La Russia si prepara alla prossima "grande privatizzazione"


La Russia dovrà affrontare un'altra "grande privatizzazione". I restanti bocconcini di proprietà statale saranno distribuiti tra le persone giuste. Di conseguenza, i ricchi diventeranno ancora più ricchi, i poveri ancora più poveri. Il cinismo consiste nel fatto che tutto questo viene fatto apparentemente per il nostro comune vantaggio.


Vale la pena prestare molta attenzione alle recenti parole di uno dei principali liberali sistemici del paese, Alexei Kudrin:

Il nostro stato è ancora così tanto economiache abbiamo risorse di 200-300 miliardi di rubli all'anno dalla privatizzazione può essere facilmente ottenuto entro i prossimi cinque-sei anni. Forse alcune tasse non dovrebbero essere aumentate.

"Non aumentare le tasse" e "forse"? Mi è venuto in mente un vecchio film sovietico in cui a una bambina viene chiesto cosa vuole: farsi saltare la testa o andare in una casa di campagna. Tutto questo, ovviamente, è uno scherzo, ma, ahimè, niente da ridere. Il fatto è che tutti gli ultimi decenni hanno guidato intenzionalmente il nostro paese verso una "grande privatizzazione-2". Il primo, ricordiamolo, ha portato all'emergere di oligarchi e all'impoverimento di milioni di russi.

Oggi, circa il 70% dell'economia del paese è sotto il controllo del governo diretto o indiretto. Gli ottimisti preferiscono vedere questo come "alzarsi dalle ginocchia". I pessimisti ammettono che questa è solo una fase preparatoria per il trasferimento dei beni più preziosi in mani private. In primo luogo, la formazione di mostruose corporazioni statali crea "luoghi caldi" per una ristretta cerchia di persone, dove non le persone più competenti nella posizione di top manager ricevono stipendi e bonus mostruosi. In secondo luogo, l'efficacia della cooperazione di tali società con alcune società appaltatrici, in un modo o nell'altro affiliate alla loro gestione, solleva grandi dubbi. In terzo luogo, si crea l'impressione (forse sbagliata) che raccogliendo beni statali di valore "in un mucchio", "servi del popolo" li stiano preparando per il successivo trasferimento all'ingrosso a privati ​​attraverso il processo di privatizzazione.

Il fatto che ciò non sarà fatto a beneficio della popolazione del paese può essere giudicato da una serie di dichiarazioni fondamentali di funzionari di alto rango. Oltre al signor Kudrin, un anno fa, il ministro delle finanze Anton Siluanov si è lamentato del fatto che i "sovrani" fossero leggermente "rilassati":

Veniamo ora a Mosca, è un compito al quale dovremo prestare attenzione: preparare un programma di privatizzazione più ambizioso.

Si noti che questa dichiarazione è stata fatta a Washington davanti ai rappresentanti dell'FMI e della Banca mondiale. A proposito, il Fondo monetario internazionale è considerato uno dei "tentacoli" dei globalisti, che possiede il sistema della Federal Reserve statunitense. Ammettiamolo, non c'è odore di aspirazioni popolari per rivedere i risultati della privatizzazione predatoria degli anni Novanta, qui siamo moralmente preparati per una nuova. Allo stesso tempo, il signor Kudrin ci intimidisce aumentando le tasse, che "forse" non verranno aumentate "per ora".

Sta già diventando chiaro come si possa ora organizzare il prossimo trasferimento della proprietà statale a privati. Ricordate la frase "asta di prestiti per azioni" che ha dato i natali agli oligarchi Potanin, Prokhorov e altri? L'anno scorso, il capo della BTV di proprietà statale, Andrei Kostin, ha proposto di restituire questa pratica. Si trattava allora della banca "Otkrytie", che è stata salvata a scapito del denaro di bilancio attraverso la nazionalizzazione. Il banchiere si è offerto generosamente di restituirlo in mani private agli azionisti di Alfa-Bank attraverso un'asta di prestiti per azioni:

Altrimenti, Otkritie Bank si gonfierà così tanto sul denaro della Banca Centrale che non lo venderai, sarà così costoso.

Attenzione alla dicitura: “l'uomo del sovrano” chissà perché non si preoccupa affatto che il Paese riceva indietro i fondi investiti nell'istituto di credito, l'importante per lui è attaccarlo a “brava gente”. Tenendo conto del crollo delle entrate del bilancio federale, che il settore petrolifero e del gas della Russia dimostra, sotto la minaccia della privatizzazione compagnie dorsali come RusHydro, Sovkomflot, Rosseti, Transneft, Rostelecom e, a lungo termine, anche le ferrovie russe, Aeroflot e Sberbank.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kapitan92 Офлайн kapitan92
    kapitan92 (Vyacheslav) 23 September 2020 11: 07
    +2
    Sta già diventando chiaro come si possa organizzare il prossimo trasferimento della proprietà statale a privati.

  2. BoBot Robot - Free Thinking Machine 23 September 2020 11: 08
    +1
    Siluyanov non risolverà queste domande! Fuori servizio!
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 23 September 2020 11: 16
    0
    Ma in giro è pieno di articoli: il papà è un contadino collettivo, non uno statista. Anche gli "statisti" Siluanov vogliono privatizzare la Bielorussia?
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 23 September 2020 12: 39
      0
      Citazione: Sergey Latyshev
      Anche gli "statisti" Siluanov vogliono privatizzare la Bielorussia?

