FT: Putin ha perso il controllo della periferia della Russia


Il presidente russo ha compiuto molti sforzi per consolidare l'influenza della Federazione Russa nei territori dell'ex Unione Sovietica, scatenando conflitti in Ucraina e Georgia nel tentativo di soggiogare questi paesi. Ora il numero di "incendi nel cortile di casa" è aumentato: sono comparsi Bielorussia, Kirghizistan e Nagorno-Karabakh. Sembra che il Cremlino stia perdendo il controllo dell'area circostante. Scrive di questo Financial Times.


Gli scontri militari odierni nel Caucaso meridionale potrebbero diventare un test della fattibilità della CSTO: le capacità di questa organizzazione sembrano ora molto fragili.

Nel complesso, Vladimir Putin controllava i suoi alleati meno di quanto avrebbe voluto. Lukashenko si è opposto a una più stretta integrazione con la Russia e ha flirtato con i paesi occidentali, nel 2018 folle di persone indignate a Yerevan hanno rovesciato il leader debole e inefficace dell'Armenia, messo a nudo politico contraddizioni in Kirghizistan.

I sentimenti anti-russi finora non hanno svolto un ruolo significativo in questi disordini. Ma sta diventando sempre più difficile per la Russia mantenere la sua egemonia nello spazio post-sovietico.

- prendono atto degli esperti dell'edizione americana, sottolineando allo stesso tempo l'importanza di altri centri di potere per le regioni dell'ex URSS: Cina - per l'Asia centrale, UE - per Bielorussia, Turchia - per il Caucaso.

In queste condizioni, Mosca può sfruttare la sua posizione strategica e aumentare la pressione sui satelliti: Lukashenko è completamente dipendente dal Cremlino, la Russia può fornire la necessaria assistenza militare all'Armenia. Tuttavia, quando si gioca a lungo termine, l'attrattiva della Federazione Russa è nulla: non risolverà i problemi finanziari dei partner CSTO a spese dei suoi cittadini e il modello autoritario di governance mostra la sua evidente instabilità. Il leader russo sarà preoccupato per questi problemi per i prossimi 16 anni del suo governo.
  • Foto utilizzate: http://www.kremlin.ru/
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 12 October 2020 19: 38
    0
    Ha abbastanza controllo sul presidente degli Stati Uniti e sul primo ministro del CAB. Dopo tutto, nessuno negherà questo, cioè il controllo? Anche tempo finanziario strizzò l'occhio
  2. pischak Офлайн pischak
    pischak 12 October 2020 19: 47
    +2
    L'errore sistemico degli analisti del Financial Times è che essi, con un pregiudizio russofobo, partono da false supposizioni sulla presunta Russia che scatena conflitti in Georgia e Ucraina! strizzò l'occhio
    E poi sono già metodici (dalla parola "manuale", il manuale anti-russo-anti-Putin della "gente comune", secondo cui tutti i giornalisti occidentali apparentemente "liberi" "lavorano", e chi di loro osa contraddire il "temnik", i nomi compaiono nella colonna dei necrologi o scompaiono del tutto!) "incorsi" in una bugia, classicamente, ricordate: "E poi Ostap (analisti del Financial Times) ha sofferto ..." ?! wassat

    Cibernetica pura: un errore "all'ingresso" è un errore "all'uscita", nelle conclusioni! sì
    1. Tatiana Офлайн Tatiana
      Tatiana 13 October 2020 09: 54
      +3
      Citazione: pishchak
      Cibernetica pura: un errore "all'ingresso" è un errore "all'uscita", nelle conclusioni!

