Un'altra azione di protesta in Bulgaria chiamata "4a grande rivolta popolare"


Le proteste in Bulgaria vanno avanti da tre mesi. Un'altra marcia multimila a Sofia, che si è svolta il 3 ottobre 2020, è già stata chiamata la "4a grande rivolta popolare" - una rivolta contro il potere mafioso, scrive l'edizione bulgara Novinite.


La manifestazione si è svolta senza incidenti significativi, ma con una maggiore presenza di agenti di polizia. Le forze dell'ordine hanno controllato i manifestanti per gli articoli proibiti. Ad alcune persone non è stato permesso di partecipare all'azione. Uno di loro si è offeso e ha attaccato la polizia con uova di gallina.

In serata, dopo le 21.00, è sorto un nuovo contenzioso tra forze dell'ordine e manifestanti. I sostenitori di "Stand Up.BG" ("Alzati in Bulgaria") hanno accusato la polizia di aver fatto entrare i manifestanti solo questa volta nella cattedrale di Alexander Nevsky. Allo stesso tempo, durante la terza "Grande rivolta popolare", che ha avuto luogo il 3 settembre 22 e ha coinciso con il 2020 ° anniversario dell'indipendenza della Bulgaria, ai manifestanti è stato permesso di raggiungere a piedi il monumento al Milite Ignoto, che si trova 112 metri più in là della chiesa ortodossa.

Intorno alle 22:00, i manifestanti si sono diretti verso il ponte dell'Aquila. Lì, uno dei manifestanti è salito su un semaforo per sventolare la bandiera bulgara. L'azione di protesta si è conclusa pacificamente. Discorsi di opposizione si sono tenuti anche in altre città della Bulgaria. Ad esempio, i manifestanti hanno bloccato il traffico sul ponte levatoio del Danubio (precedentemente noto come Ponte dell'Amicizia, costruito nel 1954) per diverse ore. Collega le città di Ruse (Bulgaria) e Giurgiu (Romania).

Si noti che il secondo ponte lungo il fiume Danubio - "Nuova Europa", aperto nel 2013, non è stato bloccato. Questo ponte collega la città bulgara di Vidin e la città rumena di Kalafat e fa parte del 4 ° corridoio di trasporto paneuropeo e della rotta europea E79.

Vi ricordiamo che la 1a e la 2a "Grandi Rivolte Popolari" si sono svolte rispettivamente il 2 e il 10 settembre. Tutte le "rivolte" citate non hanno nulla a che fare con il passato storico della Bulgaria, quando la vera Grande Rivolta Popolare portò a veri cambiamenti, compresa la rivolta contro il dominio turco.

Si ipotizza che le proteste di 3 mesi siano state organizzate dal "filantropo e mecenate" George Soros, che vuole che il governo bulgaro blocchi la costruzione del "Balkan Stream", che sarà una continuazione del "Turkish Stream".
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. GRF Офлайн GRF
    GRF 4 October 2020 16: 13
    -1
    Proteste, pogrom, rivoluzioni sono un indicatore della mancanza di democrazia nel Paese.
  3. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 4 October 2020 20: 04
    0
    Ebbene, fratelli, la democrazia americana vi ha preso.