Tre opzioni per risolvere il conflitto del Karabakh: in che modo sono vantaggiose o svantaggiose per la RF


Il conflitto armato più recente, che ha attirato l'attenzione di tutto il mondo, è scoppiato di nuovo, come si suol dire, nel "nostro ventre". Ed è tanto più doloroso per la Russia, perché ancora una volta ciò sta accadendo nello spazio post-sovietico e tra i due popoli e Stati che consideriamo fraterni, e con i quali abbiamo, individualmente, dopo il crollo dell'URSS, nondimeno stabilito buoni rapporti amichevoli.


Ovviamente stiamo parlando del Nagorno-Karabakh. Questo problema è di vecchia data e ben noto. In parte, l'ho già accennato Articolo “Dobbiamo battere prima”: l'allineamento geopolitico intorno alla Russia è in costante deterioramento ”qui, su“ Reporter ”. Pertanto, non analizzerò la complessa e lunga storia, ma andrò direttamente a ciò che abbiamo e cosa si può fare con esso.

Su un piccolo territorio tra l'Armenia e l'Azerbaigian, nella non riconosciuta Repubblica del Nagorno-Karabakh, che è nominalmente una parte dell'Azerbaigian, è in corso una vera guerra, utilizzando tutte le capacità di combattimento e i mezzi tecnici disponibili. Le parti in conflitto, tuttavia, denunciano in qualche modo la gravità della situazione con le loro dichiarazioni ad alta voce - in un paio di giorni di ostilità, a causa delle perdite di entrambe le parti nell'esercito di terra. tecnica, secondo loro, va a centinaia di unità e l'aviazione a dozzine ... Anche tenendo conto del famigerato Caucaso, per usare un eufemismo, le immagini nelle espressioni, l'immagine è disegnata in modo fantastico - qualcosa di paragonabile o con Stalingrado, o con il Kursk Bulge, non meno. Anche se tutte le persone sobrie capiscono che non c'è niente di simile lì per definizione, e non può essere. Almeno in base al fatto che la scala dei partecipanti, con tutto il rispetto, non è la stessa.

Tuttavia, il conflitto è divampato con rinnovato vigore, le persone stanno morendo, compresi i civili, e alcuni attori internazionali e regionali stanno già cercando di trarre il proprio vantaggio da tutto questo. È del tutto possibile che un po 'più tardi diventerà chiaro che l'inizio delle ostilità è stato provocato da qualcuno dall'esterno. Ma per ora lasceremo anche questo fuori parentesi. Ora è necessario in qualche modo fermare tutto questo, ma come? Ci sono principalmente tre programmi possibili, ed è li che esaminerò brevemente dal punto di vista dei vantaggi o degli svantaggi specifici per la Federazione russa. E il fatto che sia la Federazione Russa che l'intero conflitto non è in alcun modo vantaggioso, credo, è chiaro a tutti. Quindi dovrai sicuramente intervenire attivamente nella sua risoluzione.

Le opzioni sono le seguenti:

1. Un tentativo (l'ennesimo) di un'ampia soluzione internazionale, sia nell'ambito dei poteri regionali, sia di un gruppo di "interessi" come Minsk, OSCE, ONU o qualcosa di simile;
2. Intervento indipendente della Russia con appelli e proposte ad entrambe le parti;
3. Azioni nel quadro della CSTO e, possibilmente, anche della SCO.

Allora cosa può venire da tutto questo.

Opzione uno - "Comunità internazionale"


Ciò significa convocare una sorta di conferenza sotto gli auspici di qualche organizzazione internazionale esistente, ecc. Tutto questo, come sappiamo, anche su questo tema, è già avvenuto. E, a giudicare dalla situazione odierna, non ha portato a nulla. E con uno sguardo allo stato di ciò che ora viene chiamato "diritto internazionale", non può portare a nulla - questo stesso "diritto internazionale" non ha leve di influenza su nulla in generale nel mondo moderno. Già tace sul fatto che lo interpretino, giustamente, anche tutti quelli che vogliono e come vogliono, o sembrano più redditizi. Nella migliore delle ipotesi, il fuoco verrà nuovamente interrotto per un po 'e il conflitto "congelerà" fino alla successiva "scintilla". E quelle scintille ci sono, oh, quante persone vogliono colpire costantemente!

