Ultimatum di Tikhanovskaya: l'agonia dell'opposizione o l'inizio di una nuova escalation?


Dopo che Svetlana Tikhanovskaya, l'autoproclamata "presidenziale" della Bielorussia, che sedeva in Lituania, ha presentato al legittimo capo di stato Alexander Lukashenko l '"ultimo e decisivo" ultimatum con scadenza il 25 ottobre, alcuni si sono affrettati a dichiarare: questa è, dicono, una manifestazione di impotenza e un tentativo di "arrotondare magnificamente" l'apparentemente infruttuoso tentativo di colpo di stato.


Non saltare alle conclusioni. Inoltre, sia per quanto riguarda il significato del passo degli "oppositori" bielorussi, sia per valutare le prospettive di ulteriori sviluppi nel paese. Sicuramente stanno per entrare in una nuova fase. Ma quale? Proviamo a capirlo.

Requisiti che non possono essere soddisfatti


A prima vista, le cose non stanno andando peggio per la banda sotto il nome di Consiglio di coordinamento, che si è proclamato quasi il governo ad interim della Bielorussia. Esattamente secondo tutta la formulazione nota: "alcuni non ci sono più e quelli sono lontani". "No" in questo caso significa - in generale. Lukashenko e i “siloviks” locali che eseguivano i suoi ordini con tutta la disciplina richiesta, per la maggior parte “imballati” e mandati alle cuccette la maggioranza assoluta dei leader degli aspiranti golpisti, che non erano abbastanza veloci da emigrare, che cercavano di accendere un “Maidan” nel Paese secondo il modello ucraino. In ogni caso, per quanto ne sappiamo, il 13 ottobre, l'ultimo dei sette membri del presidio dell'ufficio di questo squashkin, Sergei Dylevsky, un ex dipendente della fabbrica di trattori di Minsk, improvvisamente andato dai "rivoluzionari", è scomparso silenziosamente in Polonia. All'inizio guidò lo sciopero per sua stessa impresa, poi "volò" fino al livello di membro del presidium di una banda di impostori, credendo, ovviamente, di aver realizzato un brillante politico carriera. A proposito, l'avevano buttato fuori dalla fabbrica per una settimana, ma ora dovevano lasciare il paese.

Abbastanza, a proposito, è interessante, dove il "semplice gran lavoratore", con cui Dylewski sta cercando di posizionarsi, ha i fondi per trasferirsi con la sua famiglia a Varsavia? Tuttavia, Dio li benedica, alcuni in Lituania, alcuni in Polonia e alcuni persino in Ucraina "leader della protesta". La questione qui non è in se stessi, ma prima di tutto, nelle motivazioni del loro drap generale. È chiaro che la prima cosa che viene in mente: "i topi lasciano la nave che affonda". Alla fine è "divertente", ma dovrai rispondere in modo diverso ... E se non fosse tutto così semplice? È del tutto possibile che questi roditori non diano una vena di loro spontanea volontà: vengono evacuati in anticipo da coloro al cui ritmo ballano, a partire da agosto. Naturalmente, in vista di un ulteriore utilizzo per lo stesso scopo. Ma perché adesso?

L '“ultimatum di Tikhanovskaya” non è solo estremamente sfacciato (soprattutto considerando i veri “successi” dei manifestanti), ma anche deliberatamente impossibile. O meglio, nemmeno così: originariamente non era stato progettato per essere eseguito. Proverò a spiegare. Cosa chiedono a Lukashenka coloro che cercano di metterlo fuori combattimento dalla loro "lontana lituana"? Dimettiti esattamente fino al 25 ottobre. Questo non è più divertente, signori, è semplicemente ridicolo. Anche se facciamo un'ipotesi completamente fantastica che Alexander Grigorievich avesse intenzioni di andare in pensione, allora non c'è dubbio che dopo un altro tentativo di "piegarlo", intrapreso da una donna sfacciata, le rifiuterà completamente. Tikhanovskaya lo sa? Sì, nel modo più bello. Lo stesso vale per le affermazioni di "porre fine alla violenza nelle strade" e di "rilascio immediato di tutti i prigionieri politici".

Se li ripuliamo dalle bucce verbali, all'uscita abbiamo un ordine indirizzato alle autorità legali per fermare completamente la resistenza al "Maidan", alzare le zampe ed uscire uno ad uno per il successivo linciaggio. Della stessa qualità è l'appello del "presidente Sveta" ai rappresentanti delle forze dell'ordine "affinché dichiarino pubblicamente che non appoggiate il regime" e "andate dalla parte del popolo". Potrei fare un paio di citazioni su tali proposte dalla comunicazione personale con i poliziotti locali con i quali mantengo contatti regolari - ma non lo farò, poiché queste persone estremamente stanche, ma non pensando di arrendersi, in relazione a Tikhanovskaya e al suo branco non lo sono assolutamente scegliere. Tuttavia, la migliore risposta qui può essere considerata la dichiarazione ufficiale del viceministro degli affari interni della Bielorussia Gennady Kazakevich, che ha avvertito coloro che cercano di radicalizzare gli eventi nel paese che, se necessario, le forze dell'ordine non si fermeranno prima di usare armi militari e non solo mezzi speciali di azione non letale.

