"Cortina di ferro" per l'Europa: cosa c'è dietro l'avvertimento di Lavrov a Bruxelles


La dura e categorica dichiarazione del capo della diplomazia russa sulla possibilità di una rottura totale e che lascia tanto a desiderare il "dialogo" tra Europa e Russia, fatta da lui durante il Valdai Discussion Club, può sembrare ad alcuni solo un'altra retorica "doverosa" di un alto funzionario. In effetti, non è affatto così. La famigerata “cortina di ferro”, da tempo dimenticata, ma per nulla gettata nella “pattumiera della storia”, già scricchiola sulle sue guide, preparandosi a crollare di nuovo tra noi e l'Occidente.


Ci sono ragioni e basi ben precise per il fatto che questo "meccanismo" geopolitico, creato e messo in atto nei lontani anni della Guerra Fredda, può essere messo in atto fin da ora. Dovrebbero essere cercati non solo, ma forse non tanto nel "pulito" politica, quanti in l'economia... Proviamo a capire di cosa stiamo parlando esattamente.

Non ci sono alleati ... nemici, quanti ne vuoi


Cominciamo con la politica. In tutta onestà, tutte le attività del nostro paese nel campo dell'instaurazione di relazioni normali, di buon vicinato e di partner con il mondo occidentale in generale e con l'Europa in particolare, possono essere caratterizzate da una parola breve ed estremamente specifica: "fallimento". Soprattutto quando si parla di anni recenti. Tuttavia, la Russia era accettabile per "l'establishment" locale solo in quei periodi di tempo in cui era pronta a sopportare tutti gli attacchi, insegnamenti e altre "misure educative" in relazione a se stessa, con una volontà debole e senza lamentele. Chinando obbediente la testa, ascoltavo infiniti rimproveri e rimproveri - nella mancanza di "democrazia" e "tolleranza", nella riluttanza, senza ragionamenti e senza indugio, a soddisfare un altro capriccio e istruzioni degli "altamente sviluppati" e "civilizzati", nella speranza di un altro sussidio o almeno per la sua promessa. O noi, sai, siamo insensibili ai pervertiti, quindi non proteggiamo i nostri "oppositori" più che la pupilla dei nostri occhi, quindi qualcos'altro nello stesso spirito ...

E dopo il 2014, dopo la riunificazione della Crimea con la Russia e altri eventi collaterali, che hanno testimoniato la categorica riluttanza di Mosca a rinunciare al Donbass per essere lacerata dalla banda nazionalista Bandera, l'Europa finalmente "è tornata in sé": "Sono aggressivi, incontrollabili e con" modi imperiali "! Questo si traduce nel normale linguaggio umano in modo tale che il nostro paese ha osato mostrare la sua prontezza e capacità di difendere i propri interessi vitali. Se necessario, poi con la forza. Fu con questo che iniziarono le sanzioni, l'espulsione da ogni tipo di "autorevole organizzazione internazionale" e cose simili, che continuano e, per di più, si intensificano ancora oggi. quando finirà? Mai! La Russia non ha "amici" e "alleati" in Europa e non può esserci per definizione.

Siamo realistici e ricordiamo almeno quanti dei paesi dell'attuale UE hanno partecipato alla Grande Guerra Patriottica dalla parte del Terzo Reich, o, almeno, l'hanno sostenuta indirettamente, indirettamente. Quasi tutto. Bene, dimmi, che tipo di "amici" possiamo essere dalla Francia o dalla Germania, incapaci di far fronte ai propri problemi, ma che periodicamente si sforzano di "formare un nuovo ordine mondiale" (questa, a proposito, non è una citazione di Mein Kampf, ma da un nuovo numero di tedesco Die Welt - non cambia nulla)?! Degli italiani, in risposta all'assistenza prestata loro dalla Russia nel periodo più difficile della pandemia, chi ha cominciato a gettare fango sul nostro Paese? Tuttavia, lasciamo stare i "conquistatori" che abbiamo sconfitto ei loro diretti alleati. Prendiamo, ad esempio, altri paesi - quelli che il nostro paese ha salvato, sostenuto, con cui la famigerata "fratellanza slava" o fede comune sembra collegarci ... Un'espressione così in sintonia con il nome di esercitazioni militari, a cui la Serbia "fraterna" ha recentemente rifiutato categoricamente di partecipare , Non l'ho menzionato per caso. Non appena l'Unione europea non solo ha battuto i piedi, ma ha gridato ad alta voce - e Belgrado si è seduta obbedientemente sulle zampe posteriori, sputando sui suoi "fratelli" e sui propri obblighi. È commovente che i media locali successivamente abbiano cercato di trovare una scusa per la codardia e l'opportunismo delle proprie autorità - le manovre, dicono, "non erano antiterrorismo", come era stato inizialmente affermato, quindi siamo tra i cespugli ...

