Un tentativo di imbrogliare: non ci sarà "disarmo nucleare" alla maniera americana


Washington, con aria di offesa innocenza, ha respinto le ultime proposte più o meno realistiche di estendere il Trattato di riduzione delle armi strategiche, avanzate dal presidente russo Vladimir Putin, definendole "fallite". In linea di principio, questo può essere un punto cruciale nei negoziati ... D'altra parte, non valeva la pena di contare su nient'altro fin dall'inizio - le storie elettorali su "affari molto buoni", trasmesse al pubblico non sono così decisive negli Stati Uniti, che sembra governare Donald Trump è una cosa. E le vere intenzioni dei veri padroni degli Stati Uniti sono completamente diverse.


Inoltre, per quanto paradossale possa sembrare, un simile sviluppo di eventi non è l'opzione peggiore per la Russia. Conseguenze ben più spiacevoli e pericolose sarebbero potute arrivare se Mosca fosse stata guidata dalla parte americana con le sue proposte "da gentiluomo", degne solo dei "truffatori" del bazar. Per fortuna, questa volta il Cremlino non si è "inchinato" all'Occidente a scapito degli interessi vitali del proprio Paese. Proviamo a capire perché una tale decisione è stata presa lì e perché dovrebbe essere considerata l'unica corretta.

Come gli americani hanno cercato di ingannare la Russia


Ma quanto sembrava essere bello tutto - proprio l'altro giorno, il 13 ottobre, l'inviato speciale della Casa Bianca per il controllo degli armamenti Marshall Billingsley ha proclamato con aria molto solenne e seria che era stato raggiunto un "accordo di principio da gentiluomo" tra i nostri paesi. Cioè, il caso, in pratica, "su unguento" e gli autografi dei due presidenti stanno per (secondo Billingsley - "domani") appariranno sotto la versione del trattato che gli Stati Uniti, con persistenza degna di una migliore applicazione, hanno cercato di sfuggire alla Russia. Non è stato così. L'aspro Ministero degli Esteri interno si è affrettato a ribaltare una vera e propria vasca di acqua fredda sul chiacchierone americano che ha sporto denuncia. Il suo vice capo Sergei Ryabkov ha dichiarato apertamente che la posizione di Washington sull'accordo nucleare è categoricamente "inaccettabile" per Mosca e che Washington "non riceverà" un trattato firmato (ancor più prima delle elezioni) con condizioni onerose inventate dai suoi rappresentanti.

Di cosa stiamo parlando, infatti, in questo caso? Di cosa parla la versione americana, di cui Mosca si rifiuta addirittura di discutere? Innanzitutto, le “persone intelligenti” americane, proponendo di prorogare l'accordo per un solo anno, hanno inteso “legarvi” tanti cambiamenti e ulteriori “opzioni” per noi decisamente negative, che infatti, nella loro somma, superano tutte le possibili "Vantaggi" dall'accordo. Ad esempio, gli Stati Uniti hanno chiesto semplicemente di "congelare gli arsenali nucleari". Cioè, invece di un elenco specifico di armi con meccanismi di controllo chiaramente definiti, ci viene ordinato di "mettere in pausa" tutti i seri programmi di difesa. Se non abbandonarli completamente.

È chiaro che la più grande irritazione e paura di Washington è causata dagli ultimi modelli di armi russe, come Avangard, Sarmat, Poseidon. I promettenti missili a propulsione nucleare furono chiamati "Chernobyls volanti" dallo stesso Billingsley, dopo di che chiese in modo assolutamente categorico che i lavori sulla loro creazione venissero interrotti. Secondo il capo della diplomazia russa Sergei Lavrov, a un certo punto dei negoziati il ​​nostro paese era pronto a fare serie concessioni: includere due dei cinque sistemi d'arma promettenti nell'elenco dei soggetti a restrizioni. Ciò si è rivelato non sufficiente: gli americani hanno chiesto di imporre un tabù a tutto ciò che è concepibile e inconcepibile, e persino di espandere l'effetto delle restrizioni non solo sulle testate strategiche e sui loro portaerei, ma anche su quelle tattiche. Ma come controlli tutto questo? Non c'era una risposta chiara a questa domanda, che è di fondamentale importanza. Questa posizione testimonia inequivocabilmente il fatto che probabilmente a Washington è iniziato un imbroglio primitivo.

