La Russia perderà insieme al Nagorno-Karabakh


La battaglia per il Nagorno-Karabakh si sta sviluppando secondo uno scenario sfavorevole per la parte armena. Dopo aver arruolato il sostegno dei turchi, l'esercito azero sta gradualmente avanzando.


Alla vigilia, un rappresentante dell'esercito del Nagorno-Karabakh ha ammesso di essere stato costretto a fare una "ritirata tattica", cedendo diversi villaggi a Baku:

In alcuni settori del fronte, l'Esercito della Difesa ha ritirato le truppe per evitare inutili vittime.

A quanto pare, la situazione è piuttosto grave. A Yerevan, il primo ministro Nikol Pashinyan è stato costretto a dichiarare l'introduzione della legge marziale e la coscrizione nell'esercito armeno di militari recentemente smobilitati. Il capo dello stato ha chiesto di impedire un altro genocidio armeno. Tutto ciò indica la possibilità della transizione di un conflitto armato a uno stadio superiore.

L'esercito azerbaigiano conta circa 75mila persone, mentre a causa della mobilitazione il suo numero è stato portato a 85mila. Yerevan ha solo 42mila soldati, cioè il doppio. Inoltre, il Nagorno-Karabakh ha un proprio esercito, che conta 20mila militari, e ha anche una riserva di mobilitazione di altri 20mila. Teoricamente, le forze combinate di Yerevan e Stepanakert possono essere in numero uguale alle forze a disposizione di Baku. Ma anche qui non è tutto facile.

La Turchia è apertamente alle spalle dell'Azerbaigian. Ankara e Tel Aviv hanno potenziato l'esercito di Baku con i più moderni tipi di armi, il che lo ha reso oggettivamente il più forte della regione. Militare, economico e il potenziale di mobilitazione dell'alleanza tra Turchia e Azerbaigian non lascerà una possibilità per l'Armenia e la non riconosciuta Repubblica del Nagorno-Karabakh di resistere se lo scontro si protrae. Yerevan sarà la prima a rimanere senza risorse. È ovvio che i caccia turchi F-16 sono apparsi in aria sopra il Karabakh per esercitare pressioni psicologiche sul nemico. La Russia potrebbe cambiare l'allineamento schierandosi dalla parte dell'Armenia. Ma per una serie di ragioni, il Cremlino non lo farà. Mentre le ostilità sono in corso sul territorio del Nagorno-Karabakh, che fa parte legalmente dell'Azerbaigian, Mosca non ha motivo di essere coinvolta in questo conflitto. Sì, e un desiderio speciale, siamo onesti. Ciò su cui Yerevan può davvero contare è la fornitura di armi.

Tuttavia, va sottolineato che tale politica il laissez-faire può avere conseguenze negative per il nostro paese. Il presidente Aliyev ha dichiarato che la guerra finirà quando l'esercito di questa repubblica non riconosciuta lascerà il Nagorno-Karabakh. Ricordiamo che si tratta di circa 20mila persone. Non andranno da nessuna parte di propria iniziativa; questo avverrà solo a seguito di una completa sconfitta militare. La domanda è: dove andranno dopo?

In Armenia? Abbastanza possibile. E forse oltre, in Russia: nel territorio di Krasnodar, nella regione di Rostov, ecc. Queste sono migliaia di persone che hanno combattuto, sparato e arrabbiato con Mosca. Non è difficile immaginare quanto possa essere complicata la situazione della criminalità nel sud della Russia, e anche in tutto il paese, dopo questo.
41 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
    Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 6 October 2020 15: 15
    -1
    e chi li farà entrare in Russia? I tagiki "arrabbiati" furono deportati in patria in interi treni. lascia che tolgano l'ira sugli arieti. La Russia non ha costretto gli armeni a prendere i Karabakh.
    1. Sergey Sfiedu Офлайн Sergey Sfiedu
      Sergey Sfiedu (Sergey Sfyedu) 6 October 2020 17: 57
      -1
      Lasciami andare. Su una base completamente legale. L'Armenia ha un accordo con la Russia, i suoi cittadini possono venire, vivere e lavorare in Russia.
      1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
        Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 6 October 2020 18: 01
        +3
        mi lascerai vivere e lavorare con te? io decisamente no
        1. Sergey Sfiedu Офлайн Sergey Sfiedu
          Sergey Sfiedu (Sergey Sfyedu) 6 October 2020 18: 04
          -1
          Non tu, ma tu. Se fossi nel sud della Russia, sapresti quanti armeni ci sono già. Tuttavia, il nord ne è pieno. Quindi non verranno in un posto vuoto. Già in alcuni luoghi le piccole imprese sono interamente nelle mani dei caucasici. Bene, sarà anche meglio.
          1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
            Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 6 October 2020 18: 09
            0
            Ero nel sud. e so che sotto di loro c'è il pavimento di Rostov. inoltre, il Caucaso non è solo armeno. Ci sono anche azerbaigiani che stanno scacciando gli armeni. quindi non sarà meglio per loro. se i pogrom che possono organizzare come negli anni '90 non è considerata l'opzione migliore.
    2. Il commento è stato cancellato
  2. Ioan-e Офлайн Ioan-e
    Ioan-e (Boris) 6 October 2020 15: 33
    +1
    Il livello di analisi è approssimativamente lo stesso: un pesce nuota in uno stagno e ha le squame, e se avesse la lana, avrebbe le pulci, ma le pulci ... Sergey Marzhetsky, cosa volevi dire? Comprendiamo perfettamente che qualunque sia l'esito del conflitto, Mosca subirà perdite, almeno di reputazione, perché non c'è scelta tra il bene e il male, c'è una scelta tra il male e anche il peggio. Ma affinché questa scelta appaia, è necessario iniziare a giocare in anticipo, ma ciò richiede un'élite orientata a livello nazionale, che, a differenza del presente, l'Occidente non terrà per soldi, immobili e famiglie! Con gli attuali "conciliatori" al potere, il PIL non combatterà molto!
  3. Many_ways_point Офлайн Many_ways_point
    Many_ways_point 6 October 2020 15: 49
    -9
    È troppo tardi per bere Borjomi. La Russia ha perso quando Putin ha deciso di salvare Erdogan da un colpo di stato invece di non fare nulla. ma questi sono pur sempre fiori. Le bacche arriveranno quando i turchi realizzeranno i propri F35 e S400 e inizieranno a costruire il Great Turan.
    1. Ioan-e Офлайн Ioan-e
      Ioan-e (Boris) 6 October 2020 16: 00
      +2
      Il tuo commento è la posizione dei ciechi! È più facile avere a che fare con un cane pazzo che un branco di cani disciplinati guidati da un lupo indurito! Se Erdogan non fosse stato salvato, i sei statunitensi sarebbero saliti al potere e lo stretto sarebbe stato chiuso per la Federazione Russa molto tempo fa, e una parte considerevole della flotta statunitense 6 era basata nei porti della Turchia, con cantanti per l'avvio!
      1. Many_ways_point Офлайн Many_ways_point
        Many_ways_point 6 October 2020 16: 46
        -4
        E i tuoi commenti sono solo sciocchezze irragionevoli con Wishlist.
        Non c'è bisogno che gli Stati Uniti combattano la Federazione Russa. Se lo desiderano, possono distruggere economicamente la Federazione Russa come stato, il 50% del reddito è una tassa sul petrolio e sul gas.
        Se Erdogan non fosse stato salvato, ora ci sarebbe la Polonia numero 2, impantanata nella resa dei conti dei rivoluzionari. Questo è il massimo.
        Ma ora, oltre al branco con il lupo ei cani, c'è anche un cane pazzo. Mostra il polacco a chi può correre o indovinare te stesso?
        E la sesta flotta non ha bisogno di arrampicarsi nella pozzanghera del Mar Nero. Riprende tutto dal Mar Mediterraneo.
    2. Generale Black Офлайн Generale Black
      Generale Black (Gennady) 7 October 2020 10: 06
      +2
      È troppo tardi per bere Borjomi. La Federazione Russa ha perso quando il perdente ha deciso di salvare Erdogan da un colpo di stato, invece di non fare nulla.

