati dalla completa distruzione dovrebbero onorarlo non meno di Mosè - e tu sei capace solo di sporchi trucchi. insegna un peccato!
        1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 19 September 2020 10: 12
          -5
          Per coloro che portano le stesse sciocchezze - Israele non è stato creato dalla "sottomissione di Stalin", ma è stato creato dai primi sionisti. Stalin ha semplicemente votato "per" alle Nazioni Unite, procedendo dai suoi interessi. Non è stato Stalin a salvare gli ebrei, ma l'Armata Rossa, in cui gli ebrei combattevano esattamente allo stesso modo degli altri e Israele non aveva mai avuto intenzione di diventare un bastardo sovietico.
      2. Woland Офлайн Woland
        Woland (Woland) 18 September 2020 20: 22
        +2
        Signor Bruk, i "clienti" sovietici non si sono lamentati e la nostra faccia non è affatto islamica. Hai un'opinione così esagerata sul tuo piccolo paese delle dimensioni della regione di Mosca e della metà della sua popolazione, solo perché nessuno di paesi decenti è mai stato strettamente coinvolto in Israele e Israele è ancora vivo solo perché le orecchie degli americani si profilano dietro di esso ... Gli Stati Uniti si stanno rapidamente indebolendo e presto non dipenderà da te. E i paesi che circondano Israele lo aspettano da molto tempo. Poi vedremo quale arma subirà perdite di reputazione e chi si lamenterà. Nella guerra moderna, non ci saranno battaglie di carri armati e di fanteria, per tutto il tuo stato di nano, due testate nucleari o una dozzina di buone testate a vuoto sono sufficienti.
        1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 19 September 2020 10: 23
          -2
          Signor Woland, questo paese delle dimensioni della regione di Mosca ha sconfitto diversi eserciti arabi uniti, che erano pienamente supportati dai "grandi-potenti", e lui stesso ha preso parte. Allo stesso tempo, nel 1967 gli Stati Uniti non hanno aiutato Israele in alcun modo, e inoltre hanno rispettato l'embargo sul sempliciotto. Israele ha armi. Nel 1973 ho aiutato con le armi, ma queste armi erano meno numerose e non di qualità migliore di quelle fornite dall'URSS agli arabi, non sto parlando del vantaggio numerico multiplo. Quindi non farti ridere. Per lo sviluppo generale, Israele ha armi nucleari e consegna significa ...
          1. Woland Офлайн Woland
            Woland (Woland) 19 September 2020 17: 24
            +4
            Signor Brooke, sei tu quello che ti rende uno zimbello. Sì, l'URSS ha aiutato gli eserciti arabi con armi e consiglieri e ha aiutato lo stesso Israele attraverso la Cecoslovacchia, come indicato nei post sopra. Ripeto la mia tesi, Israele non ha mai affrontato veri eserciti in battaglia (gli arabi non contano - tutti possono vedere come combattono in Siria). Per quanto riguarda le armi nucleari, la tecnologia di cui la Francia ti ha segretamente dato, non ti lusinghi neanche. Hai solo armi tattiche. E anche questo non è tanto. Nessuna cupola di ferro può salvarti dall'essere colpito da missili balistici. Tu e l'Iran a volte avete paura di scuotere le ginocchia, perché hanno almeno missili tattici-operativi. Non essere ridicolo per la sconfitta degli eserciti arabi uniti. Un Hezbollah nel 2006 ha mostrato a Israele dove i gamberi vanno in letargo. In caso di una guerra calda, Israele non sarà salvato né dalle Merkava né dagli F-35 modificati. Per sopravvivere, devi pregare per gli Stati Uniti e Putin, che ti stanno ancora proteggendo, altrimenti le corna e le gambe rimarranno. Puoi e dovresti essere un patriota del tuo paese, ma non hai bisogno di essere spinto fino all'assurdo dalle tue affermazioni sul Grande e Potente Israele. "Forte ma leggero", come si suol dire
  3. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 17 September 2020 13: 44
    -3
    Citazione: 123
    Ci sono tantissime domande. La Russia ha bisogno di rafforzare l'Iran? Se così, fino a che punto. Qual è l'equilibrio tra rischi e benefici nel rafforzare l'Iran.

    La domanda è giusta buono e questo è un argomento di profonda discussione.

    Tutto è estremamente ambiguo. Aiutare l'Iran solo perché è nemico degli stati è ridicolo.

    Esatto, è proprio per questo che è ridicolo. Ma .... è almeno vantaggioso e ti permette di cambiare gli equilibri di potere nella regione.

    La cooperazione con l'Iran irriterà la Turchia e irriterà notevolmente il mondo arabo e Israele.

    La cooperazione tra il mondo arabo e "Ichkeria" ha irritato la Russia e la cooperazione di Israele con Georgia e Ucraina. E allora? Questo ha fermato qualcuno? Quindi mangiare è servito, buon appetito. A proposito, in questo momento Israele sta aiutando la Georgia a stabilire la difesa aerea. Qualcuno sta calcolando la reazione della Russia allo stesso tempo?

