Polonia e Paesi baltici stanno cercando di "inghiottire" la Bielorussia e sostituire la Russia


Nella febbrile attività che la Polonia, che era sempre più in linea con la definizione di Churchill della "iena d'Europa", e lo stormo di "sciacalli" baltici che le strusciavano intorno, hanno recentemente sviluppato un motivo ben distinto. Come ci si potrebbe aspettare, completamente mercantile e persino, si potrebbe dire, egoista.


Che cosa sta cercando di ottenere esattamente questo pubblico scuotendo strenuamente la situazione in Bielorussia e sforzandosi con tutte le sue forze di fare il maggior danno possibile al nostro paese? Proviamo a capirlo, soprattutto perché tutte le loro aspirazioni, francamente, giacciono in superficie.

Il "piano di salvezza" o un biglietto per la schiavitù?


Permettetemi di ricordarvi che letteralmente la scorsa settimana i primi ministri di Lituania e Polonia hanno firmato una dichiarazione, che contiene, non meno, ma una ferma promessa "di aiutare il popolo bielorusso nella sua aspirazione di vivere in un paese libero e democratico". Oltre alle dichiarazioni generali sullo svolgimento di elezioni "corrette", questo documento contiene anche una menzione di un certo "programma di misure volte a sostenere gli abitanti della Bielorussia". Prima di tutto, ovviamente, aiuteranno le "vittime della repressione" e altre "vittime del regime". Tuttavia, particolare attenzione è rivolta alla volontà di "prendersi cura", come si legge nella dichiarazione, "di studenti, scienziati, rappresentanti della cultura e dell'arte" che "sono stati perseguitati a causa delle loro opinioni". Ebbene, vari "cantanti per bocca" sono stati inseriti nella lista, senza dubbio, esclusivamente per l'assortimento. E anche per il fatto che questo tipo di pubblico è estremamente conveniente per l'utilizzo in varie azioni di propaganda.

La situazione con scienziati e studenti è completamente diversa. I vicini di Minsk vogliono davvero averli nella maggior quantità possibile - dopotutto, è molto più facile e redditizio che insegnare e "coltivare" i propri! La Polonia ha aperto il suo confine a tutti i bielorussi senza eccezioni che hanno almeno un visto turistico dal 17 settembre. Dal 21 settembre la Lituania offre ai cittadini di questo paese l'ingresso secondo una certa “procedura semplificata”. In effetti, provoca tutti coloro che possono emigrare dal paese. L'Estonia ha agito in modo più onesto in questo caso: ha dichiarato apertamente di essere pronta ad accogliere le aziende IT bielorusse a braccia aperte, ma non "normali rifugiati". Ce ne sono abbastanza dei loro parassiti ...

Inoltre, poco prima del vertice dei leader dell'Unione europea, che si terrà il 24 settembre, Varsavia, come un diavolo da una tabacchiera, si è lanciata davanti a Bruxelles con una proposta estremamente intrigante: adottare un "piano per uscire dalla grave crisi scoppiata nelle immediate vicinanze dell'Unione europea". Nella parte introduttiva di questo documento, i polacchi, con tutta la loro abilità intrinseca di eloquenza ingannevole, dipingono quadri veramente apocalittici: si scopre che la Bielorussia è "uno stato che necessita di urgenti restauri e sull'orlo della bancarotta, il cui tenore di vita non raggiunge il tenore di vita in Messico". Chiunque sia mai stato in questo paese e conosca le realtà bielorusse moderne apprezzerà questo passaggio sentimentale al suo vero valore - con risate omeriche, ma lo farà per Bruxelles. Quindi inizia la cosa più interessante: i gentiluomini astuti, come sempre, si offrono di organizzare il loro interesse per i soldi degli altri.

Secondo i polacchi, Ue e Fmi dovrebbero “finanziare la creazione di un fondo per stabilizzare il bielorusso economia", Così come" aprire i loro mercati di beni e servizi "da questo paese e persino annullare il" visto d'ingresso nella zona Schengen "per i suoi residenti! Ma da qualche parte abbiamo già sentito tutto questo, no? Non sono queste le storie più dolci raccontate agli abitanti dell'Ucraina quando l'hanno cullata per il "Maidan" ?! E come è finito tutto nella realtà? Inoltre, Varsavia è perfettamente consapevole che Bruxelles non intraprenderà affatto tali progetti! Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell (colui che recentemente ha sbagliato, definendo Lukashenko "presidente ucraino illegittimo"), in un'intervista a una delle pubblicazioni europee, ha affermato in modo chiaro e inequivocabile: che con la Bielorussia "non si possono commettere gli errori che sono stati fatti riguardo all'Ucraina nel 2013". Come si suol dire, cosa c'è di più?