      Beh, ci sarebbe un ragazzo ancora più intelligente di adesso
  4. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 6 October 2020 16: 18
    -7
    La Russia perderà insieme al Nagorno-Karabakh

    - E la Russia non ha altro modo che ... perdere ...
    -Naturalmente ... prima o poi la Russia entrerà in questo conflitto ... -Probabilmente prima proverà a usare i battaglioni ceceni ... -Questo è il trucco ... -Questi battaglioni ceceni vorranno andarci ... -Molto probabilmente no. ..
    -Quelle sono le truppe russe che andranno lì e subiranno terribili perdite ... -E cosa può usare l'esercito russo lì ??? - Applicare serbatoi ??? -Si trasformerà semplicemente in un terribile disastro per l'esercito russo ... -l'area è montuosa, collinosa e completamente sconosciuta, non c'è copertura; e probabilmente i mercenari hanno "TOW" (e anche "Javelins") ... - Gli elicotteri (come copertura) non aiuteranno neanche lì ... -possono altrettanto bene essere abbattuti con vari MANPADS ... Tornado "e così via ... - anche impossibile ... ci sono tanti insediamenti diversi ... - e la Russia sarà subito accusata di aver ucciso civili ... - Verranno postati in rete tanti" video diversi "; che ... prima della Convenzione di Ginevra, dovrai giustificare ... -E utilizzare le forze delle forze aerospaziali per eseguire attacchi mirati e di tutti i tipi (le forze aerospaziali sono l'anello più debole dell'esercito russo) ... - non funzionerà nemmeno ... - ci saranno perdite molto grandi. .. -In Karabakh non sarà più possibile ritrarre e imitare le "azioni di successo" delle Forze Aerospaziali ... come accade in Siria ...
    -Perciò, tuttavia ... -Personalmente penso che la Russia inventerà qualcosa per non entrare in questa avventura militare ... -La speranza è solo per questo ...
  5. Sergey Latyshev (Serge) 6 October 2020 16: 31
    -5
    E cosa?
    Ricordiamolo: in Armenia sono stati cacciati il ​​Maidan, il cecchino, il laboratorio biologico e il presidente a vita del primo ministro.
    In Azerbaigian: non c'erano Maidan, Aliyev per tutta la vita, gas, Strategia 2025, il nostro partner Endogan e un gruppo di pastori volontari del sud.

    La scelta è chiara.
    1. Sergey Sfiedu Офлайн Sergey Sfiedu
      Sergey Sfiedu (Sergey Sfyedu) 6 October 2020 18: 01
      +2
      Un tempo Aliyev portò al potere il suo Maidan, ma questo non lo ricordiamo più. Per la Russia, che è male interferire, che non interferire, era necessario prevenire la guerra prima, ma per i tattici brillanti, la strategia non è interessante.
      1. Sergey Latyshev (Serge) 6 October 2020 18: 49
        -1
        Quello era il Maidan corretto. Dopo l'URSS. 93 anni come?
        Secondo VVP, sono stati i comunisti a rovinare tutto ... La Russia ha ritirato le sue truppe e il Maidan ha avuto ragione, dopotutto, gli Aliyev sono stati d'accordo con Eltsin ed sono entrati nella CSI.
    2. Sergey Sfiedu Офлайн Sergey Sfiedu
      Sergey Sfiedu (Sergey Sfyedu) 6 October 2020 18: 05
      +1
      A proposito, Aliyev è stato portato al potere dal suo stesso Maidan. Tutti se ne sono semplicemente dimenticati.
      1. Sergey Latyshev (Serge) 6 October 2020 18: 45
        -1
        Quello era il Maidan corretto. 93 anni come?
  6. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 6 October 2020 18: 08
    -4
    Le analisi stanno peggiorando sempre di più ...
    Buona. Dovrà sulle dita. Qual è l'obiettivo della Russia nello spazio post-sovietico? Il programma massimo è di attirare le ex repubbliche nella loro sfera di influenza. Questo è difficilmente realizzabile. Ma questo è il massimo.
    Il programma minimo è rendere neutrali le ex repubbliche sovietiche. Ciò è realizzabile in alcune aree. Nello specifico - il Caucaso meridionale. La Georgia è stata costretta alla pace nel 2008. Ciò non ha reso la Georgia neutrale, ma almeno ha fermato la sua deriva verso ovest. In ogni caso, lì non ci sono film dell'orrore.
    Il conflitto del Karabakh è un'opportunità per la Russia di giocare sulle contraddizioni e tenere a stretto contatto Armenia e Azerbaigian.
    Ma poi accadde un incidente e il Pashinyan filo-occidentale salì al potere in Armenia. In Azerbaigian, neanche il governo è interamente filo-russo, ma l'Azerbaigian ha e vuole approfondire i legami economici con la Russia e non consente a paesi terzi di entrare nel suo territorio. Dove Pashinyan guiderà l'Armenia - lo dicono gli utenti russi del sito. Altrimenti sarò accusato di parzialità.
    E poi, come punizione, l'esercito azerbaigiano ha lanciato l'operazione tanto attesa per ripulire il Karabakh. E cosa vediamo? La Russia tace. La Russia garantisce solo l'immunità dell'Armenia direttamente. Il Karabakh è una resa dei conti tra Azerbaigian e Armenia. Non appena l'esercito azero varca la linea rossa (confine con l'Armenia), la punizione è inevitabile. Questo è il motivo per cui Aliyev non bombarda le città armene in risposta a bombardamenti e provocazioni. Ma non appena l'Armenia farà almeno un passo verso l'Occidente, l'esercito azero potrebbe non fermarsi al confine.
    E quando Pashinyan dice che c'è un pericolo per lo stato armeno, ha ragione al 100% più l'1%. Se Pashinyan dovesse giocare con Macron o lasciare la CSTO, la Russia non garantirà l'immunità dell'Armenia.
    La mia opinione: la Russia risolve i suoi problemi nel Caucaso meridionale con il sangue dei soldati azerbaigiani. Questo non è un rimprovero. Comunque, nessuno tranne gli azeri conquisterà il Karabakh. Quindi l'attuale guerra è una lezione e una punizione per l'Armenia Pashinyan. In questo caso, gli interessi di Russia e Azerbaigian coincidono. Ma solo in questa fase. Una mossa imprudente da Yerevan o Baku e la punizione seguirà immediatamente. L'Armenia deve ricordare che ci sono quasi 20 soldati freschi a Nakhichevan, completamente equipaggiati. Questo è secondo l'Istituto di Stoccolma.
    Sono 10 giorni che chiacchierano del sultano Erdogan. Senza senso. Ricordo solo una frase famosa