La prima, ovviamente, sarà la Turchia, con i suoi modi di un nuovo impero ottomano delle dimensioni dell'intero Medio Oriente. I turchi sono già completamente e completamente impegnati nel conflitto, come vogliono presentarsi dall'esterno, dalla parte dell'Azerbaijan turco che è loro vicino. Ma in realtà, ovviamente, sono dalla parte lì esclusivamente da soli, con tutto ciò che ciò implica. E anche se il conflitto verrà nuovamente congelato per un po ', questo non impedirà certo ai turchi di rafforzare le loro posizioni in questa regione, non escludendo l'introduzione di gruppi terroristici sotto il loro controllo dal territorio siriano, dove ora stanno attraversando un periodo difficile. Tutto può finire, senza dubbio, anche molto peggio di quanto non sia adesso. Questa sarà la seconda Siria o Libia, ma già nello spazio post-sovietico. Penso che non sia necessario spiegare le conseguenze per la Federazione russa.

E quelli che, per così dire, fanno appello alla pace dall'Occidente, dall'Europa e dall'America, non sembrano molto sinceri sullo sfondo di tutto ciò che sta accadendo. Ebbene, giudicate voi stessi: da un lato, tutto questo, ovviamente, è un altro grave problema per la Federazione Russa e nelle immediate vicinanze della Russia, anche se abbastanza lontana dall'UE, per non parlare degli Stati Uniti. E cosa, se non creandoci tutti i tipi di problemi da tutte le parti, gli occidentali sono stati impegnati negli ultimi, almeno vent'anni? Ciò si adatta bene al loro concetto strategico di indebolimento e rallentamento della Russia, minando la sua nuova influenza crescente sulla scena mondiale. Ebbene, come non approfittare di questa opportunità? ... D'altra parte, alcuni stati europei, gli Stati Uniti e persino all'interno del blocco NATO hanno recentemente avuto diversi gravi conflitti con la Turchia. E poi c'è una tale opportunità di contrattare davvero con Erdogan: come, "davvero, così sia, non ti daremo fastidio in Armenia e Azerbaigian, buttare i russi lì come vuoi, e tu, amico mio, smetti di arrampicare, ad esempio, in acque territoriali, acquistare armi russe, costruire con esse gasdotti, centrali nucleari, ecc. e in generale, nel quadro dell'Alleanza, comportarsi in modo più decente ". Bene, o qualcosa del genere.

A mio parere, questa è un'opzione molto realistica. Inoltre, anche Erdogan non è onnipotente, combattere in Libia, in Siria e nel Mar Mediterraneo con i greci e i francesi è decisamente al di là del suo potere, e lo capisce. E capisce anche che se finalmente litigherà con la NATO, allora non ci sarà nessuno a chiedere sostegno, se qualcosa va storto ... Quindi finirei con il formato internazionale. Secondo me è tutto chiaro e per noi questa non è un'opzione.

Opzione due: la Russia "si accontenta" in modo indipendente


Questa opzione è possibile? A disposizione. Lo abbiamo già dimostrato in Siria. Ma lì, di fatto, eravamo su una delle parti in conflitto, e qui per noi sarebbe un enorme errore strategico con conseguenze di vasta portata. Anche entrare come una sorta di forza neutrale è un'uscita. Ma in questo caso, noi, almeno in parte, peggioreremo nuovamente i rapporti con entrambe le parti. Tutti noi, da tutte le parti, inizieremo ad accusarci di modi imperiali e di interferenze negli affari degli Stati sovrani. E poi aspettare le prossime sanzioni. Allo stesso tempo, tutti gli attori esterni certamente e, a differenza del piano precedente, già apertamente "metteranno i bastoni tra le ruote" in tutti i modi possibili e da tutte le parti - un rafforzamento così indipendente della Russia nella regione non è redditizio per nessuno, né per i turchi, né per gli iraniani, né per gli occidentali. Le comunità armene negli Stati Uniti e in Francia, ovviamente, hanno un certo peso, ma ... non esageriamo davvero - non avrà alcun impatto sulla geopolitica mondiale, non importa come qualcuno vuole. E il risultato finale della "resa dei conti del Karabakh" per la Federazione Russa, con tutto questo, rimane molto ambiguo, e il suo raggiungimento richiederà molto tempo - forse anni e, ovviamente, fondi. E questo con la totale opposizione al processo da quasi tutte le parti. Ne abbiamo bisogno in questo modo? Non sono sicuro.

Opzione tre: CSTO


Quando cito questa organizzazione, ora in collegamento con la Bielorussia, ora con l'Armenia, ho costantemente la sensazione che il principio principale della CSTO sia l'obbligo della Federazione Russa di proteggere qualcuno da qualcosa. Sì, senza dubbio, la Russia è la potenza più forte e più grande di questo blocco. Tuttavia, è un'organizzazione di "sicurezza collettiva". E questo principio è incorporato proprio nel suo nome. Cioè, se in questo caso particolare, a seguito del conflitto del Karabakh, gli interessi dell'Armenia sono direttamente esposti a una minaccia militare dall'esterno, allora sia la Federazione Russa che tutti gli altri membri dovrebbero essere protetti nell'ambito del trattato: Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan allo stesso modo meno. Pertanto, sulla base della proposta o della richiesta dell'Armenia, dovrebbe essere convocato l'intero Consiglio dei leader degli Stati membri, in cui verrà presa una decisione comune (!).

