L'artiglieria è stata messa a tacere nel Nagorno-Karabakh dopo la conversazione di Putin con Aliyev


5 ottobre 2020 esercito azero inflitto missili e artiglieria sulla città armena di Stepanakert nel Nagorno-Karabakh. A seguito dei bombardamenti, i civili sono rimasti feriti e sono stati causati notevoli danni materiali. Ora la popolazione della città non è più disturbata dai rumori del raid aereo e dalle munizioni che cadono dal cielo, i negozi hanno iniziato a funzionare e la fornitura di elettricità è stata ripristinata. Sui social media, questo fenomeno è stato soprannominato la "pausa umanitaria".


Il 7 ottobre 2020 si è svolta una conversazione telefonica tra il leader russo Vladimir Putin e il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev, dopo di che Baku ha smesso di bombardare l'NKR. Inoltre, il presidente russo ha parlato al telefono con il primo ministro armeno Nikol Pashinyan, perché la parte azera si è lamentata del bombardamento delle loro città da parte dell'esercito armeno.

Putin è riuscito a dare una pausa alla gente almeno per un po ', e forse ha salvato la vita a qualcuno. Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha detto che l'8 ottobre si terranno a Ginevra i negoziati sul Nagorno-Karabakh. Il 12 ottobre proseguiranno a Mosca. Pertanto, è probabile che per tutto questo tempo le munizioni a grappolo dello Smerch MLRS non verranno versate su Stepanakert.

Va notato che il 7 ottobre Aliyev ha rilasciato un'intervista a Channel One, un frammento della quale è stato mostrato in onda dal programma Vremya Pokazhet.


Prima di tutto, devono essere attuate quattro risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che sono state adottate nel 1993

- ha detto il capo dello Stato, rispondendo alla domanda di un giornalista, cosa dovrebbe accadere per Azerbaigian e Armenia per sedersi al tavolo dei negoziati.

Aliyev ha spiegato che Baku tornerà ai negoziati con Yerevan sul Nagorno-Karabakh quando la fase del confronto militare terminerà. L'Azerbaigian conta politico soluzione del conflitto, ma non può aspettare altri 30 anni. Ha richiamato l'attenzione sul fatto che l'Armenia sta cercando di coinvolgere altri paesi in questo conflitto. Il presidente ha sottolineato che la popolazione azera dovrebbe tornare nei luoghi di residenza da cui era stata espulsa tre decenni fa.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 8 October 2020 13: 35
    -3
    L'artiglieria è stata messa a tacere nel Nagorno-Karabakh dopo la conversazione di Putin con Aliyev

    - L'artiglieria taceva in Nagorno-Karabakh ... -ma qui vicino a Ryazan "rimbombava" così tanto che continua a rimbombare ancora oggi ...
    -Forse il nostro garante deve prima "condurre conversazioni" in Russia e ripristinare l'ordine qui; e il Karabakh si stabilirà in qualche modo ...
    1. colyanpirogov Офлайн colyanpirogov
      colyanpirogov (Nikolay Pirogov) 8 October 2020 13: 41
      +5
      Vecchia canzone: - "Il gatto ha abbandonato i gattini - è colpa di Putin ..."
  2. Tektor Офлайн Tektor
    Tektor (Tettore) 8 October 2020 14: 11
    +1
    Il problema è che per Aliyev, la sconfitta in questa compagnia significherebbe la perdita della sua posizione e della vita, forse. Quelli. Aliyev non può fermarsi finché non ha usato tutte le sue risorse. E poi dovrà dimostrare alcuni successi ... Se le persone non li apprezzano, la famiglia Aliyev dovrà affrontare un triste destino.
  3. marciz Офлайн marciz
    marciz (Stas) 8 October 2020 14: 36
    +1
    Citazione: gorenina91
    L'artiglieria è stata messa a tacere nel Nagorno-Karabakh dopo la conversazione di Putin con Aliyev

    - L'artiglieria taceva in Nagorno-Karabakh ... -ma qui vicino a Ryazan "rimbombava" così tanto che continua a rimbombare ancora oggi ...
    -Forse il nostro garante deve prima "condurre conversazioni" in Russia e ripristinare l'ordine qui; e il Karabakh si stabilirà in qualche modo ...

    E cosa è successo lì a Ryazan !?
  4. Kuramori Reika Офлайн Kuramori Reika
    Kuramori Reika (Kuramori Reika) 8 October 2020 16: 49
    +1
    Perché il fatto che la Turchia conquisterà il Caucaso meridionale è negativo? La Georgia è già un paese nemico, l'Armenia era sul punto di diventare la seconda Ucraina e l'Azerbaigian non ha partecipato ai Maidan Sabbath. Cosa perderemo dal fatto che l'Armenia non rientri nel protettorato europeo-americano, ma sotto quello turco? Non abbiamo freddo da questo, non caldo. O cosa succederà se la Turchia inizierà a sparare alla Georgia? Non abbiamo freddo neanche per questo. Se la Turchia vuole continuare a sperperare risorse nazionali, allora così sia. Non abbiamo alleati lì. Soprattutto i marasma senili chiamati "fratelli". Questi fratelli sono felici di organizzare crimini etnici e mostrare ferocia in Russia.
  5. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 8 October 2020 17: 08
    0
    Che cosa è successo?
    Per dieci giorni hanno gridato ad alta voce che il sultano Erdogan era penetrato nel Caucaso meridionale. E non appena Aliyev ha chiamato Putin e si è congratulato con lui per il suo compleanno, come ha fatto a tacere l'artiglieria?
    Nessuno ha infranto il modello? Significa che la guerra nel Caucaso meridionale non è governata da Erdogan, ma da Putin? Come mai il "vassallo" della Turchia o il "fantoccio" di Erdogan hanno obbedito alle istruzioni di Mosca?
    Due volte due in modo che nessuno possa passare?
    -----
    A proposito, l'artiglieria non taceva mai.
    1. Isim soyad Офлайн Isim soyad
      Isim soyad (Isim Soyad) 9 October 2020 13: 58
      0
      L'artiglieria non tace, ma risuona a tutta velocità. Un paio di giorni fa, VVP ha risposto su una tregua e sui negoziati Aliyev. E questo è stato mostrato nelle tue notizie: "Aliyev ha rifiutato di andare a Mosca"... Nessun negoziato, solo negoziati sull'attuazione di 4 risoluzioni dell'ONU e dell'OSCE. VVP ha chiamato ieri a fermare per almeno un paio di giorni, per motivi di umanità, lo scambio di prigionieri e le salme dei morti. Per i negoziati sul cessate il fuoco non mangiano i ministri degli Esteri, ma il Capo dello Stato.
      1. Boriz Офлайн Boriz
        Boriz (borizia) 9 October 2020 16: 25
        +2
        I capi di Stato non vanno alle trattative, ma alla firma dei documenti, quando tutte le questioni sono state risolte. In precedenza, è in corso un lungo lavoro per coordinare le posizioni delle parti. Nemmeno a livello di ministri degli esteri.