    "Smettila di paragonare Putin al Signore Dio. Ovviamente questo ragazzo è bravo, ma è lontano da Putin!"
    1. San Valentino Online San Valentino
      San Valentino (Valentin) 6 October 2020 19: 16
      +1
      Esatto, Bakhtiyar. La Russia non alza un dito per il Karabakh, ed è scritto sull'Armenia stessa con un forcone sull'acqua, anche se c'è un CSTO, ma dopo quasi tre anni di russofobia armena, con gli omicidi di soldati russi a Gyumri, e un tentativo di espellere questa base militare da Armenia, e un tentativo di creare un museo dell'occupazione sovietica lì, pompando le teste dei giovani armeni con sentimenti anti-russi, se non di odio, allora la nostra politica di non interferenza con il potere di Pashinyan è comprensibile. Se Aliyev non invia truppe nella stessa Armenia, ma non ne ha bisogno, poi questa lunga disputa territoriale sarà finalmente risolta, ma molto sangue verrà versato da entrambe le parti, ma anche il Kirghizistan è stato onorato e anche lì è iniziato un caos politico ... Ucraina, Bielorussia, Armenia, Azerbaigian, Kirghizistan - chi è il prossimo ???
    2. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
      Raccoglitore (Myron) 6 October 2020 21: 26
      +1
      Citazione: Bakht
      Le analisi stanno peggiorando sempre di più ...

      Qui hai senza dubbio ragione.

      Citazione: Bakht
      Il conflitto del Karabakh è un'opportunità per la Russia di giocare sulle contraddizioni e tenere a stretto contatto Armenia e Azerbaigian.

      Con l'Armenia è tutto chiaro, ma l'Azerbaigian, per quanto ne so, non dipende dalla Russia come l'Armenia e persegue la propria linea in politica estera.

      Citazione: Bakht
      E cosa vediamo? La Russia tace.

      E cosa può fare in questa situazione - lanciare solo appelli per la pace rivolti alle parti in conflitto ...

      Citazione: Bakht
      La Russia risolve i suoi problemi nel Caucaso meridionale con il sangue dei soldati azerbaigiani.

      Non risolverà i suoi problemi in questo modo, ma piuttosto li aggraverà. Se gli azeri prendono il Nagorno-Karabakh, con l'inazione dei russi, questo allontanerà completamente gli armeni da Mosca, e gli azeri non sono molto attaccati all'ex metropoli, continueranno ad essere amici di Turchia, Israele e perseguiranno una politica indipendente. E, naturalmente, l'aspetto economico - dopo le azioni efficaci degli UAV turchi e israeliani nelle battaglie per il Karabakh contro l'esercito armeno armato di armi russe, la domanda per i prodotti del complesso militare-industriale russo nel mondo diminuirà inevitabilmente ...
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 6 October 2020 22: 05
        0
        Putin e Lavrov esortano le persone a mostrare ragione da anni. Il piano di Lavrov era di liberare 5 distretti e sbloccare le arterie di trasporto. La Russia ha bisogno di un collegamento terrestre con l'Armenia e con la sua base a Gyumri. Gli armeni rifiutarono. Anche adesso I. Aliyev dichiara che se l'esercito armeno lascerà il Karabakh, le frontiere si apriranno e in pochi anni sarà possibile realizzare progetti economici comuni.
        L'Armenia si sta ancora spostando verso ovest. Ma solo ora Pashinyan si rese conto che l'Occidente non lo avrebbe aiutato. E lo stato può essere perso. Ma questo è già proibitivo. Personalmente, ritengo che tre Stati del Caucaso meridionale abbiano già avuto luogo. Se gli armeni finalmente si allontanano da Mosca, allora Dio stesso non li aiuterà. Non nel senso di essere distrutti con mezzi militari. Economicamente. Lasciamo che guardino all'Ucraina.
        La domanda per i prodotti del complesso militare-industriale russo non diminuirà. E se la Russia avvierà anche la produzione di armi ad alta precisione, non sarà affatto male.
        ----
        Come disse Alfredo il Grande:

        La guerra non crea ricchezza. La ricchezza è creata dalla pace e dal commercio.

