I prezzi elevati del grano provocati dalla Russia potrebbero colpire gli stessi russi


Quest'anno la Russia raccoglierà uno dei raccolti più alti della sua storia. Tuttavia, invece di nuotare nel grano a buon mercato, i russi potrebbero dover affrontare un rapido aumento dei prezzi di pane, pasta, carne e il nostro principale prodotto socialmente significativo: la vodka. Come è diventato possibile, proviamo a capirlo.


Il record di tutti i tempi del raccolto di grano è stato stabilito tre anni fa, quando il raccolto totale era di 135,539 milioni di tonnellate, di cui 86,003 milioni di tonnellate provenivano dal grano. Non molto meno sarà raccolto quest'anno, sono previste circa 125 milioni di tonnellate. Sembrerebbe che il surplus di grano dovrebbe garantire prezzi bassi all'interno del paese e dare un buon reddito dall'esportazione di tutto ciò che viene dall'alto. Ma in pratica risulta diverso.

Il centro analitico "Sovekon" fornisce le seguenti figure:

I prezzi del grano russo sono saliti a livelli record. Alla fine della scorsa settimana, i prezzi medi del grano di terza classe sono aumentati di 325 rubli a 14 rubli per tonnellata (IVA esclusa), la quarta classe è aumentata di 650 rubli a 300 rubli per tonnellata.

La crescita è stata rispettivamente del 2,2% e del 2,1%, battendo i precedenti record "covid". Il grano non è mai stato così costoso in Russia. Ciò significa un imminente aumento dei prezzi dei prodotti alimentari: pane, pasta e prodotti animali, dove i mangimi a base di cereali costituiscono la maggior parte del costo del pollame e della carne di bestiame. Ma come avviene con il nostro raccolto record?

In primo luogo, è estremamente redditizio per i produttori fornire grano proprio all'estero, dove si sono formati prezzi molto interessanti. Si parla già di una sorta di "accordo di cartello".

In secondo luogo, va tenuto presente che tutto ciò sta accadendo sullo sfondo di un forte crollo del rublo nei confronti del dollaro e dell'euro. Era qui che il lato debole della "rivoluzione agraria" in Russia, di cui abbiamo in dettaglio detto prima. I produttori agricoli nazionali rimangono fortemente dipendenti da semi importati, erbicidi e attrezzaturache sono costretti ad acquistare all'estero per valuta estera. A causa della rapida svalutazione del rublo, i loro costi sono aumentati notevolmente. Nel migliore dei casi, andranno a zero, nel peggiore dei casi diventeranno non redditizi. È abbastanza ovvio che questo può spostare a destra i tempi della trasformazione della Russia in una grande potenza agraria. Coincidenza?

In terzo luogoFinora, tutto sta accadendo senza l'intervento attivo dello Stato. Cosa sta facendo ora il FAS di Igor Artemyev, che dovrebbe combattere la collusione del cartello? Dove sta cercando Nabiullina, responsabile del tasso di cambio della moneta nazionale? Che dire della complessa sostituzione delle importazioni, di cui dovrebbe occuparsi il governo di Mikhail Mishustin?

Di conseguenza, invece di rallegrarsi dei successi degli agricoltori domestici, "macaroshki con un grilletto" e un bicchiere di vodka sul tavolo potrebbero presto diventare una vera festa per molti russi. Già ora la stampa esprime l'idea della possibilità di introdurre tessere annonarie per fasce di popolazione socialmente non protette. Se non vengono prese misure appropriate, sarà necessario.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 14 October 2020 11: 39
    -1
    Tutti sanno che Navalny è responsabile di tutto. Cosa c'entrano Igor Artemiev e Nabiullina?

    E i prezzi sono saliti alle stelle anche prima del raccolto, e ora voleranno ancora più in alto.
    Carte? Nemmeno la stampa del Dipartimento di Stato. Non è una guerra.
  2. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 14 October 2020 14: 35
    0
    Ancora una volta, il giallo si contrae un po '. Non così giallo Kommersant ha altre informazioni

    Secondo il Ministero dell'Agricoltura del Territorio di Krasnodar, nel Kuban, quasi il 100% dei semi di grano e orzo viene allevato e prodotto in Russia. La situazione è un po 'peggiore con la soia domestica, viene seminata l'80% dell'area, il girasole - 40%, il mais - 30%. Ma la quota di semi di barbabietola da zucchero russa è solo l'1% della domanda della regione. Per quanto riguarda gli ortaggi, secondo gli esperti intervistati da ER, non ci sono dati precisi in merito. Spesso i semi di selezione domestica vengono coltivati ​​all'estero, per questo motivo vengono automaticamente considerati importati.
  3. Tamara Smirnova Офлайн Tamara Smirnova
    Tamara Smirnova (Tamara Smirnova) 15 October 2020 09: 26
    +1
    Se la vodka è un prodotto così socialmente significativo per AFFtor, lascia che scriva di se stessa. Non è necessario far passare le proprie esigenze e preferenze per esigenze delle persone.