Yerevan può pagare un duro colpo alla centrale idroelettrica azera con la sua centrale nucleare


La guerra in Nagorno-Karabakh può portare a un vero e proprio disastro umanitario e ambientale regionale. Yerevan minaccia di inondare metà dell'Azerbaigian, distruggendo la centrale idroelettrica di Mingechevir, e Baku minaccia di trasformare la capitale dell'Armenia in un deserto radioattivo colpendo una centrale nucleare situata a soli 30 chilometri dalla città. Minacce simili suonava prima, ma molto è cambiato dall'intervento di un attore esterno, la Turchia, in un conflitto di lunga data.


L'esercito armeno si sta gradualmente ritirando di fronte all'assalto degli azeri più numerosi e meglio armati. I combattenti F-16 turchi sono apparsi nel cielo sopra il Nagorno-Karabakh. Se Ankara inizierà attivamente a usare la sua aviazione a sostegno degli alleati, le cose andranno molto male per la repubblica non riconosciuta. Yerevan ha avvertito che in questo caso sarà costretto a utilizzare Iskander-E OTRK. Quanto sarà efficace come deterrente e non porterà più problemi al popolo armeno?

Quando si discute di questo argomento, è necessario considerare una serie di fattori:

In primo luogo, I sistemi missilistici Iskander-E in Armenia hanno un raggio di distruzione limitato, circa 280 chilometri invece di 500 per Iskander-M. Ci sono molte strutture importanti sul territorio dell'Azerbaigian che potrebbero fungere da obiettivi: la raffineria di petrolio di Baku, la raffineria di petrolio di Garadagh, i giacimenti petroliferi offshore, il terminale del gas Sangachal, ecc. Il problema è che sono tutti fuori dalla portata della versione di esportazione di Iskander. Ma la centrale idroelettrica di Mingechevir ci cade dentro.

Questa è una delle più importanti fonti di approvvigionamento energetico per l'Azerbaigian. La distruzione della sua diga da parte di un missile potrebbe spazzare via istantaneamente metà del paese nella valle a valle dalla faccia della terra. Sarà una vera catastrofe umanitaria ed ecologica, che in futuro a ragione nel tribunale internazionale sarà definita crimine di guerra e genocidio del popolo azero.

In secondo luogo, Baku avrà qualcosa a cui rispondere a Yerevan. Usando i missili israeliani LORA a loro disposizione, l'esercito azero può distruggere la centrale nucleare di Metsamor. La capacità delle sue due unità di potenza è di 407,5 MW. Di conseguenza, la piccola Armenia può ottenere la propria "Chernobyl" locale.

In terzo luogoNon è del tutto chiaro chi controlli esattamente Iskander-E OTRK. Secondo un'informazione, si trovano sul territorio della nostra base a Gyumri. Ma secondo il ministro della Difesa Vigen Sargsyan, i complessi sono a disposizione dei militari armeni dal 2016:

Il fatto che gli Iskander siano stati consegnati in Armenia, secondo me, è evidente a tutti, perché tutti li hanno visti con i propri occhi. Il fatto che appartengano alle Forze Armate dell'Armenia, posso anche confermarlo con assoluta certezza.

È abbastanza ovvio che la Russia, considerata un mediatore informale nel conflitto del Nagorno-Karabakh, non sarà soddisfatta di nessuno degli scenari sopra descritti. Ma ci sono sfumature importanti. I difensori del Nagorno-Karabakh hanno a disposizione i sistemi missilistici Tochka-U, che avrebbero già lanciato senza successo in direzione della centrale idroelettrica di Mingechevir. Non è chiaro fino a che punto tali attacchi possano essere controllati dal ministero della Difesa russo.

La seconda difficoltà sta nel fatto che è praticamente impossibile controllare le azioni del presidente Erdogan, che può ordinare al suo aereo di attaccare le posizioni degli armeni. Se succede qualcosa del genere, allora Yerevan e il Cremlino dietro dovranno ancora rispondere. Certo, non si può parlare di distruggere il giacimento, ma l'oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan, l'oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan, il porto Baku-Tbilisi-Supsa e il gasdotto Baku-Tbilisi-Erzurum sul territorio dell'Azerbaigian possono essere scelti come bersaglio di un attacco missilistico. Danneggiando o distruggendo le infrastrutture per il trasporto di idrocarburi, Mosca può ottenere una cessazione temporanea delle forniture a Turchia e Georgia, che sarà un attacco di rappresaglia abbastanza forte.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 7 October 2020 16: 20
    -4
    Per un duro colpo alla centrale idroelettrica azera.

