Le minacce di Erdogan di deportare 100mila armeni dalla Turchia potrebbero essere giustiziate


Il conflitto armato armeno-azero ha messo in luce le contraddizioni nazionali interne turche: ci sono migliaia di armeni che vivono in Turchia, l'odio verso i quali può portare a conseguenze imprevedibili. La risorsa greca Pentapostagma scrive su questo.


Il nocciolo della questione è la dichiarazione dell'ex deputata di origine armena del Partito popolare repubblicano turco Selina Dogan sui piani di 10 anni del presidente turco Recep Tayyip Erdogan di deportare con la forza 100mila armeni dal Paese “se necessario”. Un simile scenario è temuto da molti armeni di etnia armena che vivono in Turchia, spaventati dalle azioni dei nazionalisti turchi.

Così, nella regione Kumkapi di Istanbul, luogo di residenza di un gran numero di armeni, così come nel Patriarcato ortodosso armeno, cortei di cittadini nazionalisti sventolano bandiere azere e turche. Inoltre, gli armeni che vivono in Turchia sono spesso vittime di molestie sui social network. Se la situazione non cambia, le minacce di Erdogan di sfrattare con la forza decine di migliaia di armeni dalla Turchia possono essere soddisfatte - molti membri della comunità armena in Turchia lo temono.

Cerchiamo di non partecipare politico discussioni perché le persone qui sorridono e poi ci maledicono alle nostre spalle. La maggior parte dei miei compatrioti vuole andarsene perché non vediamo alcun calo nell'incitamento all'odio contro di noi. Ho due figli e devo pensarci - e se succede loro qualcosa?

- si è lamentato il gioielliere armeno Sarkis, il cui negozio si trova nel Grand Bazaar di Istanbul.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 5 October 2020 11: 57
    0
    Non c'erano minacce di deportazione forzata! Gli armeni in Turchia hanno problemi, ma ancora non a livello di minacce di espulsione.
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 5 October 2020 12: 17
    -2
    Dopo il cosiddetto. Il "diluvio" sulla terra ha dato inizio al più vero "pandemonio babilonese", dove c'era una miscela di tutte le razze, nazioni e lingue sulla terra, il cui conglomerato esiste ai nostri tempi, e al momento della più alta follia nazionale, e le guerre interetniche e religiose hanno cominciato a verificarsi, portando letteralmente a tutti i popoli, innumerevoli sofferenze e dolori, e numerosi e più insolenti gruppi etnici hanno sempre ridotto in schiavitù i più piccoli e disuniti, cosa che ancora sta accadendo. non era velata, e l'Armenia è un paese cristiano, e questo è il motivo di sanguinose faide, quando gli armeni si sono mescolati con gli azeri nel loro paese, e viceversa, beh, ed Erdogan, che ha deciso di diventare un collezionista delle terre dell'Impero Ottomano, non mancherà mai di schiavizzare Armeni insieme alle loro terre, così come georgiani con bulgari, quindi questo è solo l'inizio, e un nuovo Hitler è apparso sul nostro pianeta con Allah nel suo cuore, che Al rum non importa niente della NATO o dell'UE, a cui non è stato in grado di aderire per mezzo secolo, e gli Stati Uniti, a quanto pare, per sopravvivere, hanno bisogno di farlo: prometti tutto a tutti, sorridi, ma fai il tuo lavoro.
  3. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 5 October 2020 12: 39
    0
    La risorsa greca Pentapostagma scrive su questo.

    I greci scrivono sulla Turchia più o meno allo stesso modo in cui i polacchi scrivono sulla Russia. Quasi fratello Grimm. wassat
  4. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 5 October 2020 13: 08
    +2
    Sono curioso. Solo per curiosità.
    Ricordano le parole pronunciate 10 anni fa e traggono conclusioni basate su questo. E scrivono continuamente delle sofferenze dei poveri armeni.
    Tre deportazioni di azeri dall'Armenia. Centinaia di migliaia furono espulsi.
    Deportazione dei turchi dalla Bulgaria negli anni '80.
    Chi sa o ricorda qualcosa di questo?
  5. John Silver_2 Офлайн John Silver_2
    John Silver_2 (John Silver) 5 October 2020 14: 26
    +1
    Gli armeni hanno già infastidito tutti
    1. cetron Офлайн cetron
      cetron (Peter è) 5 October 2020 21: 47
      0
      Non solo armeni.
      Tutto in una volta - quattro nazioni perseguitate da tutti: zingari, curdi, armeni ed ebrei. Forse non sono i persecutori, ma gli stessi perseguitati. Tutti i vicini erano infastiditi: dove compaiono più di due, ci sono immediatamente problemi. Allo stesso tempo, due nazioni hanno stati, ma vivono bene se il 10% della nazione, il restante 90% è sparso in tutto il mondo, e ovunque è oppresso dai poveri. È consuetudine dire di queste persone: "gente marcia". Quindi ottengono ciò che hanno guadagnato.
      Gli ottomani hanno affrontato tutti e quattro nel loro impero e sanno cosa fare, fidati dei turchi!
      1. OSquali Офлайн OSquali
        OSquali (Leonid) 6 October 2020 07: 49
        0
        Ebbene, per esempio, più di tre tuoi connazionali sono già comparsi qui, insieme a te. E il fetore è già udibile nell'estremo oriente. E niente, tollera)))
      2. Brodyaga1812 Online Brodyaga1812
        Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 6 October 2020 08: 57
        -2
        Citazione: Cetron
        Non solo armeni.
        Tutto in una volta - quattro nazioni perseguitate da tutti: zingari, curdi, armeni ed ebrei. Forse non sono i persecutori, ma gli stessi perseguitati. Tutti i vicini erano infastiditi: dove compaiono più di due, ci sono immediatamente problemi. Allo stesso tempo, due nazioni hanno stati, ma vivono bene se il 10% della nazione, il restante 90% è sparso in tutto il mondo, e ovunque è oppresso dai poveri. È consuetudine dire di queste persone: "gente marcia". Quindi ottengono ciò che hanno guadagnato.
        Gli ottomani hanno affrontato tutti e quattro nel loro impero e sanno cosa fare, fidati dei turchi!

