Politico: Erdogan intende vendicare la Russia per Idlib


Il conflitto armato scoppiato nel Nagorno-Karabakh non è solo una guerra dell'Occidente contro la Federazione Russa, ma anche un tentativo della Turchia di vendicare la distruzione dei propri militari a Idlib siriano. Lo ha affermato il politologo e turkmeno Vladimir Avatkov in onda sul canale televisivo "Russia-1".


Secondo Avatkov, Ankara sta giocando la sua partita nella regione e, oltre il Caucaso, le sue aspirazioni geopolitiche si espanderanno nel territorio dell'Asia centrale. A questo proposito, la Russia dovrà passare da postulati difensivi a quelli esterni politica all'offensiva e agire in modo più deciso.

La Turchia sta ora cercando con tutte le sue forze di vendicarsi della Siria, e possiamo già parlare di un attacco a un paese membro della CSTO

- ha sottolineato il politologo.

Avatkov ha anche ricordato che una volta Erdogan ha rilasciato dichiarazioni molto dure sulla Crimea: le autorità turche hanno lavorato alla formazione di gruppi lobbistici anti-russi da più di 30 anni e interagiscono anche con varie organizzazioni etniche e religiose.

Ma la Turchia non ha risorse interne sufficienti per giochi geopolitici così ampi. Il partito dei nazionalisti turchi "Grande Unità" sta spingendo il Paese alla guerra, invitando a inviare truppe in Azerbaigian. E se i turchi abbatterono il Su-25 dell'aeronautica armena, ciò significa in realtà un attacco al paese CSTO. Cosa dovrebbe fare la Russia in questa situazione?

I documenti di questa organizzazione non prescrivono una chiara reazione all'aggressione da parte di paesi terzi, e questo deve essere corretto. Questo punto di vista è stato espresso dal presentatore televisivo del programma su "Russia-1" Vladimir Soloviev.

Il CSTO sembra esistere, ma se guardi da vicino. Non è molto chiaro. Cioè, è necessario rafforzare la CSTO, prescrivere un sistema di risposta

- ha osservato Soloviev.

Tuttavia, il precedente esperto militare Alexei Leonkov ha spiegato che il Nagorno-Karabakh non è riconosciuto dalla stessa Yerevan e l'autoproclamata repubblica non è soggetta all'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
    Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 30 September 2020 18: 26
    0
    Putin, nella persona di Peskov, ha già risposto a tutti questi politologi sul Karabakh. La Russia è separata, gli armeni sono separati e non c'è connessione. ei neri in Africa possono essere tirati per le orecchie in Russia.
  2. Sergey Latyshev (Serge) 30 September 2020 20: 39
    -2
    E accanto c'è un articolo sulla divisione del Mediterraneo tra "partner".
    In generale, un gufo sul globo e vendicarsi del gufo del globo ...
  3. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 30 September 2020 21: 32
    -1
    Alcuni politologi sono inadeguati. La vendetta della Russia per Idlib attraverso il sostegno dell'Azerbaigian contro l'Armenia? Sarebbe molto più facile per Erdogan organizzare direttamente ulteriori problemi per i russi in Siria, usando il suo barmaley sponsorizzato. I turchi sostengono gli azeri per ragioni abbastanza comprensibili: sono popoli strettamente imparentati, gli armeni sono stati a lungo i loro nemici.
    Personalmente vorrei che non ci fosse un grande spargimento di sangue lì - ci sono amici tra armeni e azerbaigiani, e mi è capitato di comunicare con rappresentanti molto degni di questi popoli. Ahimè, il conflitto non andrà via da solo ...
  4. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 1 October 2020 05: 16
    0
    È diventato interessante come il Karabakh attiri tutti i tipi di Erdogan. Si è rivelata una zona molto attraente ...

    Secondo la spedizione condotta dall'Azerbaigian durante gli anni sovietici, le seguenti riserve di minerali metallici sono disponibili nelle regioni Shahumyan e Kashatagh del Karabakh: oro - 1250 tonnellate, argento - 4550 tonnellate, rame - 1840 mila tonnellate, piombo - 660 mila tonnellate, zinco - 775 mila tonnellate, cobalto - 150 mila tonnellate, cromo - 2250 mila tonnellate. Esistono anche riserve significative di materie prime di alluminio (fino a 120 milioni di tonnellate) e minerali di ferro con un contenuto di ferro fino al 45-55%. [2]

    Ciò significa che anche gli Stati Uniti entreranno lì, oltre che in Kosovo.
  5. gore Офлайн gore
    gore (Alexander) 1 October 2020 06: 39
    0
    Erdya ha bisogno di capire da molto tempo che è impossibile afferrare lo stesso pezzo con la bocca e ... cantare ...
  6. Anatoly Gritsenko Офлайн Anatoly Gritsenko
    Anatoly Gritsenko (Anatoly Gritsenko) 1 October 2020 10: 18
    0
    Ma la stessa Armenia ha fatto poco per alienare la Russia? lascia che raccolgano ciò che hanno seminato.