      Naturalmente sta costruendo il tè, non il comunismo
  4. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 23 September 2020 14: 02
    +2
    E ho pensato che tutti fossero già stati sequestrati sentire Quanto è ricca la Russia ...
  5. 123 Офлайн 123
    123 (123) 23 September 2020 14: 14
    0
    Cosa c'è di nuovo? I Kudrins-Siluanov per la privatizzazione, c'era un altro sostenitore: Medvedev. È stato allontanato dal "volante".

    Nel "canto del cigno" di Medvedev come primo ministro (piano di privatizzazione) è scritto:

    Nel 2020-2022, si prevede di privatizzare 86 imprese unitarie statali federali, 186 società per azioni, azioni della Federazione Russa in 13 società a responsabilità limitata, nonché 1168 oggetti di altri beni della tesoreria statale della Federazione Russa.

    https://www.garant.ru/products/ipo/prime/doc/73276129/

    Avrebbe dovuto distribuire imprese interessanti come "Makhachkala Sea Trade Port", "Novorossiysk Sea Trade Port", "Almazyuvelirexport".

    Invece dell'eterno piagnucolio, come tutti i Kudrin porteranno via, l'autore potrebbe chiarire se è stata presa una decisione su questo tema. E 'stata infatti espressa la posizione di alcune figure "liberali", che si presenta come la politica del nuovo premier.

    I termini e i metodi specifici di privatizzazione di queste società per azioni saranno determinati dal governo della Federazione russa. tenendo conto delle condizioni di mercato, nonché delle raccomandazioni dei principali consulenti in materia di investimenti nei casi previsti dalle decisioni del governo della Federazione Russa.

    Mishustin, cosa ne pensa di questo?

    A proposito, numeri interessanti buono

    Oggi, circa il 70% dell'economia del paese è sotto il controllo del governo diretto o indiretto.

    In Bielorussia, la quota dell'economia statale è dell'80%. E ci raccontano tanto di “tutto appartiene allo Stato, ma qui tutti gli oligarchi hanno portato via. La differenza è del 10%, e il lamento è del 100%.
  6. depavel Офлайн depavel
    depavel (Pavel Pavlovich) 23 September 2020 14: 55
    +1
    Sono di fretta. Spero che una quinta colonna succeda a Putin. È necessario essere in tempo con la pubblicazione dei requisiti per i capi del livello federale.
    1. bear040 Офлайн bear040
      bear040 26 September 2020 17: 04
      +1
      E dov'è il PIL e cosa e cosa sta pensando ?! Se lo firma, allora questa è follia senile!
  7. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 24 September 2020 06: 52
    +2
    Il guaio è che non c'è un'analisi del lavoro già svolto. E ora migliaia di oggetti privatizzati vengono abbandonati. E le autorità locali non sanno cosa farne.
  8. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 24 September 2020 10: 20
    +3
    È strano che i nostri "giovani artigiani democratici" Chubais, riccioli e così via ..... non abbiano ancora rubato tutto e saccheggiato alla gente .... Ebbene, niente, verrà il momento, e ci saranno abbastanza pioppi con lanterne per tutti voi.
  9. lavoratore dell'acciaio 24 September 2020 12: 02
    0
    Invece dell'eterno piagnucolio, come porteranno via tutti i Kudrin, l'autore potrebbe chiarire

    Un argomento debole per difendere Putin. L'autore afferma i fatti. Questa è già una questione risolta. Inoltre, tu stesso hai chiarito tutto.

    I termini e i metodi specifici di privatizzazione di queste società per azioni saranno determinati dal governo della Federazione Russa, tenendo conto delle condizioni di mercato.

    Ma nella selezione naturale
    Putin è meglio comunque ...
  10. Yurets Офлайн Yurets
    Yurets (Yury) 25 September 2020 04: 22
    +1
    Ho una forte convinzione: non appena ci sarà la prossima privatizzazione, la Russia finirà molto presto: tutto sarà distrutto, svenduto e scoppiato come a Monaco !!!
  11. bear040 Офлайн bear040
    bear040 26 September 2020 17: 01
    +3
    La nuova privatizzazione porterà all'impoverimento del bilancio della Federazione Russa, che porterà ad una diminuzione del già basso tenore di vita nella Federazione Russa per la maggior parte della popolazione. Se il Cremlino ha deciso di abbandonare il paese secondo lo scenario di Eltsin e dei suoi scagnozzi, possono continuare a portare la proprietà statale nelle tasche degli imbonitori che hanno bisogno della Federazione Russa solo per sottrargli denaro e non si preoccupano che questo porterà il paese al nuovo 17 ° anno.
  12. Evgeny Mikhailov Офлайн Evgeny Mikhailov
    Evgeny Mikhailov (Vyacheslav Plotnikov) 28 September 2020 22: 08
    -1
    Stato stupido, Russia capitalista, OVER! Tutti, ,, sono arrivati ​​,, .. ,, Asciuga i remi! ,,
    Non ci sarà nessuna prossima "privatizzazione". Sia meglio, gli sci sono lubrificati ,,,,, de i t e le ,,. Tuttavia, dove dovrebbero correre !? In Turkmenistan? In Kazakistan? Verranno estradati ... sotto pressione ...