      Purtroppo molti ancora non comprendono questo assioma nella logica e credono che un errore all'ingresso dei calcoli logici assicuri comunque lo SVILUPPO del loro pensiero all'uscita. E anche la cibernetica non li aiuta in questo.
      La domanda è: SVILUPPO nel pensiero di esattamente cosa e dove ?!
      RISPOSTA. E semplicemente sviluppando l'autoinganno e la stupidità!
    2. A.Lex Офлайн A.Lex
      A.Lex (Informazioni segrete) 13 October 2020 11: 30
      +3
      Qui sono completamente in disaccordo con te! Anche se non sono d'accordo anche con l'articolo.
      In primo luogo (secondo l'articolo) NON PUTIN ha perso influenza nella periferia dell'URSS, ma TUTTO il potere precedente (a partire dalla fine dell'URSS, fino al momento del collasso). Il PIL deriva dalla disposizione che ha ereditato, gravato dal fatto che lui stesso è, infatti, un liberale (che ha più volte affermato nei media), e quindi non può agire con metodi di comando-amministrativo per influenzare i paesi che ci circondano ... Ma puoi comandare, solo dopo devi anche controllare gli ordini emessi, e con questo tutto è molto, molto male per noi - non abbiamo leve di influenza sui paesi post-sovietici intorno a noi ... Ma la cosiddetta discesa ha queste leve, ma quindi destabilizzare la situazione sia nei paesi stessi che tra di loro a tutte queste strutture occidentali è più facile di una rapa. Chiedi il perché? È solo che è tutto molto - questo è un lavoro sistematico su tutte le possibilità di influenzare sia la politica interna in questi paesi che la politica estera di questi paesi! Non abbiamo fatto QUESTO LAVORO ... dalla parola a tutti !!! Puoi discutere a lungo sull'argomento "chi è la colpa" - è tutto inutile in questa fase (dato che il treno è già in movimento, se non è ancora partito) ... questo può (e dovrebbe) essere fatto più tardi. Ora è necessario prendere decisioni e, di conseguenza, controllare rigorosamente la loro attuazione.
      In secondo luogo (per commento) ..... ti affidi all'articolo stesso e a ciò che è scritto nel FT. Questo non è vero per due ragioni. Cominciamo dalla fine:
      1. Gli articoli del FT non sono la verità: sono una distorsione ad hoc della realtà attraverso i media. Ma questa non è una menzogna completa. Questa è un'arma la cui influenza è diretta principalmente alle menti di coloro che постоянно (Sottolineo in particolare - spiegherò in seguito) monitora la situazione politica nel mondo (anche persone come te e me). Le informazioni in tali pubblicazioni sono state modificate in modo tale che, individualmente, alcune di queste informazioni potrebbero avere un significato reale, ma insieme - questa è una bugia! E a ovest questo arma padroneggiato al massimo (in contrasto con la nostra capacità domestica di influenzare le menti dei concittadini).
      Ora 2. - questo articolo in "R" è un'azione (come una delle tante su questa risorsa), che, a mio avviso, può essere interpretata da una sola cosa: la casa editrice non vuole posizionarsi né come tendenza pro-liberale in Russia né come tendenza patriottica. Questo è il motivo per cui tali "articoli-su-articoli" (cioè senza commentare come l'autore dell'articolo "Reporter" si relaziona personalmente a questo materiale !!!) sono costantemente criticati nei commenti sia dal lato liberale che da quello conservatore-patriottico. Puoi capire l'amministrazione: i commenti indicano che l'articolo è stato letto ripetutamente e nessuno è rimasto indifferente ... Ma questa posizione di "neutrali" non risolve CAPO - non è chiaro da che parte stia questa risorsa (risulta, per così dire, su "dalla mia parte") .......... E questa posizione "hato-estrema" ha già portato al fatto che è già rimasto pochissimo della nostra Patria - solo i territori russi dei tempi di Ivan il Terribile e Mikhail Romanov, e tutte le conquiste della Russia sono perse! .. ..................
      ..... E ora, da quello che ho promesso di spiegare - tu ed io siamo quelli che influenzano le menti dei comuni cittadini intorno a noi. Sì, noi (individualmente) abbiamo poco di noi stessi, in termini di opportunità nazionali, rappresentiamo. MA! Dopotutto, non siamo uno e non dieci di noi siamo tanti, moltissimi! È solo che noi, ciascuno di noi separatamente, non siamo uniti. E ognuno di noi "combatte nella sua cella di trincea" da solo. Ma sullo sfondo generale (anche se siamo disuniti), la nostra voce si sente e si vede! (ecco perché siamo semplicemente obbligati a reagire a quei materiali che ci sono visibili come dannosi ....... perché questa è una guerra !!! E noi siamo soldati di questa guerra, soldati ordinari che a loro volta sono stati chiamati alla guerra, ad es. vediamo che la nostra patria è in pericolo !!!) E finché lo Stato non si assume la responsabilità della protezione dell'informazione della nostra popolazione e inizia a lavorare in quest'area, siamo obbligati a combattere su questo fronte, come le milizie vicino a Mosca! Non abbiamo un posto dove ritirarci - siamo al limite !!! Inoltre - solo la sconfitta e il completo collasso della nostra civiltà-Patria
      ..... il tuo commento non è gradito ........
  3. lavoratore dell'acciaio 12 October 2020 20: 01
    -2
    nel tentativo di soggiogare questi paesi.

