Sei attacchi geopolitici contro la Russia: cinque di questi sono già stati effettuati


Il successivo (il terzo consecutivo in 15 anni) "Maidan" in Kirghizistan, che ha colto di sorpresa molti osservatori ed esperti, in realtà non è solo un naturale, ma un "anello" successivo assolutamente inevitabile nella catena di eventi volti a infliggere un una schiacciante sconfitta geopolitica. E, ahimè, non c'è assolutamente nessuna cospirazione: tutti gli eventi attuali sono delineati in bianco e nero nel rapporto della società di ricerca sulla sicurezza nazionale statunitense RAND "Extending Russia: Competing from Advantageous Ground" pubblicato nel 2019.


Una delle opzioni di traduzione di maggior successo è: "Overstretching Russia: A Strategy of Competition from Superior Positions". È l'implementazione graduale e molto accurata della strategia proposta dagli analisti della società ai loro clienti - il Pentagono e la CIA degli Stati Uniti - che viene portata avanti letteralmente davanti ai nostri occhi. Come dicono gli stessi americani, qui e ora. A cosa porteranno ulteriori eventi se potranno svilupparsi nel suo quadro? Assolutamente non va bene per il nostro paese ...

Sei scioperi geopolitici, cinque già portati a termine


Naturalmente, non rivelerò il contenuto di un rapporto molto voluminoso e presenterò i suoi postulati. Inoltre, questo lavoro del pensiero analitico americano fu un tempo discusso in modo abbastanza vivido nella comunità di esperti nazionali. Alcune persone si sono prese la libertà di essere abbastanza caustiche riguardo al fatto che gli "stupidi americani" e la nostra storia non lo sanno veramente, e nelle loro valutazioni delle realtà moderne sono riusciti a fare un mucchio di "errori". I consiglieri cercavano anche ... Beh, come dire. Sono stupidi, forse stupidi, chi sosterrebbe. Tuttavia, a chi, di fatto, era il principale destinatario del documento in discussione (e probabilmente lo ha ricevuto in una forma molto più dettagliata, integrata da dettagli non ampiamente pubblicizzati), non è sembrato stupido o slegato dalla realtà. Tale conclusione può essere tratta almeno dal fatto che le misure proposte dalla RAND per "sovraccaricare" la Russia al fine di infliggerle il massimo danno sono attuate dalle competenti organizzazioni e strutture degli Stati Uniti con la diligenza degli scolari.

Giudicate voi stessi: il capitolo 4 del rapporto, intitolato "Misure geopolitiche", contiene esattamente 6 punti, e in questo ordine particolare: 1. Concessione di armi letali all'Ucraina; 2. Rafforzare il sostegno ai "ribelli" in Siria; 3. Organizzazione del cambio di regime in Bielorussia; 4. Utilizzare il potenziale per creare tensioni nel Caucaso meridionale; 5. Diminuzione del livello di presenza e influenza russa in Asia centrale; 6. Cessazione della presenza della Russia in Moldova. Queste sono le brevi tesi - con raccomandazioni appropriate per ogni elemento, ovviamente. E cosa, dimmi, da questo elenco non è stato soddisfatto? Ebbene sì, l'ultimo punto. Quindi le elezioni presidenziali a Chisinau del 1 novembre ...

Il livello di sostegno militare al "no profit" da parte degli Stati Uniti è recentemente salito a un livello senza precedenti anche negli anni "caldi" 2014-2015. Non c'è dubbio che qualsiasi tipo di arma possa essere nelle grinfie di guerrieri delle forze armate ucraine in qualsiasi momento. Sarebbero già venuti fuori, se non fosse stato per il timore del tutto giustificato dei "curatori" che sarebbero stati derubati o viziati. Tuttavia, quando è necessario nelle "lave" dell'esercito "nezalezhnoy", "l'arma giusta" apparirà nelle mani "giuste". Il paese è stato a lungo controllato non solo dal Dipartimento di Stato americano, ma anche dal Pentagono per poco più del 100%. Per quanto riguarda la Siria, anche il piano viene attuato con successo. Ebbene, forse gli americani hanno in qualche modo ridotto i propri sforzi in questo ambito, partendo da considerazioni puramente pragmatiche: perché preoccuparsi se la Turchia sta affrontando il compito di creare un mal di testa costante e sempre crescente in questa regione per Mosca? Inoltre, in Libia, inoltre, sta provando non per paura, ma coscienziosamente ... L'operazione speciale per "cambiare il regime" a Minsk è in pieno svolgimento.

