Perché sarà difficile per gli americani abbandonare l'uranio russo


Gli Stati Uniti dichiarano "guerra atomica" alla Russia. Al Congresso degli Stati Uniti è stato presentato un disegno di legge secondo il quale il volume degli acquisti di uranio dal nostro Paese dovrebbe essere ridotto di quasi la metà. Washington crede che Rosatom stia minando la sicurezza nazionale dell '"egemone" con le sue materie prime a buon mercato. É davvero?


Obiettivamente, gli Stati Uniti e la Russia sono due grandi potenze nucleari che hanno dominato l'energia nucleare sia militare che pacifica. Dopo la fine della Guerra Fredda, il programma Megatons to Megawatt o l'accordo HEU-LEU era considerato uno dei simboli della sconfitta dell'URSS. Secondo questo documento internazionale del 1993, la Federazione Russa si è impegnata a trasformare almeno 500 tonnellate di uranio per armi altamente arricchito in uranio a basso arricchimento e a fornirlo alle centrali nucleari americane. Nel corso dei vent'anni del programma, 14 combustibili nucleari ritrattati sono stati rimossi dal nostro Paese. Nonostante l'umiliazione di questo accordo per la Russia e l'evidente vantaggio per gli Stati Uniti, alla fine ha giocato uno scherzo crudele con lo stesso "egemone".

Negli anni trascorsi dal crollo dell'Unione Sovietica, gli Stati Uniti hanno perso quasi completamente tecnologia produzione di combustibile nucleare. Le materie prime proprie, estratte principalmente nel Wyoming, rappresentano circa il 10% del consumo totale. Il resto dell'uranio proviene da Russia, Kazakistan, Australia e Canada. Uno dei promotori del disegno di legge è il senatore John Barrasso, in rappresentanza del Wyoming. Secondo la sua idea, nei prossimi vent'anni il volume delle forniture di uranio russo dovrebbe essere ridotto da 595,7 tonnellate a 267,7 tonnellate. Sì, nonostante la scadenza dell'accordo HEU-LEU, Rosatom vende ancora uranio a basso arricchimento agli americani. Centinaia di unità di potenza in un paese industrializzato sono un mercato appetitoso per qualsiasi azienda seria. Tuttavia, non sarà così facile per gli Stati Uniti scendere da questo “ago atomico”.

In primo luogoLa Russia continuerà a controllare una parte significativa dei depositi di uranio. In particolare, la società statale "Rosatom" attraverso la sua controllata possiede il 100% delle azioni di Uranium One. La società russa detiene il 50% e il 49% di partecipazioni in progetti di estrazione dell'uranio kazako a Zarechny e Akbastau. Uranium One possiede anche attività minerarie in Australia, Sud Africa, Canada e negli stessi Stati Uniti. Due anni fa, la sua base di risorse minerarie totale era stimata in 216 mila tonnellate.

In secondo luogoPer quanto strano possa sembrare, gli Stati Uniti sono seriamente in ritardo rispetto alla Russia sulla questione della tecnologia nucleare. Non è sufficiente solo ottenere materie prime, ma deve anche essere elaborato. Ciò richiede centrifughe a gas. Fortunatamente, siamo stati in grado di preservare questa parte dell'eredità sovietica e ora il paese possiede il 30-40% del mercato mondiale per i servizi di arricchimento dell'uranio. Abituati a ricevere combustibile russo già pronto per le centrali nucleari negli ultimi decenni, gli Stati Uniti non hanno mantenuto le proprie centrifughe inutili. Quelli che si trovano sul loro territorio appartengono a società europee.

Inoltre, le tecnologie domestiche hanno importanti vantaggi competitivi. L'estrazione dell'uranio, ad esempio, in Canada è piuttosto difficile e costosa a causa della grande profondità del minerale. È quasi impossibile aumentare rapidamente la produzione. Gli specialisti Rosatom hanno sviluppato una tecnologia molto efficace per la lisciviazione dei minerali di uranio: l'acido viene introdotto nello strato sotterraneo e quindi questa soluzione viene pompata da pompe speciali. Cioè, invece di grandi pozzi fluorescenti nelle steppe del Kazakistan, ci sono diversi pozzi compatti. Di conseguenza, il carburante Uranium One è molto richiesto dal mercato.