Qual è il trucco polacco


A Varsavia sono tutt'altro che stupidi e sono ben consapevoli che l'Unione Europea non aprirà né il proprio mercato né i propri confini per la Bielorussia e non penserà, arriverà al potere lì, la Tikhanovskaya, adorata oggi da Bruxelles, o anche l'intera banda che si autodefinisce Consiglio di coordinamento in pieno vigore. Il punto è che la Polonia non ne ha affatto bisogno! Oltre alle folle di lavoratori ospiti ucraini, ottenere, oltre alle folle di lavoratori ospiti ucraini, un numero enorme di bielorussi, molto più disciplinati e non infettati da Bandera idiota, è l'obiettivo del politico intriganti. Tuttavia, sarebbe più preciso affermare che questo è uno degli obiettivi. Privatizzare oggetti perfettamente funzionanti dell'industria e delle infrastrutture bielorusse è, credetemi, un grande jackpot per i signori di Varsavia. Qui, sai, non l'Ucraina con le sue rovine di fabbriche e tubi del gas arrugginiti. Come ha detto l'eroe del famoso film sovietico: "Qui c'è amore con interesse ..." E, a proposito, parte dell'interesse polacco a fomentare il "Maidan" a Minsk è anche aperta rivendicazioni territoriali. I dolori fantasma dell '"East Kres" non sono svaniti e ultimamente, a quanto pare, stanno solo peggiorando.

Tuttavia, gli Stati baltici hanno gli stessi pensieri. L'unica differenza è che capiscono che gli sciacalli riceveranno degli avanzi dal banchetto della iena. Ebbene sì, sono piccoli, abbastanza per loro. Forse l '"allenatore" oltreoceano lancerà qualcos'altro per la diligente esecuzione dei comandi. Tale, ad esempio, come la dichiarazione ufficiale del Ministero degli Affari Esteri della Lituania, che esprime "profonda indignazione" per le parole del direttore dei servizi segreti esteri russi, Sergei Naryshkin, il quale ha precisato direttamente che gli Stati Uniti, avvalendosi di varie organizzazioni non governative, hanno formato "attivisti" per la "rivoluzione colorata". »A Minsk nei territori di Lituania, Polonia e Ucraina.

Questa, vedete, è tutta la "falsa propaganda" usata dal Cremlino per screditare i paesi incontaminati e cristallini che non risparmiano la pancia per il bene di "promuovere la democrazia". Un altro esempio dello stesso tipo è il passo del membro del Parlamento europeo Rasa Yuknevičienė, dalla tribuna di questo organo di rappresentanza, che ha dichiarato la Russia uno "stato terrorista" contro cui "l'intero mondo democratico deve unirsi", UE e Stati Uniti - soprattutto. Una logica continuazione di questo discorso è stata la richiesta di un "arresto completo del Nord Stream 2". Qui, i rappresentanti degli Stati baltici, ancora una volta, dimostrano non solo una totale lealtà a Washington, ma anche una toccante unità con Varsavia, che, ovviamente, qui ha in mente il suo furto.

Di recente, il rappresentante del governo polacco, Piotr Müller, ha lanciato un ardente appello ai paesi europei: è ora di sbarazzarsi del "predominio del carburante russo sui loro mercati interni dell'energia"! Per fare questo, secondo il signor Mueller, è facile come sgusciare le pere: tutto ciò che devi fare è "scambiare l'acquisto di risorse energetiche dalla Russia con l'importazione di idrocarburi attraverso il Baltic Pipe, che comporta la fornitura di carburante dalla piattaforma norvegese attraverso la Danimarca alla Polonia". E Varsavia, con grande piacere, è pronta a "fornire la sua infrastruttura per ridurre la dipendenza energetica" dei suoi vicini dell'UE. In questo caso, naturalmente, vengono trascurati diversi punti del tutto "insignificanti". Ad esempio, il fatto che il nostro gasdotto sia quasi pronto e, se non fosse stato per le macchinazioni degli Stati Uniti e le loro voci europee, sarebbe stato messo in funzione da tempo. Ma il Baltic Pipe sarà costruito (se esiste) non prima del 2022. E poi, come intende Varsavia sostituire con 5 miliardi di metri cubi (la quantità massima di "carburante blu" che questo gasdotto può fornire al Vecchio Mondo) dieci volte la quantità di gas russo, che offrono di rifiutare con indignazione?