    L'occidente collettivo vuole commerciare con l'Iran, ma finché ci sono gli ayatollah, le minacce sono maggiori dei benefici.

    E la Russia vuole commerciare con gli Stati Uniti, ma il problema è il regime anti-russo e considera le minacce al di sopra dei benefici. Pensi che il regime dovrebbe essere cambiato?
    Tutti sanno da tempo che ciò che l'Occidente collettivo vuole è strappare e saccheggiare l'Iran come suoi vicini. Iraq, Siria, Libia stanno godendo di un "regime di libero scambio" con l'Occidente collettivo in questo momento.
    In questo caso, l'interesse della Russia è fare in modo che i desideri non coincidano con le possibilità.

    Sono d'accordo, in molti modi.
    Sull'ultimo punto, temo che i desideri della Russia non coincideranno con le possibilità.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 17 September 2020 23: 01
      +3
      Sono d'accordo, in molti modi.
      Sull'ultimo punto, temo che i desideri della Russia non coincideranno con le possibilità.

      Diamo un'occhiata. La Russia non ha bisogno né di un regime filo-occidentale né di una seconda Libia ai suoi confini meridionali.
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 17 September 2020 13: 54
    0
    Domanda di cazzate. Il denaro non puzza.
    Venderemo armi, loro e qualsiasi "occidente collettivo". Solo che non cambierà molto.
    Mentre gli ebrei bombardavano, continueranno a bombardare. Mentre hanno minacciato, continueranno a minacciare.
    1. GRF Офлайн GRF
      GRF 17 September 2020 15: 53
      -3
      Non sono sicuro delle forniture americane, probabilmente è per questo che a loro importa.
      Gli iraniani non si sono pentiti nemmeno di un aereo civile, pensando che il nemico volasse verso di loro, quindi se c'è qualcosa, allora non inizieranno a minacciarlo così ... E gli ebrei dovranno di nuovo cercare nuove rotte ...
      Quindi la situazione cambierà.
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 18 September 2020 04: 54
        0
        Quali sono le rotte, dove sono le rotte? Di cosa stai parlando? E non serve molta abilità contro gli aerei di linea civili, questo non è combattere con Heil-Avir.
        1. GRF Офлайн GRF
          GRF 18 September 2020 14: 22
          0
          Per quanto riguarda il cambio di percorso, è normale che "quello intelligente non salirà in collina, quello intelligente aggirerà la montagna":

          https://topcor.ru/16438-rossija-pomogla-zakryt-zapadnuju-granicu-sirii-ot-vvs-izrailja.html

          Per quanto riguarda l'abilità, non è necessaria: ancora come dovrebbe, qualcuno laggiù ha fatto saltare in aria MH17 in modo che anche la giustizia sia stata sconvolta ...
          quindi, aspetta e vedi ...
  5. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 17 September 2020 18: 20
    -4
    -L'Iraq della Russia è un vero nemico ... -Perché la Russia l'ha già chiaramente indicato; che l'Isis è un gruppo bandito in Russia ... -E l'Iran ... non è un gruppo, ma un intero "stato-Ishil" ... -Beh ... quindi quali altre spiegazioni ci possono essere ???
    - Quale può essere la fornitura di armi russe all'Iran ???
    -Sì ... - "il denaro non puzza"; ma queste forniture di armi non arricchiranno minimamente la Russia ... - Con queste forniture, la Russia rafforzerà solo la posizione della Cina in Iran ... - E poi cosa ???
    E poi l'Iran inizierà a fornire il suo eccellente (e molto economico a costo) petrolio (e gas) senza alcuna restrizione e nonostante tutti i tipi di divieti (e con il pieno sostegno della Cina) ... - "a tutti quelli che vogliono" ... - E inizierà a spostare i concorrenti a in questo campo ... - e la stessa Russia, compresa ... -Questo è tutto il profitto russo per le armi fornite ... è arrivato ... -Le armi sono state fornite, per esempio ... -per $ 1,5 miliardi; e le perdite dalla perdita del mercato petrolifero furono acquisite per decine di miliardi ...
    - Sì, e la fornitura di armi è stata una tantum; e la perdita del mercato ... è una "triste costante" ...
    - Inoltre, la stessa Russia oggi ha un disperato bisogno di armi moderne ... - L'intera rotta russa del Mare del Nord deve essere rafforzata ed equipaggiata ... - La NATO è diventata completamente insolente e sta conducendo manovre nell'area acquatica della zona economica esclusiva (ZEE) della Russia .. ...
    - E l'Iran non permette nemmeno agli aerei russi di sorvolare il suo territorio ...
    -Quindi, qual è il prossimo ??? - Che tipo di affari può avere la Russia con l'Iran ???
    1. Il commento è stato cancellato
  6. Terry18 Офлайн Terry18
    Terry18 (Andrey Evdokimov) 19 September 2020 10: 04
    -1
    In generale, l'Iran considera la Siria, che confina con Israele, una zona dei suoi interessi esclusivi. La Russia ha un posto lì per l'Iran per i propri soldi e lo ha sgomberato da sola.