        Cosa c'è di sbagliato nell'Azerbaigian neutrale, che non consente la creazione di infrastrutture militari straniere sul suo territorio?
        1. Bakht Офлайн Bakht
          Bakht (Bakhtiyar) 6 October 2020 22: 10
          0
          Sto ancora per il dialogo. Il miglior parco giochi di Tbilisi. Ciò soddisferà sia l'Armenia che l'Azerbaigian.
          A seguire, il secondo accordo globale tra i principali attori: Russia, Turchia e Iran. Puoi anche scegliere Mosca per questo. Ma la cosa migliore è Teheran. Ciò dimostrerà chiaramente che nulla brilla per gli Stati Uniti o l'Europa in questa regione. E la Russia proteggerà il suo fianco meridionale.
          Se ci sarà un accordo tra i tre principali attori, questa regione diventerà inaccessibile all'Occidente unito. Inoltre, tutti e tre i principali attori hanno l'uno o l'altro diritto all'Occidente. E hanno interessi più o meno comuni.
          1. Brodyaga1812 Online Brodyaga1812
            Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 7 October 2020 04: 41
            -1
            I tuoi argomenti sono abbastanza logici, ma non coprono diversi punti.
            1. Al momento, la guerra non si svolge nel territorio del Karabakh vero e proprio. Le ostilità coprono aree catturate dall'Armenia dall'Azerbaigian fuori da questa enclave. Ed è improbabile che la situazione in quest'area cambierà radicalmente. Tenendo conto della potente difesa a strati degli armeni e delle condizioni meteorologiche.
            2. Per quanto riguarda le risorse. Non si tiene conto della posizione dell'Iran, che può svolgere il ruolo della Turchia per l'Azerbaigian per l'Armenia. Il rafforzamento di Ankara nel Caspio e nel Caucaso non interessa affatto l'Iran, così come la Federazione Russa.
            3. Gli attacchi contro obiettivi non militari del nemico vengono effettuati da entrambe le parti. Questo è un segno indiretto che l'impatto psicologico sta aumentando da entrambe le parti. Per imporre le loro condizioni, contando sul malcontento dei civili per la guerra e il panico.
            4. La posizione della Federazione Russa può cambiare a favore di Yerevan dopo la disoccupazione di sette regioni.
            5. Sembra che, tenendo conto della dichiarazione di reciproco compromesso di Pashinyan, sia in corso un sondaggio di posizioni sulla risoluzione del conflitto sulla base della formula di Goble. Pashinyan, quanto a me, andrà nell'oblio politico. L'Armenia perderà, ma dosata. Il Karabakh rimarrà con lei.
            1. Bakht Офлайн Bakht
              Bakht (Bakhtiyar) 7 October 2020 10: 25
              +2
              1. Sono in corso operazioni militari anche nel territorio del Nagorno-Karabakh. Hai dati errati. L'offensiva continua in direzione di Jabrayil. Obiettivo - Gubatly e accesso al confine armeno-azerbaigiano
              2. L'Iran ha già ufficialmente dichiarato il suo sostegno all'integrità territoriale dell'Azerbaigian. L'unica richiesta dell'Iran è di non trasferire le ostilità sul suo territorio.
              3. Il bombardamento di Stepanakert è collegato al bombardamento delle infrastrutture civili dell'Azerbaigian. Hanno iniziato DOPO lo sciopero su Ganja e Mingechaur.
              4. La posizione della Russia cambierà definitivamente dopo la disoccupazione delle CINQUE regioni. A quanto pare, per ora Kelbajar e Lachin rimarranno con gli armeni. Questo è il "piano di Lavrov"
              5. Non ci sarà alcun piano Gobbl. Ci sarà la formula di Lavrov. I consigli occidentali non funzioneranno qui.
              ------
              Le battaglie hanno dimostrato che l'Armenia da sola non può fare nulla. Pertanto, deve diventare un protettorato della Russia. Considerando lo stato d'animo nella società armena, questo non è realistico. Come risultato della guerra, l'ostilità verso la Russia non farà che aumentare. Il Karabakh prima o poi diventerà azero. L'Armenia non può trattenerlo.
              1. Brodyaga1812 Online Brodyaga1812
                Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 7 October 2020 14: 33
                -1
                Non dovresti far passare quello che vuoi per realtà. Dichiari il tuo punto di vista in modo abbastanza corretto e logico. Ma sfortunatamente, non fornire dati effettivi. D'accordo sul fatto che cliché come "l'offensiva continua" non chiariscono la situazione. Un altro timbro è "Prima o poi il Karabakh sarà azero". Bene, va tutto bene. Forse lo farà, forse no. Oggi è sufficiente confrontare i nomi dei villaggi occupati con la battaglia dall'Azerbaigian con la mappa delle operazioni militari. È esattamente quello che ho fatto: le battaglie non vengono combattute sul territorio del Karabakh. Ahimè. Dalle risorse. L'Armenia è un paese povero - PIL-13 miliardi di dollari, 4200 dollari all'anno pro capite. L'Azerbaigian è più povero: 43 miliardi di dollari. , $ 4700 per naso. Ma non lontano. Confronta con 9 milioni di Israele con il suo PIL -405 miliardi di dollari. e 21mila dollari all'anno pro capite. Più o meno come nella Repubblica federale di Germania. Questo è un paese ricco. E qui: in risorse, emozioni, mentalità - Azerbaijan e Armenia sono gemelli simili. Per me personalmente, come persona, l'Azerbaigian è più carino a causa del buon atteggiamento nei confronti degli ebrei e di Israele. Ho pochissime conoscenze tra azeri e armeni. Dall'intellighenzia. Sono tutti bravi, bravi, ragazzi intelligenti. E quelli e altri. È difficile per me, e non presumo, giudicare la stabilità delle posizioni di Pashinyan in Armenia - Aliyev a Baku. Lo sai meglio. Ma quello che succede dall'esterno è in superficie.
                1. Bakht Офлайн Bakht
                  Bakht (Bakhtiyar) 7 October 2020 23: 16
                  +2
                  Le battaglie vengono combattute nella direzione di Agderinsky. Questo è Mardakert, un centro regionale nel Nagorno-Karabakh.
                  Magadiz è stato ribattezzato Sugovushan. Questo è anche il territorio del Nagorno-Karabakh. Nella direzione meridionale del Fizuli, Jebrail è davvero al di fuori del Nagorno-Karabakh.
                  -----
                  In realtà, in Azerbaigian, la maggioranza non mi capisce. Il Nagorno-Karabakh può rimanere armeno, ma all'interno dell'Azerbaigian sulla base dei diritti di autonomia. Con mio grande dispiacere, neanche gli armeni mi capiscono. Hanno detto cento volte che possiedono queste terre per diritto di guerra. O "vieni e riconquista". Bene, sono venuti per riconquistare. Di cosa non sono contenti? Oppure si è sostenuto che le aree occupate costituissero una "cintura di sicurezza". Anche se è stato detto loro cento volte che questa è una "cintura di pericolo". Che l'esercito del Nagorno-Karabakh è il più forte del Caucaso meridionale. Tutto questo svanì come fumo.
                  Il ritorno anche di cinque regioni FUORI dal Nagorno-Karabakh a Yerevan non è nemmeno preso in considerazione.
                  I. Aliyev ha espresso il suo punto di vista: il ritorno delle regioni, un piano chiaro per il ritiro delle forze di occupazione sotto il controllo internazionale e la guerra finirà.
                  ----
                  Quello che accade in superficie non è sempre vero.
  7. arancia Офлайн arancia
    arancia (ororpore) 6 October 2020 18: 12
    0
    In generale, su cosa si basano queste conclusioni? Questa è provocazione e incitamento. L'autore annega per gli armeni. La Russia ha già nemici fino alla gola, manca solo l'Azerbaigian nella lista? Ebbene, se i khachik sono liberi, la Russia ha la Guardia Nazionale.
  8. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 6 October 2020 23: 27
    +3
    Non credo che la Russia perderà qui. Avendo ricevuto nelle corna l'Armenia, malata di russofobia, forse capirà che in realtà sta senza la Federazione Russa, ma non costa molto.
  9. NOSOROG_2 Офлайн NOSOROG_2
    NOSOROG_2 (Sergey Karpov) 7 October 2020 05: 04
    0
    Bambini, donne e uomini, cosa faranno in RUSSIA?
  10. Sergey Novitsky Офлайн Sergey Novitsky
    Sergey Novitsky (Sergey Novitsky) 7 October 2020 08: 21
    +2
    Di nuovo storie dell'orrore, poi i cinesi sono spaventati, poi i lavoratori asiatici ora sono militanti armeni, ci sono forti servizi speciali in Russia e forze speciali, l'esercito finalmente catturerà tutti i militanti come arieti, li spingerà nei carri e ne porterà alcuni a casa, alcuni per "abbattimento" e tutto per un breve periodo.
  11. Lyubov Vasilievna Офлайн Lyubov Vasilievna
    Lyubov Vasilievna (Lyubov Vasilievna) 7 October 2020 09: 57
    +1
    Sono più preoccupato per l'islamizzazione della Russia, in particolare di Mosca. Gli armeni sono un popolo cristiano. E per quanto ne so sono benevoli, educati e ospitali nei confronti dei russi. Chi vive in Russia per più di tre Pokalens crolla, molti non conoscono la loro lingua madre. Il russo è la loro lingua madre. Ma i musulmani non sono mai associati. Piuttosto, tutti noi saremo spinti sotto se stessi. Costantinopoli ne è un vivido esempio, ora il loro presidente ha ambizioni mondiali, di cui dovrebbero aver paura i russi, non gli armeni. Chi l'ha dimenticato, aprire la storia e vedere quante volte la Russia ha combattuto con la Turchia? Mio marito ed io siamo stati diverse volte ad Adler, ma ci sono molti armeni, ma non ci hanno disturbato. Sei stato ad Alera in inverno? Non c'è davvero niente da fare lì. Non c'è lavoro, l'infrastruttura dei bambini è poco sviluppata. Molti russi stanno scappando da lì, non è affatto chiaro come le persone sopravvivano lì ?! Permettetemi di ricordare a molti di coloro che sono seduti qui di Sergei Nikolaevich Galitsky / Harutyunyan /, che è armeno, è un residente onorario di Krasnodar. Alla gente di Krasnodar non piace. Ha costruito uno dei parchi più belli d'Europa per i suoi soldi. Il parco è assolutamente gratuito. Anche le scuole di calcio per bambini in ogni quartiere della città sono gratuite. Almeno un russo o un altro oligarca ha fatto così tanto per la sua città natale? Hai paura degli armeni? Non hai paura di quelli. È un peccato che i russi non conoscano la loro storia!
  12. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 7 October 2020 10: 20
    0
    Queste sono migliaia di persone che hanno combattuto, sparato e arrabbiato con Mosca.