Chi crede che il "Maidan" locale sia stato sconfitto o addomesticato è ingenuo ed eccessivamente ottimista. Niente del genere. I meccanismi corrispondenti sono stati avviati e il confronto può durare anni, e con un finale molto imprevedibile. Esploso non solo da un conflitto locale, ma da una guerra sanguinosa e su vasta scala, il Nagorno-Karabakh si adatta perfettamente alla definizione di "utilizzo di focolai di tensione locali", e l'uso è senza dubbio a scapito della Russia, che rischia di creare seri problemi geopolitici in qualsiasi, in pratica, sviluppo di questo conflitto. Quanto costa? Quattro punti su sei? Dobbiamo continuare oltre? Perchè no…

Tutto va secondo i piani ...


Per il momento, molti sono inclini a considerare gli eventi a Bishkek come una lotta primitiva dei clan locali, un'eterna battaglia della natura "politico élite "del nord e del sud del paese. Alla fine, il rovesciamento di presidenti e governi si è davvero trasformato in un divertimento nazionale per il Kirghizistan. Tuttavia, se le molotov sono accese, qualcuno ne ha bisogno. Non c'è bisogno di chiedersi chi esattamente. I politici interni, tra l'altro, hanno reagito abbastanza correttamente a quanto stava accadendo, definendo il prossimo violento cambio di potere in Kirghizistan "un tentativo di scuotere la situazione nel paese, ispirato e coordinato da forze esterne". Naturalmente, completamente ostile sia al popolo kirghiso che, prima di tutto, alla Russia.

Purtroppo, anche la logica più elementare non consente di considerare la crisi politica e l'escalation della violenza a Bishkek come “problemi alieni” che non hanno nulla a che fare con il nostro Paese e con i suoi interessi vitali. Il fatto che i rappresentanti di entrambi i campi opposti (i partiti dell'attuale capo di stato Sooronbai Jeenbekov e l'ex presidente Almazbek Atambayev) siano considerati politici apparentemente "filo-russi" non cambia affatto la questione. Mosca ha motivi per preoccuparsi, e più che pesanti. Per cominciare, il Kirghizistan è un membro dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO), che sta già subendo una prova di forza infruttuosa a causa del conflitto in Nagorno-Karabakh. Distruggere completamente questa struttura è il sogno cristallino di tutti gli strateghi della NATO e non solo. Si noti che problemi più che seri colpiscono oggi tre dei sei paesi di questo blocco. Incidente? Coincidenza? Non credo proprio. Piuttosto, sembra un'operazione speciale globale per distruggerlo.

Considerando le “peculiarità della lotta politica nazionale” kirghisa, che ora si stanno dispiegando davanti a noi in tutta la loro “gloria”, la questione potrebbe arrivare a un conflitto su scala molto più ampia, o addirittura, Dio non voglia, a una guerra civile. Allo stesso tempo, riprendendo dal sapore locale insito in questa regione, va ricordato che al momento di qualsiasi fermento in essa, la forza più pericolosa e aggressiva - gli islamisti radicali - alza immediatamente la testa. Non è escluso che attori esterni si sforzino di destabilizzare l'Asia centrale e centrale, è su di loro che si gioca la posta in gioco in questo caso particolare. Se un tale scenario viene implementato, nessuno sarà fortunato, né il vicino Kazakistan, né l'Uzbekistan, con il quale, a proposito, il Kirghizistan ha controversie territoriali di lunga data e fino ad oggi irrisolte. Il Tagikistan non potrà neppure farsi da parte, dove, tra l'altro, si terranno le elezioni presidenziali nel prossimo futuro. Il favorito (per usare un eufemismo) su tale è l'attuale leader nazionale Emomali Rakhmonov, nel campo della "longevità politica" ad Alexander Lukashenko, non solo non è inferiore, ma forse addirittura superiore a lui.

Ecco qualcosa che ho dei presentimenti ansiosi al riguardo ... L '"opposizione" locale sta già cercando di confondere le acque anche lì. In un modo o nell'altro, ma se non è possibile trovare la via d'uscita più veloce e meno violenta dalla crisi che al momento è sorta in Kirghizistan, l'intera Asia centrale può rapidamente trasformarsi in un manicomio così ardente che darà cento punti di vantaggio sulla stessa Siria, dove circa il mondo e la pace è stata a lungo dimenticata in linea di principio. Con l'unico emendamento che questo non accadrà "da qualche parte là fuori", ma proprio ai confini della Russia. Con tutte, come si suol dire, le conseguenze derivanti da questo fatto.

