Un TPP galleggiante sul gas liquefatto cambierà drasticamente la situazione nell'estremo nord


Pevek, la città più settentrionale della Russia, sta affrontando gravi sfide energetiche. La cogenerazione locale a carbone è da tempo obsoleta, la centrale nucleare di Bilibino sta chiudendo a causa della scadenza della sua vita di servizio e non è consigliabile installare "turbine eoliche" qui, poiché il vento artico è estremamente instabile.


Il problema dell'alimentazione elettrica dell'insediamento è stato parzialmente risolto grazie all'invio al porto locale della prima centrale nucleare galleggiante russa "Akademik Lomonosov". Un carico di combustibile sarà sufficiente per far funzionare la centrale nucleare galleggiante per 10 anni.

In questo caso, lo scarico dei lotti dell'isotopo esaurito viene effettuato ogni 3-4 anni. E così che al momento del "tempo di inattività" la città non sarebbe rimasta senza elettricità, è stato deciso di costruire un moderno CHP a terra a Pevek, che assicurerà l '"Akademik".

Tutto questo è già fantastico. Ma, come si dice in Russia: "Il problema è l'inizio". Pertanto, gli ingegneri domestici hanno avuto l'idea di costruire una centrale elettrica galleggiante simile ad Akademik Lomonosov, ma funzionante a GNL.

L'Iceberg Central Design Bureau ha rilevato lo sviluppo nel febbraio dello scorso anno. La scorsa settimana si è saputo che il progetto è pronto.

Il nuovo TPP galleggiante sarà composto da due navi: la centrale elettrica stessa e l'impianto di stoccaggio galleggiante di GNL. La sua capacità sarà di 60 MW e l'impianto di stoccaggio potrà contenere 2000 tonnellate di gas liquefatto.

La costruzione inizierà immediatamente dopo la comparsa del cliente. E ci sono opzioni qui. In primo luogo, tali centrali termoelettriche mobili sarebbero estremamente utili per l'Artico, dove lo stoccaggio di GNL potrebbe essere rifornito direttamente dalle imprese locali. In secondo luogo, la nuova centrale potrebbe diventare un'assicurazione per la stessa Akademik. In questo caso, non sarà necessario costruire una centrale termica a terra a Pevek. Infine, in terzo luogo, il complesso LNG, meno potente della “batteria galleggiante”, potrebbe occupare una nicchia in cui è necessaria una soluzione temporanea e più economica.

Si ritiene che le centrali termiche galleggianti alimentate a GNL, che sono abbastanza semplici da gestire e relativamente economiche da produrre, possano cambiare radicalmente la situazione nell'estremo nord. La regione, che tradizionalmente vive una carenza di energia elettrica, potrà riceverla con una riserva.

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 22 September 2020 10: 49
    +2
    Piuttosto un'ottima soluzione. Ma è anche necessario schierare stazioni simili nell'entroterra russo, in modo da non tirare il gas dai tubi, ma per cavarsela con il GNL.
    1. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
      Vladimir_Voronov (Vladimir) 24 September 2020 16: 49
      0
      Una tale soluzione esiste da molto tempo: questi sono serbatoi di gas. Negli anni '60 del secolo scorso, si trovavano in quasi tutti i cortili, fino a quando non veniva introdotto il gasdotto. occhiolino
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 22 September 2020 13: 36
    -3
    Un TPP galleggiante sul gas liquefatto cambierà drasticamente la situazione nell'estremo nord