Pertanto, non sembrerà più un'iniziativa regionale unilaterale della Federazione Russa e sarà molto più difficile biasimarci da qualsiasi parte. Se i membri della CSTO decidono di proteggere l'Armenia nell'ambito di questo trattato, è necessario portare nella regione i contingenti militari di tutti gli stati membri, ad eccezione della Russia, poiché abbiamo già una base lì - una buona ragione ancora una volta per "stare fuori dai guai". Inoltre, è necessario introdurre i contingenti in modo tale che, se possibile, divida in qualche modo le parti in conflitto da loro, e la base russa fornirà una no-fly zone sulla regione. Cioè, anche nel quadro della CSTO, sarà più probabile un'operazione di mantenimento della pace internazionale e non un sostegno inequivocabile per una parte del conflitto. E questo ammorbidirà di nuovo la situazione. Il possibile malcontento degli azeri non sarà più diretto inequivocabilmente verso la Federazione Russa. E nemmeno i grandi "predatori" locali come la Turchia e l'Iran saranno così sicuri di sé.

Inoltre, la Federazione Russa e tutti i suddetti membri della CSTO, oltre all'Armenia, sono, insieme alla Cina, anche membri della SCO, con Iran, India, Pakistan e Mongolia come osservatori. E anche questa carta, suppongo, deve essere giocata. Anche il sostegno passivo della Cina su questo tema significa molto, soprattutto considerando la maggiore dipendenza dell'Iran dai compagni cinesi negli ultimi anni. E la Cina è poco interessata a un forte squilibrio della situazione proprio sul territorio della costruzione del suo sogno eurasiatico - la "Nuova Via della Seta", quindi c'è un motivo per intervenire, almeno a livello morale.politico supporto. E forse non solo ... In questo formato, mi sembra, l'Azerbaijan sarà "più tranquillo" e tutte le altre parti interessate si abbasseranno un po '. Se il fatto della presenza di gruppi terroristici alieni nella zona di conflitto è confermato, è del tutto possibile da forze congiunte, sia la CSTO che la SCO, organizzare un'operazione internazionale antiterrorismo congiunta nella regione, che è anche direttamente nell'interesse di tutti i partecipanti.

Se in questo modo si tiene sotto controllo la situazione in Karabakh, ritengo necessario organizzare un'assemblea generale dei capi degli Stati membri della CSTO più l'Azerbaigian. Al che, infine, la dirigenza della Federazione Russa, dopo aver descritto lo stato generale delle cose e confermato la presenza di gravi minacce esterne nello spazio post-sovietico, dovrebbe, come si dice, segnalare la questione della creazione di un nuovo perimetro comune di sicurezza e integrazione reciproca, possibilmente simile allo spazio Schengen senza frontiere interne ... Il che, a sua volta, ridurrà drasticamente le tensioni in luoghi come il Nagorno-Karabakh. Inoltre, dovrebbe essere offerto in modo tale che sarebbe molto difficile rifiutarlo. E allo stesso tempo per ricordare che il prossimo periodo storico tra le due guerre di "parata di sovranità" e "multi-vettore" sta inesorabilmente volgendo al termine. E per ora, puoi scegliere volontariamente da che parte stare, in base alla tua esperienza storica, alle tue abitudini e ai reali interessi nazionali. Presto finirà tutto e piccoli stati inizieranno semplicemente a derbanare giocatori più forti, come era prima.

Allo stesso tempo, non credo che, almeno in questa fase, la RPC sarà in qualche modo contraria a tale decisione - hanno un chiaro economico modi per espandere la propria influenza e devono essere convinti che la formazione di un nuovo grande blocco senza confini interni semplificherà solo le loro attività economiche nella regione.

E se la Russia vuole svilupparsi ulteriormente come superpotenza mondiale, o impero, o semplicemente come il più grande stato indipendente e autosufficiente del mondo, chiunque lo voglia, allora semplicemente non ha altro modo. E prima inizi a farlo, maggiori sono le possibilità di successo. Altrimenti, dopo Pridnestrovie, Ucraina, Bielorussia e Karabakh, i nostri nemici, “partner”, daranno fuoco a qualcos'altro, a cui non siamo molto indifferenti. Certamente non si fermeranno. E noi? ... Ci sistemeremo di nuovo o, finalmente, ci assumeremo la responsabilità per il futuro dei popoli della Russia e di coloro per i quali la Russia si è assunta questa responsabilità per secoli? ... Dopo tutto, dove sarebbero ora gli stessi armeni senza i russi? A quanto pare, solo nei libri di testo di storia ... E anche tutti gli altri, gli stessi "indipendenti", hanno qualcosa da ricordare ...

