La guerra in Nagorno-Karabakh giova solo alla "terza forza"


Lo scontro armato scoppiato nel Caucaso, da un lato, era abbastanza previsto (la disputa territoriale tra Baku e Yerevan, dopotutto, dura da quattro decenni), dall'altro è diventato una bella sorpresa per molti. Sembrava che nulla facesse presagire che i cannoni di entrambe le parti avrebbero parlato in quel momento, e anche con una tale ferocia che nessuno avrebbe ricordato dal brutto 1994.


Comunque sia, ma capiamo tutti perfettamente - né "all'improvviso", né "proprio così" tali situazioni non si verificano. La volontà di qualcuno sta sempre dietro di loro e servono gli interessi di qualcuno. Chi può trarre vantaggio dal fuoco, la cui fiamma divampa oggi nel Nagorno-Karabakh, e fino a che punto si può permettere che si diffonda?

Piccola guerra vittoriosa ...


Cominciamo, naturalmente, con i paesi che partecipano direttamente alla collisione. Al momento, quando questo articolo viene scritto, i media armeni riferiscono della "massiccia offensiva dell'esercito azero" in Karabakh, dozzine di carri armati bruciati, centinaia di morti e feriti. Più o meno la stessa cosa è successa negli ultimi giorni, con ogni parte che esalta i propri successi in combattimento in ogni modo possibile, dipingendo in modo colorato le perdite del nemico. Con le dichiarazioni su chi ha sparato il primo colpo e, di conseguenza, è il colpevole dell'escalation, il quadro è uno a uno. Baku incolpa Yerevan, Yerevan punta a Baku. È un dato di fatto, nelle storie, quando l'ostilità dura quasi secoli, non può essere altrimenti.

Ma a chi, e in quale di queste due capitali, poteva essere a portata di mano la "piccola guerra vittoriosa"? Il fatto è che chi è al potere sia in Azerbaigian che in Armenia ha tutte le ragioni per usare il fattore di un nemico esterno per risolvere i problemi interni. Nel primo caso, la situazione nel Paese si è recentemente deteriorata rapidamente, dopo la caduta dei prezzi mondiali del petrolio economia soffre in misura molto maggiore di quella russa. Oltre che dalle conseguenze della pandemia di coronavirus. Tutto ciò porta ad un calo del tenore di vita della popolazione, un aumento della tensione sociale e l'emergere di stati d'animo di protesta nella società, che stanno diventando sempre più radicali. E ce ne sono molti disposti a "spostare" finalmente il clan Aliyev, che sta cominciando a trasformarsi in una sorta di monarchia ereditaria, nelle "alte sfere" delle élite azere. Allora perché non sfogarsi, ricordando vecchie lamentele, rivendicazioni territoriali e "sangue non vendicato"?

In Armenia la situazione è in gran parte simile, ma con alcune differenze significative. Permettetemi di ricordarvi che il primo ministro locale Nikol Pashinyan è salito al potere a seguito di un'azione che ricorda dolorosamente il classico "Maidan". E moltissimi sono considerati uno scagnozzo dell'Occidente, e non senza una buona ragione. A differenza di figure simili di, diciamo, Kiev o Tbilisi, non può rompere in modo deciso con Mosca e, soprattutto, proprio per ragioni militari. Sia i vecchi che i giovani in Armenia sanno bene che senza il sostegno della Russia, il paese sarebbe diventato da tempo un oggetto di aggressione azero-turca, e la questione non sarebbe sicuramente limitata al Nagorno-Karabakh. Incombente nel cielo di Yerevan, i MiG russi ne sono il miglior promemoria. D'altra parte, Pashinyan sta lentamente ma inesorabilmente cercando di minimizzare la lobby filo-russa nel paese, raggiungendo allo stesso tempo azioni repressive dirette. Un esempio sono gli arresti di Robert Kocharian e Gagik Tsarukyan.

