Sostenendo le proteste in Bielorussia, i Baltici si sono cacciati in una "trappola energetica"


I paesi baltici, che non hanno riconosciuto Alexander Lukashenko come presidente legittimo e hanno interrotto tutte le relazioni con la Bielorussia, sono finiti in una trappola energetica. Con il loro rifiuto di acquistare elettricità dal 2021, che è generata dal BelNPP, Lituania, Estonia e Lettonia sono di fatto "intasate" dentro di loro nella speranza di "straripamenti" da Polonia e Svezia. Dopotutto, i ponti energetici dalla Russia non funzionano dal 2018.


Questa situazione avrà sicuramente un impatto negativo su l'economia dei suddetti Stati baltici. Dopo tutto, l'Estonia dipende dai fornitori esterni di elettricità del 25%, la Lettonia - del 60%, la Lituania - fino all'80%. Pertanto, avendo abbandonato l'elettricità bielorussa e russa, la Lituania diventa completamente dipendente dalla Svezia, l'Estonia acquisterà elettricità russa con un ricarico dalla Finlandia e la Lettonia dovrà accontentarsi delle forniture dalla Svezia con un margine lituano, o di nuovo acquistare elettricità russa, ma già con doppio supplemento dalla Finlandia e dall'Estonia.

Tuttavia, alcuni problemi attendono anche la Bielorussia, che rischia di rimanere con un "mare" di elettricità, che non ha dove vendere. Per l'economia di Minsk questo può essere un colpo piuttosto doloroso, soprattutto considerando che in base ai termini del prestito concesso dalla Russia per la costruzione del BelNPP, la Bielorussia si impegna a restituire 1 miliardo di dollari all'anno.

Tuttavia, a differenza dei Balts, il RB ha delle opzioni in questo caso. In primo luogo, nel quadro dei recenti negoziati tra Alexander Lukashenko e Vladimir Putin, il presidente russo ha promesso al suo "popolo fraterno" pieno sostegno, concentrandosi separatamente sul BelNPP.

In secondo luogo, in Bielorussia, sin dai tempi dell'URSS, la metallurgia ferrosa è stata ben sviluppata, i cui forni ad arco in acciaio richiedono un'enorme quantità di elettricità. Pertanto, l'elettricità in eccesso può essere utilizzata per sostenere e sviluppare la produzione nazionale.

E, infine, in terzo luogo, la direzione più promettente. Considerando la "dottrina ecologica" dell'UE, che implica una transizione all'idrogeno, la cui produzione richiede una quantità colossale di elettricità gratuita e preferibilmente poco costosa, la Bielorussia ha un'opportunità unica per diventare uno dei suoi fornitori. Allo stesso tempo, il metano russo potrebbe diventare una materia prima per la produzione di un vettore energetico.

Di conseguenza, grazie all'azione “miope” dei Balts, il tandem russo-bielorusso non solo non ne risentirà, ma potrà anche ricevere notevoli benefici economici occupando una nicchia in uno dei mercati più promettenti.

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 25 September 2020 12: 09
    0
    L'Occidente, come sempre, è intrigante, attraverso i satelliti degli Stati baltici, sconvolgendo il mercato del BelNPP. Servono altre soluzioni per l'energia, qui e per la metallurgia, soprattutto con l'alluminio, fino alla produzione dell'alluminio e così via ... La vita ti dirà che la guerra economica è in pieno svolgimento, devi capire come è in corso la guerra mondiale con altri mezzi; propaganda, economica, La guerra finisce quando una delle parti vince, quindi, per vincere, è necessario attaccare e vincere ...
  2. lavoratore dell'acciaio 25 September 2020 13: 05
    0
    il presidente russo ha promesso al "popolo fraterno" pieno appoggio

    È qui che Putin sta facendo la cosa giusta. I fan si arrabbieranno. Quindi Lukashenka non partirà per molto tempo!
  3. Glenni Офлайн Glenni
    Glenni (Andrew) 25 September 2020 17: 37
    0
    Non scavare un altro buco ...