Quindi personalmente mi piace l'opzione n. 3. A chi è rivolto: votare e scrivere lettere alla nostra leadership. E se aiuta?

Mi piacerebbe davvero. Se funziona, sarà sicuramente più facile comunicare con il resto del mondo da tali posizioni. È anche giunto il momento di risolvere definitivamente, e in nessun altro modo, i problemi del Donbass e della Transnistria, senza prestare attenzione all'urlo del mondo "democratico e libero". E lì, vedi, costruiremo l'Europa da Lisbona a Vladivostok, solo alle condizioni di cui abbiamo bisogno, e non a nessun altro. Loro, in Occidente, dichiarano solo libertà e democrazia, e loro stessi non capiscono, non percepiscono o rispettano altro che la forza. E lo sappiamo anche dalla nostra ricca esperienza storica.

Beh, in qualche modo ... E tutto questo non è un'ideologia e un obiettivo di sviluppo per una superpotenza? ... Secondo me, è semplicemente abbastanza adatto.
36 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 3 October 2020 21: 37
    0
    Un vivido esempio dell'errore di non includere il Karabakh in Armenia come parte dello Stato. Pertanto, ora c'è una guerra prolungata con la controversa formazione del Karabakh, e l'Azerbaigian sta combattendo con tutte le sue forze, e gli armeni non possono usare tutto il potere delle forze armate armene ... Questo è proiettato nel Donbass e in Transnistria per la Russia, non si possono risolvere questioni così fondamentali con mezze misure. Riconoscendo i voti approvati di LPR e DPR e includendoli nella Federazione Russa, la questione sarà definitivamente risolta, altrimenti la ripresa delle ostilità è inevitabile.
    1. Bakht Online Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 3 October 2020 23: 07
      0
      Il Karabakh non poteva essere incluso in Armenia. Il compagno Stalin era coinvolto negli affari delle nazionalità negli anni '20. Se era duro (crudele), nessuno lo ha mai considerato uno sciocco. E per qualche ragione ha deciso che l'Ossezia del Sud dovrebbe far parte della Georgia. E il Nagorno-Karabakh fa parte dell'Azerbaigian. A proposito, vecchi documenti dicono che i contadini del Nagorno-Karabakh (compresi gli armeni) chiedevano moltissimo di essere inclusi nella composizione dell'Azerbaigian. E c'erano ragioni molto, molto buone per questo.
      Anche adesso può essere visto ad occhio nudo.
  2. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
    Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 3 October 2020 21: 47
    0
    Finisci, ma i vincitori non vengono giudicati.
  3. lahudra Офлайн lahudra
    lahudra (Nikolay Kondrashkin) 3 October 2020 22: 02
    -4
    Il problema del Karabakh può essere risolto solo infliggendo una sconfitta militare all'Armenia.
  4. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 3 October 2020 22: 23
    +2
    Manderai truppe russe (altri rifiuteranno) nel territorio dell'Azerbaigian?
  5. Lysik001 Офлайн Lysik001
    Lysik001 (ragazzo Seryozha) 3 October 2020 23: 09
    +2
    Il popolo armeno ha scelto un presidente anti-russo! L'ho scelto io! Nessuno glielo ha forzato! Il popolo armeno ha accettato questa posizione anti-russa e la politica del suo presidente! E il popolo armeno pagherà un caro prezzo per questa stupidità. Come sai, la stupidità ... la cosa più costosa è che devi pagare di più per questo. E non sperare nemmeno che la Russia possa sfruttare la tua resa dei conti con l'Azerbaigian! Questo non accadrà! Quindi grazie per aver salvato le vite dei nostri soldati con la tua stupidità!
    1. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
      Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 4 October 2020 06: 47
      0
      Ragazzo Seryozha. Nel mondo moderno, il popolo non può essere responsabile del leader eletto, dice uno che non conosce le tecnologie delle elezioni. Le elezioni nel mondo di oggi sono un gioco di ditali. E quando tutta la colpa è attribuita alle persone, è il desiderio di riscaldare la situazione.
  6. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 4 October 2020 00: 34
    +1
    Peskov ha definito la condizione per l'invio di forze di pace russe in Karabakh

