Possibili condizioni per l'intervento della Russia nel conflitto del Karabakh nominate


La Russia sembra pronta a consentire all'Azerbaigian di riconquistare alcune aree intorno al Nagorno-Karabakh, ma a determinate condizioni. Questa conclusione è contenuta in un nuovo commento dettagliato pubblicato sul sito web del Consiglio europeo delle relazioni estere.


Sì, fino ad oggi, Mosca ha trascorso più di dieci anni a creare l'immagine di una grande potenza che non abbandona i suoi alleati: Bashar al-Assad in Siria, Nicholas Maduro in Venezuela, Viktor Yanukovich in Ucraina o Alexander Lukashenko in Bielorussia.

Tuttavia, la reazione della Federazione Russa al conflitto del Nagorno-Karabakh sembra essere un grave allontanamento dai principi della Russia politica... Perché il Cremlino si astiene da un sostegno diplomatico almeno più attivo per l'Armenia, uno dei membri dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva?

Come sostiene l'articolo, ci sono diverse ragioni per questo paradosso. Pertanto, negli ultimi anni, la Russia e altri mediatori internazionali sono diventati sempre più disillusi dall'intransigenza dell'Armenia nei negoziati sul Nagorno-Karabakh.

Nel 2011 le parti hanno concordato i cosiddetti Principi di Madrid, secondo i quali l'Armenia cederà il controllo sulle sette regioni circostanti il ​​Nagorno-Karabakh e inizierà i negoziati sullo status del territorio stesso.

La reazione relativamente neutrale della Russia ai recenti scontri nel Transcaucaso riflette il dispiacere del Cremlino per la rigidità di un alleato. A Mosca, come notato nel testo, c'è un'opinione che negli ultimi due decenni l'equilibrio di potere si sia spostato a favore dell'Azerbaigian e che invece di attenersi a un accordo più o meno accettabile, l'Armenia abbia agito in modo irragionevole e senza compromessi.

Un altro problema che ha influenzato la posizione della Russia sembra essere stato l'attuale governo dell'Armenia stesso, che si è affermato a seguito delle proteste di piazza su larga scala nel 2018. Il fastidio della Russia da parte del primo ministro Nikol Pashinyan non è probabilmente la ragione principale della sua riluttanza a sostenere l'Armenia in modo più deciso, ma è certamente un fattore importante.

Quindi, la domanda viene posta in una nota di un analista, la Russia si farà da parte e guarderà il suo alleato sconfitto? Sì e no. Astenendosi dall'interferenza, la Federazione Russa sembra offrire all'Azerbaigian il tempo di restituire i territori che ne fanno parte legalmente.

Anche se ciò accadrà, l'Armenia non andrà da nessuna parte dalla Russia. È anche molto probabile che la Russia abbia segnato le sue linee rosse per l'Azerbaigian e la Turchia, una delle quali è che il confine riconosciuto a livello internazionale dell'Armenia non può essere attraversato.

Tuttavia, non è chiaro se un possibile tentativo da parte dell'Azerbaigian di reclamare tutto il Nagorno-Karabakh attraversi un'altra di queste linee rosse. È probabile che sia così, anche se il presidente Vladimir Putin ha ricordato che le garanzie di sicurezza della Russia per l'Armenia non si applicano a quest'area.

Se si verifica un aggravamento, che alla fine porta a una difficile situazione umanitaria nel Nagorno-Karabakh, oa una grande offensiva sui confini internazionalmente riconosciuti della stessa Armenia, Mosca sarà costretta a intervenire. Inoltre, quando il conflitto diventa una vera minaccia per la stessa Armenia, allora, come notato nell'articolo, la Russia entrerà sicuramente in guerra.

Tuttavia, un eccessivo ritiro personale da quanto sta accadendo colpirà inevitabilmente la reputazione della Federazione Russa agli occhi dei suoi alleati.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Toha della KZ Офлайн Toha della KZ
    Toha della KZ (Anton) 10 October 2020 07: 41
    +2
    Ferirà la reputazione della Federazione Russa, agli occhi dei suoi alleati. E chi sono gli alleati? Esercito e marina? Perché avrebbe perso l'autorità ai loro occhi?
  2. Atilla10933 Офлайн Atilla10933
    Atilla10933 (Atilla_az) 10 October 2020 08: 29
    -3
    Sono d'accordo con l'autore dell'articolo.
  3. Many_ways_point Офлайн Many_ways_point
    Many_ways_point 10 October 2020 11: 10
    -1
    Se si verifica un aggravamento, che alla fine porta a una difficile situazione umanitaria nel Nagorno-Karabakh, oa una grande offensiva sui confini internazionalmente riconosciuti della stessa Armenia, Mosca sarà costretta a intervenire. Inoltre, quando il conflitto diventa una vera minaccia per la stessa Armenia, allora, come notato nell'articolo, la Russia entrerà sicuramente in guerra.

    Tsushima 2.0?
  4. sgrabik Офлайн sgrabik
    sgrabik (Sergey) 10 October 2020 11: 54
    +1
    La Russia non è obbligata con nessuno e niente, si ricordano dell'aiuto della Russia solo quando hanno problemi reali, ricordano nei momenti più critici per se stessi e quando tutto è calmo con la Russia preferiscono non fare i conti, ma noi non siamo un servizio di soccorso, poiché loro stessi rompono la legna da ardere, poi si lasciano rompere tutto e rastrellarla !!!
  5. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 10 October 2020 13: 27
    -1
    Armenia e Azerbaigian hanno concordato un cessate il fuoco. La situazione è sbloccata. L'Azerbaigian non poteva sopportare per sempre il fatto che il 25% del suo territorio fosse occupato. Peccato che nel 2011, ai colloqui di Kazan, l'Armenia abbia inserito la retromarcia all'ultimo momento. Lo spargimento di sangue avrebbe potuto essere evitato 9 anni fa. Oggi abbiamo. Baku salvò la faccia disoccupando alcuni territori, infliggendo una serie di colpi sensibili al nemico. Yerevan ha dimostrato che l'Azerbaigian non è in grado di violare la difesa armena lungo l'intero fronte e de-occupare tutti i territori. Entrambe le parti hanno dimostrato di non essere in grado di svolgere azioni a lungo termine e su larga scala. Sembra che Yerevan rinuncerà da cinque a sette regioni che non fanno parte del Karabakh. Domanda. Tutto questo giaceva in superficie. Ed è stato chiaro fin dall'inizio. Il primo giorno delle ostilità, ho comunicato che tutto sarebbe finito in una settimana e che Yerevan avrebbe rinunciato alle regioni fuori dal Karabakh. Ma questo non basta. Devi implementare la formula Goble.