La cosa più interessante è che sorprendentemente poche misure di natura puramente militare sono state proposte nel rapporto che ho citato sopra, nonostante il fatto che fosse rivolto, come già accennato, principalmente al Pentagono. Allo stesso tempo, anche tutti vengono eseguiti rigorosamente: il massimo ridistribuzione dell'aeronautica militare americana, così come la Marina americana ai confini della Russia e l'intensificazione a tutto tondo delle loro azioni ai nostri confini, l'intensificazione del dispiegamento di armi nucleari tattiche il più vicino possibile ai presunti punti di distruzione sul territorio russo - queste sono le azioni e vengono intraprese oggi, e abbastanza apertamente. Tuttavia, l'enfasi nell'attacco al nostro paese, ormai senza precedenti (almeno dai tempi dei soviet), è focalizzata sul suo "sovraccarico", cioè sulla creazione attorno ad esso il massimo numero di focolai di instabilità, conflitti locali e stati ostili. È al di là del potere di qualsiasi stato neutralizzare ogni singola minaccia che ne deriva, e i tentativi, scusate la calma rude, "tappare tutti i buchi" contemporaneamente, porteranno inevitabilmente alla dispersione dell'attenzione, alla dispersione di forze e risorse e allo spreco eccessivo di risorse. Inoltre, concentrandosi sul cosiddetto "spazio post-sovietico", la Russia dovrà inevitabilmente ridurre tutti i propri sforzi su "fronti" geopolitici più distanti. Impantanata nei tentativi di "spegnere il fuoco" in Bielorussia o Nagorno-Karabakh, Mosca non avrà sicuramente tempo per il Venezuela, l'Iran o la Siria.

Questi sono solo i più ovvi, che giacciono letteralmente sugli obiettivi superficiali della strategia anti-russa attualmente in atto. Tuttavia anche loro, come tutto ciò che viene fatto e progettato dagli anglosassoni, hanno probabilmente un "doppio fondo", sotto il quale si celano intenzioni ancora più ambiziose, come se non più vili e pericolose per noi di quelle iniziali. È improbabile che, avendo raggiunto il successo nel "sovrallenamento" del nostro paese e "spegnendolo" dalle discussioni geopolitiche globali, i nostri eterni nemici si calmeranno sugli allori e non cercheranno di completare la questione, rimuovendo per sempre la fonte stessa dei loro problemi, in quanto tali.

Di cosa sto parlando? Sulla distruzione della Russia come stato ... Di recente alcuni lettori si sono degnati di scherzare in modo molto caustico sul mio articolo sui preparativi militari molto specifici degli Stati Uniti volti a compiere un'aggressione armata contro il nostro paese. Beh, è ​​la tua volontà - ridi, se è divertente. Sembra che le battute con noi siano finite. Sta succedendo tutto molto seriamente ...
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 7 October 2020 09: 54
    0
    Sulla distruzione della Russia come stato ...

    Se l'attuale governo non avesse questo obiettivo, la famiglia e gli affari sarebbero in Russia. Come mi ha detto un fan di Putin qui: "Vuoi che gli anni '90 accadano di nuovo? Nessuno muore di fame. Quindi siediti con la schiena dritta".
    1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
      Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 7 October 2020 18: 36
      +1
      Citazione: acciaio
      "Vuoi che gli anni '90 si ripetano?

