Assumere il controllo del Caucaso meridionale: l'espansione della Turchia diventa più ardita


La guerra tra l'esercito azero e quello armeno nel Nagorno-Karabakh continua. Il numero delle vittime cresce da entrambe le parti. I rappresentanti delle tre grandi potenze, Stati Uniti, Francia e Russia, hanno invitato Baku e Yerevan alla pace. Tuttavia, il presidente Erdogan, che non è formalmente un partecipante alla soluzione di questo conflitto, "ha mandato tutti nella foresta", per così dire.


Il leader turco ha letteralmente affermato quanto segue:

È inaccettabile che il gruppo di Minsk chieda ora un cessate il fuoco nel Nagorno-Karabakh. Devono chiedere che l'Armenia si ritiri prima dai territori occupati del Nagorno-Karabakh.

Parole abbastanza audaci da una persona che sostiene direttamente l'operazione militare dell'Azerbaigian, e persino dette in relazione ai suoi due alleati formali della NATO. Cosa dà motivo al "sultano" di assumere una posizione così dura?

In primo luogo, in senso stretto, il diritto internazionale è dalla sua parte. Legalmente, il Nagorno-Karabakh rimane una parte dell'Azerbaigian, l'indipendenza della repubblica del Nagorno-Karabakh non è stata riconosciuta da nessuno, nemmeno dall'Armenia. Esattamente anche in qualsiasi momento l'Ucraina ha formalmente il diritto di lanciare un'offensiva contro la DPR e la LPR non riconosciute. La natura irrisolta di tali conflitti territoriali porta con sé il pericolo permanente di una ricorrenza in qualsiasi momento.

In secondo luogoNonostante l'importanza degli Stati Uniti, della Francia e della Federazione Russa, ciascuno di questi paesi in un modo o nell'altro dipende dalla Turchia. Ad esempio, Washington non è affatto interessata a litigare definitivamente con Ankara e perdere il secondo più forte alleato della NATO. Parigi giustamente teme l'espansione turca nell'Africa settentrionale e centrale, ma il "sultano" in qualsiasi momento può aprire la "valvola" sul flusso di migranti dal Maghreb alla Quinta Repubblica. Il Cremlino dipende dalla compiacenza del presidente Erdogan sul funzionamento del Blue Stream e del Turkish Stream, nonché dal cessate il fuoco nel nord della Siria. Pertanto, non sarà possibile premere con forza su Ankara, è necessario negoziare con essa, e lo stesso "Sultano" Recep lo capisce molto bene.

In terzo luogo, sul "sultano" questo non è affatto uno scherzo. Le idee del neo-ottomanismo sono diventate ancora più popolari in Turchia sullo sfondo dei successi a Idlib e Aleppo, dell'espansione in Libia e delle provocazioni contro i greci nel Mediterraneo orientale. In un modo o nell'altro, sia il presidente Erdogan che il presidente Aliyev sono interessati all'aggravamento in Nagorno-Karabakh, che, a scapito del "piccolo e vittorioso", risolve una serie di problemi politici interni.

Inoltre, è difficile non vedere i tentativi di espandere l'influenza congiunta di questi due stati nel Caucaso meridionale. In Nagorno-Karabakh, i turchi e gli azeri stanno facendo con la forza militare ciò che già stanno facendo con il "soft power" in Georgia. L'espansione in questo paese va avanti da molto tempo. I giovani georgiani ricevono un'istruzione in Turchia, inclusa l'istruzione religiosa. Ankara forma una leale élite locale concedendo prestiti a persone "giuste". La città portuale di Batumi è di proprietà al 70% di immigrati turchi:

Gli hotel, i ristoranti, gli ostelli e i fast food della zona appartengono ai turchi. Lo staff è turco, solo le cameriere georgiane.

Anche gli azeri cercano di stare al passo con loro. Baku possiede il rifornimento locale e l'attività alberghiera, condivide le più importanti imprese e conduce il transito di petrolio e gas attraverso il paese. In generale, questo gruppo etnico è dominante nell'est della Georgia. A Tbilisi, alcuni politica già ora temono che gli azeri borchali possano in futuro sollevare la questione del ritorno "al loro porto natale". In altre parole, abbiamo un collegamento piuttosto serio tra Ankara e Baku, che hanno iniziato a perseguire una politica estera coordinata. Va ricordato che una settimana fa, la più grande raffineria turca di proprietà dell'Azerbaijan SOCAR ha annunciato il boicottaggio del petrolio russo.

Tutto ciò non può che causare seria preoccupazione. Da un lato, l'attiva politica revanscista del presidente Erdogan richiede un certo rispetto. D'altra parte, sta cominciando sempre più ad assomigliare a un personaggio storico che è salito al potere inizialmente con approssimativamente le stesse idee. "Sultan" deve essere pacificato al più presto per il suo bene e per il bene dell'intero popolo turco.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 2 October 2020 14: 45
    +2
    I giovani georgiani ricevono un'istruzione in Turchia, inclusa l'istruzione religiosa.

