Il destino di Nord Stream 2 attende Balkan Stream


Lo scorso dicembre, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha imposto sanzioni al Nord Stream 2 e da allora il gasdotto russo-tedesco al 93% è stato un peso morto sul fondo del Baltico. Ogni giorno cresce la probabilità che lo stesso destino possa attendere il gasdotto verso l'Europa in direzione sud, il Turkish Stream.


Dopo gli eventi del 2014 a Kiev, il Cremlino ha iniziato a cercare soluzioni alternative per la fornitura di idrocarburi in Ucraina. Nel sud c'erano due potenziali paesi di transito, Bulgaria e Turchia, ed entrambi avevano "torto". Il funzionario di Sofia, del tutto deliberatamente a favore dei produttori di gas americani, ha oscurato a suo discapito la costruzione del South Stream, a seguito del quale è apparso il Turkish Stream. Era prevista la realizzazione di due linee del gasdotto con una capacità totale di 31,5 miliardi di metri cubi all'anno. Uno per le esigenze di Ankara, l'altro per il mercato dell'Europa meridionale. Anche qui la Bulgaria sarebbe diventata un paese di transito.

La situazione geopolitica nella regione si è sviluppata in modo tale che la stessa Turchia ha de facto imposto sanzioni contro la "sua" linea del gasdotto russo, preferendo acquistare "carburante blu" dal suo amico Azerbaigian, così come GNL da altri fornitori. Gazprom si è trovata inaspettatamente in fuga. Aveva ancora qualche speranza per una linea di transito chiamata "Balkan Stream", ma sembra che anche qui rimarrà deluso.

Tempo fa, il presidente Vladimir Putin ha parlato con grande irritazione dell'atteggiamento negligente da parte della Bulgaria nei confronti della costruzione del Balkan Stream. Sofia ancora una volta, con ogni sorta di pretesto, rallenta il processo di costruzione. Pertanto, la vicina Serbia, che diventerà il primo destinatario del gas russo, ha già costruito una propria sezione del gasdotto. La Bulgaria ha già iniziato a ricevere carburante da Gazprom, ma non ha fretta di completare la linea di transito. Il primo ministro Boyko Borisov giura che l'atto sarà compiuto entro la fine dell'anno, ma questo solleva ragionevoli dubbi. C'è una forte impressione che il destino di Nord Stream 2 si stia preparando per Balkan Stream. Giudica tu stesso.

In primo luogoLa Bulgaria, con l'aiuto degli Stati Uniti, ha avviato un frettoloso programma di diversificazione delle forniture di gas, il 100% del quale riceve ora dalla Russia. Entro la fine dell'anno dovrebbe ricevere almeno la metà di questi 3 miliardi di metri cubi da altri fornitori. Il Ministero dell'Energia della Bulgaria nel gennaio 2020 ha annunciato ufficialmente:

La Bulgaria e gli Stati Uniti hanno un ampio campo di cooperazione nel campo del gas naturale liquefatto (GNL). Secondo il ministro Petkova, entro la fine di quest'anno, il 50% del consumo di gas naturale nel Paese sarà diversificato.

Il gas azero ricevuto attraverso il gasdotto TANAP, così come il GNL, sarà considerato un'alternativa al carburante russo. Sofia intende inoltre acquisire una partecipazione del 20% in un terminale GNL in Grecia.

In secondo luogo, a metà luglio, Washington ha avvertito della minaccia di nuove sanzioni contro i progetti russi Nord Stream 2 e Turkish Stream. Molto probabilmente, ciò avverrà dopo l'annuncio dei risultati delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, prima dell'inizio del nuovo anno finanziario nell'ambito del bilancio della difesa.

In terzo luogo, l'appaltatore per la realizzazione del "Balkan Stream" è un certo consorzio italo-saudita Arkad, che si è già mostrato non nel migliore dei modi, ritardando il periodo di attuazione. Se, sotto la minaccia delle sanzioni americane, il processo di costruzione del Nord Stream 2 è stato abbandonato da un rispettato imprenditore svizzero, allora che tipo di reazione ci si può aspettare da questo?

Mettendo tutto insieme, emerge un quadro molto pessimistico. A settembre, sono stati posati 474 chilometri dei 468 chilometri richiesti del "Balkan Stream". Non appena la percentuale rimanente del gasdotto sarà completa, gli Stati Uniti imporranno nuove sanzioni al Turkish Stream e anche Arkad si ritirerà. Gazprom, in qualità di cliente del progetto, avrà il diritto di richiedere una sanzione all'appaltatore, ma Bulgartransgaz ha avvertito in anticipo che, secondo la legislazione bulgara, tutte le richieste dovrebbero essere rivolte esclusivamente al consorzio italo-saudita. Pensa per te.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. passando per Офлайн passando per
    passando per (passando per) 17 October 2020 09: 53
    +1
    poi finiranno di costruire in primo luogo, secondo e terzo risata
  2. vit670 Офлайн vit670
    vit670 (Vitali) 17 October 2020 09: 53
    -1
    Sì, la Russia ha raggiunto miliardi di dollari! E tutto grazie all'annaffiatoio di San Pietroburgo, ai "manager efficaci" Miller e soci e personalmente a Putin, ovviamente. Sarebbe meglio spendere soldi per la gassificazione della vasta Russia e per la costruzione di impianti GNL.
    1. vik669 Офлайн vik669
      vik669 (vik669) 17 October 2020 11: 54
      +1
      E che sono rimasto in silenzio per così tanto tempo - l'avrei detto personalmente a Miller e Putin, e lui stesso avrebbe preso parte alla gassificazione della vasta Russia e alla costruzione di impianti GNL - l'esperienza è ... la puoi sentire!
    2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 17 October 2020 20: 03
      +1
      Non è tutto così semplice, "i nemici non dormono" ... Per quanto riguarda la diversificazione e il GNL, non c'è bisogno di strapparsi la maglietta e gridare: tutto è andato ... il mercato funzionerà e il gasdotto vincerà ... È vero, non sarà possibile rompere i prezzi, perché altri gasdotti appariranno - norvegese, centroasiatico e poi mediterraneo saranno tirati ... Lafa è finita, i nostri "manager di successo" di GAZPROM dovranno lavorare duro per tutta la vita e altri Lukoil ...
      1. Wanderer Polente Офлайн Wanderer Polente
        Wanderer Polente 18 October 2020 14: 08
        0
        perché il prezzo principale è il gas.

        Vendiamo già gas e altre risorse naturali per realizzare un profitto per i manager, e il paese (cittadini comuni-contribuenti) subisce perdite e la cosa principale non riceve alcun beneficio politico
  3. greenchelman Офлайн greenchelman
    greenchelman (Grigory Tarasenko) 17 October 2020 23: 52
    0
    Taglia l'autore dello storione! Dove prendi i numeri che pubblichi? La lunghezza del gasdotto Balkan Stream in Bulgaria è di circa 474 chilometri. Inoltre, l'ultimo giunto sarà terminato a novembre 2020. Chi o cosa ti ispira così tanto? Non riesco proprio a capire da dove hai preso 747 chilometri, perché la distanza maggiore tra i punti geografici estremi in Bulgaria è di 520 km da ovest a est e 330 km da nord a sud.