Alcuni degli armeni politici In generale, sono propenso a credere che la legge marziale dichiarata da Pashinyan non sia tanto dettata da un bisogno urgente quanto una misura preventiva per impedire l'opposizione, che stava pianificando, in particolare, di portare la gente in strada a sostegno di Tsarukyan. Ora questo è fuori discussione. A proposito, possiamo parlare di un gioco più sottile del capo del governo armeno, non più diretto contro i suoi stessi oppositori politici, che sono sempre più rumorosi sulla sua completa incompetenza in un incarico alto, ma contro Mosca. Come si è già detto, l'atteggiamento amichevole della maggioranza assoluta degli armeni nei confronti del nostro Paese è condizionato proprio dalla fiducia che, “se succede qualcosa”, verrà sicuramente in soccorso. Ma cosa succede se non arriva?! Qui, infatti, arriviamo a una parte completamente diversa della conversazione - su "attori esterni" in grado di influenzare e influenzare il conflitto.

Contesa secolare sul Caucaso


Il pericolo della situazione attuale sta proprio nel fatto che l'espansione di un conflitto locale fino alle dimensioni di una guerra su vasta scala, in cui saranno coinvolti non solo la regione del Caucaso, ma molti più partecipanti, è possibile solo con influenze esterne. Secondo la valutazione pressoché unanime della maggioranza degli esperti militari, allo stato attuale, né l'esercito armeno né quello azerbaigiano sono in grado di ottenere una vittoria decisiva e inequivocabile l'uno sull'altro. La loro lotta può solo sfociare in uno spargimento di sangue strategicamente insensato. Sia Baku che Yerevan ne sono ben consapevoli, nonostante le forti dichiarazioni bellicose rese al pubblico. Torniamo, però, in Russia.

Per il nostro paese, l'attuale aggravamento, e ancor di più, una guerra su vasta scala nella regione non è vantaggioso da nessuna parte. Mosca ha relazioni regolari e tranquille con entrambi i paesi, partnership commerciali ed economiche, anche militaritecnico la zona. Sì, l'Armenia è membro dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO), tuttavia, lasciatemi ricordare che le sue disposizioni non si applicano categoricamente a nessun evento in Nagorno-Karabakh, la cui appartenenza all'Azerbaigian il nostro paese riconosce in conformità con tutte le decisioni delle organizzazioni internazionali. È un'altra questione se il nemico arriva direttamente in terra di Armenia ... Tuttavia, è proprio una situazione così estrema che Mosca vorrebbe evitare. Al momento, secondo la dichiarazione dell'ambasciatore armeno in Russia Vardan Toganyan, il governo del Paese non si rivolge al Cremlino con una richiesta di intervento militare nel conflitto. Ma questo è ancora ... Tutti capiscono perfettamente che il fattore più significativo che influenza l'ulteriore sviluppo degli eventi oggi è il comportamento del principale alleato dell'Azerbaigian, la Turchia.

Non c'è dubbio che Baku si sarebbe comportata in modo molto più moderato se non fosse stato per Ankara che incombeva dietro di sé con le sue dichiarazioni infiammatorie e movimenti del corpo sotto forma di concentrazione delle proprie truppe in Azerbaigian. Tuttavia, proprio alla vigilia del consigliere di Recep Erdogan, Yasin Aktay, ha chiaramente e inequivocabilmente negato la possibilità di un intervento armato diretto da parte del suo paese negli eventi attuali, nonché la prospettiva di trasferire "turisti" in Nagorno-Karabakh tra i militanti turchi dalla Siria o dalla Libia. Allo stesso tempo, però, non ha mancato di sottolineare l'invariabilità delle intenzioni riguardo al "supporto tecnico-militare" a Baku, oltre a ricordare che, se necessario, la "strada è aperta" per l'esercito turco verso questo Paese. Pertanto, Ankara rivendica di diventare la forza principale che determina l'agenda geopolitica nella regione del Caucaso. Naturalmente, spingendo la Russia fuori da questa posizione. In linea di principio, niente di nuovo: questo conflitto è antico quanto il mondo.

Purtroppo, ad Ankara, di tanto in tanto dimenticano come finiscono i tentativi di "alzare la posta in gioco" in questo confronto e si lanciano in una "offensiva decisiva" per questo. Indubbiamente, Recep Erdogan, che si immagina il nuovo sultano, vede negli attuali sanguinosi eventi un ottimo motivo per innervosire ancora una volta il Cremlino. Ma allo stesso tempo, a quanto pare, perde di nuovo il senso della realtà e non tiene conto del fatto che aprendo troppi "fronti" contro la Russia, alla fine si può sovraccaricare. È davvero improbabile che la Turchia oserà invadere o addirittura intervenire nelle ostilità al livello di un "contingente limitato" delle proprie forze speciali o, diciamo, dell'Air Force. Inoltre, a Yerevan, la "linea rossa" nel conflitto è stata segnata molto lucidamente: lì hanno avvertito che se almeno un F-16 turco fosse apparso nel cielo sopra il Karabakh, l'arma più formidabile sarebbe stata usata contro il lato azero: i sistemi missilistici Iskander-M. ". La prospettiva è più che spiacevole.