Gli americani si trovano di fronte a una scelta difficile. Possono fondamentalmente abbandonare le materie prime russe e iniziare il processo di sostituzione delle importazioni. Ma questo richiederà molti anni e porterà immediatamente a un aumento delle tariffe elettriche, che includerà tutti questi costi. Possono costringere Rosatom a cambiare la propria catena di approvvigionamento in modo che il carburante assomigli alla carta di un'altra azienda. Oppure inizieranno a esercitare una pressione globale sul Cremlino in modo che Uranium One abbia nuovi comproprietari e top manager occidentali nel consiglio di amministrazione, come è già successo con Rusal.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. g1washntwn Офлайн g1washntwn
    g1washntwn (Zhora Washington) 2 October 2020 13: 54
    +2
    Non c'è niente di strano qui. Questo è tutto nella tela della rianimazione della cortina di ferro, o meglio, spostata dalle repubbliche morse dell'URSS, attirate nella propria sfera di "interessi". Dovranno abbandonare completamente gli acquisti nella Federazione Russa, questo è inevitabile, l'intero problema è in termini. Occorre anche organizzare a loro favore la "privatizzazione" delle azioni della stessa Uranium Ore (non è escluso che sanzioni e arresti di predoni). Uccidere il Kazakistan e la Bielorussia per trascinare i loro cadaveri dietro le loro tende (il che non contraddice mai una volta la strategia del graduale strangolamento e privazione delle risorse). Per dare ai propri limotrofi e "alleati" l'opportunità di "guadagnare" sull'arricchimento dell'uranio (leggi - per avere i fondi per acquistare i prodotti del complesso militare-industriale americano). Questo è di nuovo nel concetto di "rendere forte l'America" ​​e restituire la produzione a noi stessi. Calci per guidare altri consumatori di un pacifico e poco atomico verso questi scioperanti ... come se non avessi dimenticato nulla. Oh si. L'importante è approfittare degli errori della leadership russa, provocarli a questi errori, alimentare costantemente il malcontento e lodare il loro "fulgido esempio di democrazia e libertà". Quindi puoi pensare di deframmentare i territori della Federazione Russa in formazioni più piccole di Washington.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 2 October 2020 14: 25
    +1
    Domanda di cazzate.
    In precedenza, è stato scritto che gli americani hanno perso un chip con l'uranio e hanno già deciso di rilanciare l'industria.
    Quindi faranno rivivere e applicheranno tutti i metodi elencati. E perché affrettarsi quando vendono tutto così a buon mercato?
    Guarda come i motori a razzo sono stati venduti sottocosto agli americani, anche loro non avevano fretta. tremavano con le carte, ma capivano perfettamente che i soldi non puzzavano ...
    1. Ammiraglio Hood Офлайн Ammiraglio Hood
      Ammiraglio Hood (Vladimir) 11 October 2020 13: 58
      0
      Non potevano padroneggiare la tecnologia della centrifuga, anche se ci hanno provato tre volte. La diffusione può e sarà ricreata in 10 anni con un costo che è di un ordine di grandezza superiore a quello delle nostre centrifughe.
  3. Kuramori Reika Офлайн Kuramori Reika
    Kuramori Reika (Kuramori Reika) 2 October 2020 14: 28
    +2
    Dobbiamo aiutarli e ripristinare la fornitura ora per promuovere ulteriormente questa repubblica delle banane.
  4. Ammiraglio Hood Офлайн Ammiraglio Hood
    Ammiraglio Hood (Vladimir) 11 October 2020 13: 53
    0
    Il divieto è molto facile da aggirare. L'uranio non arricchito viene acquistato in Canada o in Kazakistan e inviato in Russia per l'arricchimento.
  5. 933454818 Офлайн 933454818
    933454818 (Ivan Ivanov) 31 October 2020 21: 04
    -1
    Cioè, invece di grandi pozzi fluorescenti nelle steppe del Kazakistan, ci sono diversi pozzi compatti.

    Quelli. invece di un acido "fossa di fonite" arricchito con uranio si diffonde su vuoti sotterranei e acque sotterranee, il diavolo sa dove e "fonit" l'intero distretto. Grandi territori sono già stati sporcati in Uzbekistan, grazie a Dio in Russia questo non sembra valere.