La guerra armeno-azera presenta alla Russia scelte difficili


Una caratteristica distintiva della nuova escalation del conflitto armato tra Armenia e Azerbaigian è l'evidente distacco della Russia dall'essere coinvolta nello scontro. Un groviglio di contraddizioni tra gli interessi della Federazione Russa e di altri paesi, così come l'idea del Cremlino del suo esercito e politico opportunità presenta a Mosca una scelta difficile. La risorsa Eurasianet scrive a riguardo.


Il desiderio della Russia di eludere la partecipazione agli affari armeno-azerbaigiano può in parte indicare il fallimento della Federazione Russa nel risolvere questo conflitto di 30 anni. Mosca sta cercando di mantenere un equilibrio aiutando Yerevan e contemporaneamente commerciando armi con Baku, oltre a sostenere iniziative di mediazione. Ma il patrocinio della Turchia all'Azerbaigian ha cambiato questo calcolo della Russia e la strategia dell'equilibrio ha iniziato a fallire: Mosca ha pensato seriamente di scegliere le regole del gioco di politica estera in questa regione.

Il dilemma principale per il Cremlino è il desiderio di "sedersi su due sedie". Così, nel formato di Minsk, la Federazione Russa si sente “la prima tra pari”, utilizzando l'immagine di un Paese che coopera con l'Occidente con un approccio multilaterale. E in assenza del Gruppo di Minsk, le azioni della Russia potrebbero sembrare tentativi unilaterali del potere imperiale di influenzare la situazione.

Ma il principio di "agire da soli" può mettere il Cremlino in un angolo: la Federazione Russa è privata di metodi veramente efficaci per affrontare i droni turchi e inoltre non ha accesso diretto alla zona del conflitto militare.

Un'altra possibile scelta è la "prossimità" della guerra, in cui la Russia sostiene l'Armenia e la Turchia sostiene l'Azerbaigian. Ma questo approccio è anche non redditizio per Mosca, poiché mina il commercio e le relazioni geostrategiche con Baku.

Il ruolo della Federazione Russa come patrono di una delle parti diminuirà lo status di Mosca nel Caucaso meridionale come mantenimento dell'equilibrio di potere - il suo mantenimento si è basato proprio sull'evasione del Cremlino dall'accettare entrambe le parti. Pertanto, questa guerra presenta alla Russia una scelta di strategia molto difficile per il comportamento nella regione, nonché il suo rapporto con l'ordine mondiale.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. GRF Офлайн GRF
    GRF 7 October 2020 15: 19
    0
    La Russia è grande, può sedersi su 10 sedie.
    Bene, rimarrà una sedia meno comoda, non fa paura, ci abitueremo...
    1. Hodor Офлайн Hodor
      Hodor 7 October 2020 15: 42
      -1
      Una sorta di logica dell'asilo. Il chilometro quadrato dell'area del paese non è correlato in alcun modo con la posizione mondiale del paese. Anche il Canada è grande, e allora?
  2. Foca Офлайн Foca
    Foca (Sergey Petrovich) 7 October 2020 15: 24
    -1
    Ma il patrocinio della Turchia all'Azerbaigian ha cambiato questo calcolo della Russia e la strategia dell'equilibrio ha iniziato a fallire: Mosca ha pensato seriamente di scegliere le regole del gioco di politica estera in questa regione.

    Sì. La Turchia dovrebbe essere spostata il più lontano possibile. Bene, forse per cominciare, bloccare il tubo del gas dell'Armenia e chiedere che l'Azerbaigian venga cancellato dalla sua presenza all'interno dei confini dell'Azerbaigian SSR?
  3. Tektor Офлайн Tektor
    Tektor (Tettore) 7 October 2020 15: 45
    +1
    Ma il principio di "agire da soli" può mettere il Cremlino in un angolo: la Federazione Russa è privata di metodi veramente efficaci per affrontare i droni turchi

    Chi è questo analista perspicace? E come se la cava con la mancanza di "metodi efficaci per affrontare i droni" e il nostro tetto impenetrabile su Khmeimim? Per combattere i droni serve un radar Zoo, quindi non ci sono problemi.
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 7 October 2020 15: 56
    -1
    La guerra armeno-azera presenta alla Russia scelte difficili

    Ma il principio di "agire da soli" può mettere il Cremlino in un angolo: la Federazione Russa è privata di metodi veramente efficaci per affrontare i droni turchi e inoltre non ha accesso diretto alla zona del conflitto militare.

    -La Russia non può fare nulla... -È molto più redditizio per la Russia rimanere in disparte e mantenere un'"immagine significativa" di uno stato che può facilmente cambiare l'intera situazione in Karabakh, "con uno schiocco di dita"; ma non lo fa, osservando la legalità...
    -E la Turchia ha giocato bene a questo gioco... -Ha acceso questo conflitto in Karabakh (di cui nessuno ha affatto bisogno); e lei stessa, sotto la copertura di questo conflitto ... - con molta sicurezza va nello "spazio operativo" ... - va nel Caspio ...
    -Ecco dove la Turchia può essere sostenuta... - = stati limite interamente musulmani...
    -E la Russia non ha alcun sostegno nel Caspio ... -La Russia ha preso e si è "divisa onestamente" tutto ... "puoi tirare finché vuoi ...
    -E ora i limitrofe hanno i loro "pezzi legali" dell'area dell'acqua del Caspio ... -Ecco come la Russia "ha provato duramente" ... - tutto per i vicini ... - tutto per i "fratelli" ...
    -E Karabakh... -Chi ne ha bisogno... -Per la Russia, l'Armenia è perduta... -Era già persa...
    -Il fatto stesso che non sia stata la Russia stessa ad organizzare questo conflitto (anche se suona blasfemo)... -Già non parla a favore della Russia (della sua debolezza)... il naso si adatta al conflitto; e la Russia (questo "qualcuno") lascia solo l'opportunità di "scegliere" --- da che parte stare in questo conflitto ... e cosa dovrebbe fare ora ... - Ma chi rispetterà la Russia dopo ...
    - Abbiamo urgente bisogno di iniziare a combattere per il Caspio ... - E il Karabakh ... è già passato ...
  5. lavoratore dell'acciaio 7 October 2020 16: 34
    0
    La guerra armeno-azera pone alla Russia una scelta difficile.

    In un primo momento, perseguire una politica si dissolverà da solo, e quando non si dissolverà, sarà subito una scelta difficile. Può cambiare i timonieri? Nuove persone - nuove soluzioni!
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 7 October 2020 21: 53
    -1
    Tutte stronzate. Non c'è una scelta particolare. Vendi pezzi di ricambio per entrambi, dato che sei in buoni rapporti con entrambi.

    In Azerbaigian - amicizia con l'amico di Putin Endogan, gas, una famiglia per tutta la vita, Sviluppo 2025 - in generale, grazia come la nostra. Ma i musulmani.
    In Armenia - Maidan, non hanno dato premiership, biolaboratorio, cecchino e Dipartimento di Stato per tutta la vita. Ma i prestiti sono presi, armi e cristiani.

    La scelta è ovvia.