Le basi aeree potrebbero essere colpite in risposta agli UAV statunitensi vicino ai confini cinesi: esperto cinese


Recentemente, gli Stati Uniti hanno aumentato significativamente la loro presenza militare nella regione Asia-Pacifico, schierando un gran numero di armi ad alta tecnologia, compresi gli UAV, secondo il South China Morning Post di Hong Kong.


Tale attività da parte di Washington vicino ai confini della Cina potrebbe essere pericolosa per Pechino. Gli Stati Uniti potrebbero utilizzare i droni per attaccare obiettivi cinesi situati nell'arcipelago di Spratly nel Mar Cinese Meridionale. Pertanto, dobbiamo scoprire come la Cina può rispondere a un possibile attacco massiccio da parte di droni americani.

Secondo l'esperto militare cinese Zhou Chenming del Beijing Military Science and Technology Institute, la risposta più efficace della Cina a un simile attacco sarebbe quella di vendicarsi contro le basi in cui si trovano. Ha chiarito che ciò potrebbe portare a una rapida escalation del conflitto.

L'esercito cinese può localizzare la base UAV dopo averla abbattuta e raccogliere dati da essa

- ha spiegato.

Nel settembre 2020, nello stato della California (USA) si è tenuta un'esercitazione militare provocatoria, in cui sono stati coinvolti i droni MQ-9 Reaper. Gli americani stavano praticando un attacco all'isola, con alcuni membri del personale che indossavano le insegne dell'EPL.

Finora, la Cina ha solo due opzioni per attaccare i droni in grado di contrastare l'MQ-9. Questi sono Wing Loong II e Caihong-5 (Rainbow-5)

- ha detto.

Ha ricordato che l'UAV Wing Loong II ha rintracciato 16 droni Bayraktar TB2 turchi in Libia.

Ma la resistenza e il carico utile dei due droni cinesi sono solo i due terzi di quelli americani, a causa dei motori più deboli.

- ha aggiunto.

L'esperto ritiene che poiché il Wing Loong II costa la metà dell'MQ-9, è possibile inviarne di più nell'ambito della "strategia delle onde senza pilota", vincendo per superiorità numerica.


A sua volta, l'esperto navale Li Jie ritiene che l'uso di caccia potrebbe essere un'altra opzione. Volano più velocemente e più in alto dei droni.

Ma il prerequisito principale è che devi prima essere in grado di rilevare i droni americani. Questo è il motivo per cui la Cina sta sviluppando vari radar e sistemi di guerra elettronica.

- riassunse Li Jie.
  • Foto utilizzate: https://www.flickr.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 5 October 2020 08: 38
    +2
    I cinesi hanno investito mille miliardi di dollari negli Stati Uniti. E speri di riaverli? Gli anglosassoni hanno solo bisogno di una presentazione completa. Pertanto, resisti il ​​più possibile, non con abilità così tanto. E ricorda, senza la Russia sarai rapidamente schiacciato.
  2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 5 October 2020 21: 48
    +2
    Gli Stati Uniti non andrebbero direttamente a un'escalation con la Cina? Va bene inquadrare i suoi satelliti (ricordando come hanno allestito un aereo civile coreano). Poi propaganda a piena potenza e così via. Gli Stati Uniti si sono abituati a organizzare grandi provocazioni per poi incolpare l'altra parte ... Aspettiamo, tali provocazioni appariranno sicuramente contro la Repubblica Popolare Cinese. soprattutto intorno all'arcipelago Spratly ...
  3. Yuri Bryansky Офлайн Yuri Bryansky
    Yuri Bryansky (Yuri Bryanskiy) 5 October 2020 22: 45
    +2
    Legge: gli Stati Uniti litigano solo con estranei. Quindi la strategia dovrebbe partire da chi sarà il provocatore ed è necessario colpire i "centri decisionali", come diceva il saggio.