Chi altri sono i nostri potenziali "migliori amici"? Greci? Solo il primo ministro locale Kyriakos Mitsotakis ha avuto un incontro molto proficuo con il segretario di Stato americano Mike Pompeo a Creta alla fine del mese scorso. Il principale argomento di discussione è "l'opposizione congiunta alle sfide russe in Europa". Prima di tutto - "l'opposizione ai tentativi di influenzare la Chiesa ortodossa", che il nostro paese sta presumibilmente intraprendendo. È affascinante, non è vero - "difendere l'Ortodossia" dai russi in compagnia degli americani? C'è, tuttavia, un esempio ancora più eclatante. Sì, sì, Bulgaria. I nostri "fratelli" non hanno prezzo. Inizieremo qui la nostra conversazione su molti altri aspetti dell'argomento in discussione.

Europa senza gas? Ebbene, perché ne abbiamo bisogno ?!


È difficile descrivere ciò che il paese ha fatto negli ultimi anni, la cui stessa esistenza sulla mappa è stata pagata più con sangue russo che bulgaro, e per il quale un tempo il sogno finale era quello di diventare parte dell'URSS, è difficile da descrivere. In ogni caso, in termini decenti. Proprio l'altro giorno, il capo di stato maggiore dell'esercito bulgaro, l'ammiraglio Emil Eftimov, ha annunciato con entusiasmo la conclusione con il Pentagono di un accordo sul dispiegamento permanente da 2 e mezzo a 5mila truppe americane nel Paese. I caccia F-16 promessi dagli Stati Uniti, che sostituiranno i MiG russi, sono attesi a Sofia - non aspetteranno. Ebbene, hanno scelto da soli il destino "invidiabile" di un'altra colonia e base militare a Washington - la loro scelta. Ma perché, allo stesso tempo, commettere meschinità che infliggono danni economici diretti alla Russia?

In un memorandum ufficiale pubblicato di recente, RAO Gazprom accusa direttamente la Bulgaria di interrompere tutti i termini immaginabili e inconcepibili per la costruzione della sua sezione del gasdotto Turkish Stream. La sua costruzione è in ritardo di almeno sei mesi rispetto alle attese - già a febbraio di quest'anno, la parte bulgara ha giurato che avrebbe completato tutti i lavori, il principale dei quali è il lancio del sistema di trasporto del gas al confine con la Serbia, già nella prima metà dell'anno. Ora promettono vagamente qualcosa sulla "fine del 2020", ma c'è sempre meno fiducia in queste promesse. Prima di tutto, a causa del fatto che stava intensamente "spolverando il cervello" di Mosca, Sofia per tutto questo tempo ha guardato in una direzione completamente diversa. Quale? Sì, nella direzione del quasi completo (e senza ritardi, attenzione!) Trans-Adriatic Gas Pipeline (TAP), che è un concorrente diretto e molto serio del nostro Turkish Stream.

Per quanto ne sappiamo oggi, il gas ha già raggiunto il terminale di ricezione nel sud Italia (in ogni caso è quanto sostiene il servizio stampa del consorzio TAP AG) e la questione rimane piccola. Una serie di formalità non troppo gravi e il gasdotto inizierà a funzionare a pieno regime. Si prevede che ogni anno verranno forniti all'Europa fino a 9-10 miliardi di metri cubi di "carburante blu". Un miliardo di loro sarà diviso tra Grecia e Bulgaria. Ecco il motivo della straordinaria "lentezza" di Sophia. C'è un forte sospetto che le vere radici di tutti i tipi di ritardi nella costruzione di Nord Stream 2 dovrebbero essere cercate anche qui. Secondo l'opinione della maggioranza assoluta degli esperti, nel settore energetico, l'Unione Europea gli ha deliberatamente posto degli ostacoli, aspettando che "l'opzione alternativa" sotto forma di TAP con le sue forniture di gas azero diventi una realtà, per iniziare a "distorcere le braccia" della Russia con forza e forza, pretendendo da essa senza precedenti e inaudite prima. sconti energetici.