    Mosca dove? È stata lei a mettere sul trono il russofobo Pashinyan? Mosca ha urgente bisogno di chiudere la sua base a Gyumri e lasciare aperto il confine tra Armenia e Turchia, dopodiché tutti i sentimenti anti-russi saranno spazzati via dal vento. E per il ritorno della base sarà possibile chiedere denaro, se, ovviamente, trovano del denaro da qualche parte.
    ps E gli armeni amano molto la Francia. E sono molto migliori come emigranti per la Francia degli arabi.
  13. Lysik001 Офлайн Lysik001
    Lysik001 (ragazzo Seryozha) 7 October 2020 11: 51
    +1
    Nessuno va oltre! E se lo fanno, accetteremo tutti e calmeremo tutti molto rapidamente! La Russia sicuramente non combatterà per il Karabakh, e questo è assolutamente corretto! Se il VVP avesse mandato lì i nostri figli e Dio non volesse che qualcuno morisse, lo avrebbero mangiato qui senza cipolle e sale! Sarei il primo a urlare come un taglio. Inoltre, uno con la barba lunga deve essere curato in modo che possa conoscere il suo posto e tutti coloro che hanno avuto la stupidità di votare per lui! È un giudice cittadino duro? Gravemente ...
  14. Kuramori Reika Офлайн Kuramori Reika
    Kuramori Reika (Kuramori Reika) 7 October 2020 14: 10
    +2
    Parleremmo di una popolazione amica, sarebbe così, ma stiamo parlando dei prossimi "non fratelli", quindi il loro destino e la loro sopravvivenza ci sono indifferenti.
  15. Foca Офлайн Foca
    Foca (Sergey Petrovich) 7 October 2020 15: 36
    +1
    La Turchia è apertamente alle spalle dell'Azerbaigian

    L'Azerbaigian cerca di stare alle nostre spalle da 30 anni. Ma l'Armenia è già saldamente stabilita lì. Allora, per cosa incolpiamo l'Azerbaigian? Che si è stufato di aspettare il nostro aiuto e ha deciso di rivolgersi ad altri?
  16. Foca Офлайн Foca
    Foca (Sergey Petrovich) 7 October 2020 15: 39
    +2
    Citazione: Lyubov Vasilievna
    Chi l'ha dimenticato, aprire la storia e vedere quante volte la Russia ha combattuto con la Turchia?