    iz.ru/1069170/2020-10-04/peskov-nazval-uslovie-dlia-otpravki-rossiiskikh-mirotvortcev-v-karabakh
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 4 October 2020 02: 01
      0
      ... questo è il mio articolo, a quanto pare, non ha ancora fatto in tempo a leggerlo! richiesta
      1. GRF Офлайн GRF
        GRF 4 October 2020 05: 37
        0
        l'introduzione di forze di pace, in accordo con tutte le parti in conflitto, è la quarta opzione, che non è descritta nel tuo articolo ...
        dopotutto, nel secondo caso, da lei proposto, la Russia si prende cura di se stessa, ad es. senza accordi, proprio come gli americani, il che però non è realistico ...
        1. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
          Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 4 October 2020 06: 50
          +1
          Ancora una volta, dopo l'Ossezia meridionale, non c'è bisogno di sostituire le persone.
        2. Pishenkov Офлайн Pishenkov
          Pishenkov (Alex) 4 October 2020 11: 23
          +2
          Ci sono, infatti, più opzioni. Non insisto che la mia modesta opinione sia la verità ultima. Il commento sopra relativo a Peskov è, ovviamente, uno scherzo. Ci sono tutti i tipi di opzioni, la questione è nella loro reale fattibilità - nessuna delle parti accetterà di guidare le forze di pace ora, dal momento che non saranno d'accordo su DOVE dovrebbero stare, su quale linea.
          La Federazione Russa sarà in grado di risolverlo da sola, è già stato dimostrato e ho scritto su questo. Gli stessi Stati Uniti, semplicemente, non hanno governato nulla da nessuna parte, ma sono rimasti solo bloccati nei conflitti. Sono entrati da soli e poi hanno iniziato frettolosamente a creare varie "coalizioni", dando alle loro azioni una certa forma di legittimità internazionale.
      2. Bakht Online Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 4 October 2020 09: 26
        +4
        Il piano più realistico è quello proposto molto tempo fa. L'Armenia lascia le regioni occupate, la guerra finisce e il Nagorno-Karabakh riceve lo status di autonomia. Con una lingua regionale, con propri organi di autogoverno, ma all'interno dell'Azerbaijan. Sia G.Aliyev che I.Aliyev lo hanno proposto ripetutamente. In risposta, abbiamo sentito che 7 regioni rappresentano una "cintura di sicurezza" e l'Armenia non le rinuncerà. Ho detto cento volte che questa è una "cintura di pericolo".
        È stato spesso sostenuto che l'esercito armeno è il più forte nel Caucaso meridionale. E ancora, è stato detto cento volte che la situazione è cambiata. Non ci saranno unità di guerriglia. Ci sarà un esercito unificato sotto controllo. E le battaglie saranno combattute con l'artiglieria. Sotto artiglieria e razzi, nessun Rambo sopravviverà.
        Ora la situazione è cambiata radicalmente. Sono sempre stato contro la guerra e per il regime di autonomia all'interno dell'Azerbaigian. Gli armeni hanno rifiutato questa opzione. Non è più visibile. Sebbene I. Aliyev non escluda le normali relazioni con l'Armenia in futuro. E offre pace e partecipazione a progetti economici regionali.
        1. Bakht Online Bakht
          Bakht (Bakhtiyar) 4 October 2020 09: 33
          +2
          Mi viene spesso chiesto perché sostengo il Donbass e non sostengo il Karabakh. La risposta è semplice. Perché questi sono conflitti diversi e un approccio diverso. Se Kiev offre al Donbass l'autonomia con la propria lingua e con i propri organi di autogoverno, allora la guerra finirà lì. Ma Kiev, a differenza di Baku, non lo offre.
          I conflitti hanno cause diverse. Ma la metodologia per risolverli dovrebbe essere la stessa.
          C'è un'altra differenza nell'approccio. Ciò riguarda la posizione dell'Occidente. L'Occidente ha introdotto sanzioni contro la Russia e non le ha imposte contro l'Armenia. Al contrario, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro l'Azerbaigian. Pertanto, non vedo alcuna somiglianza in questi due conflitti.
          Ma dico spesso che il Donbass come parte di un'Ucraina neutrale non allineata con i diritti di autonomia è il modo per risolvere il problema. Così come il Karabakh come parte dell'Azerbaigian neutrale non allineato.
        2. Pishenkov Офлайн Pishenkov
          Pishenkov (Alex) 4 October 2020 11: 33
          +1
          La tua opinione è decisamente corretta. Ma ci sono troppi di quelli a cui non piace, a cui non piace affatto stare zitti lì, e questo include le forze che hanno messo Pashinyan alla presidenza del primo ministro. Quindi come possono ragionevolmente essere d'accordo?
          Personalmente, ammetto pienamente che nell'Azerbaigian moderno nessuno commetterà alcun genocidio sugli armeni.
          Ma se i turchi entrano davvero nella regione, né gli armeni, né i georgiani, né gli azerbaigiani la troveranno troppo piccola.
          1. Bakht Online Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 4 October 2020 12: 22
            +1
            Cosa intendi con "i turchi entreranno"? L'Azerbaigian perderà la sua indipendenza? I. Aliyev diventerà governatore invece che presidente?
            1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
              Pishenkov (Alex) 4 October 2020 15: 03
              +1
              Ma perché? Può continuare a essere chiamato presidente o pascià, come preferisce, nominalmente, e molto probabilmente l'Azerbaigian rimarrà uno stato indipendente. E infatti entrerà a far parte della Turchia, come l'Agiaria ...
              Questo è uno scenario ancora migliore, nel peggiore dei casi, l'Azerbaijan diventerà un altro stato orientale devastato con una guerra costante sul proprio territorio, che ha perso la sua ricchezza, comodità e indipendenza effettiva ... E in questa guerra, come in Siria, tutti quanti saliranno a strappati via il tuo pezzo di torta ...
              1. Bakht Online Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) 4 October 2020 15: 38
                +1
                Non credo proprio. È tutto inverosimile
                1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
                  Pishenkov (Alex) 4 October 2020 15: 58
                  0
                  Dio non voglia che sia così, e non nella versione della Siria occidentale di oggi o di Cipro del Nord nel secolo scorso.
              2. Bakht Online Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) 4 October 2020 15: 49
                +2
                Sono tutte emozioni. L'opzione più ragionevole è stata proposta da H. Aliyev 20 anni fa. La prima e necessaria condizione è che l'Armenia liberi le regioni occupate. Inoltre, H. Aliyev ha accettato di 6 su 7. Dopodiché, inizia il processo di negoziazione. E senza giocatori esterni. Vengono creati due cerchi di sicurezza. Il piccolo cerchio è Azerbaigian, Armenia, Georgia. Risolvi i loro problemi. Il grande cerchio è costituito dai garanti e dagli arbitri: Russia, Iran, Turchia. E nessun giocatore esterno seduto lontano.
                1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
                  Pishenkov (Alex) 4 October 2020 16: 40
                  +1
                  E senza giocatori esterni. Vengono creati due cerchi di sicurezza. Il piccolo cerchio è Azerbaigian, Armenia, Georgia. Risolvi i loro problemi. Il grande cerchio è costituito dai garanti e dagli arbitri: Russia, Iran, Turchia. E nessun giocatore esterno seduto lontano.