Il "Karabakh Gambit" degli USA?


In tutta la storia odierna, come al solito, c'è anche la famigerata "terza forza" - quella che è solo inequivocabilmente vantaggiosa per avere colpi di fulmine e sangue versato nel Caucaso. Ancora più “bonus” verranno dati a questa parte, così lontana dalle posizioni più “pacifiche”, se non solo l'esercito armeno e azero, ma anche russi e turchi si uniscono in battaglia. Stiamo parlando, ovviamente, degli Stati Uniti. Sì, il Dipartimento di Stato ha già emesso una "forte condanna" delle azioni militari in Nagorno-Karabakh e un appello a Yerevan e Baku per fermarle immediatamente, nonché "tornare ai negoziati all'interno del gruppo OSCE" (del tutto senza speranza per entrambe le parti). Inoltre, Washington ha fatto una dichiarazione significativa riguardo "l'inammissibilità dell'interferenza nel conflitto da parte di forze esterne". Tutta questa è la retorica ufficiale, non vale un centesimo rotto, in verità. Gli Stati Uniti, infatti, sono proprio interessati al massimo aggravamento tra queste stesse "forze esterne", cioè tra Russia e Turchia. Entrambi i paesi sono ora con gli americani non nella condizione di amici e partner, quindi, più sangue si mettono l'un l'altro, più litigano, più danno reciproco causano, meglio è.

Ci sono qui (come del resto sempre quando si parla di Stati Uniti) anche interessi puramente mercantili. L'Azerbaigian, con il suo ostinato desiderio di espandere l'esportazione delle sue risorse energetiche (principalmente gas) in Europa, e anche intenzionato a farlo con l'assistenza turca, è uno dei concorrenti indesiderati di Washington nel mercato di Washington. Quindi, se ci sono due o tre attacchi missilistici sugli impianti industriali locali legati al settore energetico, si rallegreranno solo all'estero. C'è un altro punto. Il candidato alla presidenza degli Stati Uniti Joe Biden se lo è già lasciato sfuggire. Secondo la sua dichiarazione rilasciata il giorno prima, "la risoluzione della situazione in Nagorno-Karabakh" sarebbe stata facilitata non solo dal "dispiegamento del numero massimo di osservatori americani nella zona di conflitto" (semplicemente non avevamo abbastanza agenti di polizia lì!), Ma, soprattutto, "da una completa cessazione. La Russia fornisce armi ad entrambi i paesi ”! Questo è ciò su cui ha puntato ... Questa cifra non è ancora entrata alla Casa Bianca e non si sa se entrerà, ma è da tempo che si è notato che ciò che lo "stato profondo" ha in mente, Biden ha nella sua lingua.

In ogni caso, prima di valutare il ruolo degli Stati Uniti nel nuovo sanguinoso conflitto nel Caucaso, sarebbe bello trovare una risposta alla domanda: come mai gli Stati Uniti hanno avvertito i propri cittadini in Armenia e Azerbaijan dell'imminente scontro militare pochi giorni prima? inizio ?! Forse è qui che risiede la chiave per comprendere colui dalla cui volontà oggi viene versato il sangue nel Nagorno-Karabakh.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 29 September 2020 10: 54
    0
    Il 16 luglio, il parlamento armeno in seconda e ultima lettura a stragrande maggioranza dei voti (79 contro 17) ha adottato il progetto di legge "Sui media audiovisivi". Tradotto dal parlamentare al russo, si riferisce ad azioni per ripulire lo spazio informativo del paese dall'influenza dell'informazione russa.

    https://vz.ru/world/2020/7/18/1050423.html

    Non ci sono scuole in cui il russo è la lingua di insegnamento in Armenia e puoi studiare solo in armeno. Ma non tutti.

    https://www.bbc.com/russian/international/2009/09/090907_russian_armenia

    Difendendo gli armeni, perché Putin permette di distruggere il "mondo russo" in Armenia? Il problema della Russia è che non possiamo cedere l'Armenia, allora perderemo il Caucaso. Rendendosi conto di ciò, Pashinyan si comporta in modo insolente.
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 29 September 2020 11: 22
      -1
      Pashinyan si sta comportando in modo arrogante.