Il Vecchio Mondo ha deciso di lasciare sia Mosca con i suoi "flussi" e Washington con il suo GNL. Ottenuta così l'ambita "diversificazione", intendono fermamente entrare in possesso del gas a prezzi più convenienti e acquistarlo a tali prezzi in futuro. Aggiungete a questo le serie aspirazioni dell'UE per la "neutralità del carbonio" e il rifiuto dei combustibili fossili, e il quadro finale sarà piuttosto triste. Avendo contattato (ancora una volta) di propria testa turchi e bulgari, la Russia, a quanto pare, ha calcolato male, “seppellendo” solo nel “Turkish Stream”, secondo i dati disponibili, almeno 7 miliardi di dollari. Sembra che in un futuro molto prossimo l'Europa non avrà davvero bisogno del nostro gas. Ma in questo caso sorge la domanda: perché allora abbiamo bisogno dell'Europa ?!

No, davvero, era ancora possibile, a malincuore, sopportare il suo tono di mentore e il suo atteggiamento arrogante, pur contando nella mia mente le colossali somme riversate nel bilancio nazionale dalla vendita di enormi volumi di risorse energetiche all'Occidente. Ora queste quantità sono diminuite a proporzioni estremamente spiacevoli, ma il desiderio dell'Occidente di mostrarci come vivere non solo non è andato da nessuna parte, ma è diventato significativamente più forte! L'Unione europea, a livello delle sue strutture ufficiali, si arrampica apertamente, ostinatamente e sfacciatamente negli affari della Bielorussia. Ma questo, lasciatemelo ricordare, non è solo un paese sovrano, ma anche parte dello Stato dell'Unione. Questa è un'ingerenza nei nostri affari interni e un'invasione dei nostri interessi vitali.

Non c'è nulla da dire sulla vicenda dell '"avvelenamento di Navalny", comportamento dell'Ue e dei suoi singoli membri in cui lo stesso Lavrov ha definito "inaccettabile e inappropriato". Da ciò che sta accadendo diventa estremamente chiaro: non ci lasceranno indietro. Questa "musica" sarà eterna - avveleneremo costantemente qualcuno, entrambi non a Salisbury, quindi nella nostra terra natale. E l'Occidente, chiedendoci di "pentirci" e "assumerci la responsabilità", nel frattempo, cercherà di organizzare "rivoluzioni colorate" e conflitti armati sia ai nostri confini che nel tempo (siate sicuri) già sul territorio russo. Quindi non è ora che questa famigerata "finestra sull'Europa" e, in effetti, se non viene chiusa ermeticamente, almeno la nasconde più strettamente? Anche "per un po '", come ha detto il capo del ministero degli Esteri russo.

Per sopportare i vicini assurdi e le liti che periodicamente organizzano per il bene di "interessi statali superiori" espressi da superprofitti concreti - questo è ancora comprensibile. Ma continuare ad ascoltare tutte le stesse affermazioni completamente senza alcun beneficio per se stessi è semplicemente ridicolo. Inoltre, in futuro, dovremo fare i conti con buffonate sempre più insolenti e tentativi sempre più arditi e pericolosi di "punirci". È molto probabile che tutto stia andando al fatto che il tono in Europa sarà presto fissato nemmeno da Berlino o Parigi, ma da satelliti americani come Varsavia, che sta già dando a Mosca un notevole mal di testa e chiaramente non conosce restrizioni nelle sue ambizioni e appetiti. Sembra che l'Occidente sia ancora una volta desideroso di "rimetterci a posto" e "addomesticarci". È tempo di creare una barriera più affidabile per tali inclinazioni.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 14 October 2020 11: 45
    +6
    Con un tale desiderio è necessario lavorare nella direzione orientale.
    Ci sono più persone lì e ora ci sono i soldi. E ci sono anche più soldi che in Europa.
    È giunto il momento di smettere di lavorare in un mercato dell'UE, abitato da inadeguatezze. È necessario svilupparsi in TUTTE le parti del mondo, e non solo ai propri cari, parte dell'élite della Federazione Russa, Eurogeys.
  2. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
    Monster_Fat (Qual è la differenza) 14 October 2020 12: 06
    + 10
    L'UE ha dovuto leccare meno per preservare tutti i tipi di "baccelli d'uovo". Tuttavia, qualcosa suggerisce che poiché i "salvadanai" sono rimasti lì fino ad oggi, tutta questa "retorica" ​​sulla fine della "partnership" è destinata esclusivamente al pubblico russo.
  3. bzbo Офлайн bzbo
    bzbo (Dottore nero) 14 October 2020 13: 27
    0
    Non c'è nessun posto dove ritirarsi ulteriormente. Dietro Mosca. E non lo consegneranno ai "rivoluzionari di colore".
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 14 October 2020 14: 42
    +5
    La famigerata “cortina di ferro”, da tempo dimenticata, ma per nulla consegnata alla “pattumiera della storia”, già scricchiola sulle sue guide, preparandosi a ricadere tra noi e l'Occidente