                  - Chi permetterà loro tutto questo? Per conto proprio? E chi di loro è davvero un giocatore indipendente? Dal crollo dell'URSS, non hanno risolto in alcun modo i loro problemi nazionali, ma si sono solo aggravati e moltiplicati.
                  E per quanto riguarda i garanti e gli arbitri, chiedi a Yanukovich come funziona. Oppure guardate l'Ucraina di oggi alla luce del gruppo di Minsk, dei garanti, ecc. Gli stessi "garanti" stanno già combattendo per la Bielorussia. In generale, non ricordo qualcosa, in questo secolo, almeno quando questi formati hanno portato a qualcosa di buono. Come massimo successo - un altro congelamento del conflitto, ma per quanto tempo nessuno te lo dirà, né i partecipanti, né i "garanti" ...
                  1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
                    Pishenkov (Alex) 4 October 2020 16: 43
                    0
                    PS ... se intendi la Siria come esempio, non dimenticare che in un primo momento le Forze armate RF stavano stirando tutto lì per molto tempo e con insistenza, e poi è apparso un certo formato con "garanti". Ed è difficile chiamarlo stabilità e silenzio. Vuoi questo futuro per l'Azerbaigian? Con tali garanti?
                  2. Bakht Online Bakht
                    Bakht (Bakhtiyar) 4 October 2020 16: 56
                    +1
                    Quindi dovrai sopportare la presenza di estranei. Stati Uniti, Germania, Francia. Si suggerisce il formato degli interessati. E chi ti ha detto che noi stessi non possiamo risolvere i nostri problemi?
                    Non mi piace questa proposta, l'altra sarà anche peggio. A seconda del risultato, una delle parti andrà in Occidente. E qui ci saranno basi americane. Non turco, ma americano.
                    -------
                    Ultime notizie dal fronte: l'Azerbaijan è tutto Jabrayil. Cioè, il Karabakh è tagliato fuori dall'Iran.
        3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
          Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 10 October 2020 18: 09
          0
          Il piano più realistico è quello proposto molto tempo fa. L'Armenia lascia le regioni occupate, la guerra finisce e il Nagorno-Karabakh riceve lo status di autonomia. Con una lingua regionale, con propri organi di autogoverno, ma all'interno dell'Azerbaijan

