Media: la regione artica scivola in giochi pericolosi tra NATO e Russia


Di recente da Londra con segnalatiche per la prima volta in molti anni gli inglesi guidarono un gruppo militare nell'Artico, composto da navi e aerei provenienti da Gran Bretagna, Stati Uniti, Danimarca e Norvegia. È stato annunciato che lo scopo dell'operazione è "dimostrare la libertà di navigazione". Ma in realtà, la regione si sta trasformando in una zona di giochi pericolosi tra NATO e Russia, scrive l'edizione norvegese di The Barents Observer.


Il suddetto esercizio dell'Alleanza si è svolto in esclusiva economico zona (ZEE) della Russia, a meno di 100 miglia nautiche dalla costa della penisola di Kola strategicamente importante per Mosca, dove ha sede la Flotta del Nord e si trova parte del potenziale nucleare. Sono avvenuti poco dopo le principali manovre di navi e aerei russi all'estremità opposta del pianeta, nel mare di Bering al largo della costa dell'Alaska.

Secondo l'esperto militare canadese Rob Hubert, la NATO ha inviato Mosca politico segnale, perché dalla fine della Guerra Fredda, le navi di superficie dell'Alleanza non sono mai entrate così profondamente nella ZEE russa né hanno operato in queste acque. L'attività della NATO è spiegata dalla preoccupazione per la presenza militare significativamente aumentata della Russia nelle acque del Nord Atlantico, dicono, "i russi si stanno muovendo verso ovest".

Si può sostenere che stiamo assistendo a un nuovo livello di militarizzazione nell'Artico

- è sicuro.

Allo stesso tempo, Rebecca Pincus, professore associato presso l'US Naval War College, ritiene che le esercitazioni NATO siano una classica operazione di sicurezza marittima e non abbiano nulla a che fare con la navigazione senza ostacoli. Ha spiegato che nessun paese contesta ufficialmente le acque della ZEE russa nel Mare di Barents, e le esercitazioni sono solo "una dimostrazione del livello di coordinamento tra gli alleati in una difficile situazione in mare".

Pincus ha sottolineato che un'operazione per "garantire la libertà di navigazione" contro le rivendicazioni della Russia sull'intera rotta del Mare del Nord sarebbe un segnale molto potente che aumenterebbe drasticamente il livello di tensione nella regione. Ha citato la situazione nel Mar Cinese Meridionale come esempio di controversia tra paesi. Ha riassunto che i giochi militari nell'estremo nord comportano grandi rischi a causa di possibili incidenti non intenzionali. Tali esercizi creano una situazione di “classica escalation nella sfera della sicurezza”, in cui ciascuna parte pensa che “siamo circondati” e ritiene proprio dovere rispondere alla sfida.
  • Foto utilizzate: https://www.pikist.com/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.