    Un tempo, sulla scia dell'euforia, la Federazione Russa ha ampliato i suoi confini per tutti i tipi di "democratici", che si sono precipitati per aiutare a rompere l'eredità dell'URSS. Come ha detto Vladimir Putin, i rappresentanti dell'Occidente si sono seduti in tutte le imprese della difesa e nessuna decisione è stata presa senza il loro consenso. In preda alla frenesia, hanno persino suggerito di creare un unico spazio da Lisbona a Vladivostok con un sistema di difesa missilistica singolo o settoriale.
    Con il permesso della Federazione Russa, sono stati aperti un gruppo di ONG e centri culturali, e questa si è rivelata una massiccia protesta di manifestanti, finanziata attraverso queste organizzazioni. Quando la Federazione Russa si è resa conto di cosa stava succedendo e ha chiuso questi uffici sovversivi, quale grande ascesa dei media occidentali e dei nostri “democratici” che erano senza lavoro e senza soldi, gli isterici hanno spruzzato saliva sull'eco, la pioggia e altri media “democratici”.
    Ci sono state provocazioni con l'omicidio di Magnitsky, l'avvelenamento di Litvinenko, Skripal, alla rinfusa, l'uso di armi chimiche in Siria. Quale ondata di propaganda è salita, la Federazione Russa non ha avuto il tempo di giustificarsi.
    Furono introdotte più di 40 sanzioni diverse, il cui scopo era stato designato dall'ex Segretario di Stato H. Clinton - per "deframmentare" la Federazione Russa, e il suo capo dichiarò in estasi che l'economia russa era a pezzi.
    L'iniziatore di tutto questo Chi, da chi viene tutto?
    Ovviamente, la Federazione Russa sputerà in ogni occasione fintanto che il bilancio dipende dalle forniture di materie prime all'UE, perché l'UE e la Cina possono fare a meno delle forniture dalla Federazione Russa, e la Federazione Russa non esiste senza UE e Cina - il bilancio crollerà, e questo è irto di instabilità sociale e disintegrazione.
    Dobbiamo sopportare tutte le umiliazioni che i nostri colleghi, partner e amici occidentali possono permettersi, che hanno vietato alla Federazione Russa di esibirsi ai Giochi Olimpici e sotto la propria bandiera: un'umiliazione più grande e da non ricordare nella storia. La cosa principale è che la Federazione Russa non sta cercando di rispondere a questa domanda. L'indirizzo dell'ambasciata è stato cambiato in Nemtsov, quindi l'indirizzo dell'ambasciata americana sarebbe stato cambiato agli eroi dell'11 settembre, ovvero a tutti i "democratici" occidentali che hanno votato per le sanzioni e alla demolizione dei monumenti ai soldati dell'Armata Rossa è stato vietato l'ingresso.
  5. bb Офлайн bb
    bb (Mmm) 14 October 2020 16: 36
    -7
    l'articolo è stupido e molto stupido, infatti non c'è niente, direi in esso un'ideologia solida e non un grammo di grano
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 14 October 2020 22: 54
      +2
      Perché stupido articolo? Ad esempio, mi ha colpito l'idea che vicino ai confini dell'Azerbaigian varrebbe la pena esplorare e fornire la nostra produzione di petrolio e gas. Per aiutare, per così dire, a sviluppare i campi del Caspio nell'interesse della Russia. Se non è stato interessante per EBN con Kravchuk, che ha distrutto l'URSS e ha privato il paese del petrolio e del gas del Caspio, allora forse le moderne autorità russe lo prenderanno?
  6. osemyonoff Офлайн osemyonoff
    osemyonoff (Oleg) 14 October 2020 22: 09
    0
    Inutilità e stupidità: una combinazione
  7. A Gitik Офлайн A Gitik
    A Gitik (Valery Tretyakovsky) 15 October 2020 13: 32
    +1
