I baltici sono sull'orlo di una carenza di energia dopo la disconnessione dalla Russia


La carenza di elettricità nei Paesi baltici diventerà evidente dopo la prevista disconnessione dalla rete elettrica unica con la Russia, secondo il sito web lettone Baltic News Network, citando il rapporto annuale dell'operatore energetico locale Augstsprieguma tīkls (AST).


La tendenza generale nel sistema elettrico baltico è la graduale sostituzione di grandi centrali termoelettriche centralizzate e facilmente gestibili con una produzione di energia instabile. In particolare, dopo la prevista disconnessione dalla Russia, ci saranno rischi abbastanza attesi se non verranno effettuati investimenti per aumentare le capacità di riserva.

- cita la pubblicazione delle parole del presidente del consiglio di amministrazione di AST Varis Boks.

Ha anche affermato che "dovremmo concentrarci in particolare sul periodo di transizione a lungo termine dopo la disconnessione degli Stati baltici dal sistema energetico BRELL e la successiva sincronizzazione con il sistema energetico europeo".

Negli ultimi anni, i paesi baltici hanno visto un calo della produzione di elettricità. Uno dei motivi principali per questo è ambientale politica Tariffe UE e CO2. Secondo il rapporto AST, questa tendenza dovrebbe continuare nei prossimi anni.

Ad esempio, le centrali elettriche a carbone dell'Estonia, che hanno prodotto metà dell'elettricità negli Stati baltici, lo scorso anno hanno prodotto la metà dell'elettricità rispetto al 2018. Di conseguenza, i paesi baltici dipenderanno dalle importazioni di elettricità per mantenere l'equilibrio.

In generale, per il prossimo decennio in Lettonia e in altri Paesi baltici si prevede un significativo deficit elettrico: quasi la metà delle principali centrali termoelettriche sarà chiusa.

Secondo le attuali previsioni, dopo il 2030 i paesi baltici non saranno più in grado di garantire il funzionamento sicuro del sistema energetico.

Vale la pena notare che l'Unione europea sta spingendo per chiudere non solo le centrali termoelettriche nei paesi baltici. Nel 2009, l'attività della centrale nucleare di Ignalina è stata interrotta in Lituania, confinante con la Lettonia, che operava da meno di 30 anni e forniva il 70% dell'elettricità consumata nella repubblica. Un tentativo di sostituirlo con una nuova centrale nucleare costruita secondo le norme europee tecnologia, finì in completo crollo - la costruzione non iniziò nemmeno.

Invece, le Tigri del Baltico, tra l'altro, prevedono di passare all'energia verde, in particolare all'eolico.
  • Foto utilizzate: www.needpix.com/
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
    Pete Mitchell (Pete Mitchell) 13 October 2020 09: 39
    +5
    Non è necessario interferire con loro, basta farsi da parte e guardare. Se le storie con la pipa Ventspils, le ferrovie lettoni e la Tallinn Alyosha non hanno insegnato loro nulla, allora non dovrebbero essere ostacolate.
    1. Alekey Glotov Офлайн Alekey Glotov
      Alekey Glotov (alexey glotov) 14 October 2020 08: 53
      0
      I fratelli della foresta si sono esibiti nella guerra con la Russia.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 13 October 2020 09: 50
    0
    Quanto sarà terribile vivere lì... poi tutti si trasferiscono da noi...
  3. lavoratore dell'acciaio 13 October 2020 10: 38
    0
    Questi paesi baltici si sono "piegati" già da 30 anni. Ora ecco il 2030 Può aiutarli? Non vuoi dipendere dalla Russia? Disabilitare e non aspettare il 2030? È un peccato vederli soffrire.
  4. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 13 October 2020 15: 55
    +2
    Lascia che le turbine eoliche si installino e soffino dentro, assicurati di indossare le maschere!
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 13 October 2020 15: 58
    +2
    Ad esempio, centrali elettriche a carbone in Estonia