    Soprattutto abbiamo combattuto con i lituani. Dato che abbiamo avuto un periodo di frammentazione feudale e il Granducato di Lituania era un unico stato, ha attaccato questo o il nostro principato quasi ogni anno. Ebbene, i nostri principati rispondevano periodicamente con campagne contro i lituani. In totale, ci sono stati più di 40 conflitti militari russo-lituani. E poi non tutti vengono contati.
    Poi vengono i polacchi. Circa 20 guerre, comprese le tre rivolte polacche, che furono di dimensioni più ripide della nostra altra guerra con la Turchia (1794 - rivolta di Kosciuszko; rivolta di novembre 1830-1831; rivolta di gennaio 1863-1864).
    Poi ci sono le guerre con gli svedesi. 17 guerre, senza contare i conflitti di confine del 1375-1396.
    E solo allora sono le guerre russo-turche (12 guerre). Inoltre, in 8 guerre eravamo gli iniziatori, in 3 - Turchia, e una guerra (la prima guerra mondiale) iniziò, per così dire, reciprocamente. In primo luogo, le provocazioni delle Fideas armene, che stavano attraversando il nostro territorio verso il territorio della Turchia, poi il bombardamento delle nostre città costiere con navi sotto bandiera turca, poi abbiamo dichiarato guerra alla Turchia.
    Sì, dimenticavo, quante battaglie hanno avuto i vari principati russi con i crociati - anche la storia non lo ricorda.
    Di durata, le più lunghe non sono guerre russo-ottomane, ma russo-polacche. In totale, abbiamo combattuto con i polacchi per oltre 100 anni.
    Le più sanguinose sono le guerre russo-tedesche. In totale, i tedeschi hanno rappresentato due guerre mondiali - oltre 30 milioni di vite dei nostri compatrioti.
    Gli ottomani non ci hanno mai fatto trucchi come:
    - Svedesi dopo la miserabile battaglia per noi a Fraustadt, svoltasi il 2 febbraio 1706 (calendario giuliano); 3 febbraio 1706 (calendario svedese); 13 febbraio 1706 (calendario gregoriano) quando i vittoriosi svedesi pugnalarono 4 dei nostri prigionieri con acciaio freddo.

    Nella battaglia di Fraustadt, un'incomprensibile, veramente bestiale crudeltà degli svedesi fu rivelata proprio nei confronti dei russi. In effetti, in questo esercito combinato del generale sassone Schulenburg, che subì una tale sconfitta, c'erano sassoni, polacchi e persino i francesi, che prestarono servizio nell'esercito sassone e, infine, i russi. Dopo la loro vittoria (3 febbraio 1706), l'esercito svedese catturò tutti coloro che non furono uccisi e non ebbero il tempo di fuggire. Tutti tranne i russi! "Molti russi furono anche picchiati, e quale dei soldati fu portato a pieno, e con quelli il nemico agì con zelo senza pietà, secondo il decreto reale emanato prima su di loro, in modo da non dare loro perdono (o misericordia) e sgridare le persone 2 e 3 gli uni gli altri hanno pugnalato con lance e baguette (baionette. - E.T.) In modo così barbaro gli svedesi hanno sterminato 4 mila prigionieri russi disarmati dopo la battaglia.

    E. V. Tarle. "La guerra del nord e l'invasione svedese della Russia"

    - I tedeschi che ci hanno attaccato senza dichiarare guerra il 22.06.1941/XNUMX/XNUMX. Gli ottomani, se stessi iniziarono, in primo luogo, secondo tutte le regole, ci dichiararono guerra e le ostilità iniziarono da qualche parte in mezzo anno dopo l'annuncio. E anche più tardi.
    - Polacchi che letteralmente fanno schifo le chiese del Cremlino.
    Quindi perché dovremmo presumere che gli ottomani siano peggio degli svedesi, dei polacchi o dei tedeschi?
    Inoltre, non i turchi, non gli azeri, ma gli armeni, andarono come mercenari a Khan Mamai e andarono con lui alla conquista della Russia.

    Nello stesso autunno, il principe di Mordai, giunto all'Orda, ha i suoi pensieri unanimi e con tutti gli altri principi dell'Orda, e con tutto il potere di Totarskaya e Polovetskaya, e anche di ratificare, Bessermen e Armeni, e Fryazy, Cherkasy e Yasa e Bourta.

