Biznes Alert: i russi possono utilizzare il surplus di energia non necessario da BelNPP per la produzione di idrogeno


Il 7 novembre 2020, nel prossimo anniversario della rivoluzione bolscevica, il BelNPP avrebbe lanciato la prima unità di potenza. Ma la messa in servizio con la generazione di elettricità e la sua fornitura alla rete elettrica è stata posticipata al primo trimestre del 2021. L'inizio del funzionamento della seconda unità di potenza è previsto per il 2022, scrive la pubblicazione Internet polacca Biznes Alert.


Negli ultimi 15 anni ci sono stati seri disaccordi tra Minsk e Mosca sulla "questione del gas". La Bielorussia è catastroficamente dipendente dalla Russia, quindi la costruzione di una centrale nucleare dovrebbe aiutare i bielorussi a ridurre il consumo di gas russo di 4 miliardi di metri cubi. m all'anno.

Attualmente, la 10 milionesima Bielorussia consuma più di 20 miliardi di metri cubi. metri di gas all'anno. Inoltre, oltre il 90% dell'elettricità nel paese è ancora generata dal "carburante blu". Allo stesso tempo, quasi il 40 milionesimo Polonia consuma solo 17 miliardi di metri cubi. metri di gas all'anno.

Ma oltre a generare elettricità per le esigenze della Bielorussia, vogliono utilizzare questa centrale nucleare per esportare forniture di elettricità in Polonia e nei paesi baltici. Il costo per costruire il BelNPP è di 10 miliardi di dollari ei russi hanno fornito prestiti per il 90% dell'importo.

Ma il colossale debito può essere un pesante fardello per il bilancio bielorusso, dal momento che è necessario iniziare a pagare gli interessi già dal 1 aprile 2021. Pertanto, è possibile che dopo un po 'il proprietario dell'impresa statale "NPP bielorussa" cambi. Il trasferimento di questa società alla direzione della Russia potrebbe diventare uno degli elementi della prossima contrattazione tra Minsk e Mosca. Ciò è vantaggioso per la Russia, poiché la Bielorussia dovrà ancora rimborsare parte del prestito e gli appaltatori e i produttori russi guadagneranno la parte del leone del denaro per la costruzione. Successivamente, i russi inizieranno a vendere elettricità ai consumatori bielorussi.

In questo caso, politica in Polonia e Lituania (in misura minore in Lettonia ed Estonia) si oppongono attivamente all'acquisto di elettricità da BelNPP. Pertanto, non importa se questa elettricità è "bielorussa" o "russa". I russi dovranno pensare a dove indirizzare l'inutile surplus di elettricità generata. E una delle opzioni è la produzione di un carburante alternativo: l'idrogeno. Tale soluzione consentirà di trovare nuovi clienti che saranno pronti ad acquistarlo.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
    Vladimir_Voronov (Vladimir) 24 September 2020 16: 02
    0
    I russi possono utilizzare il surplus di energia non necessario da BelNPP per produrre idrogeno

    Esiste una soluzione più semplice: interrompere la produzione di elettricità nelle centrali termiche e vendere il combustibile rilasciato, come richiesto. I consumatori di idrogeno sono pochi, è costoso immagazzinarlo, ma qui la natura ha già pensato a tutto.
  2. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 24 September 2020 16: 03
    0
    Allo stesso tempo, quasi il 40 milionesimo Polonia consuma solo 17 miliardi di metri cubi. m. di gas all'anno.

    Essessveno. Quando l'industria chimica socialista è stata portata via (una parola rara, ma letteraria), negli appartamenti in inverno ci sono 12-14 gradi, ingegneria energetica a carbone - perché di più? L'Ucraina sovietica consumava 135 miliardi di metri cubi all'anno, mentre la Germania - 20. Tymoshenko ha firmato un accordo per l'acquisto obbligatorio di 50 miliardi di metri cubi. Era necessario così tanto, quindi. Ora l'Ucraina ne ha abbastanza 15.
    Lo stesso è con la Polonia. In social volte la Polonia e la Repubblica democratica tedesca hanno consumato 50 miliardi di metri cubi di gas. risata
  3. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
    Vladimir_Voronov (Vladimir) 24 September 2020 16: 31
    +1
    in Polonia e Lituania (in misura minore in Lettonia ed Estonia) si oppongono attivamente all'acquisto di elettricità da BelNPP

    Non è di questo che si preoccupano. Sarebbe meglio rispondere alla domanda: "Chi mantiene le centrali nucleari in periferia? E in che condizioni sono queste centrali nucleari?" E poi in qualche modo se ne sono dimenticati ultimamente.
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) 24 September 2020 16: 32
    +2
    Allo stesso tempo, i politici in Polonia e Lituania (in misura minore in Lettonia ed Estonia) si oppongono attivamente all'acquisto di elettricità dal BelNPP.

    Ciò non impedisce loro di acquistare elettricità in Svezia, che la produce, comprese le centrali nucleari. Sì, sì, questo è un tale orrore, i vichinghi ricevono metà dell'elettricità in questo modo barbaro. Con un alto grado di probabilità, Greta illumina la sua serra con cannabis con elettricità sporca e dannosa. I polacchi rivendono la stessa elettricità ai tedeschi, che stanno attivamente sostenendo l'energia verde, ma non hanno nulla contro Uniper, con sede a Dusseldorf, tra i cui asset vi sono partecipazioni nelle stesse centrali nucleari svedesi.

    https://www.uniper.energy/company/locations/sweden

    È così che vivono. Ma sul sito web dell'azienda c'è un'immagine toccante con turbine eoliche alla moda e tutti questi cittadini sono a favore dell'idrogeno e dei pannelli solari.
    I polacchi dovrebbero bloccare tutto. Non mi piace, lasciali soffocare con il fumo del carbone fino alla chiusura delle miniere. E i sussidi tedeschi serviranno al pagamento dell'elettricità alle società tedesche in Svezia.

  5. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 25 September 2020 05: 33
    +3
    Elettricità sprecata? È sempre necessaria! Ci sono problemi nei Paesi Baltici, ma gli orgogliosi Chukhons non vogliono risolverli a scapito dell'energia di Russia e Bielorussia. Forse sono contenti di acquistare, ma il malvagio proprietario non ordina.