    - Orribile! Ma che dire della ragazza Greta? E i motori a idrogeno?
  6. Kuramori Reika Офлайн Kuramori Reika
    Kuramori Reika (Kuramori Reika) 13 October 2020 16: 03
    +3
    La Russia ha ricevuto abbastanza risorse finanziarie da questi poveri parassiti, ma ha perso le sue sponde e la Russia ha deciso che un paio di biglietti cartacei non valevano la pena per continuare a coltivare un nemico di sangue ai suoi confini. I Balts possono saltare di gioia, nessun transito, nessuna energia, nessun commercio, completa indipendenza con una ciotola vuota nelle loro mani. Certo, ora questo non è così chiaramente visibile, ma questi paesi sono senza futuro e presente economici. Non passerà molto tempo prima che si trasformino finalmente in una sporca pensione per mendicanti.
  7. Sergey A_2 Офлайн Sergey A_2
    Sergey A_2 (Yuzhanin siberiano) 13 October 2020 21: 34
    0
    Vendo generatore, pedaliera risata e luce e salute.
  8. isofat Офлайн isofat
    isofat (isofat) 13 October 2020 22: 08
    +1
    Sono loro che combattono il comunismo. Il potere sovietico fu abolito e fu adottata l'elettrificazione.

    PS. Fai pregare Dio allo stolto...
  9. 123 Офлайн 123
    123 (123) 14 October 2020 00: 56
    +1
    “Dobbiamo concentrarci in particolare sul periodo di transizione a lungo termine dopo la disconnessione degli Stati baltici dal sistema energetico BRELL (anello elettrico di Bielorussia, Russia, Estonia, Lettonia e Lituania - circa Trans.) E il successivo sincronizzazione con il sistema energetico europeo'.

    Sarà difficile perché in natura non esiste.
  10. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 14 October 2020 12: 34
    +1
    Ad esempio, le centrali elettriche a carbone dell'Estonia, che hanno prodotto metà dell'elettricità negli Stati baltici, lo scorso anno hanno prodotto la metà dell'elettricità rispetto al 2018.

    Forse intendevi la centrale elettrica del distretto statale estone, che funziona con gli scisti bituminosi? Altrimenti, questo punto non è menzionato nell'articolo. L'UE, dopo tutto, ha costretto l'Estonia a chiudere la generazione di scisto. E, allo stesso tempo, vengono cancellati i sussidi dell'UE. E dopotutto, l'Estonia si è sempre distinta dai tribali proprio per l'eccesso di produzione di elettricità dovuto proprio a questa centrale elettrica del distretto statale e alla propria produzione di scisto bituminoso .. Ora dipenderà dall'acquisto di elettricità. Di conseguenza, i prezzi aumenteranno e il resto seguirà.
    E questo è carico. Lo scisto bituminoso si trova nell'est dell'Estonia, nella provincia di Ida Virumaa. C'è una percentuale molto alta di russi. Un Donbass così piccolo. Questa provincia (durante l'indipendenza) è sempre stata meno sviluppata della media nazionale. L'Estonia indipendente non voleva sviluppare la regione di lingua russa. La disoccupazione è sempre stata alta. Ora, con la chiusura delle miniere e delle centrali elettriche distrettuali statali, la disoccupazione aumenterà ancora di più. Come andrà a finire è una grande domanda.
    Ad esempio, a Sillamäe, l'87,5% della popolazione è russa e solo il 4.8% è estone. Inoltre, su 12 persone nella popolazione, quasi 000 sono cittadini della Federazione Russa. Hanno lavorato nelle miniere e nella centrale elettrica del distretto statale. Mio cugino ha lavorato in miniera per tutta la sua vita da adulto. Vive a Sillamäe. È vero, è da tempo in pensione, ma cosa accadrà alle pensioni in questa situazione?
    E mi chiedo quando inizieranno le manifestazioni di massa della popolazione, come la polizia placherà le rivolte, sapendo che una persona su due è un cittadino della Federazione Russa. Sì, nella notte del Soldato di bronzo, un cittadino della Federazione Russa è stato ucciso, ma da allora è passato molto tempo, la situazione nel mondo e la posizione della Russia sono cambiate. Come apparirà adesso?