Chi vuole fare dei bielorussi "partigiani"?


Le minacce esposte nel "messaggio di Lukashenka" di cui stiamo discutendo sembrano ancora più ridicole. “Uscire per le strade dei cittadini con un“ Ultimatum popolare ”? Bene, stanno già camminando. Qual e il punto? "Chiusura totale della strada"? Provalo, ti ha avvertito Kazakevich ... Tuttavia, c'è il sospetto che se la gente del "Maidan" locale pensa davvero a veri tentativi di paralizzare il traffico a Minsk, sarà picchiata dagli stessi conducenti. In questo caso, la polizia non dovrà disperderli, ma salvarli. "Il crollo delle vendite nei negozi statali"? È divertente, Sveta, è divertente, il tiro è acceso! E, infine, il "calibro principale" su cui contano gli "oppositori" è lo "sciopero nazionale". Purtroppo per loro, molto probabilmente anche la malattia è passata. I tentativi di organizzare qualcosa di simile, intrapresi in un momento in cui la protesta cresceva e le passioni ribollivano molto più repentinamente, infatti, fallirono. Ebbene sì - in alcuni posti si sono tenuti comizi, si sono strappati la gola e hanno smesso di lavorare (siamo sinceri, date a molte persone solo una scusa per questo, sono felici). Tuttavia, il movimento di sciopero non ha assunto una scala di massa. E il punto qui non è tanto sulla "repressione" quanto su un fatto completamente diverso. Tale "intrattenimento" può essere troppo costoso per il bielorusso l'economia, e così ora è in uno stato tutt'altro che brillante.

Secondo i dati disponibili, Grodno Azot e Belaruskali, le cui squadre una volta decisero di "fare la rivoluzione", stanno ora subendo enormi perdite. In totale, negli ultimi 7 mesi, i guadagni totali dell'industria chimica nel paese sono diminuiti di oltre il 15.5%, mentre i profitti sono diminuiti di 5.5 volte. Lo hanno fatto ... Le ragioni, ovviamente, non sono solo nelle manifestazioni invece che nel lavoro: l'industria sta già attraversando tempi difficili a causa della crisi globale. Ma seguendo gli appelli degli "oppositori", che cosa buona, finalmente finirà tutto, come il resto dell'economia del paese - e sempre più bielorussi lo capiscono.

L'unica cosa che rimane a chi ha attraversato il Rubicone e ha intrapreso la strada del confronto aperto con Alexander Lukashenko e il governo legittimo è il trasferimento delle proteste dal loro stato attuale, relativamente pacifico e chiaramente "esausto", nella fase più acuta, non solo con azioni violente, ma con un indispensabile spargimento di sangue. La demonizzazione definitiva del "regime criminale" sia agli occhi degli stessi bielorussi che, prima di tutto, di fronte alla "comunità mondiale", spingendola ad azioni molto più dure nei confronti di Minsk e Mosca, che sostiene Lukashenko. Ahimè, questo è esattamente ciò che sta accadendo ora. Per le strade delle città bielorusse, ancora una volta, come all'inizio delle rivolte, si tenta di erigere barricate, appiccare il fuoco a pneumatici e simili trucchi, a testimonianza di persistenti tentativi di realizzare comunque lo scenario ucraino. Inoltre, esistono già, sebbene finora isolati, ma specifici esempi di attacchi non solo contro singoli agenti delle forze dell'ordine, ma anche attacchi alle loro basi.

Così, il 13 ottobre, diverse "molotov" sono state lanciate nel cortile del dipartimento di polizia del distretto di Sovetskiy, a seguito della quale un autobus di servizio ha preso fuoco. Ci sono seri sospetti che questa sia solo una prova di forza, e non tanto dei radicali locali quanto dei militanti appositamente formati nei territori degli stati vicini (Polonia, Lituania, Ucraina), che sono stati gettati in Bielorussia per scopi ben precisi. Anche l'altro giorno si è svolto un evento che ha un sottotesto ancora più spaventoso - alcuni mascalzoni (scusate, qui non ci possono essere altre definizioni) trascinati a "protestare" nel centro di Minsk ... disabili! Questa è esattamente l'azione secondo il manuale di formazione del Dipartimento di Stato. Fate attenzione: recentemente sono state organizzate "marce" di "pensionati", poi "madri", cercando di indurre le forze dell'ordine a intraprendere azioni dure contro di loro. C'è uno "sviluppo di un quadro" per la CNN, i cui annunciatori dovranno poi spiegare agli abitanti occidentali la necessità vitale di un'altra invasione militare "per ripristinare la democrazia"? Proprio così.

