Come e quando finirà la guerra nel Nagorno-Karabakh


Qualsiasi guerra finisce quando la parte vittoriosa crede di aver raggiunto i suoi obiettivi. Presto o tardi finirà anche la prossima escalation del conflitto armato tra Azerbaigian e Armenia. Quali obiettivi potevano davvero fissare Baku e Ankara?


Prima di tutto, bisogna capire che il presidente Aliyev difficilmente poteva seriamente aspettarsi di conquistare (liberare?) Completamente il Nagorno-Karabakh. Per la vicina Armenia è fondamentale la questione dell'inviolabilità della repubblica non riconosciuta, pertanto l'esercito azero non potrà prenderne il controllo senza perdite inaccettabili.

La prossima cosa da considerare è il generale economico e il livello militare-industriale dei due paesi belligeranti. Ammettiamolo, questo non è uno scontro mortale tra l'Unione Sovietica e il Terzo Reich, dove erano coinvolte risorse davvero colossali. Armenia e Azerbaigian semplicemente non saranno in grado di combattersi a vicenda per troppo tempo, nonostante Ankara supporti Baku con le armi. attrezzatura viene buttato giù, vengono sparate munizioni, si consumano tonnellate di carburante e lubrificanti, la gente muore. Tutto questo deve essere continuamente rifornito, ma lo stesso Azerbaigian e la Turchia, che è dietro di esso, che ha avviato questo aggravamento, stanno attraversando gravi difficoltà economiche. La guerra richiede molti soldi e i prezzi bassi degli idrocarburi hanno ridotto drasticamente le capacità finanziarie di Baku.

L'esercito azero ha occupato diversi insediamenti, ma in quanto tale la guerra lampo non ha ancora funzionato, essendo impantanata nella feroce resistenza degli armeni. Un ulteriore confronto di posizione costerà caro a entrambe le parti in tutti i sensi. Si richiama l'attenzione sulla dichiarazione del primo ministro Nikol Pashinyan sulla prontezza di Yerevan e Stepanakert a una sorta di compromesso:

La risoluzione dei conflitti dovrebbe essere effettuata sulla base di reciproche concessioni. Il Nagorno Karabakh e l'Armenia sono pronti per tali concessioni per le quali sarà pronto l'Azerbaigian.

Che tipo di compromesso potrebbe essere? Molto probabilmente si può parlare di sette territori cuscinetto, la cosiddetta "cintura di sicurezza", che furono occupati dagli armeni durante la guerra a metà degli anni novanta. Per l'Azerbaigian moderno, il loro ritorno è un'idea nazionale, una questione di prestigio internazionale. Apparentemente, il vero obiettivo di Baku era il ritorno di questi territori particolari e il reinsediamento degli ex rifugiati lì. Sarebbe fantastico per il presidente Aliyev politico successo, esterno e interno, che aumenterebbe la sua incredibile popolarità nel suo paese sullo sfondo delle difficoltà economiche. Ma l'Armenia chiaramente non dispiacerebbe riportare le regioni sotto il controllo dell'Azerbaigian - Shahumyan, parti delle regioni di Martuni e Martakert. Ciò aiuterebbe il primo ministro Nikol Pashinyan a salvare la faccia davanti alla sua gente.

La domanda è come portare i vecchi nemici al tavolo dei negoziati. L'opzione ideale sarebbe quella di cercare di riconciliare le parti specificamente a Mosca come mediatore tradizionale. Purtroppo, la partecipazione della Turchia al conflitto, che persegue i propri interessi politici, complica tutto e ora il vicino Iran è attivamente coinvolto nella vicenda. Dovremo aspettare che l'esercito azero esaurisca le energie e Baku non riconosca l'impossibilità di restituire con la forza tutti i territori cuscinetto sotto il suo controllo. Solo allora sarà possibile portare al tavolo dei negoziati il ​​presidente Aliyev e il primo ministro Pashinyan attraverso la mediazione della composizione già allargata.

A quanto pare, Ankara e Teheran dovranno essere coinvolte nella risoluzione del conflitto in Nagorno-Karabakh. La sicurezza nella zona di delimitazione può essere assicurata dalle forze di pace dispiegate. Molto dipenderà in futuro, da quali paesi verrà reclutato questo contingente.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 8 October 2020 16: 18
    +2
    Ho chiesto ad * Ash ", ho chiesto a" Poplar "- sbarazzati dell'albero!
    Qualcosa del genere.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 8 October 2020 16: 36
    +2
    È chiaro che nulla è chiaro. Ma 8 paragrafi.
  3. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 8 October 2020 17: 15
    -1
    Di nuovo, l'interpretazione sbagliata.
    Ci sono abbastanza armi in Azerbaigian. Tre giorni fa è stato riferito che le fabbriche del Ministero dell'Industria della Difesa sono passate a lavorare su tre turni. È stata stabilita la produzione di proiettili e munizioni artistiche. La mancanza di carburante e lubrificanti in Azerbaigian è probabilmente un tale umorismo.
    Un paio di giorni fa hanno riso di me che avrebbero dovuto negoziare con Teheran e Ankara.
    La miccia da parte azera non finirà. Fino a quando l'Armenia ammette la sconfitta e ritira le truppe da almeno cinque regioni. I. Aliyev ha annunciato i termini della tregua molto tempo fa. Peccato che l'autore non si sia preso la briga di leggerli.
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 8 October 2020 17: 51
    -1
    Come e quando finirà la guerra nel Nagorno-Karabakh

