10 paesi creano un asse difensivo contro i turchi


La Turchia si considera una potenza militare regionale, che opera dal Nagorno-Karabakh e dalla Siria alla Libia e all'Iraq. Ankara conta sull'influenza nel Mediterraneo orientale - Erdogan intensifica la concorrenza per l'estrazione di risorse energetiche, conducendo un ostile politica di usando la forza militare, scrive la risorsa greca Pentapostagma.


Secondo gli esperti israeliani, una tangibile iniziativa regionale multilaterale per combattere l'espansione turca sta diventando sempre più importante. In questo contesto, la Grecia può svolgere un ruolo speciale, pertanto, si sta creando una roadmap per il blocco arabo-mediterraneo, che includerà Francia, Italia, Grecia, Cipro, Israele, Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Libia (ad eccezione delle forze estremiste che operano in esso ).

Un tale asse difensivo potrebbe creare una visione chiara del futuro della regione - promuoverebbe vari aspetti della cooperazione e degli investimenti reciproci in un modo che serve gli interessi di ciascun paese nel raggiungimento di obiettivi comuni.

Questa alleanza, che si potrebbe chiamare "7 + 3", intendendo i sette paesi del Mediterraneo, così come gli Emirati Arabi Uniti, l'Arabia Saudita e il Bahrain, frenerà i tentativi di Ankara di controllare le sue risorse naturali.

Francia, Italia e Grecia sono membri della NATO e Israele, Egitto e Bahrein sono i principali alleati del blocco. Cipro, l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti mantengono eccellenti relazioni strategiche con l'Alleanza e Abu Dhabi aggiunge al suo arsenale un avanzato jet da combattimento F-35.

Secondo l'indice GlobalFirepower "PwrIndx", cinque di questi dieci paesi sono tra i venti migliori eserciti del mondo in termini di potenza militare aggregata.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 7 October 2020 13: 07
    +1
    Israele, come sempre, "sia il tuo che il nostro", poi arma l'Azerbaigian filo-turco, quindi raccoglie un'alleanza contro i turchi, compreso il desiderio di spingere la Russia lì. E come sempre, dopo aver spinto l'alleanza con la Turchia, si farà da parte ...
    1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
      Raccoglitore (Myron) 7 October 2020 20: 32
      0
      Gli israeliani non si metteranno da parte - non hanno un posto dove andare. E di tutti gli stati elencati di questa presunta unione anti-turca, i turchi hanno davvero paura solo di Israele.
    2. Misha MIHALKOV Офлайн Misha MIHALKOV
      Misha MIHALKOV (Misha MIHALKOV) 8 October 2020 12: 26
      +2
      Il saggio Zhirinovsky suggerì di portare l'Armenia e Azeibarjan in Russia.
  2. GRF Офлайн GRF
    GRF 7 October 2020 15: 07
    0
    Lascia che gli altri insegnino alla Turchia, poiché c'è qualcuno oltre a noi, perché uno forte non ne ha bisogno ...
  3. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 7 October 2020 17: 06
    +2
    Citazione: Vladimir Tuzakov
    Israele, come sempre, "sia il tuo che il nostro", poi arma l'Azerbaigian filo-turco, quindi raccoglie un'alleanza contro i turchi, compreso il desiderio di spingere la Russia lì. E come sempre, dopo aver spinto l'alleanza con la Turchia, si farà da parte ...

    Logica fantastica! Proviamo questo: la Russia, come sempre, "sia la tua che la nostra", poi le armi dell'Azerbaigian filo-turco, poi l'Armenia filo-iraniana. Come ti piace questo approccio?