      Niente impedisce alla Russia di comportarsi in modo simile, coltivando la diaspora armena in Russia. Pashinyan, nel qual caso, volerà a Washington attraverso l'ambasciata americana (vestito con un abito da donna). E la gente comune per sbrogliare il massacro turco. La Russia potrebbe raccomandare vivamente di aprire scuole di lingua russa e media russi in Armenia, altrimenti difenderà solo la sua base militare, e forse anche Yerevan. Eppure la Russia non è obbligata a difendere il Nagorno-Karabakh. Può mettere le forze di pace lì, o annettersi questo territorio, come era sotto l'accordo con l'allora Iran.
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 29 September 2020 11: 11
    -3
    La guerra in Nagorno-Karabakh giova solo alla "terza forza"

    -Ha., Sì, (questa guerra in particolare) è vantaggiosa per tutti assolutamente ... -compresi Erdogan e Mosca ...
    - Erdogan fa scivolare facilmente l'intero stato dell'Azerbaigian in uno stato di guerra (avendo arruolato gli azeri con il suo sostegno) e allo stesso tempo "la potente Armenia" (un altro stato) ... non andrà da nessuna parte e parteciperà ... - Anche lì (in Armenia) basta il loro "sito", o meglio "eroi locali"; che rimarrà sempre ai margini, ma "spingerà in guerra" coloro che sono "più semplici" e li applaudirà allo stesso tempo ... -Va aggiunto che anche senza questo l'Azerbaigian è "completamente addomesticato" e dipendente dalla volontà politica della Turchia ... -di più e sarà in futuro ancora più "gradevole nel prezzo" per il gas fornito alla Turchia, ecc ... - In un modo o nell'altro; ma Erdogan sta praticamente diventando il padrone della situazione nel Caucaso russo ... -E Russia ... come sempre ... -le mani sono legate ... -per aiutare e come aiutare ... -No, ovviamente ... -consegna di armi russe (inoltre, l'Armenia dovrà fornire gratuitamente armi russe) ... - questo è ovvio ... - ma questa non è un'opzione per la Russia ...
    - Bene, comprensibilmente ... -Erdogan trae vantaggio da questo conflitto da tutte le parti ... -E perché è vantaggioso per la Russia ... -Ed è vantaggioso perché questo "momento della verità" che è arrivato può finalmente impostare tutto in molti modi punti sopra la "i" ... - La Russia sta finalmente raggiungendo un momento in cui la Russia può mostrare la sua volontà politica molto duramente ... - sia in relazione all'Armenia che in relazione alla Turchia (ecco come si mostrerà la stessa Russia) ...
    -E anche la Russia avrà finalmente l'opportunità di usare le cosiddette forze armate cecene in questo conflitto ... -se loro ... ovviamente sarà possibile co-organizzarsi e inviare lì (anche questo ... non è un dato di fatto) ... ma diventerà chiaro e cesserà di essere sconosciuto ...
    -E poi durante la guerra con la Georgia "08.08.08". questo eroico battaglione era così ansioso di "prendere parte a quella guerra"; che è arrivato a quella guerra quando era già finita ... -Qui ora c'è una reale possibilità ... di mostrare eroismo ...
    -Come per gli americani e l'UE; poi gli americani ... - certo che questa guerra è benefica ... - allora non servono nemmeno le parole ...
    -E per l'UE ... -questo conflitto è un'ingenua speranza che finalmente, in qualche modo, almeno per terza mano ... almeno qualcuno ... -ma comunque ... -finalmente " frenerà l '"Erdogan non cinturato ... e rimuoverà la sua influenza nel Mediterraneo ...- sogni ingenui ...
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 29 September 2020 12: 15
    +1
    L'intera debolezza di tale analisi risiede nel fatto che l'autore considera un assioma che Baku sia governata da Istanbul. Questo è l'errore principale. Il secondo errore è che l'Azerbaigian, ovviamente, subisce perdite finanziarie a causa della crisi e dell'epidemia. La situazione è disastrosa, ma non disastrosa. In ogni caso, non peggio che in Russia. Il terzo errore è che c'è una forza in Azerbaigian che può muovere Aliyev. Una tale forza semplicemente non esiste al momento.
    Il motivo principale è l'occupazione delle terre azere. E non troverai una sola persona in Azerbaigian che non consideri questa guerra di liberazione.
    Siamo grati alla Turchia per il suo sostegno, ma nessuno sano di mente conta sulla guerra della Turchia contro l'Armenia. Al momento, personalmente sono solo rattristato dalle perdite nell'esercito azero. Spero che siano giustificati.
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 29 September 2020 14: 23
      -1
      Forse l'Azerbaigian avrà più fortuna con il Karabakh che la Serbia con il Kosovo.
    2. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
      Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 29 September 2020 20: 45
      +1
      L'attiva posizione pro-azera della Turchia apporta seri aggiustamenti allo scontro locale tra Baku e Yerevan. La Russia, credo, non sarà in grado di farsi da parte, poiché la vittoria dell'Azerbaigian rafforzerà la posizione della Turchia nel Caucaso russo. D'altra parte, l'Iran, che sostiene l'Armenia, non ha detto la sua parola. Resta il fatto che è impossibile condurre operazioni militari su larga scala per lungo tempo, tenendo conto delle economie degli avversari. Fai rumore quanto vuoi sulle perdite ciclopiche l'uno dell'altro. L'unico intrigo è fino a che punto andrà la Turchia e fino a che punto potrà spingersi.
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 29 September 2020 22: 32
        +1
        La Russia garantirà solo la sicurezza del territorio dell'Armenia. Considerando che l'Azerbaigian non lo attaccherà, non ci sono rischi neanche per la Russia.