    Cronaca di Novgorod IV. PSRL. T. 4, parte 1. P. 311

    È chiaro che questo non ti piace. Ma le cronache, come i manoscritti - con vostra delusione, non bruciate !!
    1. Foca Офлайн Foca
      Foca (Sergey Petrovich) 7 October 2020 15: 51
      +2
      Quindi c'erano 12 guerre. Diamo un'occhiata a tutti loro. Cominciamo con il primo.
      1) Nel 1569, i turchi assediarono Astrakhan.
      Ma quanto tempo prima che Astrakhan fosse nostra?
      Infatti, lo zar Ivan il Terribile il 2 luglio 1556, annesse Astrakhan allo stato russo e liquidò l'Astrakhan Khanate.
      Astrakhan Khan e la sua famiglia sono fuggiti in Turchia.
      Il Sultano, che part-time al chiaro di luna come il califfo di tutti i musulmani, era OBBLIGATO a proteggere i musulmani. Suleiman allungò il tempo e morì. Suo figlio Selim, che è un ubriacone, ha inviato formalmente non Dio sa quale esercito per proteggere l'offeso Astrakhan Khan.
      È un peccato. Non protetto.
      Cioè, anche secondo le moderne norme del diritto internazionale, quella guerra da parte della Turchia era completamente legale.
      2) Campagne Chigirin 1672-1681
      Il getman dell'Ucraina della riva destra Petro Doroshenko cadde sotto l'influenza turca. Temendo un'invasione dell'Ucraina della riva sinistra, lo zar Alexei Mikhailovich ordinò a truppe e cosacchi regolari di iniziare ostilità contro le truppe turche e di Doroshenko.
      Di conseguenza, i russi e Zaporozhtsy occuparono insieme la città di Chigirin. Successivamente, passò di mano in mano più di una volta e la guerra terminò con il Trattato di pace dell'anno 1681 di Bakhchisaray, che assicurò il confine tra Russia e Turchia lungo il Dnepr.
      La colpa è della Turchia?
      3). Guerra russo-turca 1686-1700
      La base della coalizione anti-turca in quella guerra fu posta da Austria e Polonia. La Russia entrò in guerra in 1686, quando un'altra guerra con i polacchi si concluse con un trattato di pace. Le truppe di Crimea di 1682 invasero regolarmente il territorio russo. Dovrebbe smettere. Le regole a Mosca allora principessa Sophia. In 1687 e 1689, la sua mano destra - il boia Vasily Golitsyn - viaggiò in Crimea.
      Tuttavia, non riuscì a fornire acqua dolce alle truppe e le campagne dovettero essere interrotte. Pietro I, trincerato sul trono, subì operazioni militari sotto l'Azov. La prima campagna di Azov, 1695, si concluse con un fallimento, ma in 1696, le truppe russe sotto il comando del nostro primo generalissimo Alexei Shein riuscirono a costringere la fortezza ad arrendersi. In 1700, la cattura di Azov è stata sancita dal Trattato di Costantinopoli.
      Krymchaks ha attaccato noi e la Polonia.
      I cosacchi hanno attaccato la Crimea e la Turchia.
      Il sultano turco davanti al nostro zar e il re polacco rinnegarono le incursioni dei tartari. Il nostro zar e il re polacco allo stesso modo hanno sempre negato al sultano le incursioni dei cosacchi. Dicono che i cosacchi camminano (liberi), non ci obbediscono.
      1. Foca Офлайн Foca
        Foca (Sergey Petrovich) 7 October 2020 15: 51
        +2
        4) Campagna Prut 1710-1713
        Dopo il crollo di Poltava, il re svedese Carlo XII si nascose in Turchia. Lo zar Pietro I ha chiesto l'estradizione di Carlo XII, la Turchia ha rifiutato. Poi Peter ha guidato personalmente la campagna contro la Turchia. L'esercito russo si è mosso verso il Prut. I turchi riuscirono a concentrare lì un enorme esercito: insieme alla cavalleria di Crimea, erano circa 200mila. A New Stalinesti, le nostre truppe erano circondate.
        L'assalto turco riuscì a respingere, gli ottomani con le perdite si ritirarono. Tuttavia, la posizione dell'esercito di Pietro divenne disperata a causa dell'attuale blocco. Secondo i termini del trattato di pace di Prut, i turchi si impegnarono a liberare l'esercito russo dall'accerchiamento.
        Ma la Russia ha promesso di dare alla Turchia Azov, di demolire le fortificazioni di Taganrog e una serie di altri forti del sud, per dare a Carlo XII l'opportunità di trasferirsi in Svezia.
        5) Guerra russo-turca 1735-1739
        Abbiamo dichiarato guerra. La nuova guerra avrebbe dovuto "fermare le incursioni in Crimea".
        6). Guerra russo-turca 1768-1774
        Il sultano Mustafa III dichiarò guerra alla Russia, approfittando del seguente motivo: un distaccamento di cosacchi Zaporozhye, inseguendo i polacchi, irruppe nella città di Balta, che apparteneva all'Impero Ottomano, e praticamente distrusse la città, tagliando, come al solito, molti ebrei. Ma non solo ebrei, ma ebrei - sudditi dell'Impero Ottomano.
        Bene, qui ognuno è libero di contare come vuole.
        Abbiamo vinto e preso parte alla Crimea dal Khanato di Crimea - Kerch e dalla penisola di Kerch.
        7). Guerra russo-turca 1787-1791
        Alla vigilia di questa guerra, l'intera Crimea e Kuban facevano già parte dell'Impero russo. Che i turchi si sono offesi. Non soddisfatto della Turchia e del Trattato di San Giorgio, concluso tra Russia e regno georgiano. Istanbul ha presentato un ultimatum alla Russia chiedendo di abbandonare la Crimea e la Georgia. Così iniziò una nuova guerra.
        8). Qui i francesi si stavano agitando.
        Nel 1804, i serbi si ribellarono sotto la guida di Karageorgiy. Nonostante i ribelli si siano rivolti a San Pietroburgo per chiedere aiuto, la loro richiesta è stata accolta più che freddamente: con l'indicazione che le petizioni dovrebbero essere indirizzate prima di tutto a Istanbul, al proprio sovrano. Lo zar non voleva litigare con i turchi alla vigilia della guerra con Napoleone. Tuttavia, l'ambasciatore napoleonico a Istanbul, il generale Sebastiani, riuscì a convincere il sultano che erano i russi ad aiutare i serbi nella guerriglia nei Balcani. Le combinazioni diplomatiche abilmente giocate dai francesi hanno dato i loro frutti generosi: il ruolo della Russia nella questione serba era una vecchia e dolorosa irritazione per i turchi, che Sebastiani abilmente insisteva.
        Nell'autunno del 1806, Istanbul ha subito una violazione diretta del trattato con San Pietroburgo, spostando unilateralmente i governanti di Moldova e Valacchia. Secondo il protocollo diplomatico, questa procedura poteva passare solo attraverso i tribunali e in accordo con la parte russa. Lo spostamento dei Signori Muruzi e Ypsilanti è stata una diretta inosservanza degli accordi precedentemente raggiunti, che non poteva essere delusa sui freni. La situazione era complicata dal fatto che Alessandro I non poteva non rispondere a una tale violazione, ma in quel momento l'imperatore era vincolato dalla guerra con Napoleone. Per reagire in qualche modo alle iniziative turche, il funzionario di San Pietroburgo alla fine decise di fornire a Karageorgy un'assistenza più sostanziale che scuse per appellarsi al proprio sovrano e così via, "beh, tieni duro". Il 24 settembre 1806, Alessandro I firmò un decreto che ordinava di inviare 18mila monete d'oro e armi ai serbi.
        Nell'aprile 1806, il Gran Visir espresse questa posizione chiedendo all'ambasciatore russo A. Ya. Italinsky di ridurre il numero di navi russe che attraversavano lo stretto. E nell'autunno del 1806, i turchi annunciarono il divieto di passaggio di navi da guerra sotto la bandiera di Sant'Andrea attraverso il Bosforo e i Dardanelli e furono imposte significative restrizioni al passaggio delle navi mercantili.
