Secondo tentativo: la flotta britannica intende irrompere nell'Artico russo


La Marina reale britannica ha pubblicato ieri un messaggio ufficiale che intende condurre esercitazioni nell'Artico insieme alle marine statunitensi e norvegesi, nonché all'aviazione danese. Questi ultimi mirano a dimostrare un impegno a mantenere la pace e la libertà di navigazione per tutti i paesi in un'area vitale.


In altre parole, i paesi della NATO hanno deciso di fare un secondo tentativo per rivendicare il territorio che il nostro paese considera una zona di interessi nazionali e non ammette navi da guerra di stati stranieri. Qualcosa di simile è già accaduto nel maggio di quest'anno. Quindi uno squadrone dell'Alleanza del Nord Atlantico è entrato nell'area acquatica del Mare di Barents e intendeva recarsi nella penisola di Kola, dove inizia la rotta principale della rotta del Mare del Nord. Ma la flotta straniera non è riuscita a raggiungere il sito, poiché la Russia ha bloccato il suo percorso organizzando le proprie esercitazioni nella regione.

È ovvio che anche questa volta il nostro Paese saprà difendere i propri interessi. Allo stesso tempo, il fatto stesso di tali "inclinazioni" da parte della NATO non fa che confermare la correttezza degli sforzi della Federazione Russa per rafforzare i suoi confini settentrionali.

Tuttavia, al momento nulla minaccia l'Artico russo. L'Occidente in termini di militari attrezzatura semplicemente non c'è niente che ci possa opporre.
La flotta russa possiede un unico rompighiaccio da combattimento Ivan Papanin, equipaggiato con lanciamissili "Calibre", un supporto di artiglieria universale di 76 mm, due supporti per cannoni navali AK-306M, quattro mitragliatrici di grosso calibro e MANPADS "Igla" e "Verba" . Aggiungiamo qui la possibilità di rompere il ghiaccio fino a 2 metri di spessore e posizionare a bordo elicotteri di classe Ka-27 e Ka-226 o due droni.

Per fare un confronto, il rompighiaccio americano Polar Star, costruito negli anni '70, vanta solo due mitragliatrici, alcuni fucili e pistole dell'equipaggio. Ma non dovremmo ancora rilassarci. È ovvio che la vera battaglia per l'Artico deve ancora arrivare.

  • Foto utilizzate: https://www.savetheroyalnavy.org/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 18 September 2020 10: 57
    +1
    La donna inglese la sta superando. È necessario aiutare gli Stlander amanti della libertà a sbarazzarsi della dittatura e dell'occupazione britannica. La Scozia vuole rimanere nell'UE e Baba Lisa vuole ancora governare gli scozzesi a sua discrezione, tagliando l'ossigeno a questo paese.
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 18 September 2020 14: 38
    -1
    E davanti ai loro nasi non si possono annunciare improvvisi bombardamenti.
  3. Vladimir Vladimirovich Vorontsov 19 September 2020 03: 41
    0
    Non diventare inglese
    Cammina verso l'Artico ...
  4. annegare tutti!
  5. bobba94 Офлайн bobba94
    bobba94 (Vladimir) 19 September 2020 20: 48
    0
    Due rompighiaccio negli Stati Uniti .... un vecchio "Polar Star", il secondo "Healy" recentemente bruciato, ci sarà una lunga riparazione. Anche la Gran Bretagna ha due rompighiaccio, uno è affittato (affittato) dalla Norvegia, l'altro è in qualche modo difettoso (non c'è eliporto). La Norvegia ha un rompighiaccio. La Russia ha 40 rompighiaccio.
    1. Essex62 Офлайн Essex62
      Essex62 (Alexander) 21 September 2020 16: 53
      0
      I tagiki sono molto instabili, quando i russi saranno pronti a sviluppare la piattaforma artica, a seguito del genocidio, non rimarranno affatto. Dove troverà il clan dei combattenti i propri schiavi per una nuova pipa?