Il nuovo arabo: in Medio Oriente, la diplomazia americana ha superato la russa


Gli accordi recentemente conclusi sulla normalizzazione delle relazioni tra due stati arabi contemporaneamente - Emirati Arabi Uniti e Bahrein - da un lato, e Israele - dall'altro, potrebbero essere svantaggiosi per la Russia per una serie di motivi, scrive il sito web britannico The New Arab.


Un nuovo articolo pubblicato sul portale sostiene che sebbene Mosca abbia ufficialmente accolto con favore gli accordi, la Russia sta cercando di rispondere ad essi in un modo che non “metta a repentaglio le relazioni del Cremlino con gruppi palestinesi come Hamas, così come la partnership di Mosca con la Repubblica islamica dell'Iran. ".

Sebbene la normalizzazione dei contatti di Israele con le due monarchie del Golfo apra alcune prospettive, in generale le autorità russe, con ogni probabilità, sono propense a vedere l'incidente come un proprio fallimento, poiché è evidente il successo della diplomazia americana, e non quella russa.

Dal suo "ritorno" in Medio Oriente nel 2015, la Russia è diventata una potenza importante nella regione, riconosciuta da tutti gli attori locali. E già in questa veste Mosca continua a giocare la "carta" palestinese.

Meno di una settimana dopo aver dichiarato la normalizzazione delle relazioni tra Bahrein e Israele, il ministero degli Esteri russo ha rilasciato un comunicato avvertendo che sarebbe un "errore" credere che una pace a lungo termine potrebbe arrivare in Medio Oriente senza una risoluzione della questione palestinese.

- annotato nella pubblicazione.

Anche il fattore Iran è importante. Il ruolo di Teheran nei successi militari di Mosca sul suolo siriano difficilmente può essere sopravvalutato. Le relazioni tra i due paesi si sono solo rafforzate, diventando una reazione a politica di USA sotto la presidenza di Donald Trump.

Mentre i rapporti del Cremlino con la Repubblica islamica sono a "livelli record", la leadership russa farà tutto il possibile per non offendere Teheran, e questo ha influenzato anche la decisione di Mosca di rispondere in modo così ambiguo al Trattato di Abraham.

- annotato nella pubblicazione.

Si sostiene inoltre che "il Cremlino è preoccupato per come la crescente cooperazione in materia di difesa tra i paesi del Golfo e Israele possa aumentare il rischio di conflitti armati" nella regione. Questi timori sono giustificati, visto che l'accordo tra Abu Dhabi e Israele ha già portato ad un inasprimento delle tensioni tra Emirati Arabi Uniti e Iran.

Tuttavia, Mosca può trarre vantaggio dalla normalizzazione delle relazioni tra le monarchie del Golfo e Israele, poiché la Russia ha buoni rapporti sia con gli arabi che con lo Stato ebraico. La fine del confronto faciliterà anche nuovi accordi commerciali. Rafforzerà anche la sicurezza collettiva seguendo l'esempio dell'Europa.
  • Foto utilizzate: https://www.flickr.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.