          È così, ma dopo aver risolto un problema, ne appariranno altri due: Crimea e DPR-LPR.
          1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
            Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 10 October 2020 18: 10
            0
            Più la Repubblica Transnistriana
            1. Bakht Online Bakht
              Bakht (Bakhtiyar) 10 October 2020 18: 51
              +1
              La Transnistria è una situazione completamente diversa. Non sono bravo con i dettagli di quel conflitto. Ma, a quanto pare, stanno parlando dell'assorbimento della Moldova da parte della Romania.
          2. Bakht Online Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 10 October 2020 18: 49
            +1
            La Crimea non è più un problema. La Crimea fa parte della Federazione Russa e non se ne discute più. Propongo DNR-LPR secondo lo stesso schema. scrissi

            I conflitti hanno cause diverse. Ma la metodologia per risolverli dovrebbe essere la stessa.

            Ma è tutto nel passato. L'Armenia ha rifiutato questa opzione per 20 anni. E ora la guerra ha cambiato tutto. I. Aliyev ha assolutamente ragione, affermandolo

            l'ex status quo non è più e non lo sarà mai.

            Ci sarà una nuova realtà.
  7. GRF Офлайн GRF
    GRF 4 October 2020 06: 13
    +1
    Beh, in qualche modo ... E tutto questo non è un'ideologia e un obiettivo di sviluppo per una superpotenza? ... Secondo me, è semplicemente abbastanza adatto.

    Combattere sotto la copertura di qualcuno, o meglio ancora per mano di qualcun altro, è senza dubbio efficace, ma prima non eravamo così, anzi, eravamo ansiosi di lottare per qualcuno che facesse un "disservizio", per il quale poi i loro discendenti "ringraziano" che non una goccia non toglie nulla al nostro eroismo e al nostro sacrificio per amore della giustizia ...
    Considerando che i robot possono svolgere il ruolo delle mani di qualcun altro, è necessario cambiare quando puoi semplicemente sviluppare vigorosamente la robotica dalla produzione e dalla difesa, per aiutare a ripristinare l'ordine all'estero nei tuoi interessi.
    Sperare in qualcuno va bene finché gli "alleati" con i dushmans non sono guidati dalla shura-mura nelle retrovie ...
  8. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 4 October 2020 06: 55
    +1
    È chiaro che una situazione del genere è molto spiacevole per la Russia. La CSTO ha probabilmente stabilito le condizioni alle quali l'assistenza dovrebbe essere fornita. Parlare con Armenia e Azerbaijan è già inutile, devi parlare con giocatori che vogliono unirsi a questa guerra.
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 4 October 2020 11: 51
      0
      Devi parlare con i giocatori che vogliono unirsi a questa guerra.

      - sarà una discussione con i thimblers del mercato sulle regole eque per giocare per soldi. E con lo stesso risultato finale.
      1. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
        Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 4 October 2020 15: 27
        0
        Alessio. Abbiamo esattamente gli stessi operatori di mercato.
        1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
          Pishenkov (Alex) 4 October 2020 15: 56
          +1
          ... come ho osservato di recente, la nostra "gente del mercato" non è ancora nella posizione di un giocatore in ditali, ma solo di un fannullone senza scarpe che sta cercando di pompare diritti "sui concetti" con i rulli. In un momento in cui è giunto il momento di colpire il viso. La contrattazione con katala in qualsiasi formato termina con una sola cosa: ferrare una ventosa
      2. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
        Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 4 October 2020 15: 30
        0
        Alessio. La borghesia non ha epiteti. Trovo sempre divertente quando la nostra borghesia è definita positiva.
  9. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 4 October 2020 09: 46
    0
    Tre opzioni per risolvere il conflitto del Karabakh: in che modo sono vantaggiose o svantaggiose per la RF

