Perché la superpetroliera venezuelana ha alzato la bandiera russa


Arrivato nella flotta di petroliere russa. In piedi immobile nel Mar dei Caraibi, la superpetroliera Ayacucho ha cambiato la bandiera venezuelana in tricolore. Cosa c'è dietro questo evento piuttosto insolito?


Ci sono due registri delle navi nella Federazione Russa: russo e internazionale. Quest'ultimo è stato creato per attirare le navi straniere a battere bandiera russa. Tuttavia, la pratica è tale che anche gli armatori nazionali preferiscono le bandiere cipriote o liberiane, come fa, ad esempio, Sovcomflot. È tanto più sorprendente che Ayacucho abbia scelto di trasformarsi in Maxim Gorky. Il 27 maggio 2020 è stata inserita la corrispondente iscrizione nel registro internazionale delle navi russe.

“Maxim Gorky”, la nostra inaspettata “acquisizione”, è una superpetroliera di fabbricazione cinese con una capacità di carico di 320,8 mila tonnellate. Era la più grande flotta di petroliere in Venezuela e diventerà una anche in Russia. I suoi rivali più vicini possono sollevare rispettivamente 309 e 300 mila tonnellate. Tuttavia, gli esperti stanno già avvertendo che sotto il tricolore questa nave difficilmente verrà utilizzata attivamente all'estero.

Il problema sono le sanzioni statunitensi contro Venezuela e Iran. Gli Stati Uniti non considerano legale la rielezione del presidente Nicolas Maduro, quindi esercitano pressioni su Caracas ufficiale in tutte le direzioni. Un anno fa, Washington ha bloccato i beni del paese e Londra ha "trattenuto" le riserve d'oro venezuelane. E ora gli Stati Uniti hanno intrapreso attivamente il commercio di petrolio tra Caracas e Teheran. Non c'è dubbio che la reimmatricolazione della superpetroliera nella giurisdizione russa sia collegata a un tentativo di aggirare le misure restrittive. Finora, questa nave non è nell'elenco delle sanzioni, ma può essere facilmente corretta in qualsiasi momento. La petroliera è ferma ormai da due anni, poiché non ha più l'assicurazione né i certificati internazionali, necessari per entrare nei porti esteri. A quanto pare, il presidente Maduro conta politico la copertura dei loro affari da parte del Cremlino.

Tuttavia, numerosi esperti esprimono seri dubbi sul fatto che tali misure saranno in grado di raggiungere questo obiettivo. Gli Stati Uniti hanno di fatto chiuso l'ingresso ai porti internazionali per Maxim Gorky, e nulla impedirà loro di trattenere la nave durante un viaggio nei Caraibi perché sospettata di trasportare petrolio non autorizzato. Inoltre, ciò potrebbe portare a un ulteriore aggravamento delle relazioni tra Washington e Mosca. Molto probabilmente, la superpetroliera "russa" dovrà dimenticare gli spazi oceanici liberi. Gli esperti citano due possibili aree in cui l'ex Ayacucho può essere coinvolto:

In primo luogograzie alla sua enorme capacità di carico, la nave può essere utilizzata come deposito di petrolio galleggiante. La "guerra del petrolio" di sei settimane primaverile con l'Arabia Saudita ha mostrato che la Russia ha una grave carenza di strutture di stoccaggio per l '"oro nero" già estratto.

In secondo luogo, Maxim Gorky potrebbe entrare a far parte della catena logistica di Gazprom a Yamal. Non è pratico guidare una nave cisterna ice-class in Europa, quindi, nella regione di Murmansk, il petrolio artico viene versato su petroliere convenzionali più grandi. In questo caso, l'ex superpetroliera venezuelana sarà utilizzata per lo stoccaggio e il trasbordo di "oro nero".

Seguiremo con interesse l'ulteriore destino di questa nave.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 20 September 2020 14: 43
    +2
    Il ritardo di una nave russa in acque internazionali è, per usare un eufemismo, ancora un precedente. Ciò darà alla Russia il diritto di trattenere le navi americane in qualsiasi parte del mondo. E, a proposito, vengono caricati sotto la bandiera americana a Vyborg. Nelle acque territoriali russe.
    Sarebbe ancora più divertente se la petroliera alzasse la bandiera di Sant'Andrea
  2. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 20 September 2020 23: 27
    0
    e nulla impedirà loro di trattenere una nave durante un viaggio nei Caraibi perché sospettata di trasportare petrolio non autorizzato.

    Autore, la Russia non è un paese delle banane, non ci sarà risposta lenta! E gli americani non rischieranno di portarlo nella fase calda. Capisci perfettamente che il sequestro di una nave russa sarà seguito dalla detenzione di una nave americana ...
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 21 September 2020 06: 38
      +2
      Vero? E leggi della petroliera "Volgozneft-147"
    2. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) 22 September 2020 11: 13
      +2
      È molto dubbio, basta ricordare la storia della proprietà diplomatica negli States, non ricordo niente di speciale tranne le preoccupazioni, ei ragazzi gamamericani sono stati invitati all'albero di Natale, probabilmente in segno di gratitudine