        Ovviamente non vi parlerò di tutta Odessa, cioè dei curdi, dei rom e degli armeni. Ma in connessione con la lettura fuorviante del tuo post, sugli ebrei, dirò alcune parole. Prima di tutto: circa il 50% di tutti gli ebrei nel mondo, e non il 10%, come tu dichiari infondatamente, vive in Israele e ogni anno questo numero cresce a causa del rimpatrio. Il 40% degli ebrei del mondo risiede negli Stati Uniti. Lo stesso 10% rimane, ma non in Israele, come menti spudoratamente, ma in tutto il mondo. Inoltre, il 99% degli ebrei che vivono all'estero vive esclusivamente nell'Europa occidentale. Le relazioni di Israele con i paesi arabi vicini sono semplicemente meravigliose: cooperazione economica, regime senza visti e lotta congiunta contro il terrorismo. Dirò di più: il numero di Paesi musulmani che hanno già stabilito rapporti con il nostro Paese aumenta ogni giorno di più. È ancora più semplice: vuole migliorare. Non accennerò ancora una volta al gigantesco contributo degli ebrei allo sviluppo dell'umanità. Basti pensare che il popolo minuscolo ha donato un terzo dei premi Nobel e più della metà dei cittadini della Federazione Russa e dell'URSS. In termini di benessere e sviluppo, Israele è uno dei paesi leader nel mondo. Da bambino, tua madre non ti ha insegnato che è peccaminoso mentire ed essere arrabbiato?
      3. volk.bosiy Офлайн volk.bosiy
        volk.bosiy (Volk Bosiy) 14 October 2020 16: 54
        0
        beh, se senza emozioni e generalizzazioni, allora gli armeni avevano la loro antica terra, molta terra - l'Armenia occidentale ... dovevano fuggire da lì, quindi sono nella diaspora ... (non parlo in difesa di loro) ...
  6. arancia Офлайн arancia
    arancia (ororpore) 5 October 2020 15: 00
    +3
    Tutti torneranno in Russia. In URSS, gli armeni erano impegnati nella speculazione nei bazar, i direttori delle imprese commerciali e dei grandi magazzini erano tutti armeni. Ora la situazione è cambiata un po 'non a loro favore. Il popolo russo ha smesso di lasciare che le donne armene si mungessero da sole, ha preso le opportunità di affari nelle proprie mani, ma il mercato e l'essenza mercantile degli armeni non sono cambiati da questo. La metà del personale dei policlinici nel sud della Russia è composta da armeni, dentisti e ginecologi. Ma questo non è per amore delle persone, ma per sete di profitto, tra i terapeuti, gli armeni non possono essere trovati con il fuoco durante il giorno. I tassisti e gli autisti di minibus sono il loro fondo professionale, nell'ambiente di lavoro questa nazione può essere trovata solo nell'Armenia povera. L'Azerbaigian ripristinerà i suoi confini e la Russia non ha bisogno di salvare il fantoccio di Soros di Pashinyan.
  7. JVC Офлайн JVC
    JVC (tirapugni del nunchuck) 6 October 2020 04: 46
    0
    Wow, quanto gli armeni non vogliono dare a qualcun altro. Siamo pronti a morire per questo e gridare al mondo intero dell'oppressione ingiusta.
  8. oracul Офлайн oracul
    oracul (leonide) 6 October 2020 08: 15
    +2
    Dicono che il nuovo sia il vecchio ben dimenticato. Questo dovrebbe essere il punto di partenza. Il fatto che gli armeni non siano una nazione semplice non è una novità. Quindi, nemmeno l'Azerbaigian può essere definito semplice. E, in generale, le relazioni tra nazioni diverse a volte danno luogo a problemi difficili da risolvere. E qui, inoltre, si scontrano due religioni.
  9. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 6 October 2020 13: 02
    +2
    In risposta, l'Iran può deportare tutti gli azeri e non è solo, quindi non sarà possibile giocare con un solo gol.