    -L'autore è entrato in una tale giungla che non puoi uscirne ...
    -Può essere ricordato ancora una volta che la Russia non ha mai avuto alleati; non lo sono nemmeno adesso; e non sarà mai ... -Bielorussia già ... -anche "non conta" ...
    -La Russia è redditizia oggi ... se l'Azerbaigian ha finalmente vinto questo conflitto ... -Ma sembra che non avrà successo ... -Tutto finirà di nuovo con una "tregua traballante" ... -E ciascuno ( Armenia e Azerbaijan) si dichiareranno nuovamente "vincitori" ...
    -Gli americani in questo caso vincono questa festa; Pashinyan è di nuovo "a cavallo" e si comporterà di nuovo in modo irrispettoso con Mosca ...
    -Che Mosca ... -Ha perso anche qui ... -Nonostante il comportamento di questo Pashinyan ... -Mosca sarà di nuovo costretta a questo, Pashinyan non proprio amichevole ... -per fornire le sue armi gratuitamente ... -E chi è per pagherà ??? -E 'chiaro e quindi ...
    - Ma la Russia sta perdendo la partita contro l'Europa ... - Perché. La Russia è già considerata dal mondo intero come il più vicino sostenitore della Turchia e il suo alleato e più vicino assistente (è così che la Russia deve riuscire a ... entrare in un tale d___ mo); poi tutti i fallimenti di Erdogan ... -Almeno direttamente, almeno indirettamente, ricadono sulla reputazione della Russia ... -E Erdogan ... - tutto è "come l'acqua dalla schiena di un'anatra" ... -Tutti daranno di nuovo la colpa alla Russia, che si è "tirata fuori" Erdogan letteralmente "dagli stracci ... alle ricchezze" ...
    - Tutto ciò chiaramente non aggiunge nulla di buono alla già traballante reputazione della Russia ...
    - E la Russia continuerà a provare a sedersi su due sedie ... - a giocare sia per l'Iran che per la Turchia ... - il risultato è chiaro in anticipo ...
    -Gli americani continueranno a fare pressione sull'Iran ea stringere il guinzaglio su cui hanno l'Armenia ...; e la Turchia rimane ancora negli alleati degli americani ... -La Turchia sarà sempre necessaria agli Stati Uniti, almeno come contrappeso e necessaria per loro ... l'eterno nemico dell'Iran ... -Oggi gli Stati Uniti hanno rilasciato la Turchia per nutrirsi di doni gratuiti russi ... E presto riprenderanno il controllo della Turchia ...
    -La Russia sta perdendo in tutte le direzioni ... -Posso fare a meno dei dettagli ... -l'argomento non è lo stesso ...
    -Di tutto questo ... -La Cina ovviamente vince .. -Ha come sempre non ha perso nulla ...
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 4 October 2020 11: 45
      +1
      Ho notato da molto tempo che hai un'antipatia personale per la Cina. occhiolino ma non è chiaro se i cinesi trarrebbero vantaggio dal caos in una regione di loro grande interesse. E anche da cui ne consegue

      La Russia è già considerata da tutto il mondo come il più vicino sostenitore della Turchia e il suo alleato e più vicino assistente

      ??? A mio parere, gli stessi turchi non sono consapevoli di questo fatto, per non parlare degli altri.
      Altrimenti, grazie per aver letto l'articolo e un commento lungo e serio. hi
  10. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 10 October 2020 17: 43
    0
    1. Un (un altro) tentativo di un'ampia soluzione internazionale, sia nell'ambito dei poteri regionali, sia di un gruppo di "interessi" come Minsk, OSCE, ONU o qualcosa di simile;

    L'accordo raggiunto a Mosca sull'invariabilità del formato dei negoziati significa il desiderio della Federazione Russa di escludere dai negoziati UE, Turchia, Iran e qualsiasi pretesa internazionale di partecipare alla risoluzione del conflitto.

    2. Intervento indipendente della Russia con appelli e proposte ad entrambe le parti;

    UN). L'intervento della Russia dalla parte dell'Azerbaigian, il riconoscimento dei suoi diritti alla regione del Nagorno-Karabakh: una giustizia precedente solleverà inevitabilmente la questione della Crimea.
    B). Intervento dalla parte dell'Armenia: guerra alla Turchia e ai suoi alleati. Nel Caucaso, questo è l'Azerbaigian, la Turchia (un membro della NATO), il sostegno garantito alla Georgia e forse all'Iran con la promessa di allentare le sanzioni.
    La conseguenza di ciò è il blocco del Bosforo per la Federazione Russa, complicazioni in Siria (rifornimento attraverso Gibilterra o da Vladivostok attraverso l'Oceano Indiano), basi militari NATO lungo tutta la costa del Mar Nero e del Mar Caspio, un'ondata di terrorismo nel distretto federale meridionale.

    3. Azioni nell'ambito della CSTO e, possibilmente, anche della SCO.

    Nessun membro della CSTO o della SCO muoverà un dito, limitando la propria partecipazione a richieste di negoziazione, sulla sofferenza della popolazione civile, su una catastrofe umanitaria e simili verbosità.

    La Federazione Russa non può risolvere il conflitto, questo significa una cosa: una guerra rinviata può divampare in qualsiasi momento e divampare con rinnovato vigore, nella misura in cui le parti opposte possono prepararsi, armarsi e acquisire alleati.