    - Perché lei (TPP galleggiante su gas liquefatto) è necessaria nell'estremo nord ??? -Interferirà solo lì ...
    - Questa centrale termica galleggiante a gas liquefatto è molto necessaria in Crimea ... -È qui che la sua potenza tornerà utile per la desalinizzazione delle acque marine ... - Sembra che il problema della Crimea (mancanza di acqua dolce) non sarà risolto nel prossimo futuro ...
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 22 September 2020 14: 08
      0
      non ci sono centrali a gas e centrali elettriche in Crimea?)) forse i pozzi non sono stati perforati, l'acqua degli impianti di stoccaggio non è stata pompata, l'acqua sciolta di montagna non viene raccolta e non fanno nulla. e l'acqua distillata dorata è l'unica via d'uscita?))
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 22 September 2020 16: 27
        +1
        In Crimea, è prima necessario contare e ripristinare tutte le sorgenti conosciute dal secolo scorso. Ma nessuno si preoccupa di questo, né il governo locale, né quello federale. Ci sarà più acqua per 1/3 in una volta! E la perdita di acqua nei tubi dell'acqua raggiunge il 40-50%. Non c'è nessuno che ristabilisca l'ordine con l'acqua in Crimea. Tutti annuiscono a vicenda e nessuno fa nulla. Abbiamo bisogno di un compagno responsabile con ampie opportunità e poteri.
        1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
          Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 22 September 2020 17: 40
          -3
          nessuno pulirà le sorgenti da nessuna parte. avviare una draga su tutti i fiumi? così la gente del posto griderà che il pesce morirà. E cosa fare con tutto il limo, il suolo, i legni e le sorprese delle guerre passate? commercianti privati ​​scaveranno nell'area protetta? Finiranno con multe. Russia e Kazakistan stanno ancora ripulendo gli Urali e non si uniranno. C'era già un compagno con ampi poteri che ha dato l'ukram di Crimea. e gli scagnozzi di Mosca, i funzionari locali .... sabotano tutti i decreti.
        2. 123 Офлайн 123
          123 (123) 23 September 2020 15: 08
          -1
          Non c'è nessuno che ristabilisca l'ordine con l'acqua in Crimea. Tutti annuiscono a vicenda e nessuno fa nulla. Abbiamo bisogno di un compagno responsabile con ampie opportunità e poteri.

          Forse hai ragione. Sono cambiati a Sebastopoli, ma Aksenov non è toccato perché sarà un cattivo esempio per coloro che non hanno portato la loro regione nel loro porto natale.

          1. igor.igorev Офлайн igor.igorev
            igor.igorev (Igor) 24 September 2020 12: 31
            0
            Come mettere le cose in ordine con l'acqua in Crimea? Posso ottenere maggiori dettagli da questo luogo?
        3. Amaro Офлайн Amaro
          Amaro (Gleb) 26 September 2020 01: 37
          +1
          Abbiamo bisogno di un compagno responsabile con ampie opportunità e poteri.

          Tutti i compagni responsabili ed efficaci, che capiscono qualsiasi cosa nelle pipe, da tempo hanno scelto e sellato ciascuno per sé. Gas, petrolio o qualsiasi altra cosa, che mancava abbastanza, ha iniziato, ad esempio, a tirare nuovi tubi, tirando fuori forze dalla Siberia. E le pipe di Crimea, molto probabilmente, non sono ancora abbastanza promettenti per il margine, non sono per l'esportazione. Pertanto, aspetteranno. Anche la lobby filoucraina gioca un ruolo. In generale, né roll né traballante "lotta" con i tubi, per lo più guerrieri.
  3. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 23 September 2020 12: 21
    -3
    Le capacità di liquefazione del gas create nel nostro nord possono essere utilizzate su centrali a gas galleggianti (e non solo). Per il resto del mondo sono possibili centrali nucleari galleggianti, e per chiusure temporanee di centrali nucleari sono adatte centrali a gas di riserva galleggiante con gli stessi impianti di stoccaggio galleggiante per il vapore, arrivando al momento giusto a tale spegnimento centrali nucleari galleggianti (e non solo) ... (Sognare non è dannoso).
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 24 September 2020 13: 47
      0
      (Sognare non è dannoso).

      Non è dannoso sognare. hi
  4. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 23 September 2020 15: 32
    0
    La stessa parola "fluttuante" suggerisce che per 15 anni non funzionerà in un unico posto. Altrimenti, è più economico costruire una centrale elettrica del genere al seguito.
  5. igor.igorev Офлайн igor.igorev
    igor.igorev (Igor) 24 September 2020 12: 30
    -1
    Tutto dipende dal costo del progetto. Se è davvero possibile costruire un TPP flottante del 50% in meno rispetto a costruirne uno fisso, perché no? E se il costo è più o meno lo stesso, non ha senso preoccuparsi.