    - Cosa studia lì e da chi? Al Patriarca di Istanbul? O in madrasse turche? Se questa è una parte dei musulmani, allora in generale la Georgia era un paese cristiano fino a tempi recenti. Quindi si scopre che i giovani georgiani sono andati all'Islam, sputando sui precetti dei loro antenati? Oppure non vale la pena generalizzare con il termine "gioventù georgiana".
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 2 October 2020 15: 03
      0
      Citazione: Bulanov
      Oppure non vale la pena generalizzare con il termine "gioventù georgiana".

      Non c'era generalizzazione. Quando dicono che i giovani fumano e imprecano, non significa che lo facciano tutti.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 2 October 2020 14: 55
    0
    L'autore continua a deludere con i suoi articoli pseudo-analitici
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 2 October 2020 15: 01
      0
      Chi sono i giudici?
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 2 October 2020 15: 16
        -2
        Citi la dichiarazione di Erdogan. Ti ho già scritto: sei fissato con la Turchia. Cerca le dichiarazioni di I. Aliv. Questo è più informativo.
      2. MCMLX Офлайн MCMLX
        MCMLX 6 October 2020 14: 15
        +1
        Citazione: Marzhetsky
        Chi sono i giudici?

        - Lettori, immagino.
  3. Aleksandr555 Офлайн Aleksandr555
    Aleksandr555 (Alexander555) 3 October 2020 01: 35
    +2
    Legalmente, il Nagorno-Karabakh rimane parte dell'Azerbaigian

    È possibile considerare la terra occupata da persone su cui vivono da 100 anni e prima ancora che la giurisdizione del popolo si formasse separatamente dalle altre nazionalità? E che dire del territorio in cui le persone vivevano molto prima che qualcuno nominasse (e questo deve ancora essere indagato) il territorio per il popolo eletto? E il resto dove? In un campo di concentramento? È già successo e sappiamo come va a finire. Oppure può ancora essere considerato il più alto imperativo non un documento legale (inventato non ancora noto come), che non tiene conto del diritto alla vita di TUTTI i residenti, ma dell'inviolabilità dei diritti stessi alla vita di tutti coloro che vivono nel territorio?
    Cosa significa "non riconoscere l'indipendenza"? - Consiglia a chi ci vive da 100 anni di non avere diritti o di morire? Ci sono 50 nazioni in Russia e nessuna di esse può distruggere l'altra, e non appena alcune repubbliche si sono seccate (con la partecipazione di una cospirazione criminale dei leader del paese), sono iniziate le operazioni di pulizia nazionaliste. Ma, dopotutto, la popolazione non è andata da nessuna parte e la gente non ha intenzione di morire. Pertanto, il valore più alto è la vita delle persone sul terreno, e la giurisdizione dei territori, che ignora la vita e la sicurezza della popolazione locale ed entra in conflitto con il diritto alla vita, subirà sempre dei cambiamenti. O pacificamente, o militare, con perdite reciproche.

    L'Ucraina ha formalmente il diritto di lanciare un'offensiva contro DPR e LPR non riconosciuti

    Su quale diritto? - per garantire la morte di una delle nazioni? Se l'Ucraina non è riuscita a sterminare tutti i russi in Crimea dal momento della sua spremitura illegale da parte dell'ucraino Krusciov nel 1954, e nel Donbass (restituito da Lenin), allora la maggior parte dei russi che vivevano lì, che non volevano diventare di seconda classe, guidati dall'indiscutibile imperativo del diritto alla vita, è cambiata " fraudolenta "per una giurisdizione favorevole alla continuazione della vita e tornata a casa in Russia. Sarebbe bello trarre conclusioni. Il diritto alla vita prevarrà sempre su tutti gli altri diritti presi insieme e indipendentemente dall'equilibrio di potere. L'URSS, che divenne il catalizzatore del crollo del sistema coloniale mondiale, dopo il suo crollo nel 1991 tornò di nuovo ai rischi del suo emergere. E la crescita dei sentimenti nazionalisti conferma lo scarso accoppiamento dei fondamenti concettuali fondamentali dello sviluppo tra i diversi popoli. E anche all'interno dello stesso paese.
  4. MCMLX Офлайн MCMLX
    MCMLX 6 October 2020 14: 25
    +1
    E sono d'accordo con l'idea principale dell'autore dell'articolo.
    La Turchia sta tecnicamente strappando il territorio dell'ex Georgia ai georgiani con l'aiuto dei cosiddetti. "Soft power"
    Niente è stato ancora detto qui sulle legioni di missionari di varie sette, dai "testimoni" e scientologisti, ai salafiti, che insieme stanno portando via la Georgia indipendente per parti.