Russia e Turchia non potevano essere d'accordo su Idlib


La Federazione Russa invita la Turchia a ridurre la sua presenza militare nella parte nord-occidentale della Siria, nella zona di de-escalation di Idlib. In particolare, alla riunione delle delegazioni militari di Russia e Turchia ad Ankara, hanno esaminato la questione del ritiro di alcune delle armi pesanti turche da Idlib, nonché il cambiamento del regime operativo dei posti di osservazione della Turchia in questa regione, scrive il quotidiano panarabo Asharq Al-Awsat.


I turchi hanno respinto le proposte russe di ridurre le strutture di osservazione turche, ma hanno annunciato la loro disponibilità a discutere la riduzione del numero di armi pesanti a Idlib. La Russia ha presentato le sue proposte per risolvere la situazione in questa regione della Siria, ma le parti non sono riuscite a raggiungere accordi reciprocamente vantaggiosi.

Le forze armate turche stanno monitorando la situazione nella zona della Grande Idlib (che comprende le province di Hama e Idlib, e anche in parte - Latakia e Aleppo) utilizzando 12 posti di osservazione.

Ankara sta ritardando l'adempimento degli obblighi previsti dal memorandum russo-turco firmato il 5 marzo di quest'anno sulla normalizzazione della situazione nella zona di Idlib nel nord-ovest della RAS

- ha affermato il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova il 17 settembre in un briefing nella capitale russa.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 18 September 2020 18: 25
    +1
    Fino a quando le formazioni di banditi non saranno sconfitte in Siria, non ha senso ridurre la presenza delle sue forze armate per la Turchia, soprattutto per quanto riguarda i curdi... Pertanto, sforzi più diretti per risolvere congiuntamente la crisi e porre fine alle ostilità. Distruggere l'inconciliabile, con il resto costringerli a negoziati di pace... È tempo di porre fine alla guerra in Siria, e non di allungarla per decenni...
  2. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
    Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 18 September 2020 18: 34
    -1
    non sarà possibile sconfiggere le formazioni di banditi in Siria nei prossimi anni, tutte le parti sono ora in uno stato approssimativamente ottimizzato in quelle posizioni dove c'è un certo equilibrio di interessi
    le bande operano secondo il principio del flusso e riflusso, le persone arrivano o partono in altre regioni per conflitti più caldi
    La Siria come paese non è in grado di mantenere il proprio territorio in guerra
    e la Russia non può solo ripulire tutti i pozzi e le caverne dalle bande con l'aviazione, non abbiamo bisogno di questo, la Russia ha bisogno di una relativa parità di interessi, cioè questa guerra continuerà fino a quando la situazione mondiale nelle potenze mondiali non cambierà, grosso modo fino al collasso degli stati (almeno temporaneamente)
    1. Il commento è stato cancellato
      1. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
        Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 18 September 2020 21: 01
        0
        Certo, per un ebreo, tutta la speranza è negli stati, senza di loro gli arabi e i vicini ti disperderanno nel deserto come scarafaggi, non c'è nessuno che ti nutra e ti protegga durante l'ebollizione, quindi la reazione alla situazione in lo stato è tale, miserabile
        1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
          Raccoglitore (Myron) 19 September 2020 06: 57
          -3
          Per un ebreo, come sempre, c'è solo speranza per le proprie forze, e le tue aspettative sul crollo degli Stati Uniti sono infondate. Per quanto riguarda la dispersione degli israeliani nel deserto, anche i vicini musulmani più fitti di ogni tipo - arabi, persiani, turchi - hanno a lungo e fermamente afferrato l'inutilità di tali tentativi e si sono messi la coda tra le gambe, sono sorpreso che alcuni I cristiani ortodossi non l'hanno ancora capito, miserabili...
  3. lavoratore dell'acciaio 18 September 2020 20: 05
    +1
    Se nulla minaccia la Turchia, non sopporta perdite, perché i turchi dovrebbero accettare le condizioni della Russia? Prendiamo, ad esempio, gli eventi recenti, con l'uso di Iskander. Perché non hanno occupato il territorio dopo il bombardamento? La Turchia in questo caso non ha perso nulla. Ma se lo hanno fatto, allora si può dimostrare ai turchi che non controllano il territorio e violano gli accordi. Perché i turchi dovrebbero rinunciare ai posti di osservazione all'interno del territorio controllato dalla Siria? Se i turchi sono autorizzati a fornire questi posti di osservazione! Russia e Siria non hanno creato le condizioni per negoziati a loro favore. Hanno semplicemente detto ai turchi: "Devi liberare il territorio". E i turchi, per quanto si rispetti, hanno semplicemente inviato culturalmente il nostro ministero degli Esteri. Come altro chiamarlo? Lavrov, per tutto il tempo, per la Russia nei negoziati, non ha ottenuto nulla da nessuna parte! Questi negoziati dovevano essere condotti solo dai militari, senza il ministero degli Esteri. I militari sanno come condurre tali negoziati. E se non fosse per Lavrov con le sue tregue, i militari hanno ripulito la Siria dai terroristi in un anno!! E i negoziati non sono necessari e i turchi non sarebbero ammessi a Idlib!
  4. Il commento è stato cancellato
  5. Seminol Офлайн Seminol
    Seminol (Karen) 21 September 2020 21: 48
    0
    La Turchia non lascerà mai Idlib.