    Fermare i serbatoi a 20 km. lontano da Tbilisi, e partire senza distruggere le basi militari, senza punire i responsabili dell'assassinio dei nostri caschi blu. Si chiama sottomissione? Comunque, si è detto molto sull'Ucraina. Non fai di Putin uno statista. Gli accordi parlano del contrario. Ci puliamo e abbiamo tempo.
    1. Quarto cavaliere Офлайн Quarto cavaliere
      Quarto cavaliere (Quarto cavaliere) 13 October 2020 05: 30
      0
      Che sì!) I vostri statisti Grudinin-Platoshkin !!!
  4. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 12 October 2020 20: 25
    -7
    Per mantenere e migliorare l'impatto sull'ambiente circostante, è necessario:
    1. Opportunità economiche,
    2. Forza militare.
    Entrambi questi fattori sono desiderabili, tuttavia, la Federazione Russa non può vantare un successo economico e la forza militare della Russia sta diventando ogni anno meno convincente a causa del suo ritardo tecnologico rispetto all'Occidente. Dopotutto, se ci fossero carri armati russi al posto dei carri armati armeni, sarebbero stati distrutti allo stesso modo dai droni nemici senza avere la minima possibilità di resistere.
  5. sad1940 Офлайн sad1940
    sad1940 (serge) 12 October 2020 23: 31
    +3
    .... può diventare un test di redditività del CSTO .......

    Di che tipo di redditività stiamo parlando? Questa è un'organizzazione fittizia, per niente buona. Questi ragazzi si sono riuniti non per agire come un fronte unito in caso di qualsiasi cosa, ma per la Russia per coprirli quando diventano stretti, come, ad esempio, gli armeni adesso. Ma perché abbiamo bisogno di tutto questo, a cosa servono?
  6. Kuramori Reika Офлайн Kuramori Reika
    Kuramori Reika (Kuramori Reika) 13 October 2020 15: 58
    +1
    Non siamo stati noi a perdere il controllo del quartiere, è stato il quartiere a perdere il controllo di se stessi. I paesi post-sovietici sono degenerati in repubbliche delle banane e alcuni sono scivolati al livello della Somalia. Sono contento che ci siamo sbarazzati di questi carichi, è difficile immaginare quante risorse siano state spese per coltivare e mantenere un'immagine civile in queste repubbliche, se ci sono voluti 30 miserabili anni per tornare al XVI secolo.
  7. volk.bosiy Офлайн volk.bosiy
    volk.bosiy (Volk Bosiy) 14 October 2020 17: 02
    0
    quale controllo ?! .. quali beni vicini?! sho per sciocchezze ....) con una sola cosa vorrei (!) convenire che la Federazione Russa non "risolverà i problemi finanziari dei" partner "....