Kedmi: La Russia non usa le sue carte vincenti nel conflitto del Karabakh


Militari israelianipolitico Yakov Kedmi, un esperto ed ex capo del servizio speciale Nativ, ritiene che il conflitto in Nagorno-Karabakh sia stato provocato da Ankara e Baku, e la Russia ha opportunità di influenzare la situazione, ma non le usa. L'analista ne ha parlato al presentatore televisivo russo Vladimir Solovyov.


Secondo Kedmi, la situazione nell'NKR si normalizzerà nel prossimo mese: ci sarà una situazione di stallo e tutto finirà con i negoziati in un modo o nell'altro. Sia Baku che Yerevan capiscono che la situazione non può essere stabilizzata senza l'aiuto della Russia. Pertanto, l'Armenia non può esistere senza la Federazione Russa nelle condizioni di prossimità dell'Azerbaigian e della Turchia. Anche l'Azerbaigian non farà a meno del sostegno del Cremlino in presenza di "vicini" come l'Iran e la stessa Turchia.

Il conflitto in Karabakh è di natura più globale, poiché le ostilità sono state ispirate dalla Turchia - a questo proposito, Mosca deve affrontare grandi sfide. Allo stesso tempo, la Russia ha carte vincenti per gestire la situazione, ma non le usa.

Ma soggettivamente, la Russia aveva e ha ancora tutte le carte in regola affinché la situazione si sviluppi in modo più costruttivo e non come è oggi. La Russia non li usa

- osserva Kedmi.

Impegnata in molti conflitti regionali, la Turchia ha troppo disperso le sue forze e le sue economia non resisterà a tale stress. La domanda è chi può giocare su questo e come. Allo stesso tempo, il Cremlino ha avuto l'opportunità di vedere la mano di Ankara nell'incidente del Nagorno-Karabakh, ma non poteva o non voleva fare nulla.

Ma la Russia non lo sapeva, non ha indovinato, non ha contato, non ha calcolato?

- l'ex capo del servizio speciale Nativ è indignato.

Allo stesso tempo, la Turchia sta compiendo passi attivi, mentre in Russia preferisce utilizzare il dialogo come metodo principale per risolvere la situazione. Nel frattempo, secondo Solovyov, il dialogo non dovrebbe essere l'obiettivo della politica, ma solo il suo strumento efficace nella realizzazione degli interessi nazionali.

Ecco la differenza: la Russia ha parlato, ma Erdogan l'ha fatto

- ha riassunto l'esperto.

Kedmi ritiene che la Russia non dovrebbe consentire un rafforzamento eccessivo di Ankara quando risolve i problemi del Caucaso e della Transcaucasia - non dovrebbe flirtare con i turchi e che questo paese non dovrebbe essere escluso dall'aggressivo blocco militare della NATO.

7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 19 October 2020 12: 03
    +1
    e in Russia preferiscono usare il dialogo come metodo principale per risolvere la situazione.

    Come lasciare Lavrov "senza un pezzo di pane"? Non può vivere senza negoziati e tregue. Solo per qualche motivo i problemi non sono stati risolti per decenni da queste tregue!

    Ecco la differenza: la Russia ha parlato, ma Erdogan l'ha fatto.

    Bene, abbiamo avuto anche quello. Putin non si fidava di Lavrov, prese e prese la Crimea senza alcun negoziato. Conclusione: come può la Russia usare carte vincenti quando dominano mediocrità e "chubasik"?
  2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 19 October 2020 13: 29
    -2
    Il caro J. Kedmi sta lavorando per il suo popolo - per spingere la Federazione Russa contro la Turchia. Ma la Federazione Russa sta portando avanti una propria politica, al contrario degli Stati Uniti, che hanno accaparrato l'Armenia nei suoi satelliti ... Quindi l'Armenia paga i conti americani, la Federazione Russa non è molto interessata agli interessi dell'Armenia filoamericana. I.Kedmi alimenta anche gli americani, e quindi le sentenze ...
  3. Elen_msk Офлайн Elen_msk
    Elen_msk (Elena Belyakova) 19 October 2020 13: 37
    0
    Perché Giacobbe non è nel nostro governo! ((
    1. GRF Офлайн GRF
      GRF 19 October 2020 15: 45
      0
      La Russia non ha bisogno di Jacob nel governo, ma di un meccanismo per coordinare le decisioni proposte dal governo - dal popolo, in questa situazione, il governo deve ascoltare gli interessi della maggioranza, perché se il popolo blocca la maggior parte delle proposte decisioni del governo, sorgerà quindi la questione della necessità di un tale governo, che non può essere spiegata in modo accessibile \ giustificare le ragioni delle soluzioni proposte ...
      e nota - tutto senza pogrom di protesta, e non importa chi è al governo - ebrei, georgiani, ciukci o russi
    2. kapitan92 Офлайн kapitan92
      kapitan92 (Vyacheslav) 19 October 2020 22: 36
      +1
      Citazione: Elen_msk
      Perché Giacobbe non è nel nostro governo! ((

      hi Perché il nostro governo ne ha abbastanza del suo "yash"! risata
  4. greenchelman Online greenchelman
    greenchelman (Grigory Tarasenko) 19 October 2020 15: 59
    0
    Quindi cosa non usa la Russia? Il patriota israeliano dice tutto magnificamente, ma dove sono i dettagli?
  5. _AMUHb_ Офлайн _AMUHb_
    _AMUHb_ (_AMUHb_) 19 October 2020 21: 12
    0
    una specie di triste yak ... forse qualche sconosciuto sembrava "sbagliato" alla sua bolla di vino stappata?))) è rimasto "invenduto" e questo chiaramente non è un vero usignolo (quello è il tuo)) "non lo fai ho bisogno di tali amici, nemici "