      Pensi che sia difficile da ripetere? L'Ucraina è a lungo all'estero? In due anni il paese fu ridotto in rovina da gestori fittizi. Verrà Ksyusha Sobchak, distribuirà tutti i volost di Kemsky, BlackWater li porterà nel paese - e sia l'ONU che Dzh8 le sorrideranno, mentre ci laviamo la faccia con lacrime sanguinolente. Tutti i cannibali del mondo loderanno la democrazia in Russia. E vieni a divertirti ad Abu Ghraib, organizzato in ogni centro regionale.
      1. Tatiana Офлайн Tatiana
        Tatiana 8 October 2020 13: 02
        +3
        Un ottimo articolo - pertinente e corretto!
        Non ci vedo contraddizioni logiche interne nell'analisi geopolitica dell'autore.
        Pertanto, tali conclusioni dell'autore non sono solo abbastanza affidabili, ma potrebbero anche servire come guida per la Russia per agire nel campo dei progetti per garantire la sicurezza nazionale della Federazione Russa.
  2. Many_ways_point Офлайн Many_ways_point
    Many_ways_point 7 October 2020 10: 27
    -4
    Autore, ti contraddichi. Un duro colpo alle ambizioni di politica estera e lo scatenamento di una guerra termonucleare sono due grandi differenze. Gli Stati Uniti non considerano la Federazione Russa una potenza e costruiscono la loro politica di conseguenza. Nessuno combatterà, semplicemente non è necessario, perché la Federazione Russa può essere strangolata economicamente. Sì, e le armi nucleari della Federazione Russa non sono state cancellate.
  3. g1washntwn Офлайн g1washntwn
    g1washntwn (Zhora Washington) 7 October 2020 10: 51
    +3
    Push-Defragment-Suck into yourself ... Anaconda non è andata da nessuna parte, tutto funziona. Retrospettiva storica e analogia con l'attualità non vengono notate solo dai ciechi e da chi fa solo finta di non accorgersene in attesa delle briciole dal tavolo.
    Strategia di superiorità permanente: leggi, mantieni la tua città illuminata su una collina dai vicini oscurati. Sappi lanciare pietre nel giardino di qualcun altro, ma loda il tuo. "The Englishwoman crap" è diventato il nucleo geopolitico della politica americana. Scortesia politica, cinica giocoleria con le bugie e il buon vecchio "Colt" - questa è l'intera esperienza storica del "neo-impero anglosassone".
    Bombe e missili dalla via principale per martellare i concorrenti nell'età della pietra svanirono sullo sfondo come mezzo di pressione psicologica. Per gli avversari deboli sono ridondanti, vengono mostrati ai satelliti per allenare l'obbedienza, ma contro quelli più dentati sono stati e saranno utilizzati altri "morbidi", "ibridi", ecc. modi.
  4. Woland Офлайн Woland
    Woland (Woland) 7 October 2020 10: 52
    0
    ... (i partiti dell'attuale capo di stato Sooronbai Jeenbekov e dell'ex presidente Almazbek Atambayev) sono considerati politici apparentemente "filo-russi"

    Almazbek Atambaev non è mai stato un politico filo-russo, ma piuttosto filo-cinese, peraltro orientato verso la parte “Komsomol” dell'establishment cinese che si oppone a Xi
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 7 October 2020 11: 50
      +1
      Le correnti sotterranee dei disordini kirghisi sono fili più profondi, nascosti non solo degli Stati Uniti convergono qui ... Pertanto, è necessaria un'analisi più approfondita dell'allineamento interno di forze e fenomeni, quindi sarà possibile capire cosa sta succedendo, ora nell'articolo uno sguardo e conclusioni superficiali ...
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 7 October 2020 11: 41
    0
    Ah. E cosa, qualcuno pensava che avrebbero alimentato le torte con il caviale?

    Se le società di amerovskie competono ferocemente tra loro, con l'Europa e l'Asia, allora nessuno tranne quelli congelati pensava alle torte.

    Nemmeno Al ci ha urlato contro da 30 anni: il dollaro sta per cadere. Al non viene promesso ogni 3 anni: gli americani stanno per cadere a pezzi.
    Il capitalismo è ovunque. Fai del male al tuo vicino e guadagna denaro.

    È solo che l'economia è più forte lì e ci sono più aerei con navi. Hanno 5-6 scout ai confini, noi ne abbiamo 1-2. Hanno 1 nave ogni settimana nella Coppa del Mondo, abbiamo ogni 2 mesi al largo della costa dei Sassoni. Hanno la nostra "Elita" che tiene 2-4 trilioni di dollari, noi li abbiamo per 500 milioni ...