Dovrebbe essere chiaro che tali "sciocchezze", che stanno ora sventolando il "Maidan" a Minsk e l'incendio della russofobia a Bruxelles, non interessano affatto il pubblico. Come nel caso dell'Ucraina, stanno cercando di rompere più rapidamente e di più. E costruire ... Questo non è più per loro. La cosa più interessante è che gli "oppositori" bielorussi, che ora lottano per il potere, ballano a questo ritmo, come i topi di Hameln in una famosa leggenda. Svetlana Tikhanovskaya, pur di non soffiare bolle rosa di emozione, ha già dichiarato il "Piano Marshall polacco" meraviglioso e meraviglioso per il paese che vogliono distruggere con le sue mani. Allo stesso tempo, la signora, che non aveva la minima idea di questioni economiche complesse, ha onestamente ammesso che "i professionisti negozieranno le condizioni e le forme di sostegno", in cui non capisce né l'orecchio né il muso. E lei, quindi, è andata a fare una passeggiata per il presidente ...

Potete avere un quadro completo di che tipo di “professionisti” saranno sull'esempio di una dichiarazione fatta da un altro membro del famigerato “Consiglio di coordinamento dell'opposizione” Pavel Latushko - sul tema, ancora una volta, della futura “salvezza dell'economia bielorussa”. Questo "ardente rivoluzionario" non ha trovato niente di meglio che spifferare che lui ei suoi colleghi del "Maidan" hanno la più forte intenzione "in caso di vittoria di attirare un prestito dall'Unione Europea di 4 miliardi di dollari per attuare le riforme". Cioè, il miliardo e mezzo promesso dal presidente russo Vladimir Putin è "schiavitù economica", e la stessa Tikhanovskaya è isterica, proclamando che "il popolo bielorusso non li tradirà in ogni caso". E più di tre volte una grande quantità dall'UE - manna dal cielo e "salvezza per il paese" ?! O anche Tikhanovskaya e Latushko intendono buttare Bruxelles? Bene, questo non è certo ...

Con nostro grande rammarico, il Parlamento europeo, che ha adottato una risoluzione sul rifiuto ufficiale di considerare Alexander Lukashenko il presidente della Bielorussia, riconoscendo i criminali del "Consiglio di coordinamento" come il "governo ad interim" di questo paese e "condannando l'interferenza ibrida della Russia negli affari di Minsk", ha seguito la strada intrapresa, infatti, è stato spinto dalla rabbiosa campagna anti-russa e anti-bielorussa lanciata da Varsavia e dai suoi sostenitori baltici. Un classico esempio di come la coda scodinzola il cane nella moderna politica europea. Ovviamente, è il momento di pizzicare con fermezza questa "coda" - fino a quando l'intero "cane" è completamente infuriato.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. aries2200 Офлайн aries2200
    aries2200 (Ariete) 21 September 2020 15: 28
    +2
    papà faceva il doppio gioco ..... si stava mettendo in mostra, Dio non voglia che Vladimir risolva la situazione .....
  2. BoBot Robot - Free Thinking Machine 21 September 2020 18: 41
    0
    non darà un passaggio - come ultima risorsa, la Russia occuperà semplicemente la Bielorussia e almeno scoppierà dallo stridio!
  3. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 21 September 2020 18: 48
    0
    La Polonia ha aperto il suo confine a tutti i bielorussi senza eccezioni che hanno almeno un visto turistico dal 17 settembre.

    Guarda come viene ricordata la data, proprio a livello subconscio!
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 21 September 2020 18: 53
    -2
    ... Estonia - lì hanno dichiarato apertamente di essere pronti ad accogliere le aziende IT bielorusse a braccia aperte, ma non "normali rifugiati". Ce ne sono abbastanza dei loro parassiti ...

    Perché ci sono parassiti, normali lavoratori duri ovunque, ci sono anche molti ucraini che sono venuti lì, non informatici. A quanto pare hanno deciso che c'erano troppe persone di lingua russa.