    -La guerra sarebbe potuta finire dopo la vittoria dell'Azerbaigian in Karabakh ...
    - Ma le truppe dell'Azerbaigian erano scarsamente preparate ... - Non sono state in grado di condurre operazioni offensive e riconquistare il loro territorio dagli armeni ... -Ovviamente speravano nella Turchia ... -Ma la Turchia non ha fretta di aiutare l'Azerbaigian ...
    - Erdogan non ha affatto bisogno di questa vittoria dell'Azerbaijan ... - Ha bisogno di eventi militari molto sanguinosi per compromettere molto lo stesso Azerbaigian di fronte alla comunità mondiale e legarlo strettamente alla Turchia (dopotutto, ci sono principalmente musulmani sciiti in Azerbaigian) e senza di essa potrebbe esserci una "discrepanza" ... ... - Ed Erdogan ha bisogno anche della Russia per essere coinvolta in questo conflitto ... - E la Russia (qualunque cosa si possa dire) può agire solo dalla parte dell'Armenia ... - cioè, contro i musulmani ...
    -Questo è con questo Erdogan e verrà nel Caspio ... -Come combattente e protettore dell'Islam ... -E là ... -Turkmenia; Kazakistan ... -e dietro di loro Uzbekistan, Kirghizistan, Afghanistan, Tagikistan (per lo più musulmani sunniti) ... -l'intero spazio operativo ... -Gli emissari turchi hanno fatto un ottimo lavoro in questi stati ... -quindi Erdogan avrà lì buon appoggio ... -e non gliene frega niente di Erdogan che gli Stati Uniti e la Cina si sono già stabiliti lì ... -tutto sarà possibile "rigiocare" ... - e riaccendere la "seconda Siria" ...
    - Quindi è molto vantaggioso per Erdogan che il conflitto in Karabakh duri infinitamente lungo ...
    1. Boris Eppel Офлайн Boris Eppel
      Boris Eppel (Boris Eppel) 17 October 2020 13: 19
      0
      Questa guerra è vantaggiosa per tutti tranne l'Azerbaigian e l'Armenia.
  5. GRF Офлайн GRF
    GRF 8 October 2020 18: 31
    0
    Mai, mentre l'avidità e la spietatezza hanno un valore ...
  6. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 9 October 2020 06: 07
    +2
    La guerra finirà dove è iniziata.
  7. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 10 October 2020 11: 04
    0
    Come e quando finirà la guerra nel Nagorno-Karabakh

    Se sostiene l'Armenia - una guerra con la Turchia e i suoi alleati nel Caucaso - Azerbaigian e Georgia, più in Siria, senza contare l'ondata di nazionalismo nel distretto federale meridionale. Come derivato: il blocco del Bosforo, la corrente turca, l'approvvigionamento di basi in Siria attraverso Gibilterra (all'Iran sarà promessa la revoca delle sanzioni), l'emergere di basi militari della NATO lungo l'intera costa del Mar Nero e nel Caspio. L'economia della Federazione Russa non resisterà a un simile colpo, il che significa che l'opzione scompare.
    Difendere l'Azerbaigian e riconoscere così il suo diritto alla regione del Nagorno-Karabakh - una giustizia precedente solleverà inevitabilmente la questione della Crimea.
    La prima conclusione è che la situazione per la Federazione Russa non ha soluzione.
    La seconda conclusione è che Georgia, Azerbaigian e Armenia sono inclusi nel programma di partenariato orientale dell'UE e la decisione è nelle mani dell'UE, il tribunale arbitrale internazionale, che, ad esempio, ha risolto la controversia tra Ucraina e Romania sulla proprietà dell'isola dei serpenti. La decisione della Corte arbitrale internazionale sarà accettata da tutti: Turchia, Iran, Azerbaigian, Armenia, Stati Uniti e UE a cui questa decisione darà un'ulteriore carta vincente nelle rivendicazioni dell'Ucraina alla Crimea.
  8. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 10 October 2020 16: 44
    -1
    Buon articolo. E prima di tutto, il fatto che le verità che stanno in superficie sono le più fedeli. Inoltre, ad oggi, gli oppositori hanno accettato di negoziare. Inizialmente non c'erano altre opzioni. È un peccato che la posizione intransigente dell'Armenia abbia portato allo "sblocco" armato della situazione. E centinaia di persone sono morte da entrambe le parti. Dato che gli analisti obiettivi, compreso l'autore della pubblicazione, hanno previsto sia il corso della campagna militare che lo stallo nel suo finale di partita. Bene, ma il fatto che sia Baku che Yerevan urleranno all'unisono: abbiamo vinto, è come dopo una rissa, quando non agitano i pugni. Un sanguinoso pareggio con la facile iniziativa di Baku per porre fine all'incertezza.
  9. Khachatur Офлайн Khachatur
    Khachatur 3 November 2020 15: 38
    0
    Nel marzo 2021, centenario del Trattato di Kars e vassallo della Turchia, l'Azerbaigian combatterà fino a questa data