        Il problema e l'intrigo sono altrove. Ho fatto una domanda ieri. Se la Russia non si adatta esattamente al Nagorno-Karabakh, quali saranno le sue possibilità di mantenere l'Armenia tra i suoi alleati? I russofobi in Armenia avranno una carta vincente per andare in Occidente? Forse questo è l'intero intrigo?

        E non trascinerei la Turchia qui. La Turchia non combatterà invece dell'Azerbaigian. Proprio come la Russia non combatterà al posto dell'Armenia.
        Questa è una guerra tra Azerbaigian e Armenia. Ma solo
        1. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
          Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 30 September 2020 00: 17
          +1
          Pensa seriamente che le dure dichiarazioni del presidente turco Erdogan nei confronti dell'Armenia, sulla sua disponibilità ad andare da Baku a oltranza e fornire assistenza siano solo chiacchiere? E le parole del presidente della Turchia sul conflitto in corso, citate da tutti i media mondiali - vuote chiacchiere, a livello di blogger del sito? A quale non dovresti prestare attenzione? Però. La perdita del Karabakh catalizza una potente crisi politica interna in Armenia. In cui, dopo l'adesione Maidan di Pashinyan, è già inquieto. Già ora, il presidente dell'Armenia afferma che la questione riguarda le sorti del popolo armeno e dello Stato armeno. L'Iran non ha detto la sua parola. E la Russia. Finora è emersa solo la Turchia e in modo molto netto. Per la prima volta negli anni del conflitto armeno-azero. Perdonami generosamente, ma le tue garanzie personali che l'Azerbaijan non combatterà con l'Armenia, temo che non sarà abbastanza per Yerevan. Tuttavia, ripeto: né Baku né Yerevan possono sconfiggersi a vicenda da soli. Ed è difficile definire ciò che sta accadendo come una guerra su vasta scala.
          1. Bakht Офлайн Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 30 September 2020 01: 07
            +1
            Da solo l'Azerbaigian affronterà l'Armenia. Questo non è un grosso problema. Ciò richiede sacrifici assolutamente non necessari per l'Azerbaigian.
            Sei solo sicuro che la Turchia abbia influenza sull'Azerbaigian. Questo è tutt'altro che vero. Ancora di più. Non è affatto così. In generale, non riesco a immaginare che Aliyev stia ascoltando gli ordini di Erdogan. E in generale, c'è un'enorme incoerenza logica in queste costruzioni sull'influenza dominante della Turchia. Non sei assolutamente critico nei confronti della situazione.
            Dimmi, quali leve ha Erdogan per dirigere Baku? Smetterà di comprare benzina e inizierà a comprare dalla Russia? Non venderà armi e licenze per valuta forte? Forse smetterà di accettare turisti? Sei prigioniero del mito armeno sul fantoccio di Baku. L'Azerbaigian restituirà comunque le sue terre. Al Karabakh è stato offerto lo status di elevata autonomia. Non erano d'accordo. Ora non ci sarà stato. Anche se questa guerra si spegnerà in un paio di giorni, scoppierà di nuovo in un paio di mesi. L'Armenia si sovraccaricherà.
            Accettalo come un fatto noto a qualsiasi bambino in Azerbaigian. Il Karabakh è terra azera e tornerà in Azerbaigian. O come parte dell'autonomia con gli armeni, o semplicemente come regioni dell'Azerbaigian senza armeni. Questa è la loro scelta.