Ci sono tutte le ragioni per ritenere che proponendo di "bandire tutto", ma solo per un anno, gli Stati Uniti inizialmente non intendono aderire ai propri obblighi derivanti da questo accordo. In qualche modo, tutte le loro "iniziative di pace allargate" non si adattano ai colloqui dello stesso Trump sulla creazione di "sistemi nucleari di cui né Putin né Xi Jinping hanno idea". Secondo quanto riferito, gli Stati Uniti stanno lavorando a un ritmo frenetico su otto, se non una dozzina di programmi in quest'area, chiedendo di limitare lo sviluppo di veicoli ipersonici. E non solo in questo ... Hanno semplicemente bisogno di tempo per poi mettere una pistola di calibro più grande alle nostre tempie, assicurandosi l'impunità per se stessi!

Trattato di pace per prepararsi alla guerra


La tesi diffusa da alcuni commentatori interni senza scrupoli che "gli Stati Uniti vogliono lanciare una nuova corsa agli armamenti su larga scala per indebolire l'economia La Russia, come è stato fatto con l'URSS ”, è assolutamente insostenibile. Se non altro per il fatto che l'economia nazionale dell'Unione Sovietica è stata distrutta non in alcun modo dai costi della difesa e non dal calo dei prezzi del petrolio, ma dalle azioni criminali dei suoi leader, che si sono rivelati traditori della Patria. A proposito, le affermazioni che "la debole economia russa non resisterà a una" competizione "militare con una prospera economia americana" provengono da Washington. E sono, ancora una volta, una vera bugia. In primo luogo, i nostri affari non sono così male come vorrebbero i "sostenitori" d'oltremare, e in secondo luogo, la loro situazione non è affatto buona come stanno cercando di immaginare. Un deficit di bilancio di un record assoluto di 3.1 trilioni di dollari (più del 15% del PIL), un debito pubblico di quasi il 150% del PIL - tutto questo in qualche modo non assomiglia molto alla "prosperità". La spesa militare sta divorando somme sempre più esorbitanti e, cosa più offensiva, senza ottenere risultati "rivoluzionari", tanto sognati al Pentagono e alla Casa Bianca.

Forse la migliore prova di ciò è il rapporto pubblicato di recente dal Congressional Research Service su uno dei "figli preferiti" del complesso militare-industriale americano: il programma di difesa missilistica Aegis. Concepito come un sistema per proteggere le navi da guerra della Marina locale da attacchi missilistici e bomba e che si è rivelato un sistema di grande successo, gli americani hanno deciso di "aggiornare" al livello di uno scudo contro i missili balistici intercontinentali. I fondi investiti in questo progetto sono semplicemente colossali, ma qual è il risultato?

Il rapporto del Servizio di ricerca cita numeri estremamente intriganti: per l'attuazione del programma Aegis BMD nel prossimo anno fiscale 2021, si prevede di stanziare circa 1.8 miliardi di dollari dai "cassonetti" della sola US Missile Defense Agency (MDA). Inoltre, stanziamenti del dipartimento navale. Anche tra i militari e politici sono in corso vivaci discussioni sulla necessità di creare un sistema di difesa missilistica Aegis Ashore a Guam e riutilizzare il sito di prova alle Hawaii come tale. Oggi, la spina dorsale del sistema Aegis è costituita da navi da guerra equipaggiate, che effettuano pattugliamenti in tutto il mondo, dalle acque europee al Golfo Persico e all'Oceano Pacifico. Si prevede inoltre che il loro numero aumenterà notevolmente: da 48 alla fine dell'anno fiscale 2021 a 65 alla fine dell'anno fiscale 2025. Allo stesso tempo, lo stesso documento cita dichiarazioni molto negative sull'efficacia di Aegis di alti funzionari della Marina americana, ad esempio, il capo delle operazioni navali, l'ammiraglio John Richardson, che quest'estate ha affermato che la marina dovrebbe essere "risparmiata dai compiti relativi alla competenza della difesa missilistica". perché "consumano quantità eccessive di risorse e riducono la prontezza al combattimento".

Lo scetticismo degli ammiragli è pienamente spiegato dalla tabella dell'efficacia dei lanci di prova del sistema missilistico intercettore Aegis BMD pubblicata nello stesso rapporto (chi lo desidera, a proposito, può leggerlo sul sito del Congresso degli Stati Uniti e su alcuni media americani - accesso gratuito). L'efficacia complessiva di colpire obiettivi di addestramento in circa l'80% diminuisce drasticamente non appena si tratta di bersagli che imitano i missili balistici intercontinentali, specialmente con una testata multipla. Qui - non più del 60% delle intercettazioni. Non si può parlare di contrastare i missili ipersonici. Bene, chi ha bisogno di uno scudo così "che perde" in una situazione in cui la penetrazione di una testata nemica attraverso di essa è sufficiente per uccidere milioni di persone?

