BNE: Perché il Cremlino ha paura della vittoria di Biden alle elezioni americane


In previsione della probabile vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, la Russia ha iniziato a testare le acque per normalizzare i rapporti con i suoi tradizionali avversari. Ciò suggerisce che il Cremlino abbia paura dell'elezione di un candidato del Partito Democratico e della comparsa di un rappresentante di questa forza politica alla Casa Bianca, scrive l'edizione tedesca BNE IntelliNews.


Nelle ultime settimane, Mosca ha ripetutamente cercato di avviare un dialogo costruttivo con paesi che da tempo intrattengono rapporti freddi con essa. Ad esempio, il 14 ottobre 2020, il leader russo Vladimir Putin ha annunciato che la Russia era aperta a riprendere la cooperazione economica su vasta scala con l'Ucraina. E prima ancora, Mosca ha offerto a Washington di concludere un patto sulla non interferenza reciproca nelle elezioni nel cyberspazio.

Allo stesso tempo, gli esperti ritengono che ciò sia dovuto non solo alla retorica aggressiva di Biden nei confronti della Russia, ma anche alle preoccupazioni per la distruzione del sistema di trattati che limitava gli armamenti di Washington e Mosca dopo la Guerra Fredda e che ora potrebbe portare a una nuova corsa agli armamenti. Il Cremlino vuole preservare START III, che scade nel febbraio 2021, quindi ha proposto di includere nell'accordo due dei cinque modelli di armi ipersoniche del paese.

Le prospettive per la conclusione di un nuovo trattato o l'estensione dell'ancora valido START III sono molto vaghe. Il 14 ottobre 2020, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che "raggiungere una posizione comune sullo sfondo degli ultimatum di Washington è semplicemente impossibile". Allo stesso tempo, Mosca lascia aperte le porte al dialogo. Ma Washington non ha ancora reagito a questo.

Il problema è che gli Stati Uniti vogliono che la Russia costringa la Cina ad aderire al trattato. Pechino è categoricamente contraria e Mosca non può influenzarlo in alcun modo.

Se Biden vincerà, le relazioni tra Washington e Mosca si deterioreranno ulteriormente. Biden è un intransigente sulla Russia, e Donald Trump ha ripetutamente affermato il suo normale rapporto con il maestro del Cremlino.
  • Foto utilizzate: https://www.flickr.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 20 October 2020 15: 35
    0
    Se Biden vince

    La cosa principale è che il nonno vivrebbe fino al 20 gennaio 2021. Altrimenti, Kamalla Harris non diventerà mai il presidente degli Stati Uniti
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 20 October 2020 17: 08
    0
    Bene, questo, ancora una volta ci pieghiamo, e non si sa più a chi, se Zelenskyj, o Trump, o Biden, che ha la stessa storia di isteria con la sua psiche del defunto McCain, e noi, oltre all'Ucraina, avremmo più per parlare delle nostre relazioni con Washington con potenze come Somalia e Honduras, forse ci daranno qualche pensiero ... Signore, quanto offensivo per Madre Russia, veniamo presi a calci, insultati, le sanzioni vengono versate per niente, e loro si fanno beffe, e noi siamo codardi e servili, qualcosa di indistinto balbetta in risposta. "Garante", prendi un esempio dal compagno Eun, a cui non importa chi sarà il presidente di Washington, in genere mette loro un grosso dispositivo, ed è ora che Lavrov dica che sono stanco , Me ne vado, altrimenti presto saremo agli Yankees nei panni degli indiani.
    1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
      Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 20 October 2020 19: 35
      +4
      Citazione: San Valentino
      "Garante", fai un esempio con

      Cosa, le fantasie del "Xsperd" ammiccante prendi per valore nominale? "Garante" al trotto tra Ucraina, Germania, Turchia e Stati Uniti, convincendo a fare amicizia?
      Medvedchuk è arrivato: gli hanno dato una crosta di prova, le sanzioni sono state revocate da 3 imprese del terzo grado. Il controllo non è stato superato, Medvedchuk ha cantato a Kiev sull'aggressione russa.
      Pertanto, non confondere i sogni bagnati degli analisti itterici per la verità cristallina.
  3. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 20 October 2020 20: 35
    +3
    Le elezioni americane mi ricordano la frase del gatto del Cheshire, dal cartone animato "Alice nel paese delle meraviglie" -

    Non importa a chi ti rivolgi, entrambi sono fuori di testa.
    1. Caro esperto di divani. 22 October 2020 11: 15
      0
      Le elezioni americane mi ricordano la frase del gatto del Cheshire, dal cartone animato "Alice nel paese delle meraviglie" -

      Non importa a chi ti rivolgi, entrambi sono fuori di testa.

      Quindi e questo, a quanto pare, è il punto.
      Quelle lobby che effettivamente governano questo paese sono più facili da gestire nei loro interessi, proprio così, pazze.