    Per me, ahimè, l'autore ha assolutamente ragione nella maggior parte delle sue affermazioni. Il riavvicinamento con la Turchia dopo l'aereo abbattuto, secondo me, era in una certa misura necessario. Ma proprio in una certa misura, e non con l'erogazione di benefici sconsiderati per la costruzione di un flusso di gas e, soprattutto, per la costruzione di stazioni di servizio. I calcoli, a quanto pare, non sono giustificati. Le condizioni avrebbero dovuto essere più favorevoli per la Russia e, naturalmente, le opportunità possibili e, allora già ovvie, nella volatilità della politica turca non sono state prese in considerazione. (Da quasi un "alleato" a quasi un nemico, che si manifesta chiaramente in Siria e nel comportamento in connessione con il conflitto in Karabakh). E, beh, il governo russo non può in alcun modo sbarazzarsi dei tentativi di trovare alcuni alleati, non solo in Europa, ma semplicemente al di fuori della Russia stessa. Non esistono e, al momento, non possono essere. Probabilmente ci sono, e ovviamente ci saranno partner per poco o anche molto tempo. Ma sono i partner con i quali sono possibili solo rapporti paritari con la più stretta osservanza delle condizioni prescritte. Probabilmente, un'alleanza può essere conclusa con qualcuno, ma solo per un po 'e il raggiungimento di obiettivi definiti con precisione. E, deviando dall'argomento, alcune frasi sullo stato alleato con la Bielorussia. Non deve nemmeno essere una sorta di stato confederale nella sua comprensione generalmente accettata. I bielorussi dovrebbero mantenere il loro esercito, il proprio ministero degli Esteri. Il movimento economico e finanziario dovrebbe iniziare e continuare con l'arrivo di una valuta. E tutto questo non è in alcun modo fuori dal "piano quinquennale" Se funzionerà, sarà una vera UNIONE, con una possibile, sottolineo, una possibile prospettiva anche per altri Stati.
  8. Gennady N.B Офлайн Gennady N.B
    Gennady N.B (Gennady Belousov) 16 October 2020 11: 12
    +2
    E perché offendersi da serbi o bulgari ?! Dobbiamo dare un'occhiata più da vicino a noi stessi: qual è la nostra politica senza spina dorsale (i nostri "amici" non sono ciechi)? Ci picchiano e noi diventiamo più forti, quindi cosa succede ?! Promettiamo solo di rispondere in modo speculare, ma come gli Stati Uniti e l'intero Occidente ci deridono, sia con sanzioni, sia con diplomatici, sia in campo politico, e in violazione delle leggi mondiali, delle norme dell'OMC, delle posizioni costanti e delle provocazioni, sulla discriminazione dei comuni cittadini russi ovunque al mondo, non sto nemmeno parlando, ma da parte nostra, per usare un eufemismo, come l'acqua dalla schiena di un'anatra! Ora Lavrov, puramente, non ha potuto resistere, ha detto qualcosa sulla Germania e sull'UE, quando Putin è subito salito per abbracciare l'Ucraina, dicono che non abbiamo nulla contro di te ea conferma delle buone intenzioni revocheremo le sanzioni a tre imprese (e quanto gonfio, come ha minacciato più recentemente !!!!) Pare che con alcuni rappresentanti dell'Indipendent from family feeling, bacerà presto il popolo Bandera: gli ucraini sono fratelli, ebbene, manteniamo e manteniamo contatti con gli stessi serbi o bulgari, sebbene siano costantemente podlyanki racchiudere! La donna cosacca esiliata risulta essere, anche se no, ma il fatto che sia un chiacchierone pesante è un dato di fatto, tutto va al fischio!
  9. Roos Офлайн Roos
    Roos 18 October 2020 21: 44
    +1
    La politica estera della Federazione Russa è strettamente correlata a quella interna. Se nel paese dell'ordine
    Se non ci sono riforme capitalistiche e liberali, non ci sono regole di giustizia sociale e oligarchia, allora i "partner" occidentali sono solo nella vena. Serve un nuovo socialismo.
  10. margo Офлайн margo
    margo (margo) 19 October 2020 15: 34
    +1
    "Cortina di ferro" per l'Europa

    - questo è nella continuazione delle "sanzioni di ritorsione" che non sai nemmeno piangere o ridere. Come nella battuta "Mi morderò le orecchie a mia nonna". L'Europa non è agrodolce da questo.