È qui che nasce il desiderio di Washington di sostituire frettolosamente il vero sistema di contenimento delle armi nucleari con una sorta di incomprensibile "cessate il fuoco per un anno", durante il quale apparentemente si aspettano di "risolvere i problemi" con lo stesso sistema di difesa missilistica e aumentare significativamente il proprio potenziale di attacco. Prima di tutto, a scapito dei più recenti sistemi di consegna, il cui sviluppo e attuazione, in conformità con il trattato sulla frode, vogliono vietare la Russia. La conclusione di tali accordi, progettati per "strappare" almeno un po 'di tempo, vitale per il paese per una preparazione accelerata alla guerra, al riarmo e alla mobilitazione, è stata una pratica normale in ogni momento. Tuttavia, vale la pena considerare un dettaglio importante: hanno firmato solo in quei casi in cui i leader degli stati consideravano una guerra futura del tutto inevitabile e quindi erano pronti a posticiparne l'inizio ad ogni costo, in modo che in seguito avrebbero sicuramente sconfitto il nemico. Penso che non sia necessario spiegare quale sia questa motivazione per la leadership degli Stati Uniti. Le palesi preparazioni militaristiche di questo paese e dei suoi alleati della NATO contro la Russia testimoniano da sole.

Le proposte di Vladimir Putin, che ha inventato l'iniziativa di rinegoziare START-3 nella sua forma normale senza "aggiunte" e "emendamenti" inaccettabili per la Russia - anche se non per i 5 anni prescritti, ma almeno per un anno, secondo l'Ambasciatore del nostro paese negli Stati Uniti Anatoly Antonov è stato respinto lì, come si suol dire, "dalla porta" - anche senza alcuna discussione e analisi. Il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti, Robert O'Brien, ha affermato che questo approccio di Mosca è "destinato al fallimento" e che i negoziati dovrebbero "fallire". Forse un fallimento ... Forse un fallimento ... Ma in questo caso, non della politica estera russa, ma dei prossimi sforzi degli Stati Uniti per mettere in ginocchio il nostro Paese, proponendo umilianti ultimatum, la cui attuazione potrebbe sfociare in una sconfitta geopolitica esclusivamente globale.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 19 October 2020 09: 42
    0
    Solo un miracolo può spiegare il fatto che negli anni '90. La Federazione Russa non si separò in principati sovrani separati: tataro, Urali, Estremo Oriente, ecc. e le armi nucleari russo-sovietiche non furono distrutte. Gli americani sono stati in grado di costringere a distruggere solo la flotta. Ebbene è chiaro. Un paese dove c'è un "monumento alle navi affondate (che si sono allagate per non andare in battaglia e non morire o vincere con onore), l'incrociatore Varyag, che ha fatto lo stesso. Gli ammiragli russo-sovietici hanno semplicemente seguito l'esempio dei loro antenati. In generale, perché gli americani & Co. ha permesso alla Federazione Russa di sopravvivere, il principale mistero del XX secolo.
    1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
      Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 19 October 2020 16: 59
      0
      Citazione: laico
      In generale, perché Americans & Co. ha permesso alla Federazione Russa di sopravvivere - il principale mistero del ventesimo secolo.

      Ebbene, il leader del Boris Drunken dalla pelle russa ha giurato che i russi mentono e sognano di giacere sotto gli americani, e nella riserva gestita da Boris Drunk, gli americani possono fare quello che vogliono.
      Gli americani non avevano abbastanza desideri. Volevano solo soldi e soldi ...
      1. Il commento è stato cancellato
  2. lavoratore dell'acciaio 19 October 2020 10: 37
    0
    Secondo il capo della diplomazia interna, Sergei Lavrov, il nostro paese a un certo punto dei negoziati era pronto a fare serie concessioni.

    Che Lavrov non ha offerto concessioni? Sì, il punto centrale della sua diplomazia sono le concessioni e le preoccupazioni! Sapendo che,

    Gli Stati Uniti stanno lavorando a un ritmo frenetico su otto, se non una dozzina, programmi in questo settore.

    - offrono ancora alcune concessioni. Gli Stati Uniti si comportano in questo modo perché sanno che la Russia non attaccherà mai per prima! E sbattere il pugno sul tavolo? È evidente che gli Stati Uniti iniziarono i preparativi aperti per la guerra. Finché gli americani non vedranno e capiranno che la Russia è pronta a usare le sue armi, non si siederanno al tavolo dei negoziati !!! E come faranno a capire quando verranno subito offerte delle concessioni?
  3. bzbo Офлайн bzbo
    bzbo (Dottore nero) 19 October 2020 10: 56
    +2
    E perché non si tratta di ridurre il budget militare alle dimensioni di quello russo?
  4. Tektor Офлайн Tektor
    Tektor (Tettore) 19 October 2020 10: 57
    0
    Ebbene, il patto Billingsley-Ryabkov non ha avuto luogo. Ovviamente è "per il meglio". Perché rimandarlo di un anno?