            Sia l'Iran che la Russia erano abbastanza inequivocabili. Semplicemente non hai visto queste affermazioni. Il Karabakh appartiene all'Azerbaigian. Sia Teheran che Mosca lo hanno detto.
            La Merkel ha chiamato I. Aliyev e ha ricevuto la risposta "le battaglie si stanno svolgendo sul suolo azero" Il Consiglio di sicurezza dell'ONU prenderà la stessa decisione. La CSTO ha risposto che le battaglie si stanno svolgendo nel territorio dell'Azerbaigian. Cos'altro e da chi ti aspetti una risposta?
            1. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
              Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 30 September 2020 12: 10
              0
              Né etnicamente, né da nessun'altra parte, non sono collegato né con l'Armenia né con l'Azerbaigian. Non ho posto le domande a cui mi hai dato una risposta dettagliata. Posso solo ripetere che, viste le potenzialità di Azerbaijan e Armenia, nessuno degli avversari è in grado di vincere da solo. È necessaria una terza forza. Per l'Azerbaigian, questa è la Turchia.
              1. Bakht Офлайн Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) 30 September 2020 12: 40
                +1
                La Turchia non combatterà
  4. KolaniMir Офлайн KolaniMir
    KolaniMir 30 September 2020 10: 49
    0
    Volevo scaricare il libro dell'autore. Per prima cosa ho deciso di cercare su Google chi è, posso credergli per così dire. Mi sono imbattuto in questo sito. Dopo aver letto un paio di articoli, mi sono reso conto che non leggerò più. Ovviamente è conveniente vedere ovunque i nemici della Russia. Ma la mia visione del mondo è in contrasto con l'autore. Vediamo la radice di tutto il male in luoghi diversi.
    Posso solo augurarti più obiettività di quella che hai adesso.
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 4 October 2020 00: 15
    +1
    La Federazione Russa non è stata in grado di risolvere un solo cosiddetto. conflitto "rinviato" nello spazio post-sovietico, compreso il Nagorno-Karabakh.
    1. L'Azerbaigian, l'Armenia e la Georgia sono inclusi nel programma di partenariato orientale dell'UE, che è stato attuato oggi con poche eccezioni: la Bielorussia.
    2. L'importanza per l'UE di questa regione nei gasdotti strategicamente importanti provenienti dagli Stati dell'Asia centrale, nonché in uno dei corridoi di trasporto della nuova Via della Seta che aggira il territorio della Federazione Russa.
    3. La posizione geografica della regione consente di esercitare pressioni militari sulla Federazione Russa, l'Iran, gli stati dell'Asia centrale e le regioni più remote, compresa la RPC.
    C'è qualcosa per cui lottare, specialmente con le mani di qualcun altro. Il ripristino del potenziale militare da parte di Azerbaigian e Armenia dopo la fine delle ostilità sarà indicativo: l'acquisto di armi dalla NATO o dalla Federazione Russa. L'Azerbaigian è comprensibile. Si può presumere che anche l'Armenia dovrà rivolgersi alla NATO, poiché l'unica strada a disposizione della Federazione Russa è attraverso l'Iran, che ha un proprio interesse geopolitico e, per il bene di revocare le sanzioni, risponderà alle “raccomandazioni” USA-UE-NATO.