        Il 4 ottobre 1806, l'imperatore Alessandro I firmò un ordine: al generale di cavalleria Ivan Ivanovich Mikhelson, comandante dell'esercito meridionale russo, fu ordinato di attraversare il Dniester e occupare i principati moldavi con le truppe incaricate.
        Su insistenza dell'ambasciatore francese, il 18 dicembre 1806, il sultano Selim III dichiarò guerra all'Impero russo.
        1. Foca Офлайн Foca
          Foca (Sergey Petrovich) 7 October 2020 15: 53
          +2
          9). Guerra russo-turca 1828-1829
          Greci e bulgari dall'inizio del XIX secolo iniziarono a sostenere l'indipendenza dalla Turchia. La Russia sotto Alessandro I ha preso una posizione di non interferenza. Con l'adesione di Nicola I, la posizione di San Pietroburgo sulla questione greca iniziò a cambiare, i nostri volontari raggiunsero la Grecia, che iniziò ad aiutare attivamente i greci.
          Il sultano Mahmud II, in risposta, iniziò a rafforzare le fortezze del Danubio e, in violazione dei trattati, bloccò il Bosforo. L'imperatore Nicola I dichiarò guerra alla Turchia. I combattimenti iniziarono in Moldavia e Valacchia, così come nel Caucaso.
          dieci). Guerra di Crimea 10-1853
          Nell'impero ottomano, e in particolare a Betlemme, ortodossi e cattolici si scontrarono (beh, anche gli armeni corsero tra le loro gambe e interferirono con entrambi) su chi sarebbe stato onorato di bloccare il tetto marcio del Tempio del Signore.
          Invece di sedersi e accettare, cedendosi l'un l'altro in tutto, come si conviene ai buoni cristiani, i buoni cristiani hanno cominciato a lamentarsi con il Sultano e hanno posto la domanda alla sua decisione. Il Sultano, per non offendere né l'uno né l'altro, annunciò che avrebbe chiuso lui stesso il tetto del Tempio, a spese del bilancio dell'Impero Ottomano.
          Per qualche ragione, questo offese Nicola I, che lanciò un ultimatum al Sultano per riconoscere il primato degli ortodossi nei Luoghi Santi. Ma poiché la Turchia dipendeva finanziariamente dalla Francia, che sosteneva i cattolici, la Turchia non aveva fretta di soddisfare le condizioni dell'ultimatum. Poi Nicola I diede l'ordine di occupare la Moldova e la Valacchia.
          Il Sultano ha chiesto che le nostre truppe venissero ritirate dalle province turche di Moldavia e Valacchia.
          In breve, la guerra è iniziata essenzialmente da zero.
          Cosa, ancora, la Turchia ha "incitato"?
          11) Guerra russo-turca 1877-1878.
          A questo punto, in modo prettamente fraterno, abbiamo deciso di aiutare i "fratelli".
          Cosa c'entra la Turchia con l'incitamento?
          12) Guerra russo-turca come parte integrante della prima guerra mondiale.
          Nel 1914, dopo lo scoppio della prima guerra mondiale, abbiamo dovuto astenerci dalla guerra con la Turchia con tutte le nostre forze. Inoltre, la Turchia all'inizio della prima guerra mondiale non avrebbe affatto partecipato ad essa. Il Sultano era contro la guerra, anche l'Erede al trono era contro la guerra. Anche il Gran Visir è contro la guerra. Il ministro delle finanze è contro la guerra. Del triumvirato dei giovani turchi, solo Enver Pasha si schierò saldamente dalla parte della Germania per l'ingresso immediato in guerra. Sì, i tedeschi stavano trascinando la Turchia in guerra con tutte le loro forze. Ma non è un dato di fatto che i soli tedeschi, senza l'aiuto degli armeni, sarebbero riusciti a trascinare la Turchia nella prima guerra mondiale. Tuttavia, anche alla fine del XIX secolo e compreso l'intero periodo di pace con la Turchia, i "vigilantes" armeni o come vengono anche chiamati "fedai" (in linguaggio moderno - terroristi internazionali) si trasferirono dal territorio della Russia al territorio della Turchia e vi commisero "atti di ritorsione" contro i turchi funzionari, ufficiali e soldati, poliziotti, mullah e solo turchi e curdi. E ciò che è più disgustoso è che questi fedai stavano diffondendo intensamente voci secondo cui stavano facendo tutto questo quasi per ordine delle autorità russe. È chiaro che le informazioni sulle sanguinose incursioni di ritorsioni e le informazioni sulle voci hanno raggiunto Istanbul e tutta la Turchia. I nostri giornali russi arrivarono anche in Turchia, la maggior parte dei quali stampati periodicamente, ispirati, anche dagli armeni russi (anche se senza di loro c'erano abbastanza idioti), articoli patriottici sciovinisti sul tema "Restituiamo la croce a Santa Sofia". E nel giro di tre mesi l'opinione pubblica turca ha subito un cambiamento radicale. L'influenza del cosiddetto "partito della pace" è venuta meno. Tenendo conto di questa mutata opinione pubblica alla fine dell'ottobre 19, Evner-Pasha, che, come un peccato, era il ministro della Guerra, a proprio rischio e pericolo, autorizzò l'uscita della flotta turca, comprese le ex Goeben e Breslau, con equipaggi tedeschi per bombardare le nostre coste. Di conseguenza, è stato dichiarato uno stato di guerra tra Russia e Turchia. La Russia è stata messa in condizioni di guerra su due fronti e ha perso la possibilità di ricevere aiuto dagli alleati nei porti del Mar Nero. Era necessario iniziare con urgenza la costruzione di una ferrovia da Murmansk (Romanov-na Murman), che fu commissionata solo nel dicembre 1914.
          Sul fronte caucasico è chiaro che abbiamo vinto. Tuttavia, queste nostre vittorie non hanno avuto il minimo effetto sul corso della prima guerra mondiale nel suo complesso. Ci stavamo ritirando sul fronte tedesco. Dopo la guerra, il feldmaresciallo Ludendorff si lasciò sfuggire che: "Se non fossimo stati in grado di coinvolgere la Turchia nella guerra dalla nostra parte, la Germania non avrebbe resistito fino al 1916".
          Ma i tedeschi, con l'aiuto attivo degli armeni, riuscirono a trascinare la Turchia in guerra. La prima guerra mondiale si trascinò. I nostri eserciti hanno subito milioni di perdite. Il popolo e l'esercito iniziarono a stancarsi della guerra. È stata creata una situazione pre-rivoluzionaria. Come è finito tutto - lo sanno tutti.
          Non voglio dire che se non ci fossero aiuti armeni ai tedeschi, la Turchia rimarrebbe certamente un paese neutrale. Ma anche se la Turchia entrasse in guerra un anno dopo, o anche sei mesi dopo, questo sarebbe un enorme vantaggio per noi. E molto probabilmente, se la Turchia non fosse entrata in guerra nel 1914, in realtà non sarebbe entrata affatto. Perché già nel 1915 divenne chiaro che la blitzkrieg era fallita e che in una guerra di lunga durata i tedeschi non avrebbero vinto.
          1. Brodyaga1812 Online Brodyaga1812
            Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 10 October 2020 17: 42
            0
            Molto informativo, conciso e informativo. Grazie mille.
  17. Foca Офлайн Foca
    Foca (Sergey Petrovich) 7 October 2020 15: 56
    +1
    Citazione: Lyubov Vasilievna
    Ricostruito per i miei soldi

    In realtà sono i nostri soldi. Dato a questo oligarca attraverso i suoi negozi, con i quali ha poi semplicemente costretto l'intero territorio di Krasnodar, per molto tempo non lasciando entrare altre reti nella regione.
    E ha iniziato raccogliendo assegni di privatizzazione. Ha creato un fondo, ha truffato i residenti di Salonicco e Lazarevsky, e poi una questione di tecnologia.
  18. Netyn Офлайн Netyn
    Netyn (Netin) 10 October 2020 01: 33
    0
    Non è difficile da immaginare

    In una frase sull'intero articolo
    L'intero articolo è solo le fantasie umide dell'autore causate dall'esacerbazione autunnale e dalla mancata dose di aloperidolo o da un grave trauma cranico