    Possibile che con la perdita del Karabakh gli armeni possano farlo? Perché allora l'Azerbaigian non ha pensato di attaccare le centrali nucleari in 30 anni? Si scopre che Pashinyan è completamente malato alla testa? E poi, nell'entourage di Putin, c'è qualcuno che è amico della testa? Non voglio nemmeno presentare tali versioni dell'autore. Non arrabbiarmi.
  2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 7 October 2020 17: 56
    0
    Hai bisogno di Chernobyl in cinque paesi? Bene ...
  3. Caro esperto di divani. 7 October 2020 21: 42
    +3
    In breve, sembra che tutto stia andando incontro a grossi guai, e quindi la Russia deve essere coinvolta più attivamente in questo conflitto ora.
    Per sedersi in disparte e così non funziona.
    Almeno prendete la centrale nucleare armena sotto la protezione di tutti i possibili mezzi di difesa aerea.
    Naturalmente, per mettere in guardia gli armeni da questa sfacciata stupidità, con la distruzione della centrale idroelettrica.
  4. rrt Офлайн rrt
    rrt (r) 7 October 2020 21: 44
    +1
    L'autore sa che secondo le convenzioni internazionali uno sciopero su una centrale nucleare è equiparato ad un attacco nucleare? è lo stesso di chi lancia armi nucleari contro l'Armenia. A giudicare da come il materiale viene presentato regolarmente e con calma, ci sono dubbi. Le infrastrutture sono una cosa, ma le centrali nucleari sono un'altra. Anche Hitler, quando si ritirava su tutto il fronte, non osava trasferire la guerra convenzionale a quella non convenzionale. Ma aveva un vasto arsenale di armi chimiche e non aveva nulla da perdere. Le conseguenze saranno disastrose per tutti nella regione. Fonit lo sarà per secoli. I radionuclidi entreranno nel lago Caspio e potrai dimenticarti della pesca. Non parlo nemmeno di polvere radioattiva, è come se qualcuno sarà fortunato. E ancora un punto importante, se questo accade Dio non voglia, il popolo armeno prima o poi risponderà simmetricamente a seconda di chi ha bisogno. Cordiali saluti.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 8 October 2020 07: 27
      0
      Citazione: rrt
      L'autore è al corrente che secondo le convenzioni internazionali uno sciopero a una centrale nucleare è equiparato ad un attacco nucleare? è lo stesso di chi lancia armi nucleari contro l'Armenia. A giudicare da come il materiale viene presentato regolarmente e con calma, ci sono dubbi.

      Vuoi che faccia i capricci nel testo? risata
      Scrivo con calma perché un tale scenario non sarà consentito.
  5. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 8 October 2020 16: 26
    0
    Sei completamente pazzo?
  6. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 9 October 2020 12: 05
    -2
    Nel cielo sopra il Nagorno-Karabakh, i combattenti F-16 turchi sono apparsi in modo dimostrativo.

    Informazioni di dubbia affidabilità. L'unica fonte è il ministero della Difesa armeno.
  7. Shapalla Офлайн Shapalla
    Shapalla (Rustam) 11 October 2020 10: 39
    -1
    Citazione: acciaio
    Per un duro colpo alla centrale idroelettrica azera.

    Possibile che con la perdita del Karabakh gli armeni possano farlo? Perché allora l'Azerbaigian non ha pensato di attaccare le centrali nucleari in 30 anni? Si scopre che Pashinyan è completamente malato alla testa? E poi, nell'entourage di Putin, c'è qualcuno che è amico della testa? Non voglio nemmeno presentare tali versioni dell'autore. Non arrabbiarmi.

    Non funziona, ma lo è.
  8. Shapalla Офлайн Shapalla
    Shapalla (Rustam) 11 October 2020 10: 41
    0
    Citazione: rrt
    L'autore sa che secondo le convenzioni internazionali uno sciopero su una centrale nucleare è equiparato ad un attacco nucleare? è lo stesso di chi lancia armi nucleari contro l'Armenia. A giudicare da come il materiale viene presentato regolarmente e con calma, ci sono dubbi. Le infrastrutture sono una cosa, ma le centrali nucleari sono un'altra. Anche Hitler, quando si ritirava su tutto il fronte, non osava trasferire la guerra convenzionale a quella non convenzionale. Ma aveva un vasto arsenale di armi chimiche e non aveva nulla da perdere. Le conseguenze saranno disastrose per tutti nella regione. Fonit lo sarà per secoli. I radionuclidi entreranno nel lago Caspio e potrai dimenticarti della pesca. Non parlo nemmeno di polvere radioattiva, è come se qualcuno sarà fortunato. E ancora un punto importante, se questo accade Dio non voglia, il popolo armeno prima o poi risponderà simmetricamente a seconda di chi ha bisogno. Cordiali saluti.

    E l'impatto sulla centrale idroelettrica, il cui risultato è stato l'allagamento delle infrastrutture di oltre la metà del Paese? A cosa è uguale? Solo un attacco terroristico? Ricordi che la Federazione Russa contrasta attivamente i terroristi o si è già fermata?
  9. Polvere Online Polvere
    Polvere (Sergey) 15 October 2020 21: 47
    +1
    Autore, uno sciopero su una centrale nucleare provocherà immediatamente una grande guerra nella regione! La nuvola nucleare può coprire i paesi confinanti di Georgia, Russia, Iran, Turchia, Azerbaigian ... E Dio non voglia che questa nuvola vada verso la Russia ... Non invidio l'Azerbaigian. Sarà distrutto insieme alla Turchia se quest'ultimo si precipiterà a proteggerla.