La cosa peggiore è che durante un evento del genere potrebbero risuonare colpi alla folla di "cecchini sconosciuti" che tradizionalmente si verificano negli epicentri delle "rivoluzioni colorate" in tutto il mondo, accanto al quale "per uno strano incidente" saranno i corrispondenti dei principali media occidentali. E allora sarà possibile dimostrare quanto necessario che non è stata la polizia, i militari o il KGB a sparare. L'ucraino "Berkut" ha già provato a dimostrare ... Pensi che i vincitori non vengano giudicati? I perdenti non vengono giudicati: vengono distrutti senza processo o indagine ... Domenica prossima, l '"opposizione" sta già chiamando i bielorussi a una nuova azione. Questa volta è stata annunciata la “marcia partigiana”. I cittadini sono invitati a "ricordare i geni partigiani che hanno" - e ad andare a "combattere". È impossibile immaginare una maggiore blasfemia e distorsione dei concetti - trincerati in Lituania, dove gli ex soldati delle SS sono onorati a livello statale, una manciata di traditori e lacchè dell'Occidente si offre di "unirsi ai partigiani" in nome dei propri interessi egoistici ai discendenti di coloro che queste SS hanno bruciato interi villaggi! Organizzare una guerra civile nel proprio paese per compiacere i "civilizzatori occidentali", il cui arrivo nel 1941 costò alla Bielorussia la morte di ogni quarto abitante ...

Un "campanello d'allarme" molto allarmante per Minsk è l'intenzione dell'Unione europea di includere personalmente Alexander Lukashenko nelle sue ridicole liste di sanzioni, recentemente annunciate dall'Alto rappresentante dell'UE per la politica estera e di sicurezza Josep Borrell. Ciò indica che Bruxelles ha perso la speranza che Alexander Grigorievich, avendo negoziato un po ', avrebbe comunque ceduto il paese ai suoi protetti. L'Occidente, ovviamente, voleva che la Bielorussia fosse "sana e salva", in modo che ci fosse qualcosa da saccheggiare. Tuttavia, ora, essendosi finalmente assicurato che "concordare in modo amichevole" (per lui) non funzionerà, sarà pronto a "dare il via libera" a qualsiasi azione radicale dei suoi mercenari, per la viltà più sanguinosa - solo per ottenere la sua. L '"ultimatum di Tikhanovskaya", inizialmente impraticabile e provocatorio, scritto inequivocabilmente sotto la dettatura dei "curatori" ne è la migliore conferma
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 16 October 2020 14: 08
    +1
    1. È assolutamente chiaro a tutti che questa zia non è una figura indipendente, ma che la sta manipolando - una domanda alla leadership del KGB bielorusso.
    2. Le dimensioni e la geografia delle proteste hanno mostrato il grado di tensione sociale e il potenziale dell'opposizione.
    3. Il tentativo fallito di rovesciare Lukashenka è collegato a:
    a) con l'autorità di Putin tra le strutture militari e di sicurezza bielorusse
    b) l'assenza di una grande capitale oligarchica in Bielorussia, contrariamente all'Ucraina e alla Federazione Russa.
    c) l'assenza del cd. "Treni dell'amicizia" dall'Ucraina.
    Con un tale potenziale, si può solo parlare di un tentativo di colpo di stato fallito e prepararsi per uno nuovo, a cui può resistere solo una politica competente, rimuovendo la tensione socio-economica accumulata nella società.
  2. lavoratore dell'acciaio 16 October 2020 20: 47
    +2
    E i cinesi hanno usato i carri armati e non hanno usato i rivoltosi. Lukashenko non è ancora attratto dal santo, ma dipende da lui se la Bielorussia sopravviverà come stato o no! Se il moccio mastica e contratta, tutto può finire male sia per lui che per lo Stato.
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 October 2020 21: 55
    +1
    eventi, accanto ai quali "per una strana coincidenza" saranno i corrispondenti dei principali media occidentali.

    - I media di quei paesi che non hanno riconosciuto le elezioni in Bielorussia e hanno annunciato sanzioni in generale dovrebbero essere privati ​​dell'accreditamento e arrestati se vengono filmati per le strade come provocatori o spie.
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 16 October 2020 22: 31
    0
    Cremlino,

    naturalmente, volevo che la Bielorussia fosse "sana e salva", in modo che ci fosse qualcosa da saccheggiare

    e mescolalo a tuo piacimento. Ma rendendosi conto che non ha funzionato in fretta, si è subito dimenticato dei 33 Nevagneriani di Chopov, delle pretese al papà, gli ha dato dei soldi e, sotto il tappo, sforna articoli simili sull'insidioso occidente e le donne oltre la collina.
    (Il vecchio rovina tutto. O darà soldi alle donne, poi sostituirà la spalla con le lacrime delle donne, quindi proverà a consultarsi nella prigione ... Come posso scrivere articoli correttamente ??? È difficile, (frase di Lavrov) ....))))
  5. bear040 Офлайн bear040
    bear040 18 October 2020 20: 28
    +4
    Innanzitutto è lo stesso Lukashenko a dare la colpa a quanto accaduto, che, come Yanukovich, ha flirtato con tutta questa Bandera kodla, affidandosi ad essa come forza anti-russa capace di mantenere il suo trono personale, visto che lo Sly non ha bisogno di una vera unione con la Federazione Russa.
  6. Oh, che paura! Lukashenka, piuttosto scappa a Mosca, non troppooooo ...