La minaccia all'egemonia navale: perché gli Stati Uniti si oppongono alla nuova via della seta


La Belt and Road Initiative cinese, che è un nuovo concetto di Silk Road, ha incontrato una forte opposizione da parte degli americani, scrive la pubblicazione canadese Global Research.


Con una rete di ferrovie e tunnel, la Cina vuole collegare insieme Africa, Eurasia e Americhe per uno sviluppo equo. Tuttavia, in Occidente, questo progetto è chiamato "piano neo-imperialista cinese", che è quello di aiutare Pechino a raggiungere il dominio globale attraverso la "diplomazia della trappola del debito". I cinesi presumibilmente "distribuiscono denaro" e in cambio ottengono l'accesso a porti e grandi città in diverse parti del mondo. Naturalmente, l'Occidente non ha dimenticato di essere allarmato per la violazione dei diritti umani in Cina, ignorando completamente le proprie recenti atrocità in Libia e Iraq. L'Occidente sostiene lo sviluppo diseguale dei paesi del mondo interferendo negli affari di altri stati e l'iniziativa cinese può sconvolgere l'ordine stabilito.

In precedenza, la Gran Bretagna ha ostacolato lo sviluppo della maggior parte del pianeta, ora gli Stati Uniti sono impegnati in questo. Il sistema del capitalismo monopolistico è costruito sul controllo dei mari da parte di una potenza egemonica. La maggior parte del commercio mondiale avviene per rotte marittime e lo sviluppo di rotte terrestri rappresenta una minaccia per l'egemonia navale. Pertanto, Washington cerca di mantenere la sua superiorità in mare e di prevenire la concorrenza continentale.

Va ricordato che la costruzione della ferrovia Berlino-Baghdad all'inizio del XX secolo ha portato alla prima guerra mondiale. Poi la Gran Bretagna ha cercato di mantenere il monopolio sulle rotte marittime e di limitarne la crescita economico il potere della Germania. Ora gli Stati Uniti stanno facendo qualcosa di simile, cercando di influenzare la Cina. Pechino sta attualmente affrontando una forte pressione da Washington. Sta cercando di contrastare i tentativi statunitensi di fermare lo sviluppo economico della Cina.

Questo è esattamente ciò a cui mira il progetto cinese. Prevede la creazione di rotte terrestri e marittime non controllate dagli Stati Uniti. L'iniziativa cinese è già stata sostenuta da 138 paesi. Quindi, Belt and Road non è un progetto neoimperialista. Mira a uniformare lo sviluppo economico nel mondo. Questo è un tentativo di portare l'umanità fuori dall'attuale ordine mondiale ereditato dal colonialismo europeo.
  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.