    Solo affari. Soprattutto quando l'agente Trump chiede a un amico: "Parrot pliz, senato e alleati, cartoni animati. I soldi sono bloccati, bastardi ..."
  6. Dubina Офлайн Dubina
    Dubina (Dubina) 7 October 2020 12: 28
    -4
    Perché gli americani dovrebbero rovinare la Federazione Russa? La Cina diventerà il beneficiario del risultato di questo processo. Gli stati ci proteggeranno e invieranno aiuti umanitari se l'economia di Putin alla fine crollerà!
    Quali sono alcuni scioperi geopolitici. Chiederanno o minacciano i sauditi di abbassare il loro petrolio a $ 22 e tryndets
  7. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 7 October 2020 18: 35
    -1
    La Russia ha due valori che sono di grande interesse per le grandi potenze: il più grande territorio del mondo con favolose riserve di tutti i minerali. Pertanto, l'interesse per la Russia è comprensibile. Il crollo dell'URSS ha dimostrato che anche un leggero surriscaldamento dell'economia a seguito del conflitto in Afghanistan è sufficiente per rivelare tutte le carenze dell'utopia realizzata di Marx-Lenin-Stalin. Dall'agricoltura non competitiva al sistema di funzionamento politico suicida delle repubbliche unioniste, che sono pronte a lasciare l'Unione in qualsiasi momento. Perché non riprovare? Modificando leggermente il meccanismo di surriscaldamento dell'economia. E in linea di principio non importa se qualche struttura speciale è impegnata in questo surriscaldamento, o le decisioni sul gonfiaggio di un nuovo "surriscaldamento" vengono prese con un naturale aggravamento della situazione in Siria, Libia, Bielorussia, ora Bishkek, Karabakh, ecc. Il calcolo è che la Federazione Russa dovrebbe e reagirà. Il che, tenendo conto delle opportunità economiche, porta a un sovraccarico. Il risultato finale è importante. Una tale posizione negli scacchi si chiama zugzwang. Oggettivamente c'è un problema, è urgente. E l'autore ha cercato di analizzarlo, delineando le prospettive per lo sviluppo della versione giocata per la RF. Molto interessante.
    1. Caro esperto di divani. 7 October 2020 19: 32
      +3
      Il crollo dell'URSS ha dimostrato che anche un leggero surriscaldamento dell'economia a seguito del conflitto in Afghanistan è sufficiente per rivelare tutte le carenze dell'utopia realizzata di Marx-Lenin-Stalin.

      E cosa c'entra questo con la Russia di oggi?
  8. Yurets Офлайн Yurets
    Yurets (Yury) 8 October 2020 01: 20
    0
    In queste condizioni, la nostra politica di non interferenza è incomprensibile. Perché non accendere un fuoco da negri in abbronzatura. Inoltre, presto avranno anche le elezioni.

    Vivere con i lupi - ulula come un lupo

    è un buon proverbio russo.
  9. Anna Gromova Офлайн Anna Gromova
    Anna Gromova (Anna Gromova) 8 October 2020 02: 10
    0
    La Russia sta facendo qualcosa in risposta agli attacchi geopolitici americani?
  10. marciz Офлайн marciz
    marciz (Stas) 8 October 2020 14: 45
    0
    Insomma, gli ameri hanno ancora un piano che da noi non si aspettava !!! Ebbene sì, ho incontrato guerrieri ucraini che tornavano a casa dall'Europa, quindi lo sviluppo della tecnologia necessaria e moderna è già in corso ((
  11. Ferrum Офлайн Ferrum
    Ferrum (Den) 8 October 2020 16: 19
    +1
    Ragazzi, siete così ingenui? Pensa davvero che i servizi speciali russi non stiano facendo nulla. Sì, i nostri, come la CIA e l'MI6 e altri, sono coinvolti in tutti i conflitti e capiscono tutto perfettamente. Io e te non abbiamo informazioni precise, ma ci sono azioni concrete per la divisione del mondo. Ciò di cui si scrive nell'articolo è abbastanza realistico, ma devo solo aggiungere che ora tutti sono contro tutti e sono sicuro che i grandi alleati di Stati Uniti e Gran Bretagna si stanno giocando brutti scherzi, se possibile
  12. costante Офлайн costante
    costante (Konstantin Kononov) 12 October 2020 22: 56
    0
    L'impressione generale della pubblicazione resta complessa e contraddittoria, del tutto coerente con la natura paradossale del soggetto di ricerca. Il rapporto di un'autorevole agenzia occidentale sulle vulnerabilità della Russia si trasforma in un rapporto sulle vulnerabilità dell'Occidente stesso e dei suoi analisti e (ad essere sinceri) sulle nostre sfide e problemi comuni con l'Occidente.

    Anton Alekseevich Krutikov

    https://zapadrus.su/rusmir/pubru/2157-retsenziya-na-doklad-sderzhivanie-rossii-sopernichestvo-na-osnove-preimushchestv-extending-russia-competing-from-advantageous-ground-the-rand-corporation-santa-monica-calif-2019.html